unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria Ignota

CalabriaIgnota

Nel 2019 ricade il centenario della nascita di Diego Vitrioli, uno dei più importanti figli della nostra terra, latinista e grande uomo di cultura che, ha lasciato un importante segno nella cultura del secolo scorso, che perdura fino ai nostri tempi.
Per questo motivo siamo andati alla scoperta di uno dei monumenti, che la città gli ha dedicato, che nonostante sia praticamente in pieno centro, infatti sussiste sulla via marina, passa molte volte totalmente ignorato.
Il monumento è formato da un'antica colonna greca, rinvenuta nell'area cittadina e arricchita da un tripode posto sulla sommità, che in origine doveva contenere un braciere, ora sostituito da una lampada che imita la presenza del fuoco, da un medaglione apposto sul lato interno, che rappresenta il profilo del latinista e alla base porta un'iscrizione commemorativa.

José (Giuseppe, Mariano) ARENA nacque a Palmi (RC) nel quartiere "muraglia", il 21 agosto del 1869, da Pietro (ventisettenne "sartore" e figlio di Giovanni) e la diciannovenne "filatrice" Grazia Maria. Sin da bambino José mostrò una straordinaria passione per la musica. Studiò nei conservatori di Napoli e Milano. Giovanissimo, un ragazzo prodigio della musica, affiancò e diresse la Banda di Palmi e quella di Taormina. Nel 1890 decise di seguire una compagnia musicale diretta in Sud America. Si innamorò di quelle lontane e per lui affascinanti terre. Così decise poi di rimanere, per sempre, in Argentina.

… In un tempo dominato dai ritmi della rete che poco o nulla lascia di concreto e tangibile nel quotidiano di ciascuno, i giorni della festa e della ricorrenza sono sempre occasione preziosa per restituirci il ritmo e il respiro delle cose. Nasce così questa idea, forse piuttosto un’esigenza di un tuffo nella nostra identità, con un occhio all’area jonica che continua oggi come ieri a custodire quel tesoro sempre minacciato che sono le nostre radici. Lo abbiamo immaginato come uno spunto per un viaggio lento, fisico per i più fortunati, su uno stampabile per i comuni mortali come noi.

Arriva nelle sale “Arbëria” il lungometraggio opera prima della regista calabrese Francesca Olivieri, che indaga i legami forti e l’eredità culturale delle comunità arbëreshë che ancora sopravvivono in alcuni piccoli borghi di Calabria e Basilicata.
Il film è stato presentato oggi (lunedì 18 marzo prossimo alle 11,00) in occasione della conferenza stampa che si terrà presso la Camera di Commercio di Cosenza con la regista Francesca Olivieri; l’attrice Caterina Misasi, il direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace; il presidente della Calabria Film Commission, Giuseppe Citrigno; Fabrizio Nucci di Open Fields Productions e Alessandro Gordano di LAGO Film.

Un Carnevale insolito e diverso ma che allo stesso tempo ne ripercorre le radici più profonde. E’ il Carnevale storico di San Salvatore nella Vallata del Sant’Agata. Tutto avviene nel Martedì Grasso quando nel pomeriggio le strade del paese di riempiono di maschere “i mascarati” guidato da “U Puddicineddha” anche lui travestito ma col volto scoperto. Con lui “u mastru i ballu” anima la piazza invitando “i mascarati a farsi nu giru a fora u primu” (ballo tradizionale della nostra terra”. Ospite del corteo il “Re Carnevale” un pupazzo di paglia che viene tenuto in trono. Alla fine del corteo nella piazza grande del paese tutti gettano via le maschere e in cerchio assistono al rogo del pupazzo. Poi festa grande con le polpette.

Si avvicina la festa dell’anno più colorata e trasformista, che piace a grandi e piccini: il Carnevale. Oggi, molte e variegate sono le maschere e i personaggi da prendere come spunto per mascherarsi.  Ma se facciamo un salto indietro nel tempo, di qualche secolo, le “maschere” carnevalesche erano legate alla tradizione della commedia dell’arte, tradizioni arcaiche oppure ideate appositamente come simboli dei festeggiamenti carnevaleschi di varie città. L'Italia è ricca di maschere regionali, capita così di imbattersi in maschere tipiche. Così per le altre regioni anche la Calabria ha la sua maschera: Giangurgolo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.