unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria IgnotaPietro Bombardieri, "leader" dei fornai di Boston era nato a Placanica, in provincia di Reggio Calabria, nel 1884

Pietro Bombardieri, "leader" dei fornai di Boston era nato a Placanica, in provincia di Reggio Calabria, nel 1884

Pubblicato in CalabriaIgnota Giovedì, 04 Luglio 2019 08:24

Pietro Silvestro Benedetto Bombardieri nacque a Placanica, il 4 novembre 1884, da Rocco (venticinquenne "calzolaio") e Teresa Panaiia. A ventitrè anni, Pietro, decise di emigrare alla ricerca del "sogno americano". Giunse ad "Ellis Island" nel 1907. All'inizio Pietro oramai "Peter" fece ogni tipo di duro lavoro. Ma già dopo un anno, nel 1908, ebbe l'intuizione di aprile una sua "Bakery" (panetteria) che produceva pane di tipo italiano e soprattutto calabrese (la "Bakery" aveva sede nel North End di Boston). Fu subito un incredibile successo. Acquistò, successivamente, dei furgoni per le consegne a domicilio e iniziò a fornire il suo pane italiano anche fuori Boston.

Il 29 settembre del 1912 sposò l'italo-americana Mary Seminata (era nata in Sicilia nel 1881 e anche suo padre gestiva un panetteria: la "Prince Macaroni Company") che gli avrebbe dato tre figli: Rocco, Anthony e Teresa. Successivamente Pietro Bombardieri aprì un'altra "Bakery" nel quartiere di Dorchester. Ricoprì prestigiosi incarichi nella "Italian Master Baker's Association". Nel 1949 morì Mary Seminata la sua amata moglie. I due figli maschi non seguirono le orme paterne: Rocco fece l'assicuratore e Anthony l'agente immobiliare. Invece Teresa, la figlia femmina, prima affiancò e poi proseguì l'attività familiare. Allargò poi la varietà di prodotti. Pietro Bombardieri morì nel 1958. Mentre Teresa , la figlia, morì nel 1990.

Geremia Mancini – presidente onorario "Ambasciatori della fame"

Pescara 4 luglio 2019

Letto 244 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Frank Nicolazzo nella “Veterans Hall of Fame” per la Guerra di Corea, nacque in Calabria

    Frank Nicolazzo è nato in Calabria nel 1931. Il padre emigrò alla ricerca del "sogno americano". Qualche anno dopo il genitore decise di far giungere negli Stati Uniti parte della sua famiglia (secondo Frank: "mio padre percepì lo sconvolgimento e le nuvole di guerra che erano nell'aria. Prenotò il biglietto, per me e mio fratello nato nel 1929, su un transatlantico con il quale arrivammo ad "Ellis Island" nel 1936) . I Nicolazzo si stabilirono a Newton in Massachusetts. Nel settembre del 1952 Frank (si arruolò volontario nella 700° compagnia di artiglieria della 45° divisione di fanteria) fu mandato a combattere in Corea.

  • José Arena grande musicista e Direttore d’orchestra in Argentina, era nato a Palmi nel 1869

    José (Giuseppe, Mariano) ARENA nacque a Palmi (RC) nel quartiere "muraglia", il 21 agosto del 1869, da Pietro (ventisettenne "sartore" e figlio di Giovanni) e la diciannovenne "filatrice" Grazia Maria. Sin da bambino José mostrò una straordinaria passione per la musica. Studiò nei conservatori di Napoli e Milano. Giovanissimo, un ragazzo prodigio della musica, affiancò e diresse la Banda di Palmi e quella di Taormina. Nel 1890 decise di seguire una compagnia musicale diretta in Sud America. Si innamorò di quelle lontane e per lui affascinanti terre. Così decise poi di rimanere, per sempre, in Argentina.

  • La storia del militare Vincenzo Lavia che, nel 1904, finì sulla copertina de “La Domenica del Corriere”

    Questi due disegni descrivono la tragica fine di un soldato. Il primo disegno è accompagnato dal titolo “L’orribile morte del soldato Vincenzo Lavia a Chieti” il secondo de “La Domenica del Corriere” parla di “I drammi della vita: orribile fine di un soldato di cavalleria, a Chieti” (il disegno è del grandissimo illustratore Achille Beltame). Il giovane militare rimase impigliato ad un cavallo imbizzarrito e finì coll’essere travolto e trascinato in un dirupo. Rimase purtroppo ucciso. Tutto si consumò il 27 maggio del 1904. Ci permettiamo di aggiungere qualche piccola precisazione e qualche ulteriore informazione.

  • “Joseph” Giuseppe Antonio Marcellino grande sarto in Massachusetts, era nato a Grotteria nel 1891

    “Joseph” Giuseppe Antonio MARCELLINO nacque a Grotteria (RC), il 5 gennaio Agosto del 1891, da Vincenzo (settantunenne “calzolaio” figlio di Pasquale e Anna Nesci) e Rosa Bruzzese (trentenne “filatrice” figlia di Giorgio e Caterina Jirilli). L’atto di nascita fu registrato dinanzi a Raffaele Mundolo l’allora Sindaco di Grotteria. I suoi genitori, tra i due c’erano ben 41 anni di differenza, si erano sposati il 22 gennaio del 1882. Nel 1913 Giuseppe, probabilmente dopo la morte del padre, decise di tentare il “sogno americano”. Giunse ad “Ellis Island” a bordo del piroscafo “America” e con lui arrivarono anche i suoi fratelli: Pasquale, Domenico e Salvatore.

  • Louis Buffone, militare statunitense di origini calabresi, visse la tragica esperienza della "marcia della morte di Bataan”

    La marcia della morte di Bataan (il nome con cui è conosciuto il trasferimento forzato, operato dall'esercito imperiale giapponese, di circa 75.000-80.000 prigionieri di guerra filippini e statunitensi in seguito alla fine della battaglia di Baatan, il 9 aprile 1942, durante la durante la campagna delle Filippine) rappresenta ed è considerato un “crimine di guerra”. Questo per le inaudite violenze e privazioni a cui i giapponesi sottoposero i prigionieri. Tra i coraggiosi sopravvissuti ci fu un soldato statunitense dalle origini calabresi: Louis Buffone (arruolato nella US Army Air Force). 

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.