unci banner

:: Evidenza

Giunta regionale ricorre contro proroga Cdm commissariamento sanità

Giunta regionale ricorre contro proroga Cdm commissariamento sanità

La Giunta regionale della Calabria si è riunita oggi pomeriggio a Catanzaro, presideuta dal Presidente della Regione Mario Oliverio, con l'assistenza del Segretario generale della Giunta Ennio Apicella e del dirigente del Settore Francesca Palumbo....

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Reggio Calabria. Nella ricorrenza dedicata alla Madonna di Loreto, patrona degli aviatori, le sezioni calabresi dell'Associazione Arma Aeronautica, come da tradizione, hanno deposto questa mattina, una corona di fiori ai piedi dell'Effige, collocata nella Piazza...

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Reggio Calabria. Una perla gastronomica dal valore unico, così è stato definito il Torrone artigianale di Taurianova, protagonista di una tre giorni che ha conquistato un ampio pubblico. La terza edizione del Festival del Torrone...

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria.“La scuola entra nel Parlamento europeo”. È questo il titolo dell’incontro che ha visto come protagonisti assoluti otto alunni dell’Ite Piria di Reggio Calabria dal 2 al 5dicembre scorso. Si tratta di Maria Elisa...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTAMonasterace: il primo comune della costa jonica da nord

Monasterace: il primo comune della costa jonica da nord

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 24 Novembre 2018 08:12

Questa volta parliamo di Monasterace (Monasteraki in greco-calabro). Venendo da Nord, è il primo comune della provincia di Reggio sulla costa ionica: dista, infatti, solo 60 km da Catanzaro. La parola Monasterace si pensa derivi da Monasteraki, che in greco vuol dire "piccolo monastero". Si è certi dell'esistenza di un piccolo monastero bizantino già nel VI secolo d.C. di cui ancora si possono osservare i ruderi e chiamato ancora oggi di "San Marco". Questo è stato costruito in piena area archeologica che rimanda all'antica colonia magno-greca di Kaulon, quasi quale continuità ideale nella nuova fede del cristianesimo.

In seguito tutta la vallata fu un fiorire del monachesimo basiliano. Altra ipotesi sul suo toponimo potrebbe ricondurci al periodo normanno. I normanni fondarono in Calabria molti centri urbani. Tra questi le motte. Le motte erano nuclei abitativi che nascevano e crescevano su di una collina sulla quale sommità era posto un apprestamento difensivo. In effetti Monasterace mostra questa caratteristica costruttiva. Quindi anche Monasterace potrebbe avere origine da una "motta" normanna, ed il suo nome attuale potrebbe derivare da Motta-Sterace. Ma come ogni città magno-greca che si rispetti, vi è anche un’altra ipotesi ed interpretazione del toponimo che sposterebbe l'origine della città al secondo o al terzo millennio a.C., in accordo alla tradizione che attribuisce la sua fondazione al tempo che gli antichi Greci indicavano come quello della guerra di Troia, da parte di migranti dal Mediterraneo orientale. Il nome noto a Plinio, infatti, era Mystrae, collegabile al culto di Ishtar, deità fondamentale nei culti mesopotamici durante l'Età del Bronzo, che si manifestava sotto forma del pianeta Venere. “Monasterace” potrebbe essere letto come “mul” (stella), "Ishtar”(Venere), “aki” (suffisso indicativo di località), cioè “il luogo della stella Ishtar”. La leggenda narra che nell'VIII secolo a.C., Caulone, figlio dell'amazzone Cleta, approdò sulle coste antistanti l'odierna Monasterace Marina e qui vi fondò l'antica Kaulon della Magna Grecia.

Monasterace marina è il luogo dell'antica città magno-greca di Kaulon; tuttavia, non si può escludere la possibilità che il sito sia già stato popolato da gente indigena, o addirittura dai bruzi stessi che molto prima del VII secolo a.C. risiedevano in Calabria insieme ai lucani, di cui erano schiavi e successivamente alleati contro le pretese di Roma. Monasterace Superiore, invece, ha un'origine medievale. Fu popolata dai superstiti di Kaulonia, che dopo la deportazione di metà della popolazione a Siracusa da parte di Dionigi e il successivo assoggettamento a Roma, popolarono i colli circostanti per ripararsi dalle malattie infettive quali malaria e plasmodium che si diffondevano nelle pianure ormai abbandonate e per sfuggire alle scorrerie di pirati che approfittando delle distruzioni delle città magnogreche, saccheggiavano e incendiavano i pochi centri rimasti. Rimangono antichi resti della città di Kaulon, come resti del tempio dorico di Kaulon nella Monasterace Marina, oppure il Castello Medievale (Monasterace Superiore), ruderi della chiesetta bizantina intitolata a San Marco e resti di ville romane. Molte le Chiesa, come la Chiesa di Maria SS di Porto salvo, risalente alla fine del Settecento, appartenente ai marchesi di Francia, di cui rimangono il palazzo nobiliare omonimo antistante alla suddetta chiesa, la Chiesa di San Nicola di Bari, risalente alla fine del Seicento , la Chiesa di Maria S.S. di Loreto risalente al XII secolo circa, è stata distrutta negli anni ottanta per far passare una strada e congiungere Monasterace Sup. alla ex SS 110, dell'antica struttura è rimasto solo l'altare con un affresco sempre databile al XII secolo, nell'anno 1999 un gruppo di fedeli, a proprie spese ha eretto un edificio moderno a protezione dello stesso.

