unci banner

:: NEWS

A Scilla domenica 26 maggio torna il trekking urbano "A spasso nel mito"

A Scilla domenica 26 maggio torna il trekking urbano "A spasso nel mito"

Si svolgerà domenica 26 maggio il trekking urbano a Scilla alla scoperta di uno dei luoghi più belli della provincia reggina. Il percorso "A spasso nel mito" nasce dalla collaborazione...

Esperienza nazionale per Scuola di Basket Viola, Lumaka e Bim Bum Rende

Esperienza nazionale per Scuola di Basket Viola, Lumaka e Bim Bum Rende

Alle Finali Nazionali Join The Game di Jesolo doppio successo, in campo femminile, delle squadre romane Alfa Omega Roma e Basket Roma che vincono rispettivamente lo scudetto under 13 e...

Davanti al cantiere del Palazzo di Giustizia fa tappa la protesta "Nastri gialli contro il degrago"

Davanti al cantiere del Palazzo di Giustizia fa tappa la protesta "Nastri gialli contro il degrago"

Ha fatto tappa a Reggio Calabria “Nastri gialli contro il degrado” la protesta dell'ANCE sulle incompiute e i cantieri bloccati. Non a caso per la nostra città, come luogo della...

Il consiglio comunale si riunisce e approva in prima battuta il consuntivo 2018

Il consiglio comunale si riunisce e approva in prima battuta il consuntivo 2018

Con 16 voti favorevoli e uno contrario è stato approvato dal Consiglio Comunale riunitosi in prima seduta il rendiconto di gestione per l’esercizio 2018, come da unico punto previsto all’ordine...

Giornata dei Parchi, Noemi Evoli e l’Aspromonte al Quirinale

Giornata dei Parchi, Noemi Evoli e l’Aspromonte al Quirinale

Anche il Parco Nazionale dell’Aspromonte con la Guida Noemi Evoli ha fatto parte della delegazione Federparchi– Europarc Italia, guidata dal Presidente Giampiero Sammuri in rappresentanza delle Aree protette italiane, ricevuta...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria IgnotaIl Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908: nessuno ancora sa nulla

Il Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908: nessuno ancora sa nulla

Pubblicato in CalabriaIgnota Martedì, 25 Dicembre 2018 10:18

Il Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 - Testo: Vito La Colla (capitolo V)
IL COMANDANTE BELLENI E IL FINANZIERE LANDUZZI
I due ufficiali della Marina militare, Cerbino e Ciano, avendo appreso la notizia della morte del comandante della squadra navale messinese, Passino, presero subito i comandi, in assenza temporanea di altre autorità civili, anch'esse decimate dalle scosse.

Solo dopo un'ora e mezza dall'alba di quel tragico lunedì, fecero partire la torpediniera Serpente verso nord, lungo la costa tirrenica della Calabria, alla ricerca di un telegrafo funzionante. Infatti la prima cosa da fare, importantissima, era di avvisare l'ignaro Governo a Roma perché, conosciuta l'entità del disastro, inviasse i primi soccorsi.

Al comando della Serpente c'era il tenente di vascello A. Belleni, che così poi raccontò la sua esperienza durante un'intervista. La nave uscì lentamente dal porto devastato di Messina, puntando inizialmente verso Villa San Giovanni. Che apparve all'equipaggio come un ammasso di rovine. Come del resto appariva Messina, che in quelle prime ore del giorno si appalesò ai marinai della nave militare, avvolta nella coltre densa dei fumi degli incendi, con il mare tutto pieno di relitti, di carogne di animali, di corpi di vittime travolte dal maremoto; inoltre il tremendo spettacolo mostrava palazzi crollati, serie di cadaveri mutilati distesi accanto alle banchine, folla di donne e uomini, laceri e miserevoli.

Da Villa molte persone, con gesti e con urla, imploravano il soccorso. Ma Belleni aveva la consegna di arrivare il prima possibile ad un porto in cui il terremoto avesse lasciato in piedi i pali del telegrafo. Occorreva per prima cosa avvertire il Governo nazionale. Con la morte nel cuore, il comandante Belleni ordinò di ignorare le richieste di aiuto e di proseguire. Scilla, Bagnara, Palmi: tutte in rovina, con sventurati che facevano dai moli dei porticcioli segni disperati per essere presi a bordo. Sulla nave militare i marinai lavoravano in silenzio, il viso solcato dalle lacrime. Uno di essi chiese a Belleni "Comandante, ma sarà così fino a Napoli?".

