unci banner

:: Evidenza

Pino sradicato dal vento sul Lungomare davanti l'istituto Piria

Pino sradicato dal vento sul Lungomare davanti l'istituto Piria

Un pino di grosse dimensioni è stato sradicato dal vento questa notte sulla via Marina davanti l'istituto Piria. L'albero è finito sulla carreggiata della via Marina Superiore ostruendola completamente.

LegaPro. La Reggina vince e convince: battuta a Lentini la Sicula Leonzio (1-2)

LegaPro. La Reggina vince e convince: battuta a Lentini la Sicula Leonzio (1-2)

Reggio Calabria. La Reggina sbanca Lentini e conquista la prima vittoria stagionale esterna nella 15^ giornata di campionato di LegaPro. Sandomenico su rigore e Solini firmano la vittoria amaranto. Il tabellino della gara:

Reggio Calabria. A Piazza De Nava, grande successo per l’iniziativa “Doni da Donare”

Reggio Calabria. A Piazza De Nava, grande successo per l’iniziativa “Doni da Donare”

Reggio Calabria. Si è tenuto stamattina a Piazza de Nava l'evento organizzato dai Masci in collaborazione con l'Associazione Paolo Costantino "Doni da Donare". Successo straordinario per l'iniziativa inserita dall'Amministrazione Comunale nel cartellone degli eventi del...

Basket. Gran Galà del Molise: secondo posto per la Calabria

Basket. Gran Galà del Molise: secondo posto per la Calabria

Reggio Calabria. Come da pronostico, la fortissima selezione “Campania” vince in scioltezza l’ottava edizione del Gran Galà del Molise. La “Calabria” si arrende contro gli avversari dopo aver conquistato la finalissima della manifestazione battendo le...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTALe mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Le mille vite del Castello Aragonese di Reggio Calabria

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 05 Maggio 2018 09:14

Il castello è una struttura architettonica composta da uno o più edifici fortificati, tipico del Medioevo, costruito per ospitare una guarnigione di soldati, con il loro comandante (il castellano) e i suoi familiari. Sorge solitamente in un luogo strategico, spesso in posizione elevata, rialzata o arroccata e facilmente difendibile. Una premessa, necessaria, per introdurre uno dei simboli storici principali della città di Reggio Calabria: il Castello Aragonese. Noto come "aragonese", il castello di Reggio ha in realtà origini molto più antiche, tracce di una fortificazione di questa zona della città infatti risalgono ad epoche di molto precedenti alla costruzione del castello vero e proprio.

Oggi la collina sulla quale si erge la fortezza è molto meno evidente, ma nell'antichità essa rappresentava un punto importante per la tutela del sistema delle mura. Nel periodo ellenistico, con l'allargamento della città verso il mare, la collina rimase un luogo fortificato di notevole importanza militare, mentre le mura, che nella polis d'epoca classica piegavano verso nord, scendevano ora fino al porto (prima nella zona del lungomare odierno). In epoca romana, le mura non furono probabilmente curate e restaurate, tanto che, durante la guerra tra i Goti e i Bizantini, Belisario entrò a Reggio per liberarla dai barbari e trovò la città priva di fortificazioni, così il generale ordinò immediatamente il restauro della cinta muraria. Si riprese dunque la parte inferiore delle mura che erano appoggiate al porto, la collina del castello divenne quindi il bastione angolare della cinta, rivolto verso la montagna.

Tutto ciò creò un centro fortificato che proteggeva il porto di Reggio e tutta la Calabria meridionale. L'esistenza documentata di un vero e proprio castello risale quindi all'anno 536. Nel 1059 la fortezza passò dai Bizantini ai Normanni e nel 1266 a Carlo I d'Angiò. Dall'epoca dei Normanni, che vi stabilirono la corte, il castello fu modificato ed ampliato in più riprese. L’ingrandimento della struttura, avvenne durante il regno svedese, con Federico II. L'area interessata doveva avere ospitato una fortezza angolare delle mura bizantine, e una torre-mastio durante la dominazione normanna. La parte sveva del castello di Reggio rimase in piedi fino a dopo il terremoto del 1908, ed era una costruzione a pianta quadrata, con quattro torri angolari, anch'esse di forma quadrata. Dal momento della sua costruzione, data l'importanza strategica, il castello subì una continua serie di restauri e di modifiche, tutti tesi ad adeguare la struttura difensiva all'evoluzione delle macchine d'assedio, e poi alle artiglierie con polvere da sparo. Sarà in epoca spagnola, grazie a re Ferrante, che si eseguirono –intorno al 1458 - le modifiche più sostanziali. Furono aggiunte due grosse torri merlate verso sud e un rivellino (opera esterna con artiglieria) ad oriente; fu aggiunto il fossato (senz’acqua).

L'aspetto del castello rimase pressoché inalterato dall'epoca di Ferdinando I fino a quando ne venne decisa la riconversione in caserma che comportò l'abbattimento del rivellino con l'unificazione del piano interno; durante il Risorgimento il castello aragonese divenne infatti prigione politica e luogo di esecuzione dei ribelli. Nel 1892 la Commissione provinciale dei beni archeologici decretò una parziale demolizione del castello ma con la conservazione delle due torri poiché "Monumento storico della città", e cinque anni dopo (nel 1897) il castello venne dichiarato monumento nazionale. Il terremoto del 1908 danneggiò la parte occidentale, i locali più antichi risalenti all’epoca sveva, venuta giù completamente. Illese rimasero le due torri aragonesi, come spiegato dal professore Francesco Arillotta, la struttura seva non era incastrata a quella aragonese per questo rimasta illesa.