Rc 24 novembre 2018

Letto 90 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La UILPA VVF centra l’obiettivo, la caserma VVF di Monasterace sarà resa operativa ad inizio 2019

    Questo è quanto reso pubblico attraverso una nota della senatrice di maggioranza On. Silvia Vono, che ha sposato la battaglia intrapresa da qualche anno da questa Organizzazione Sindacale, in sinergia con Rocco Spanò, attivista del Movimento cinquestelle su Monasterace, che si è profuso sul territorio, anche con numerosi sit-in organizzati dalla UILPA VVF di Reggio Calabria.
    “Mettere in funzione la caserma dei VVF di Monasterace nei primi mesi del prossimo anno con nuove risorse di personale è un’ipotesi ora concreta”, così chiosa la senatrice pentastellata che nei giorni scorsi ha incontrato il sottosegretario all’Interno con delega alla Protezione civile, Stefano Candiani, per affrontare la questione.

  • "Dal negativo al positivo" al Museo e Parco Archeologico dell’antica Kaulon

    Domenica 14 ottobre 2018, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, a Monasterace (Reggio Calabria), il Museo e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, diretto da Rossella Agostino, aderisce alla “Giornata nazionale delle famiglie al museo”, sul tema Piccolo, ma prezioso, con l’iniziativa Dal negativo al positivo.
    Essa prevede l’attuazione del progetto in due fasi:

  • Ponte Allaro, la UilPa VVF chiede l'attivazione del presidio a Monasterace

    I Vigili del Fuoco di Reggio Calabria vittime o soccorritori? Alampi e Provazza - UILPA VVF - attaccano il dirigente Novello: "Come tutti, siete a conoscenza della questione ponte sull'Allaro e dell'ordinanza ANAS che limita il transito ai mezzi pesanti superiori a 7,5t. Bene, il nostro "amato" dirigente Comandante Gino Novello, si è inventato una paradossale e alquanto dispotica soluzione che va a discapito dei lavoratori dei Vigili del Fuoco. Tutto ciò, solo per evitare l'attivazione di un presidio VF temporaneo presso il Comune di Monasterace, che avrebbe potuto sopperire alle attuali criticità viarie. La soluzione che ha messo in atto con tanto di documentazione scritta, è quella di richiedere una deroga all'ANAS (che peraltro ha rilasciato) affinché i mezzi di soccorso VF, con massa complessiva non superiore alle 20t, non rientrino nell'ordinanza di attraversamento del ponte e transitino, solo in caso di emergenza, a 30km orari, in barba al limite delle 7,5t (mi sembra che il compito istituzionale dei vigili del fuoco sia quello del soccorso in emergenza).

  • Al Museo Archeologico dell'Antica Kaulon l'evento: "Chista è a terra mia"

    Il 31 agosto, presso il Museo Archeologico dell'Antica Kaulon Monasterace avrà luogo l'inaugurazione di Zeroottouno. Chista è a terra mia nell'ambito del progetto Ceilings, promosso dall'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e finanziato dalla Regione Calabria, alla presenza della direttrice del Museo Rossella Agostino, dei responsabili della cooperativa Vivi Kaulon, del curatore del progetto Simona Caramia e di Zeroottouno (Giuseppe Guerrisi e Davide Negro).

  • La testa della Sfinge della Passoliera al Museo dell’antica Kaulon, giovedì conferenza stampa

    Giovedì 9 agosto 2018, alle ore 10.30, presso il Museo Archeologico dell’antica Kaulon, si terrà una conferenza stampa per presentare un grande evento: la Testa della Sfinge della Passoliera, un bellissimo esempio di scultura in terracotta di età arcaica rinvenuta a Kaulonia agli inizi del Novecento, che sarà esposta per la prima volta nel suo luogo di provenienza. Parteciperanno all’importante iniziativa: Salvatore Patamia, segretario regionale MiBAC per la Calabria; Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria; Rossella Agostino, direttore del Museo e Parco Archeologico dell’antica Kaulon e Cesare Deleo, sindaco di Monasterace.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.