Dopo la foce del Metauro i danni del sisma erano evidentemente minori, e ben presto, dopo cinquanta km. e cinque ore di navigazione dal luogo del disastro, si raggiunse Marina di Nicòtera. Belleni sbarcò, si guardò intorno, e vide che lì il terremoto non era arrivato ferocemente come più a sud. "Il resto d'Italia viveva ancora!"

Subito si recò al telegrafo, che trovò collegato con il nord, ed inviò il primo telegramma. Il testo datogli a Messina era scarno e quasi riduttivo, anche se parlava di distruzione di buona parte di Messina. Ma si accennava ad alcune centinaia di morti - mentre erano decine di migliaia...

Il testo terminava con "Urgono soccorsi per sgombri, vettovagliamento, assistenza feriti - ogni aiuto insufficiente".

Questo dispaccio, partito verso le ore 14, arrivò a Roma, misteriosamente, solo alle 17. Forse c'erano altre interruzioni sulla linea, e si persero altre tre ore preziose.

A Reggio Calabria, colpita ferocemente dal terremoto e dal maremoto, la situazione era di estrema gravità. Il prefetto della città, Orso, venne salvato ed estratto, incolume, dalle rovine della Prefettura. Subito egli si diresse al suo ufficio, e di là impartì le prime disposizioni per i soccorsi. Anche Orso sapeva che la prima cosa da fare era avvertire il Governo, di cui lui era il rappresentante a Reggio. Il brigadiere della Guardia di Finanza Landuzzi fu incaricato di recare il testo del telegramma al più vicino posto telegrafico rimasto in funzione, ma sulla costa ionica.

Landuzzi fu dotato di un cavallo di artiglieria, e si lanciò al galoppo lungo quello che rimaneva della strada costiera. Ponti e viadotti crollati: occorreva scendere nel letto dei torrenti e poi risalire. Spesso la strada era franata, spesso le onde dello tsunami notturno avevano eroso gravemente la zona costiera. Ma Landuzzi, armato di una grande determinazione, proseguiva senza soste, conoscendo il suo importantissimo compito. Pioveva, e i campi erano diventati pantani. Dopo dieci lunghe ore, percorrendo quasi cento km, il brigadiere arrivò a sera a Gerace Marina, e da quell'ufficio postale, che era il primo funzionante che incontrava, lanciò il drammatico messaggio, che rincalzava e aggravava le notizie di quello di Belleni, dalla costa tirrenica.

"In seguito ad una violentissima scossa di terremoto la città di Reggio è stata quasi completamente distrutta. Vi sono parecchie migliaia di morti. La prefettura ed altri edifici sono crollati. Anche altri Comuni della provincia sono distrutti. Occorrono urgenti soccorsi, viveri, soldati e medicinali poiché la città nulla offre. Il telegrafo e la ferrovia non funzionano. Anche più centinaia di soldati sono morti e fra gli agenti della forza molti sono feriti e alcuni morti."

FALKENBURG, MONDELLO, SALVEMINI, GAMBA, PROVENZAL
Diversi episodi drammatici, fra le migliaia di analoghi rimasti per sempre sconosciuti alla gente, sono ricordati nel libro di Attanasio. Articoli che apparivano sui quotidiani nei giorni successivi al terremoto, interviste rilasciate dai superstiti ai numerosi giornalisti arrivati sullo Stretto da tutta Europa.

Questi cinque si sono tutti svolti a Messina.


FALKENBURG

È il nome del capitano del traghetto Calabria, che alle cinque in punto del 28 dicembre si stacca dal molo del porto di Messina, avvolto nel silenzio della notte. La piccola nave si accinge ad attraversare lo Stretto, manovra compiuta centinaia di volte. Il giovane capitano - il padre è di origine tedesca - è al comando, sotto la cappa del cielo stellato, in una notte non fredda e senza vento.

La nave è piena di viaggiatori che, scesi dalle carrozze a Messina, si apprestavano a salire sui vagoni del treno che li aspettava a Villa San Giovanni. In quegli anni i treni non venivano imbarcati sui traghetti, ed era necessario fare il trasbordo dei soli passeggeri, con tutti i loro bagagli.

