unci banner

:: Evidenza

Pellaro, recuperata una tartaruga gravemente ferita. Le prime cure al Centro di Brancaleone

Pellaro, recuperata una tartaruga gravemente ferita. Le prime cure al Centro di Brancaleone

Reggio Calabria. Tutti i media parlano dell'ormai conclamato "allarme ambientale", e le immagini che vediamo in tv e nei giornali non lasciano alcun dubbio alla drammatica situazione in atto. Ma averne a che fare con...

Reggio Calabria. Al liceo "Campanella" le lezioni di difesa personale del Sensei Cuzzocrea

Reggio Calabria. Al liceo "Campanella" le lezioni di difesa personale del Sensei Cuzzocrea

Reggio Calabria. In occasione della settimana autogestita presso gli Istituti scolastici superiori, si è conclusa la lezione di difesa personale al Liceo Classico "T. Campanella" di Reggio Calabria, organizzata dall’alunna di V° D Serena Martino...

Da FSC 80 milioni per strade del Sud. Falcomatà: “Comuni più coinvolti in scelte investimento”

Da FSC 80 milioni per strade del Sud. Falcomatà: “Comuni più coinvolti in scelte investimento”

80 milioni di euro per il varo del “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade” nei piccoli Comuni delle aree interne del Mezzogiorno. E risorse per 21 milioni da destinare al “Piano straordinario asili...

Processo "Miramare": chiesti 10 mesi di reclusione per l’ex assessore Marcianò

Processo "Miramare": chiesti 10 mesi di reclusione per l’ex assessore Marcianò

Reggio Calabria. Dieci mesi di reclusione è la richiesta che Walter Ignazzitto, sostituto procuratore di Reggio Calabria, ha chiesto oggi per Angela Marcianò, ex assessore ai Lavori pubblici del Comune, nell’ambito dell’udienza per il processo...

Caulonia, ritrovata la statua di Sant'Ilarione Abate

Caulonia, ritrovata la statua di Sant'Ilarione Abate

Nell’ottobre dello scorso anno, la comunità caulonese veniva a conoscenza del furto della Statuetta in legno, dipinta a mano, raffigurante S. Ilarione Abate, risalente al periodo compreso tra fine del 1700 e gli inizi del...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTALe mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Le mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 05 Maggio 2018 09:14

Il castello è una struttura architettonica composta da uno o più edifici fortificati, tipico del Medioevo, costruito per ospitare una guarnigione di soldati, con il loro comandante (il castellano) e i suoi familiari. Sorge solitamente in un luogo strategico, spesso in posizione elevata, rialzata o arroccata e facilmente difendibile. Una premessa, necessaria, per introdurre uno dei simboli storici principali della città di Reggio Calabria: il Castello Aragonese. Noto come "aragonese", il castello di Reggio ha in realtà origini molto più antiche, tracce di una fortificazione di questa zona della città infatti risalgono ad epoche di molto precedenti alla costruzione del castello vero e proprio.

Oggi la collina sulla quale si erge la fortezza è molto meno evidente, ma nell'antichità essa rappresentava un punto importante per la tutela del sistema delle mura. Nel periodo ellenistico, con l'allargamento della città verso il mare, la collina rimase un luogo fortificato di notevole importanza militare, mentre le mura, che nella polis d'epoca classica piegavano verso nord, scendevano ora fino al porto (prima nella zona del lungomare odierno). In epoca romana, le mura non furono probabilmente curate e restaurate, tanto che, durante la guerra tra i Goti e i Bizantini, Belisario entrò a Reggio per liberarla dai barbari e trovò la città priva di fortificazioni, così il generale ordinò immediatamente il restauro della cinta muraria. Si riprese dunque la parte inferiore delle mura che erano appoggiate al porto, la collina del castello divenne quindi il bastione angolare della cinta, rivolto verso la montagna.

Tutto ciò creò un centro fortificato che proteggeva il porto di Reggio e tutta la Calabria meridionale. L'esistenza documentata di un vero e proprio castello risale quindi all'anno 536. Nel 1059 la fortezza passò dai Bizantini ai Normanni e nel 1266 a Carlo I d'Angiò. Dall'epoca dei Normanni, che vi stabilirono la corte, il castello fu modificato ed ampliato in più riprese. L’ingrandimento della struttura, avvenne durante il regno svedese, con Federico II. L'area interessata doveva avere ospitato una fortezza angolare delle mura bizantine, e una torre-mastio durante la dominazione normanna. La parte sveva del castello di Reggio rimase in piedi fino a dopo il terremoto del 1908, ed era una costruzione a pianta quadrata, con quattro torri angolari, anch'esse di forma quadrata. Dal momento della sua costruzione, data l'importanza strategica, il castello subì una continua serie di restauri e di modifiche, tutti tesi ad adeguare la struttura difensiva all'evoluzione delle macchine d'assedio, e poi alle artiglierie con polvere da sparo. Sarà in epoca spagnola, grazie a re Ferrante, che si eseguirono –intorno al 1458 - le modifiche più sostanziali. Furono aggiunte due grosse torri merlate verso sud e un rivellino (opera esterna con artiglieria) ad oriente; fu aggiunto il fossato (senz’acqua).

