unci banner

:: NEWS

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Sono ben ventuno i progetti presentati dal Parco Nazionale dell’Aspromonte al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, nell’ambito del maxi fondo di 85 milioni messo a...

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Uno sguardo nello sguardo. Un occhio attento che riesce a cogliere i cambiamenti dell’anima, traslazioni rispecchiate perfettamente nell’arte. Mentre la rassegna “Scilla jazz festival 2019” ha chiuso i battenti per...

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Una parata di stelle per il gran finale del Kaulonia Tarantella Festival 2019. La kermesse di musica e cultura etnica chiuderà i battenti martedì 20 agosto con grandi ospiti tra...

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

Dopo 'VOLIRI VOLARI', inno storico della Varia, la band palmese dei RAGAINERBA dedica ancora un altro pezzo dal titolo 'MBUTTATURI' dedicata proprio ai 200 portatori che nel giorno della Festa...

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Gli scrittori che vorranno partecipare alla settima edizione del concorso di narrativa “Italo Falcomatà” avranno un po’ di tempo in più per lavorare alla propria opera. Infatti, l’associazione “Dopolavoro ferroviario”,...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria Ignota

CalabriaIgnota

Per tre sere le piazze di San Nicola dell’Alto, Carfizzi e Pallagorio si sono trasformate in un cinema sotto le stelle, ospitando la presentazione di HORA – Una Storia Arbëreshë,  il documentario di Maria Alba e Graziana Saccente, prodotto dallo scrittore Stefano Benni. Dopo aver partecipato a importanti Festival dedicati al cinema documentario, ed essere stato in prestigiosi cinema ed eventi culturali, in varie città da Nord a Sud, ottenendo molti consensi e riconoscimenti, tra cui quello dell’Università del Salento per il valore scientifico e sociale, il cortometraggio è stato presentato anche nei luoghi dove è stato girato, in un triplo evento reso possibile grazie alla collaborazione tra il team di produzione ed i Comuni arbëreshë del Crotonese, richiamando moltissime persone, anche dai paesi vicini.

Frank Nicolazzo è nato in Calabria nel 1931. Il padre emigrò alla ricerca del "sogno americano". Qualche anno dopo il genitore decise di far giungere negli Stati Uniti parte della sua famiglia (secondo Frank: "mio padre percepì lo sconvolgimento e le nuvole di guerra che erano nell'aria. Prenotò il biglietto, per me e mio fratello nato nel 1929, su un transatlantico con il quale arrivammo ad "Ellis Island" nel 1936) . I Nicolazzo si stabilirono a Newton in Massachusetts. Nel settembre del 1952 Frank (si arruolò volontario nella 700° compagnia di artiglieria della 45° divisione di fanteria) fu mandato a combattere in Corea.

Che la Calabria, ed in particolare Reggio, abbia sempre avuto un rapporto conflittuale con i propri figli, anche con quelli che gli hanno portato lustro, è cosa risaputa, uno di questi figli è Federico Genoese, che nacque nel 1805 da una delle famiglie più nobili e in vista della città.
Noto per il suo impegno durante la rivolta anti-borbonica, iniziata il 2 settembre 1847, in seguito ed in conseguenza di questi eventi il Genoese fu arrestato, poi sottoposto a processo e condannato a morte; venne liberato l’anno seguente, in relazione alla grande stagione rivoluzionaria del 1848 in Italia e in Europa, ma morì quasi subito dopo.

Pietro Silvestro Benedetto Bombardieri nacque a Placanica, il 4 novembre 1884, da Rocco (venticinquenne "calzolaio") e Teresa Panaiia. A ventitrè anni, Pietro, decise di emigrare alla ricerca del "sogno americano". Giunse ad "Ellis Island" nel 1907. All'inizio Pietro oramai "Peter" fece ogni tipo di duro lavoro. Ma già dopo un anno, nel 1908, ebbe l'intuizione di aprile una sua "Bakery" (panetteria) che produceva pane di tipo italiano e soprattutto calabrese (la "Bakery" aveva sede nel North End di Boston). Fu subito un incredibile successo. Acquistò, successivamente, dei furgoni per le consegne a domicilio e iniziò a fornire il suo pane italiano anche fuori Boston.

Piazza De Nava è forse una delle piazze più importanti della città, situata in pieno centro storico, proprio davanti al Museo Nazionale della Magna Grecia, centro nevralgico della vita giovanile negli anni 80/90 del secolo scorso, ma anche una delle più antiche, con una datazione del 1936, anno in cui fu posizionato il monumento a Giuseppe De Nava.
La piazza ha pianta planimetrica rettangolare e presenta un leggero dislivello dell'andamento del terreno in direzione mare-monti.

Molti monumenti di Reggio, sono stati posizionati in punti diversi, a secondo del periodo storico che viveva la città, ma forse il più famoso di questi, è la statua a Biagio Camagna, avvocato, politico e pubblicista italiano.
Il monumento a lui dedicato fu eretto il 30 agosto 1925 con un'importante sottoscrizione popolare. E’ costituito da una statua bronzea, realizzata nel 1924 da Domenico Pellegrino, la quale poggia su un doppio basamento in marmo bianco, su cui è impresa la frase, A Biagio Camagna il popolo 1924, anche se ormai quasi illeggibile, a causa dei vari atti vandalici a cui viene costantemente sottoposta.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.