Alle 5.21 il traghetto Calabria è in prossimità del centro del braccio di mare. Improvvisamente, un boato terrificante, nel mare si apre come una voragine, il traghetto scende, precipita velocemente, fra le urla dei passeggeri, che si aggrappano dove possono. Fra due alte muraglie di acqua, nel buio angosciante, la nave si risolleva: l'acqua ha riempito di nuovo la voragine. Il Calabria viene sballottato, beccheggia violentemente. Ermanno Falkenburg fa fermare le macchine, e il battello rimane così in mezzo allo Stretto. I passeggeri a bordo sono sconvolti, urlano e piangono.

Le luci elettriche della riva calabrese si spengono improvvisamente e subito dopo la stessa cosa capita alla costa siciliana. Il capitano afferra un binocolo e scruta le due rive. Un'enorme nuvola nera, di polveri e fumo, si innalza rapidamente dalle due sponde dello Stretto di Messina, si congiunge in alto, annulla il firmamento. La polvere cade copiosa sui ponti del Calabria, penetra negli occhi, in bocca, nei polmoni. Il panico a bordo è indescrivibile. Il capitano decide di attendere in mezzo al mare le prime luci dell'alba. Dopo un'ora e mezzo si riavvia verso Messina: il programma di viaggio è drasticamente cambiato.

Il porto della città dello Stretto appare sconvolto, banchine sommerse, crollate, moli scomparsi, naviglio rovesciato o in pessime condizioni. Relitti e cadaveri mutilati galleggiano, in un orrendo viluppo: spettacolo spaventoso. La Palazzata è in alcuni punti crollata, e mostra l'ammasso di macerie che si stende per centinaia di metri alle sue spalle. I passeggeri del Calabria, appena il capitano riesce ad ormeggiare fortunosamente, si lanciano urlando sulla passerella, corrono verso le rovine, alla ricerca dei loro amici o parenti.


MONDELLO

Il giovane sposo Santi Mondello, di ventotto anni, si era alzato alle cinque, perchè doveva essere presente al lavoro, alle Poste, alle ore sei. Il rione di Camaro non era molto lontano dal centro, ma occorreva camminare speditamente e uscire almeno quaranta minuti prima dell'inizio dell'orario di lavoro.

La moglie era agli ultimi giorni di gravidanza. Vestitosi, dopo un bacio alla sposa, il giovane si avvia verso la porta dell'appartamento. Essa si spalanca di colpo e la casa inizia a tremare violentemente. Mondello comprende subito quello che sta avvenendo, e non ha che un pensiero: torna indietro di corsa, entra nella camera da cui era appena uscito e si lancia sul letto, per proteggere la moglie e il piccolo nel suo grembo. Appena in tempo: crolla una trave di legno, che lui riesce a bloccare sulla schiena, ma ferendosi gravemente. Il palazzetto resiste e non crolla. Accorsi subito gli altri parenti presenti, traggono via dal letto il corpo della donna, che sembra stare bene e non avere ferite. Ma il povero Mondello ha la spina dorsale fratturata, e di lì a poco muore. La moglie viene portata sulla piazza, due carri vengono avvicinati, viene steso fra di loro un telo, e così viene alla luce il figlioletto, pochi minuti dopo la scossa micidiale. La poveretta, per la polvere caduta a dismisura sui suoi occhi sbarrati dal terrore, perde la vista, ma salva la vita sua e del bambino.
SALVEMINI

Gaetano Salvemini, nota figura di storico e studioso di politica, era giovane professore all'Università di Messina. Abitava in affitto in un appartamento, con la moglie, la sorella e i cinque figlioli. Quella notte gli sposi si svegliano di soprassalto. Tutta la casa ondeggia paurosamente, e la moglie si lancia verso la vicina stanza, dove dormono i cinque piccoli figli della coppia.

Il pavimento crolla, e trascina tutti i poveretti con sè, tranne Salvemini, il quale si era affacciato al vano della finestra, per osservare quello che avveniva fuori. Il muro maestro tiene, lui non precipita subito nel baratro, anzi si aggrappa alle tende, mentre l'edificio si squassa sempre di più. Ad un tratto il reggitenda cede, e il professore precipita sulle macerie che nel frattempo si sono accumulate. Nonostante egli si trovi al quarto piano, atterra pochi metri più sotto, e le macerie attutiscono l'urto della caduta. Salvemini resta incolume, e puo' subito uscire all'aperto, disperato e annichilito dalla scomparsa dei suoi sei cari, più la giovane sorella.

