:: Evidenza

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

Il punto Slow Food a Piazza Castello ha ospitato l’evento in cui Carmelo Basile ha presentato l’azienda e il nuovo nato “Pecoritaly” con i presidenti...

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

Reggio Calabria. Buona la prima degli amaranto davanti al pubblico dell' Oreste Granillo. La Reggina supera il Bisceglie grazie alla rete di Salvatore Sandomenico. Il...

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

A seguito delle promesse non mantenute dal Sindaco Falcomatà, rispetto alla consegna della scuola Lombardo Radice di Catona, cittadini e genitori dei bambini iscritti, indignati...

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Reggio e Messina per sopravvivere e svilupparsi vincendo le sfide del futuro devono stare insieme. Insieme per la vita o per la morte. La regione...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTALe mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Le mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 05 Maggio 2018 09:14

Il castello è una struttura architettonica composta da uno o più edifici fortificati, tipico del Medioevo, costruito per ospitare una guarnigione di soldati, con il loro comandante (il castellano) e i suoi familiari. Sorge solitamente in un luogo strategico, spesso in posizione elevata, rialzata o arroccata e facilmente difendibile. Una premessa, necessaria, per introdurre uno dei simboli storici principali della città di Reggio Calabria: il Castello Aragonese. Noto come "aragonese", il castello di Reggio ha in realtà origini molto più antiche, tracce di una fortificazione di questa zona della città infatti risalgono ad epoche di molto precedenti alla costruzione del castello vero e proprio.

Oggi la collina sulla quale si erge la fortezza è molto meno evidente, ma nell'antichità essa rappresentava un punto importante per la tutela del sistema delle mura. Nel periodo ellenistico, con l'allargamento della città verso il mare, la collina rimase un luogo fortificato di notevole importanza militare, mentre le mura, che nella polis d'epoca classica piegavano verso nord, scendevano ora fino al porto (prima nella zona del lungomare odierno). In epoca romana, le mura non furono probabilmente curate e restaurate, tanto che, durante la guerra tra i Goti e i Bizantini, Belisario entrò a Reggio per liberarla dai barbari e trovò la città priva di fortificazioni, così il generale ordinò immediatamente il restauro della cinta muraria. Si riprese dunque la parte inferiore delle mura che erano appoggiate al porto, la collina del castello divenne quindi il bastione angolare della cinta, rivolto verso la montagna.

Tutto ciò creò un centro fortificato che proteggeva il porto di Reggio e tutta la Calabria meridionale. L'esistenza documentata di un vero e proprio castello risale quindi all'anno 536. Nel 1059 la fortezza passò dai Bizantini ai Normanni e nel 1266 a Carlo I d'Angiò. Dall'epoca dei Normanni, che vi stabilirono la corte, il castello fu modificato ed ampliato in più riprese. L’ingrandimento della struttura, avvenne durante il regno svedese, con Federico II. L'area interessata doveva avere ospitato una fortezza angolare delle mura bizantine, e una torre-mastio durante la dominazione normanna. La parte sveva del castello di Reggio rimase in piedi fino a dopo il terremoto del 1908, ed era una costruzione a pianta quadrata, con quattro torri angolari, anch'esse di forma quadrata. Dal momento della sua costruzione, data l'importanza strategica, il castello subì una continua serie di restauri e di modifiche, tutti tesi ad adeguare la struttura difensiva all'evoluzione delle macchine d'assedio, e poi alle artiglierie con polvere da sparo. Sarà in epoca spagnola, grazie a re Ferrante, che si eseguirono –intorno al 1458 - le modifiche più sostanziali. Furono aggiunte due grosse torri merlate verso sud e un rivellino (opera esterna con artiglieria) ad oriente; fu aggiunto il fossato (senz’acqua).

L'aspetto del castello rimase pressoché inalterato dall'epoca di Ferdinando I fino a quando ne venne decisa la riconversione in caserma che comportò l'abbattimento del rivellino con l'unificazione del piano interno; durante il Risorgimento il castello aragonese divenne infatti prigione politica e luogo di esecuzione dei ribelli. Nel 1892 la Commissione provinciale dei beni archeologici decretò una parziale demolizione del castello ma con la conservazione delle due torri poiché "Monumento storico della città", e cinque anni dopo (nel 1897) il castello venne dichiarato monumento nazionale. Il terremoto del 1908 danneggiò la parte occidentale, i locali più antichi risalenti all’epoca sveva, venuta giù completamente. Illese rimasero le due torri aragonesi, come spiegato dal professore Francesco Arillotta, la struttura seva non era incastrata a quella aragonese per questo rimasta illesa.

