:: Evidenza

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Personale militare della Direzione Marittima - Guardia Costiera - di Reggio Calabria, ha posto sotto sequestro preventivo n° 14 impianti di depurazione acque reflue comunali...

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

«Sono soddisfatto dell’importate risultato ottenuto oggi con la presenza del commissario Massimo Scura in audizione alla Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato. È il...

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

"L'amore nutre": questo il primo saluto della Calabria passeggiando per i corridoi principali del padiglione del XII Salone del Gusto - Terra Madre dedicato alle...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACA

CRONACA

Il 18 settembre scorso i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno arrestato, in esecuzione dell’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura, P.M. Dott. Salvatore Rossello, F.M., 35 anni, di Molochio, poiché ritenuto responsabile dei reati di estorsione, millantato credito e violenza privata. Il provvedimento cautelare scaturisce da una attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Molochio, con il supporto della Stazione Carabinieri di Cinquefrondi e avviata nel marzo 2018 a seguito delle denunce presentate da due donne.

Personale militare della Direzione Marittima - Guardia Costiera - di Reggio Calabria, ha posto sotto sequestro preventivo n° 14 impianti di depurazione acque reflue comunali della provincia di Reggio Calabria, dando esecuzione ai relativi decreti emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria dott.ssa Maria Cecilia VITOLLA, nell’ambito dell’operazione denominata “Mala depurazione” coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria. E’ stato nominato custode giudiziale di tutti gli impianti, con facoltà d’uso, il Dirigente del Dipartimento 11 Ambiente della Regione Calabria, con obblighi di conformare urgentemente lo stato di fatto e di diritto degli impianti alle prescrizioni di legge e di regolamento applicabili in ragione delle violazioni contestate nei provvedimenti di sequestro, il tutto comunque entro e non oltre giorni 45 dalla notifica del provvedimento cautelare.

Nella serata di ieri, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Palmi hanno tratto in arresto un 36enne di Seminara, responsabile di maltrattamenti in famiglia nei confronti del fratello. L’intervento del personale della Polizia di Stato è stato richiesto dalla sorella dell’uomo che stava maltrattando l’altro fratello. L’atteggiamento aggressivo e minaccioso dell’uomo è proseguito anche davanti gli operatori del Commissariato di P.S. di Palmi, giunti repentinamente presso l’abitazione della famiglia interessata.

“I servizi straordinari di controllo del territorio sull’area ove insiste il quartiere di Arghillà altro non sono che la prosecuzione nell’attività di prevenzione finalizzata ad una sempre maggiore incisiva compenetrazione degli aspetti legati alla tutela della legalità con quelli connessi allo sviluppo del tessuto sociale. Legalità è sviluppo.”. Questo il commento del Questore Raffaele Grassi.
Continuano, senza sosta, i controlli predisposti nell’ambito del Piano di azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta, elaborato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica,estesi all’intero territorio cittadino.

Nei giorni scorsi, militari del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, assieme ai colleghi della Stazione Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, Caulonia e Gioiosa Ionica, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla ricerca di armi e sostanze stupefacenti, hanno rinvenuto, occultato all’interno di un canale di scolo delle acque meteoriche di un bosco del comune di Mammola, un fucile semiautomatico cal. 12, privo di matricola, e un fusto in acciaio della capienza di cinquanta litri circa, contenente oltre 80 munizioni per arma corta e lunga di vario calibro, un passamontagna, 500 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo marijuana e denaro contante.

Reggio Calabria. Intimidazione ai danni della famiglia Congiusta. Davanti l'ingresso del negozio di Siderno della famiglia di Gianluca Congiusta è stato lasciato un cumulo di terra, a simboleggiare una piccola sepoltura. Il giovane imprenditore venne assassinato nel 2005, da un killer di 'ndrangheta ancora senza volto e nome, alla periferia di Siderno con un colpo di

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.