Il destino gli riserverà ancora quasi mezzo secolo di vita.


GAMBA

L'astigiano tenore Gamba aveva interpretato la figura di Radames nell'Aida, la sera prima, al teatro Vittorio Emanuele. Era stata una bella serata, le varie arie e la Marcia erano state accolte da molti applausi. Gamba si era ritirato con la famiglia nel suo albergo. Al momento del crollo, la moglie scomparve sotto le macerie e i figli del cantante, cadaveri, rimasero accanto al disperato padre. Il quale era incastrato con le gambe e il bacino sotto le pietre e le assi. Nessuno - come accadde a moltissimi, a troppi - arrivò per soccorrerlo. Ben presto le fiamme degli incendi che stavano torturando la già martoriata Messina arrivarono vicino a lui. Non aveva più scampo. Alcuni testimoni sostengono che Gamba intonò per l'ultima volta, fra i singhiozzi, la romanza finale dell'opera verdiana "Oh terra addio! Addio valle di pianto!".

Il ruggito dell'incendio dell'albergo Europa mise fine a questo commiato dalla vita così singolare ed eroico.


PROVENZAL

Era professore in una scuola "normale" di Messina. Il giorno della vigilia di Natale era anche il suo giorno natale, ed aveva festeggiato con amici la doppia ricorrenza. Con la consorte e una bambina di pochi mesi abitava in una palazzina, dove domenica sera aveva festeggiato, con biscotti, rosolio e frutta secca, e dopo aver giocato all'immancabile tombola natalizia. Il giorno del suo trentunesimo compleanno qualcuno aveva scattato una curiosa foto, nel laboratorio di scienze dell'Università. Assieme a Provenzal e ad alcuni amici, faceva bella mostra di sè uno scheletro...

Era nativo di Livorno, e sarebbe diventato un noto scrittore, autore di arguti libriccini di poesie e di curiosità. Il fragore, il boato, seguiti dalle violente scosse li spinse ad abbracciarsi, e ad attendere così uniti gli eventi. Ma ad un certo momento la moglie si spostò nella stanza accanto, dove dormiva la domestica, e dove poteva trovare dei fiammiferi. La polvere riempiva tutto, il soffitto si stava spaccando. Quando Provenzal raggiunse la porta, si accorse che il pavimento al di là era crollato; la voce della moglie, da sotto, gridò di non proseguire, "qui precipita tutto". La famigliola comunque riuscì a salvarsi, e a raggiungere Catania tre giorni dopo con il treno. La cameriera era invece perita sotto i massi.

Capitolo 6
NEL RESTO D'ITALIA NESSUNO SA NIENTE DI QUELLO CHE È SUCCESSO
Uno dei particolari più sorprendenti e a un tempo scioccanti di questo terremoto calabro-siculo è il fatto che, a causa della lontananza della zona colpita, dalla capitale o anche da altre città importanti d'Italia, la notizia sia arrivata con estremo ritardo alle autorità nazionali.

Dodici ore sono un'enormità. E non solo per i nostri tempi, quando radio e televisione, ma anche televideo e Internet, più i cellulari e i collegamenti radio delle Forze dell'Ordine e delle Forze armate fanno sì che la notizia di una sciagura sia subito nota a milioni di persone, al massimo entro dieci minuti. Ma, se riflettete, anche solo quindici-venti anni più tardi sarebbe stato inconcepibile. La radio si stava diffondendo, le telescriventi mandavano le notizie "via etere", tutto, negli Anni Venti, si sapeva quasi subito. Perciò salta ancora più all'occhio la tragica fatalità, dovuta all'interruzione dei fili del telegrafo, che ha provocato questo veramente inconcepibile, e quasi incredibile, ritardo.

Molti indizi concorrevano a creare un certo allarme: la tremenda scossa avvertita e registrata da decine di istituti sismologici, il fatto che le comunicazioni ferroviarie fossero interrotte, il forte terremoto avvertito a Palermo (che era collegata a Roma da un suo cavo telegrafico sottomarino), i recenti terremoti calabresi del 1905 e del 1907. Ma si sa, fino a che non arrivano notizie certe si tende a pensare che vi siano delle coincidenze, che sia esagerato immaginare una catastrofe. Giolitti per primo, anche dopo i telegrammi dai paesini delle due coste calabresi, era titubante e tendeva a considerare esagerati quei messaggi, forse istintivamente, forse per un (leggermente colpevole) rifiuto psicologico.