L'aspetto del castello rimase pressoché inalterato dall'epoca di Ferdinando I fino a quando ne venne decisa la riconversione in caserma che comportò l'abbattimento del rivellino con l'unificazione del piano interno; durante il Risorgimento il castello aragonese divenne infatti prigione politica e luogo di esecuzione dei ribelli. Nel 1892 la Commissione provinciale dei beni archeologici decretò una parziale demolizione del castello ma con la conservazione delle due torri poiché "Monumento storico della città", e cinque anni dopo (nel 1897) il castello venne dichiarato monumento nazionale. Il terremoto del 1908 danneggiò la parte occidentale, i locali più antichi risalenti all’epoca sveva, venuta giù completamente. Illese rimasero le due torri aragonesi, come spiegato dal professore Francesco Arillotta, la struttura seva non era incastrata a quella aragonese per questo rimasta illesa.

Sempre nei primi anni del ‘900, si decise di abbattere il castello aragonese, che pur avendo resistito ai terremoti e ai decreti di demolizione, fu deliberatamente mutilato della sua parte più antica, anche in nome di una struttura urbanistica più razionale. La fortezza fu infatti in parte demolita per congiungere la via Aschenez alla via Cimino, secondo le indicazioni del piano regolatore redatto di mala voglia da Pietro De Nava, su consiglio dell'amministrazione. Vennero quindi demoliti i 9/10 della sua struttura in diverse occasioni, ma fu mantenuta la parte più significativa del bastione: quella con le due torri aragonesi, che ancora oggi si ergono maestose al centro della piazza.

Il 7 maggio 1986, a causa di inadeguati lavori di restauro, crollò una parte del castello sul versante nord-ovest. Dichiarato inagibile, il castello, negli anni successivi, fu oggetto di attenzione dell'associazionismo cittadino per chiederne il restauro. Con la riqualificazione dell'ambiente circostante (piazza Castello e via Aschenez), e con la ristrutturazione completa, il castello aragonese è divenuto oggi uno spazio per eventi culturali e sociali.

di Giusi Mauro

Rc 5 maggio 2018

Letto 1287 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Fa tappa al Castello Aragonese la mostra: "Adelmo e gli altri, Confinati omosessuali in Lucania"

    Arriva anche a Reggio Calabria la mostra foto-documentaria "ADELMO E GLI ALTRI, Confinati omosessuali in Lucania". La mostra, ormai itinerante, nasce da un progetto di A.Ge.D.O. Torino nel 2015 e ricostruisce le vicissitudini che portarono un nutrito numero di omosessuali a scontare la pena del confino nei paesi del Materano e del Potentino e i rapporti che vi stabilirono con le popolazioni. La mostra ė presentata dall’associazione AGEDO Reggio Calabria in collaborazione con ANPI Reggio Calabria e Arcigay I Due Mari Reggio Calabria ed è parte dell’iniziativa “Un Mese del Genere”, promossa dall’Assessorato Pari opportunità del Comune di Reggio Calabria.

  • "Adelmo e gli altri": esposizione foto-documentaria al Castello Aragonese

    Reggio Calabria. Con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria l’Associazione Agedo Reggio Calabria  in collaborazione con Anpi Reggio Calabria e Arcigay I due mari RC organizza esposizione della mostra "Adelmo e gli altri" da 2 al 9 marzo 2019 Castello Aragonese di  Reggio Calabria. La mostra è parte dell’iniziativa “ Un mese del GENERE” promossa

  • Al Castello Aragonese in mostra i 50 anni del Cine Foto Club “Vanni Andreoni”

    E' partita questa mattina dal Castello Aragonese la giornata di festeggiamenti per i 50 anni del Cine Foto Club “Vanni Andreoni”. Una mostra ne racconta il percorso dei soci da ieri a oggi. La giornata è ricca di appuntamenti tra Gallico e il Castello dove è possibile a tutti visitare la mostra fotografica

  • Anche nei videogiochi si accende la magia della Calabria

    Dopo aver emozionato la piazza con la poesia, animato la città con gli eventi artistici e tornato da poco a fotografare la domenica reggina tramite il suo account Instagram, il Bak nelle ultime settimane è impegnato alla ricerca di nuove location da inserire nel suo ultimo lavoro, un videogioco della serie swibook che ha per titolo "Ritorno nel Castello".
    Il gioco unisce la semplicità del libro e l'esplorazione di un videogioco per permettere il racconto di una storia ambientata in un misterioso castello colmo di tesori. Una prima versione provvisoria del gioco è stata presentata nella città dei bronzi poche settimane fa non mancando di incuriosire appassionati e semplici giocatori curiosi che continua a seguirne lo sviluppo online.

  • Al Castello Aragonese "Christmas in the Castle" dal 13 dicembre 2018

    Dall’ 13 al 30 dicembre 2018, presso il suggestivo Castello Aragonese di Reggio Calabria, si darà il via all'evento culturale “CHRISTMAS IN THE CASTLE”, iniziativa promossa dalla Cooperativa Sociale Turismo per Tutti, cellula del sistema di lavoro A.C.U. (Azione Cristiana Umanitaria) di Catona, fondato dal missionario cristiano Gilberto Perri. L’evento, che rientra nell'ambito del progetto “L'Antico Tesoro nel Cuore di Reggio” prevede tante attrazioni, esposizioni e attività ludico-ricreative a partire dalla spettacolare mostra di presepi dell’Ing. Vincenzo Papalia: presepi tradizionali, napoletani o palestinesi e diorami che ricostruiscono il filo logico che lega la memoria storica a quella religiosa riproducendo una geografia che trae linfa dalle Sacre Scritture.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.