unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAAgnana Calabra, avviso di conclusione indagini per quattro impiegati del Comune

Agnana Calabra, avviso di conclusione indagini per quattro impiegati del Comune

Pubblicato in CRONACA Lunedì, 15 Aprile 2019 16:22

I Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, a conclusione di mirati accertamenti, hanno notificato un “avviso di conclusione delle indagini” a 4 impiegati di quel Comune, per truffa aggravata ed interruzione di pubblico servizio. L’attività investigativa sul contrasto al fenomeno del cosiddetto “assenteismo”, svolta dai Carabinieri coordinati dalla Procura della Repubblica di Locri, ha consentito di accertare reati che vanno dalla truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico, all’ attestazione fraudolenta della presenza in servizio, all’abuso d’ufficio e al peculato.

I militari dell’Arma hanno scoperto che alcuni impiegati, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, con artifizi e raggiri e modalità fraudolente (volti a certificare falsamente la presenza in servizio, in particolare strisciando il badge pur essendo, di fatto, assenti dal luogo di lavoro), si sono procurati ingiusti vantaggi patrimoniali con danni per l’ente che erogava gli stipendi. La complessa e articolata attività d’indagine, protrattasi duranti i primi tre mesi del 2018, eseguita con servizi di osservazione e pedinamento, ma anche mediante sistemi di videoripresa, ha evidenziato continue condotte illecite poste in essere da buona parte del personale dipendente, che era solito allontanarsi dal luogo di lavoro per svolgere attività di esclusivo interesse personale. Gli indagati, eludendo così il sistema di rilevazione elettronica delle presenze, si dedicavano alle più svariate attività personali: vi era infatti chi effettuava sortite in circoli ricreativi, nei bar o intratteneva pubbliche relazioni in strada. 

Agnana Calabra 15 aprile 2019

Letto 170 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taurianova, ai domiciliari per detenzione abusiva di arma e munizionamento

    Nella mattina di ieri, i carabinieri della Compagnia di Taurianova, con il supporto dei colleghi Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto un 68enne di Molochio, per i reati di ricettazione, detenzione abusiva di munizionamento e di una arma comune da sparo clandestina.
    In particolare, i militari dell’Arma, in località Timpe, al termine di una perquisizione eseguita presso un terreno agricolo e all’interno di due casolari, adibiti a deposito attrezzi e stalla, nella sua piena disponibilità, hanno rinvenuto una pistola cal. 7,65 con matricola abrasa e oltre 70 cartucce.

  • Calanna, un arresto per produzione di sostanza stupefacente

    Ieri pomeriggio, i carabinieri della stazione di Calanna, supportati dai colleghi “Cacciatori” di Vibo Valentia, durante un controllo straordinario del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un 25enne reggino, con l’accusa di produzione di sostanza stupefacente.
    In particolare, i militari dell’Arma hanno sorpreso l’uomo in contrada Rosaniti del comune di Calanna, mentre annaffiava in un’area demaniale, una piantagione di canapa indiana composta da oltre 50 piante di altezza ben superiore ai 3 metri, le quali, a seguito di campionatura per successivi esami di laboratorio, sono state distrutte sul posto.

  • Rosarno, arrestato dai Carabinieri un Vigile Urbano

    Sabato scorso, a Rosarno, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio disposto dalla compagnia di Gioia Tauro e finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, i carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato in flagranza di reato, un 63enne di Rosarno, Ispettore Capo della locale Polizia Municipale, in quanto ritenuto responsabile del reato di induzione indebita a dare o promettere utilità.
    L’arresto è avvenuto nella mattinata di sabato quando, una pattuglia della Tenenza di Rosarno, impegnata in un servizio di prevenzione nelle vie del mercato settimanale, notava un vigile urbano che, in uniforme e con l’auto di servizio, si aggirava per le vie del mercato riscuotendo denaro contante, generi alimentari e altre merci da alcuni commercianti.

  • Giffone, ritrovata dai Carabinieri la donna scomparsa

    I familiari ne avevano segnalato la scomparsa nel tardo pomeriggio di ieri, preoccupati dal mancato rientro a casa di una 67enne di Giffone, che si era allontanata nella prima mattina nei boschi alla ricerca di funghi e per curare le sue campagne, come abitualmente faceva.
    Per fortuna nella tarda mattinata di oggi, dopo quasi 27 ore, la donna è stata ritrovata dai Carabinieri in contrada Riace di Giffone, in discrete condizioni di salute.

  • Palmi, controlli antidroga e un arresto per evasione dai domiciliari

    Lo scorso fine settimana, i carabinieri della compagnia di Palmi hanno svolto un servizio di controllo del territorio che ha portato all’arresto di un uomo residente a Santa Cristina d’Aspromonte accusato di evasione e al rinvenimento di circa un chilo di sostanze stupefacenti tra cui cocaina, marijuana confezionata e piante di cannabis indica.
    In particolare i carabinieri della stazione di Santa Cristina d’Aspromonte hanno tratto in arresto un 54enne che, nel corso di un controllo svolto dai militari dell’Arma, non è stato trovato presso la propria abitazione dove era sottoposto alla detenzione domiciliare in conseguenza di una condanna emessa a suo carico proprio a seguito di un’altra evasione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.