unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria IgnotaPiazza Giuseppe De Nava, cuore e volto della città reggina

Piazza Giuseppe De Nava, cuore e volto della città reggina

Pubblicato in CalabriaIgnota Lunedì, 01 Luglio 2019 20:59

Piazza De Nava è forse una delle piazze più importanti della città, situata in pieno centro storico, proprio davanti al Museo Nazionale della Magna Grecia, centro nevralgico della vita giovanile negli anni 80/90 del secolo scorso, ma anche una delle più antiche, con una datazione del 1936, anno in cui fu posizionato il monumento a Giuseppe De Nava.
La piazza ha pianta planimetrica rettangolare e presenta un leggero dislivello dell'andamento del terreno in direzione mare-monti.

La piazza è delimitata da una sequenza di bassi pilastrini a sezione quadrata in pietra liscia che sostengono lunghe sbarre orizzontali di forma cilindrica. L'accesso principale, preceduto da tre gradini, si trova sulla parte terminale sud della via De Nava anche se vi si può accedere dai lati che costeggiano le vie Domenico Tripepi, Domenico Romeo e Vollaro. Al centro della piazza, adorna di palme, aranci e artistici lampioni in stile liberty sorge il monumento.


Un monumento maestoso opera dello scultore Francesco Jerace, artista originario di Polistena, costituito da una statua marmorea, che raffigura lo statista reggino Giuseppe De Nava, posta su un alto basamento istoriato con altorilievi che propongono nella parte più in basso scene di lavoro. Nella parte più in alto, poco sotto la statua, sono raffigurati i due stemmi reggini: lo stemma di San Giorgio, il patrono della città che a cavallo con una lancia colpisce un drago; e lo stemma della provincia di Reggio, con le croci delle due Calabrie, sui laterali del basamento vi sono due fontane, entrambe dal viso di donna con in basso due grandi conchiglie e più giù, sotto di queste, due ampie vasche.


La figura del De Nava, scolpita con lo sguardo fiero, il piede sinistro e la mano destra in avanti, rappresenta la riconoscenza del popolo reggino per l'alto senso morale e per le eccezionali doti umane che il De Nava, giurista, uomo politico e accanito difensore dei diritti della sua gente, dimostrò fino al giorno della propria morte.
Fu un esponente della destra liberale e convinto sostenitore dei Governi Zanardelli Giolitti, per cui venne nominato sottosegretario di Stato nel Governo Sonnino. Importante è il suo disegno di legge presentato per i provvedimenti a favore della Calabria, come il suo particolare impegno nel risolvere i gravi problemi di Reggio Calabria e Messina dopo il terremoto del 1908.


Purtroppo tutte queste caratteristiche, nonchè la profonda storiografia, non sono riuscite a sottrarre la piazza e il suo monumento, al vandalismo ed all'incuria, con la statua che da più di 2 anni, si ritrova con la faccia sfregiata, da della vernice blu, mentre le scalinate sono piene di scritte, e le due fontane ormai ridotte a pattumiere.
Eppure già altri monumenti, dedicati a uomini politici, sono stati prontamente ripuliti da sfregi di colore, ma forse l'ormai defunto De Nava, non è più considerato come politico, che possa richiamare indignazione e voti.

Rc 1 luglio 2019

Letto 191 volte

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.