Sempre nei primi anni del ‘900, si decise di abbattere il castello aragonese, che pur avendo resistito ai terremoti e ai decreti di demolizione, fu deliberatamente mutilato della sua parte più antica, anche in nome di una struttura urbanistica più razionale. La fortezza fu infatti in parte demolita per congiungere la via Aschenez alla via Cimino, secondo le indicazioni del piano regolatore redatto di mala voglia da Pietro De Nava, su consiglio dell'amministrazione. Vennero quindi demoliti i 9/10 della sua struttura in diverse occasioni, ma fu mantenuta la parte più significativa del bastione: quella con le due torri aragonesi, che ancora oggi si ergono maestose al centro della piazza.

Il 7 maggio 1986, a causa di inadeguati lavori di restauro, crollò una parte del castello sul versante nord-ovest. Dichiarato inagibile, il castello, negli anni successivi, fu oggetto di attenzione dell'associazionismo cittadino per chiederne il restauro. Con la riqualificazione dell'ambiente circostante (piazza Castello e via Aschenez), e con la ristrutturazione completa, il castello aragonese è divenuto oggi uno spazio per eventi culturali e sociali.

di Giusi Mauro

Rc 5 maggio 2018

Letto 862 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Al Cilea sessione di prove per l'OdA con Gennaro Calabrese e Marco Cavallaro

    Gennaro Calabrese e Marco Cavallaro ieri insieme al teatro Francesco Cilea per la sessione di prove dedicata allo spettacolo dell’Officina dell’Arte: “Se stiamo insieme ci sarà un perché”. Una storia di palcoscenico e amicizia in cui non mancheranno tante risate. Qualche anticipazione….

  • Gli appuntamenti di oggi in città 22 settembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -alle ore 9,30 -Biciclettata alla scoperta del patrimonio culturale. Un itinerario urbano a piedi o in bicicletta alla scoperta del patrimonio culturale della Città di Reggio Calabria in compagnia degli esperti del servizio valorizzazione patrimonio culturale del comune di Reggio Calabria. Mappa itinerario urbano: Museo di Reggio Calabria PARTENZA ore 9:30, Mura Greche, Terme Romane, Duomo, Castello Aragonese, Pinacoteca Civica, Piazza Italia ARRIVO previsto per le ore 11:30
    -Conferenza Stampa dal titolo: “Gioia Tauro fuori dall’Autorità portuale dello stretto: colpo mortale per la nostra città” organizzata dal Consigliere Comunale Massimo Ripepi, che si terrà presso il Porto di Reggio Calabria, Porto Turistico, accanto la Capitaneria di porto, domani alle ore 10,30

  • La Reggina con il Bisceglie alla caccia della prima vittoria. I cambi di Cevoli dopo la figuraccia di Trapani

    Prima importante verifica per la Reggina che debutta al Granillo nel suo terzo campionato consecutivo di serie C a seguito della ripartenza tra i dilettanti. Gli amaranto, dopo l’eliminazione dalla coppa Italia e soprattutto la brutta figura nell’esordio di Trapani, ospiteranno il Bisceglie che appena quindici giorni fa non aveva ancora il numero di calciatori sufficienti per poter affrontare il campionato. La società pugliese aveva deciso di disimpegnarsi cedendo il titolo al Bari appena fallito ma la pressione della piazza ha costretto ad un repentino dietro-front i dirigenti chiamati a formare un organico raffazzonato rimanendo le volontà di mollare.

  • “Cambia e vai”: il bike sharing a Reggio

    di Tatiana Muraca - Nel segno della mobilità sostenibile, si stanno tenendo in questi giorni a Reggio Calabria vari appuntamenti che seguono un solo slogan: "Cambia e vai". Il programma della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile ha previsto questo pomeriggio, presso L'Urban Center, l'iniziativa "Reggio Calabria verso la multimodalità", tesa a presentare il sevizio di bike sharing.
    La città verrà fornita di 130 biciclette di cui 80 tradizionali e 50 a pedalata assistita, disponibili presso 10 stazioni tradizionali per un totale di 200 stalli, e 8 virtuali nelle sedi degli istituti scolastici e universitari che dispongono di spazi idonei al parcheggio e al presidio delle bici.

  • Fatta luce sul delitto dell'allevatore nelle campagne di Seminara

    Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria, dott. Filippo Aragona, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia diretta dal Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri, nei confronti di 3 persone, ritenute a vario titolo responsabili dei reati di omicidio in concorso, estorsione, detenzione e porto illegale in luogo pubblico di armi comuni da sparo, con l’aggravante di aver commesso i fatti con modalità mafiose e per agevolare le attività della cosca di appartenenza. I destinatari della misura sono:

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.