Sempre nei primi anni del ‘900, si decise di abbattere il castello aragonese, che pur avendo resistito ai terremoti e ai decreti di demolizione, fu deliberatamente mutilato della sua parte più antica, anche in nome di una struttura urbanistica più razionale. La fortezza fu infatti in parte demolita per congiungere la via Aschenez alla via Cimino, secondo le indicazioni del piano regolatore redatto di mala voglia da Pietro De Nava, su consiglio dell'amministrazione. Vennero quindi demoliti i 9/10 della sua struttura in diverse occasioni, ma fu mantenuta la parte più significativa del bastione: quella con le due torri aragonesi, che ancora oggi si ergono maestose al centro della piazza.

Il 7 maggio 1986, a causa di inadeguati lavori di restauro, crollò una parte del castello sul versante nord-ovest. Dichiarato inagibile, il castello, negli anni successivi, fu oggetto di attenzione dell'associazionismo cittadino per chiederne il restauro. Con la riqualificazione dell'ambiente circostante (piazza Castello e via Aschenez), e con la ristrutturazione completa, il castello aragonese è divenuto oggi uno spazio per eventi culturali e sociali.

di Giusi Mauro

Rc 5 maggio 2018

Letto 1045 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Al Castello Aragonese "Christmas in the Castle" dal 13 dicembre 2018

    Dall’ 13 al 30 dicembre 2018, presso il suggestivo Castello Aragonese di Reggio Calabria, si darà il via all'evento culturale “CHRISTMAS IN THE CASTLE”, iniziativa promossa dalla Cooperativa Sociale Turismo per Tutti, cellula del sistema di lavoro A.C.U. (Azione Cristiana Umanitaria) di Catona, fondato dal missionario cristiano Gilberto Perri. L’evento, che rientra nell'ambito del progetto “L'Antico Tesoro nel Cuore di Reggio” prevede tante attrazioni, esposizioni e attività ludico-ricreative a partire dalla spettacolare mostra di presepi dell’Ing. Vincenzo Papalia: presepi tradizionali, napoletani o palestinesi e diorami che ricostruiscono il filo logico che lega la memoria storica a quella religiosa riproducendo una geografia che trae linfa dalle Sacre Scritture.

  • Venerdì 7 dicembre al Castello Aragonese conferenza con Gomo Tulku promossa dal centro di Buddismo tibetano Thubten Shetrub Lin

    Si svolgerà venerdì 7 dicembre alle 18:30 presso il Castello Aragonese di Reggio Calabria un evento di portata internazionale: l'ultima tappa del "Gomo Tulku's MBA Tour - Europe". Su invito dell'Istituto Thubten Shetrub Lin, centro di Buddismo tibetano di Reggio Calabria, Gomo Tulku - riconosciuto nel 1991 all'età di 3 anni dal Dalai Lama come ventitreesima reincarnazione di Choeje Sonam Rinchen - ha accettato d'inserire la città dello Stretto nel suo tour europeo, rinviando la sua partenza per l'Asia. "Durante l'incontro – spiegano dall'istituto reggino – Gomo Tulku sfiderà i nostri processi di pensiero quotidiani, che hanno un impatto negativo sia su di noi che su quelli che ci circondano attraverso abitudini sottili, ma costanti e distruttive. In particolare, tratterà per il cruciale tema del giudizio".

  • Gli appuntamenti di oggi in città 29 novembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -Giornata dell’Udito: a partire dalle ore 9,00 il DLF di Reggio Calabria organizza la giornata di diagnosi e prevenzione, con l’obiettivo di informare sui rischi connessi alla perdita dell’udito da rumore e sensibilizzare sulla necessità di fare prevenzione
    - Il Consiglio regionale, convocato dal presidente Nicola Irto, tornerà a riunirsi a Palazzo Campanella alle ore 10,00.
    -dalle ore 10,00 presso Piazza Italia manifestazione dell’Osservatorio Disagio Abitativo

  • Gli appuntamenti di oggi in città 28 novembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -convegno “Violenza assistita: le ripercussioni della violenza intrafamiliare sui minori. Il fenomeno nella provincia di Reggio Calabria, prassi operative per combatterlo” ore 8,30/13,30 – 14,30/17,45 - Sala Federica Monteleone, Palazzo Campanella, Consiglio Regionale della Calabria.
    - alle ore 9.30 presso la Sala Conferenze di Palazzo Alvaro si terrà il seminario economico “Reggio e la Calabria: Prospettive ed Opportunità Economiche con la Tunisia”. Reggio Calabria accoglierà l’Ambasciatore di Tunisia a Roma, Moez Sinaoui.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 27 novembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -ore 9 Palazzo San Giorgio seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi che di fatto inaugura il nuovo ciclo di una esperienza in crescita per partecipazione e progettualità, giunta ormai alla sua terza edizione.
    -ex Polveriera di Ciccarella conferenza stampa dell’Osservatorio Disagio Abitativo ore 10,30 per denunciare il fermo dell’intervento di equa dislocazione delle famiglie del ghetto
    - Pio XI e il totalitarismo” sarà il tema dell’incontro promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, che si terrà alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con l’intervento del Prof. Antonino Romeo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.