unci banner

:: NEWS

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto...

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAIl Questore della Provincia di Reggio Calabria emette un provvedimento di aggravamen-to di d.a.spo

Il Questore della Provincia di Reggio Calabria emette un provvedimento di aggravamen-to di d.a.spo

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 22 Maggio 2019 11:17

Un’altra decisa risposta arriva da parte del Questore della Provincia di Reggio Calabria ai comportamenti scorretti tenuti in occasione della manifestazioni sportive.
E’ stato aggravato il provvedimento di d.a.spo. nei confronti di P.G. cl.’95, già emesso da quest’Ufficio il 29.08.17 per anni due.
Il tifoso della squadra calcistica della “Reggina 1914”, sebbene già sottoposto al divieto di accedere alle manifestazioni sportive, era stato notato dal personale del locale U.P.G.S.P. in prossimità del cancello d’ingresso alla Curva Sud dello stadio “O.Granillo” di Reggio Calabria, in occasione dell’incontro di calcio disputato il 20.04.19 con la “F.C. Casertana”, valevole per il Campionato di Lega Pro Girone C.

Pochi minuti prima il P.G. si era regolarmente presentato in Questura per adempiere alla prescrizione della firma connessa al suddetto provvedimento e, uscito da questi Uffici, si era diretto al-lo stadio, in palese violazione del divieto impostogli.
Prima di riuscire ad entrare nell’area della Curva Sud, veniva tuttavia riconosciuto dagli operatori della Polizia di Stato e per tale motivo si dava alla fuga, tentando di far perdere le proprie tracce. Il tentativo è risultato vano, poiché gli operatori della Polizia di Stato, in sella alle loro moto, lo hanno raggiunto in via Sbarre Inferiori e hanno proceduto all’arresto.
Con il nuovo provvedimento, emesso per la durata di anni otto, è stato altresì prescritto al predetto l’obbligo di presentazione presso gli Uffici della Questura, per un eguale periodo, in occasione di tutte le manifestazioni sportive in cui sia impegnata la squadra della “Reggina 1914”.
In particolare è stato prescritto che:
1) si presenti in occasione delle partite giocate dalla “Reggina 1914” presso il locale stadio comunale “O. Granillo”: all’ora d’inizio della partita; 20 minuti dopo l’inizio del primo tempo; all’inizio del secondo tempo; 20 minuti dopo l’inizio del secondo tempo; all’ora di termine del secondo tempo;
2) in occasione delle partite giocate dalla “Reggina 1914” “fuori casa” mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo.
La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vi-vere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedi-menti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza da chiunque commessa.


Reggio Calabria, 22 maggio 2019

Letto 124 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Le Volanti arrestano un uomo per maltrattamenti in famiglia grazie ai protocolli operativi EVA e LIANA

    L’attività di contrasto ai reati di violenza di genere, fortemente incrementata dal Questore della Reggio Calabria Maurizio Vallone, ha portato ad un nuovo risultato degli Agenti della Polizia di Stato dell’UPGSP in servizio di controllo del territorio.
    Un reggino di 38 anni è stato tratto in arresto in flagranza di reato di maltrattamenti in famiglia, nella zona sud della città, a seguito dell’intervento della Volante cui era stato segnalato che un uomo teneva atteggiamenti violenti nei confronti della moglie.
    Attivati quindi i protocolli EVA e LIANA, i poliziotti hanno intercettato la donna in strada, in evidente stato di agitazione, ed il marito che, poco distante, inveiva nei suoi confronti. La donna, reggina di 39 anni, alla vista del personale delle Volanti e in preda ad una crisi di pianto, ha esortato gli Agenti a non lasciarla sola con l’uomo che poco prima l’aveva percossa.

  • Trentanovenne arrestato per violenza sessuale aggravata su minore di 14 anni

    A conclusione di delicate indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore della Repubblica dr. Giovanni BOMBARDIERI, nel pomeriggio di ieri, la Squadra Mobile di Reggio Calabria ha dato esecuzione ad una Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il locale Tribunale nei confronti di un 39enne reggino, responsabile del delitto di violenza sessuale aggravata perché commessa nei confronti di una minore di quattordici anni.

  • Violenza di genere: arrestato un uomo violento che maltrattava e aggrediva la convivente

    La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, con il supporto delle Volanti della Questura, in esito a delicate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in regime di detenzione domiciliare emessa dal G.I.P. nei confronti di un uomo, G.F. classe ’70, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi, consumato ai danni della moglie, anche in presenza della figlia minore.

  • Contrasto al fenomeno del caporalato: sequestrata una masseria nella Piana

    A conclusione di un’intensa attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, il 30 luglio 2019 u.s. gli uomini della 2^ Sezione della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, unitamente al personale del Commissariato di P.S. di Gioia Tauro, hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Palmi, di una masseria sita nella Contrada San Fili di Melicucco (RC), all’interno della quale erano alloggiati numerosi cittadini extracomunitari di origine africana in condizioni igienico-sanitarie precarie.

  • Arrestato dalla Polizia latitante di 'ndrangheta ricercato dal 2015

    Alle prime luci dell’alba, personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Reggio Calabria, supportato da personale del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine e della Squadra Mobile di Vibo Valentia, ha tratto in arresto in Santa Domenica di Ricati (VV) il latitante CREA Domenico, nato a Cinquefrondi (RC) il 4.5.1982, capo della consorteria mafiosa operante in Rizziconi e zone limitrofe, collegata ed imparentata con la potente famiglia Alvaro di Sinopoli, latitante dal 2015 quando venne colpito da misura cautelare per i reati di associazione mafiosa, estorsione ed altro a seguito di sentenza di condanna in primo grado a 15 anni di reclusione emessa dal Tribunale di Palmi.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.