unci banner

:: Evidenza

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Mercoledì 22 agosto il gran finale di Rumori Mediterranei, 38ma Edizione di Roccella Jazz Festival. L'ultima serata al Teatro al Castello di Roccella Jonica esalta...

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Sale a diecii il bilancio delle vittime della piena nelle Gole del Raganello. Tre le persone ancora disperse. Le operazioni di ricerca sono andate avanti...

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Si è spento oggi Mario Congiusta, da anni si batteva perchè venisse fatta piena luce sull'omicidio del figlio Gianluca. Il suo ricordo nelle parole di...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTAPalazzo Zani-Spadaro: un salto nel passato

Palazzo Zani-Spadaro: un salto nel passato

Pubblicato in CalabriaIgnota Lunedì, 11 Giugno 2018 18:09

Elegante e discreto, Palazzo Zani-Spadaro, è un edificio storico della città di Reggio Calabria che occupa parte dell'isolato ad angolo tra le vie Aschenez e Giulia. Un incrocio che catapulta la città indietro nel tempo. L'edificio, completato nel 1926, è stato progettato dall'ingegnere Gino Zani anche se il progetto porta la firma dell'ingegnere Pietro Spinelli e rappresenta uno degli esempi più significativi di architettura Liberty della città post terremoto. Attualmente è ad uso di civile abitazione.

Il palazzo si articola su due piani, ha un impianto planimetrico di forma quadrangolare e vi si accede da due ingressi posti sui due prospetti attraverso una scala interna che serve gli appartamenti. Al piano terra le facciate si presentano con un basamento con motivi geometrici a rilievo per assorbire i dislivelli dell'andamento del terreno ai cui angoli sono collocati gli ingressi con arco a tutto sesto, e due finestre tripartite con colonnine, di cui quello principale affaccia su via Giulia. Le finestre sono architravate di forma rettangolare con particolari inferriate in ferro battuto in stile liberty. Al primo piano in linea con i due ingressi corre ad angolo un balcone con balaustra con colonnine e aperture bifore e trifore con archi e per i restanti prospetti si ripetono aperture ad arco a tutto sesto talune complete di balcone della stessa tipologia di quello ad angolo. Lungo tutti i prospetti si sviluppa una fascia riccamente decorata con motivi floreali sovrastata dal cornicione e dagli elementi aggettanti delle falde che si chiudono con una balaustra rettilinea. Alcuni edifici del Centro Storico come Palazzo Zani Spadaro o Villino Nesci, hanno una tale accuratezza e buona fattura della pietra artificiale da essere giunti ad oggi in ottime condizioni a distanza di quasi un secolo.

Rc 11 giugno 2018

Letto 194 volte

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.