Celebre la sua frase: "Qualcuno ha confuso la distruzione di alcune case con la fine del mondo".

La vita, quella mattina, scorreva tranquillamente in quasi tutta Italia. Gli insegnanti nelle scuole spiegavano e interrogavano, la gente comprava nei negozi, passeggiava per le strade addobbate per il Natale, sedeva serenamente nei caffè, chiacchierava del più e del meno. Negli uffici e nelle fabbriche ferveva il lavoro e tutto funzionava regolarmente. Ma laggiù, in un altro punto della nostra Patria, e in quello stesso momento, erano appena decedute decine di migliaia di esseri umani, e altre migliaia erano in preda all'agonia e a sofferenze terribili, senza che alcuno arrivasse a soccorrerli.

A pensarci bene, è una cosa agghiacciante.

Mio padre, nato dieci anni prima del sisma, mi raccontava che il suo papà, il direttore didattico di Salemi Vito La Colla, arrivò a casa all'ora di pranzo di martedì 29 dicembre, annunciando commosso, e con voce grave, che una terribile sciagura aveva distrutto Messina. Un giorno e mezzo dopo l'avvenimento, e siamo in Sicilia!

RIFLESSIONI SULLE PRIORITA' DEI SOPRAVVISSUTI
Proviamo con una certa pena a metterci nei panni dei pochi, terrorizzati sopravvissuti. Quali erano le loro "priorità"? Certamente la prima, la immediata, era quella di salvare la propria vita, scappando e cercando di allontanarsi dai crolli e dal caos. Chi abitava vicino ad una piazza, ad un giardino, correva lì. Chi stava vicino alla Marina, si precipitava dove niente crollava, ma solo la terra si scuoteva violentemente. Ma ben presto le mostruose ondate sarebbero arrivate a trascinarli via.

Subito dopo l'ubbidire all'istinto di conservazione, e per alcuni contemporaneamente al proprio salvataggio, c'era la ricerca affannosa dei parenti, per portarli in salvo con sè. O per cercarli, disperatamente e furiosamente, nel buio, nella polvere e nelle fiamme, fra le macerie, magari attratti e indirizzati da un urlo, da un richiamo.
Molti morirono perché si attardarono alla ricerca spasmodica dei parenti, anziché schizzare subito fuori, all'aperto.
A questo fuggire o aiutare i propi cari, seguiva la ricerca di un posto dove si potesse attendere l'arrivo dei soccorsi, al coperto. Infatti poco dopo il sisma aveva cominciato a piovere, e la povera gente scampata e i feriti cercavano riparo sotto travi, archi non crollati, muri robusti che potessero proteggerli dall'acqua. Alle prime luci del giorno, dopo aver constatato con uno sguardo attorno la dimensione inimmaginabile della catastrofe, e attendendo da un momento all'altro l'arrivo dei primi soccorsi, si cominciava a cercare da mangiare, attingendo alle derrate in mezzo alle macerie, vicino a negozi alimentari colpiti dalle scosse.

Ben presto si sarebbe passati a infrangere le vetrine, per arraffare, in una corsa frenetica e quasi una gara con gli altri derelitti, a procurarsi cibo e vestiari, tende, coperte. Infatti quasi tutti erano vestiti di stracci luridi di fango e polvere, di pigiami strappati, di camicioni, di coperte o mantelli di fortuna. Freddo, fame, pioggia, terrore, incertezza per le ore che stavano arrivando, angoscia e strazio per i propri cari scomparsi, che si sperava fino all'ultimo di trovare ancora vivi sotto qualche trave, magari salvati avventurosamente da qualche altro scampato.

Ben presto ci si accorse che non c'erano carabinieri, non c'era polizia, tranne qualche agente "disperso". La civiltà era crollata assieme alle due città, si era di colpo sprofondati in un abisso di anarchia, di "si salvi chi può", di scomparsa di regole cui ci si era assoggettati docilmente da decenni. Persone sconosciute si aiutavano a vicenda, si consolavano, piangevano uno fra le braccia dell'altro.

