unci banner

:: Evidenza

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Mercoledì 22 agosto il gran finale di Rumori Mediterranei, 38ma Edizione di Roccella Jazz Festival. L'ultima serata al Teatro al Castello di Roccella Jonica esalta...

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Sale a diecii il bilancio delle vittime della piena nelle Gole del Raganello. Tre le persone ancora disperse. Le operazioni di ricerca sono andate avanti...

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Si è spento oggi Mario Congiusta, da anni si batteva perchè venisse fatta piena luce sull'omicidio del figlio Gianluca. Il suo ricordo nelle parole di...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAIl Questore emette altri due provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti dei tifosi catanesi per gli scontri al porto

Il Questore emette altri due provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti dei tifosi catanesi per gli scontri al porto

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 16 Maggio 2018 13:03

Continua l’azione del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 18 febbraio scorso, relativo agli scontri tra i tifosi del “Catanzaro Calcio” e quelli del “Catania Calcio”, avvenuti presso il porto di Reggio Calabria, ove le due tifoserie si erano casualmente incontrate, in quanto la prima era diretta in Sicilia per assistere all’incontro di calcio con la squadra agrigentina dell’“Akragas”, mentre la seconda era appena sbarcata per dirigersi in Puglia ove avrebbe partecipato all’incontro con il “Monopoli Calcio”.
Il Questore Raffaele Grassi, il 10 maggio scorso ha emesso 2 ulteriori provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di altrettanti tifosi catanesi per la durata di anni cinque ciascuno nei confronti di C.G. cl.’88 e G.G. cl.’90, coinvolti in quello

che è stato un vero e proprio episodio di guerriglia urbana, durante il quale sono stati utilizzati, per portare a termine l’aggressione, tubi in ferro, tubi in pvc, cinture e altro materiale presente in banchina, successivamente acquisito dagli operatori della Polizia di Stato, prontamente intervenuti.
Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione presso l’Ufficio di Polizia competente per territorio mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali siano impegnate, a qualsiasi titolo, la compagine calcistica del “Catania Calcio”, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.
La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vivere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedimenti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza.

Reggio Calabria, 16 maggio 2018

Letto 94 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Estate Sicura, un salvataggio tra gli interventi della Polizia

    Proseguono i controlli sul lungomare reggino finalizzati a garantire la massima sicurezza nella fruizione degli spazi pubblici durante il periodo estivo a residenti e turisti. Nei giorni scorsi, in particolare, nell’ambito dell’iniziativa “Estate Sicura”, fortemente voluta dal Questore di Reggio Calabria, Dr. Raffaele GRASSI, il personale della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Reggio Calabria e presso il XII Reparto Mobile è intervenuto presso i lidi del lungomare ed hanno tratto in salvo un uomo di 31 anni che in acqua annaspava tra gli scogli urlando di volersi suicidare.

  • Intensificazione dei controlli della Polizia di Stato in occasione del Ferragosto

    Il Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, così come concordato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, attesa la notevole affluenza di persone nei luoghi di forte richiamo turistico che potrebbe costituire occasione per l’attuazione di progettualità criminose ha disposto, per le giornate a ridosso del ferragosto, l’implementazione dei servizi di controllo straordinario del territorio e di vigilanza agli obiettivi sensibili, finalizzati a garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, prevenendo ogni forma di illegalità.

  • Palmi, divieto di avvicinamento alla ex moglie per un 58enne

    Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Palmi ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale, emessa dall’Autorità Giudiziaria di Palmi nei confronti di un 58enne di Palmi ritenuto responsabile di atti persecutori in danno della ex moglie. L’uomo, dopo la separazione, per circa 2 anni ha più volte minacciato di morte nonché posto in essere pedinamenti ed insultato la ex moglie costringendola a modificare le sua abitudini ed ingenerando nella stessa gravi stati di ansia e di paura.

  • Controlli in città: due arresti e cinque denunce delle Volanti

    Dall’inizio di questa settimana, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio e di contrasto della criminalità diffusa, disposta dal Questore della Provincia di Reggio Calabria Raffaele Grassi, con particolare attenzione al controllo e contrasto dei reati predatori, le Volanti, in diversi servizi di polizia, hanno operato 2 arresti e denunciato 5 soggetti. Nei fatti, un primo arresto in flagranza di reato è stato effettuato di notte, in pieno centro città, a carico di un cittadino rumeno di 29 anni che, armato di coltello e per futili motivi, aveva aggredito un connazionale colpendolo al volto. Immediato è stato l’intervento del personale della Polizia di Stato che ha disarmato l’uomo arrestandolo.

  • Aggravamento della misura cautelare per Giovanni Tegano, dai domiciliari al carcere

    Nel pomeriggio di ieri, al culmine di approfondite indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore della Repubblica dr. Giovanni BOMBARDIERI, gli investigatori della locale Squadra Mobile hanno condotto in carcere TEGANO Giovanni, nato a Melito di Porto Salvo (RC) il 25.03.1996 e residente ad Archi - nipote del noto boss TEGANO Giovanni cl. 1939, vertice dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta ed attualmente detenuto - per il delitto di violenza privata aggravato dalle modalità mafiose, commesso in pregiudizio di un giovane reggino, in esecuzione di una nuova ordinanza emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria di aggravamento della precedente che disponeva gli arresti domiciliari.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.