LA SOCIETA' SBRICIOLATA
La società si era sbriciolata, in pochi secondi.
Inoltrandosi il pomeriggio, e non vedendo arrivare nessuno, l'angoscia, la rabbia, l'incertezza e la paura si acuivano. Il buio incombente delle ore 17 arrivava spietato, e con esso tutti i pericoli della notte. Aggressioni, furti, violenze, egoismi. Occorreva poi trovare un riparo per la notte. Carri, tende, porte divelte, alberi dei giardini, barili del porto. Tutto ciò in mezzo a corpi orrendamente mutilati, altri sanguinanti, cadaveri sfracellati, feriti gravi che imploravano un soccorso che gli ospedali, pure scomparsi nel crollo, non potevano più dare.

Quella terribile giornata del 28 dicembre, iniziata con l'apocalisse, si concludeva con la paura per il domani. Il terremoto aveva forse colpito tutta l'Italia meridionale? Come mai per tutta la giornata non erano giunti i soccorsi? Perché nessuno arrivava a dare disposizioni, notizie, parole di speranza?

Quanto sarebbe durata questa terribile situazione?

Il capitolo primo del libro di Sandro Attanasio si conclude con questo periodo, che svela un aspetto che a prima vista puo' sorprendere, ma che si comprende poi subito pensando alla psicologia e alle paure in quel clima di morte.

"Ma quella notte e le altre due o tre successive, a Messina accadde anche il miracolo della vita, della speranza. Esistono documenti, precise testimonianze che «i superstiti messinesi, isolati nella loro spiaggia dolorosa, con la sola compagnia della loro immane sventura, si amarono disperatamente, orgogliosamente come non mai... con le pareti delle case abolite, col passato di ognuno abolito, pareva fosse scomparso ogni pudore, pareva che la gente fosse in preda ad una sfrenata energia d'amore... si amarono in quelle due prime notti di amore e di terrore, attuarono così senza saperlo, quasi per un oscuro senso di paura o di conforto, la legge eterna e prepotente della rinascita»". (La Tribuna, del 17.1.1909, articolo di G. Piazza)

Evidentemente il clima di morte e di disperazione che avvolgeva tutto, le immagini delle spoglie adagiate su lettighe improvvisate, e poi deposte davanti alla Palazzata, la perdita atroce dei propri cari, risvegliavano nei sopravvissuti, quasi per reazione, una voglia di amore e un desiderio istintivo di perpetuare la specie.

CARATTERISTICHE DEL TERREMOTO: PUO' ESSERE UNA STRAGE VICINO A NOI, MA NON IPOTIZZATA
Quando siamo testimoni di un terremoto, che non reca danni ma solo spavento e preoccupazione (moltissimi lettori l'hanno provato, una volta almeno nella loro vita) c'è sul momento una considerazione da fare, che però quasi nessuno fa. O per l'emozione, o per la novità, o per una forma di egoismo inconsapevole.

Ed è l'ipotesi che la scossa sismica che da noi ha creato qualche crepa nel muro, fatto cadere qualche intonaco o qualche bottiglia dalle mensole e fatto ondeggiare paurosamente i lampadari non sia solamente una debole e innocua scossa locale, ma in realtà l'appendice periferica di un evento sismico terribile, che ha appena distrutto case e persone lontano da noi. Molti invece pensano subito che il sisma sia stato debole e locale, e tutto si sia risolto sul nostro posto di osservazione.

Il terremoto di Messina e di Reggio venne avvertito in quasi tutta la Sicilia, tranne le zone estreme ad ovest, e creò scompiglio e paura. In Calabria le scosse svegliarono la popolazione di Cosenza e Catanzaro, che si riversò nelle strade e nelle piazze, ma che dopo un'ora ritornò nelle abitazioni per concludere brevemente il sonno residuo. Soltanto dopo dodici-quindici ore arrivò la notizia della catastrofe dello Stretto, e solo per sommi capi, tanto che molti pensarono alle "solite esagerazioni" dei testimoni e dei giornalisti.

Altra sinistra particolarità del terremoto è che arriva a sorpresa, solo saltuariamente preceduto da scosse di "avvertimento", come invece è successo nel gennaio del 1968 nel Belice, in Sicilia. Di colpo, allora, ci si trova in una situazione di pericolo che non ci si aspettava, e se è notte e si sta dormendo, le difficoltà aumentano a dismisura. I tre ultimi terremoti italiani piuttosto gravi - 1968 Belice, 300 vittime; 1976 Friuli, 1000 vittime e 1980 Irpinia, 3000 morti - sono avvenuti tutti, stranamente, nelle ore serali o notturne. Così come successe alla sciagura del Vajont, nell'ottobre del 1963.

Ma vi sono anche sismi che avvengono in pieno giorno, come quello di Lisbona del 1755, di potenza terrificante, che accadde nella mattina della festa di Ognissanti, mietendo fra l'altro migliaia di vittime nelle chiese, dove le persone stavano assistendo alla Messa della festività (morti totali: 60.000).

Altre sciagure naturali - tornadi, tempeste, eruzioni vulcaniche, inondazioni - sono in genere preavvisate da segnali incontrovertibili, e molti hanno il tempo di scappare e mettersi al riparo. I terremoti e i maremoti no, arrivano a sorpresa, e sono perciò più feroci. Per lo tsunami, se le autorità si attivano con opera di prevenzione e di preparazione del popolo, una forte scossa sismica in località sul mare o su grandi laghi puo' allertare gli abitanti, che possono scappare in pochi minuti e guadagnare, se ci sono, alture e colline circostanti. O anche spostarsi, in aree pianeggianti sulla costa, a 500 metri dalla battigia. Talvolta basta per non morire. A parte i sempre possibili avvisi via radio, TV, cellulari, o altoparlanti delle autorità di polizia e dell'esercito.

25 dicembre 2018 (continua)

Letto 767 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Anassilaos, Giuseppe Diaco racconta il Terremoto di Reggio e Messina tra documenti e foto inedite

    Una passione che lo accompagna da sempre, figlia di un amore profondo per questa terra. Giuseppe Diaco è l’autore della mostra a cura dell’Anassilaos che da dicembre ha animato le stanze della Biblioteca De Nava, dedicata ai 110 anni dal Terremoto del 1908 che distrusse Reggio Calabria e Messina. Una serie di documenti inediti accompagnati da cartoline e foto dell’epoca che ci racconta in questo viaggio. 

  • La toponomastica reggina post Terremoto chiude il ciclo di incontri Anassilaos dedicati al 1908

    La toponomastica reggina dopo il Terremoto del 1908 al centro dell'incontro organizzato dall'Anassilaos alla Biblioteca De Nava e che chiude il ciclo di conferenze dedicate ai 110 anni dal sisma. Ospite d'eccezione il presidente della Commissione Toponomastica del Comune, professor Giuseppe Cantarella

  • Anassilaos: domani 7 febbraio in Biblioteca “La toponomastica a Reggio Calabria prima del terremoto”

    “La toponomastica a Reggio Calabria prima del terremoto” è il tema della conversazione che il Prof. Giuseppe Cantarella, Presidente della Commissione Toponomastica di Reggio Calabria e Docente di Geografia presso l’Istituto Tecnico Statale Economico “R. Piria”, che all’argomento ha dedicato una serie di studi e ricerche, che si terrà giovedì 7 febbraio alle ore 16,45 presso la Sala Villetta De Nava nell’ambito degli incontri dedicati al 110° anniversario del sisma del 28 dicembre, promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Biblioteca Pietro De Nava con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Deputazione di Storia Patria della Calabria.

  • Giovedì 31 in Biblioteca il quinto incontro dell'Anassilaos dedicato ai 110 anni dal Terremoto del 1908

    Si terrà giovedì 31 gennaio alle ore 16,45 presso la Villetta De Nava il quinto degli incontri  dedicati alla commemorazione del sisma del 28 dicembre promossi dal Comune di Reggio Calabria, dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Biblioteca De Nava con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria per la Calabria. “Dalla catastrofe alla  ricostruzione” sarà il tema  della  conversazione dell’ Arch. Daniela Neri,  Funzionario responsabile del Settore Cultura del Comune di Reggio Calabria. Introdurrà e condurrà la Dr.ssa Marilù Laface, Responsabile Anassilaos Beni Culturali. L’intervento della studiosa  esaminerà le correnti architettoniche prevalenti sulla produzione architettonica reggina della ricostruzione dopo il sisma del 1908.

  • Anassilaos: alla biblioteca De Nava l'incontro sulle "Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre 1908"

    Si è tenuto presso la Sala Villetta della Biblioteca De Nava, promosso congiuntamente dall’Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, il quarto degli incontri dedicati al 110° anniversario del terremoto del 28 dicembre. Tema della manifestazione le “Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre”, con il geologo Giuseppe Mandaglio, Università Mediterranea di Reggio Calabria.
    Il terremoto del 28 dicembre 1908 fu il terremoto di più alta intensità mai verificatosi in tutto il territorio italiano e nel Mediterraneo centrale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.