unci banner

:: Evidenza

Frana Sant’Anna di Seminara: gli aggiornamenti della Prefettura

Frana Sant’Anna di Seminara: gli aggiornamenti della Prefettura

Reggio Calabria. Si è tenuta nella mattinata odierna presso il Palazzo del Governo una riunione tecnica convocata dal Prefetto di Reggio Calabria per fare il punto della situazione sul movimento franoso registratosi nella notte dello...

Alle "Muse" i prodotti della Calabria per un sano nutrizionismo: incontro con esperti del settore

Alle "Muse" i prodotti della Calabria per un sano nutrizionismo: incontro con esperti del settore

Reggio Calabria. I prodotti che vengono definiti a km 0 sono stato l’argomento trattato domenica scorsa, presso l’associazione “Le Muse” di Reggio Calabria che ha promosso un incontro con lo scopo programmatico di promuovere e,...

Reggio Calabria. Protocollo d'intesa tra Università Mediterranea e AIL

Reggio Calabria. Protocollo d'intesa tra Università Mediterranea e AIL

Reggio Calabria. Oggi presso la Sala organi collegiali dell’Università, il magnifico rettore Santo Marcello Zimbone, e la presidentessa dell’AIL Reggio Calabria-Vibo Valentia Rosalba Di Filippo Scali, hanno sottoscritto il protocollo di intesa per la “Tutela...

Basket in Carrozzina. Le finali nazionali per la Serie A si giocheranno a Reggio Calabria

Basket in Carrozzina. Le finali nazionali per la Serie A si giocheranno a Reggio Calabria

Reggio Calabria. Dal 29 al 31 marzo 2019, Reggio Calabria diventerà un punto d’attenzione importante dello sport nazionale La Città Metropolitana ha voluto fortemente sostenere e patrocinare un evento che unisce sport e sociale: l’impianto...

Iniziato lo sciopero di 48 ore dei dipendenti AVR: info per la cittadinanza

Iniziato lo sciopero di 48 ore dei dipendenti AVR: info per la cittadinanza

E’ iniziato oggi lo sciopero di 48 ore proclamato dai dipendenti di AVR che questa mattina hanno manifestato in piazza Italia. In questi due giorni ricordiamo che: “Saranno garantiti i servizi minimi essenziali previsti dalla...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAIl Questore emette altri due provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti dei tifosi catanesi per gli scontri al porto

Il Questore emette altri due provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti dei tifosi catanesi per gli scontri al porto

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 16 Maggio 2018 13:03

Continua l’azione del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 18 febbraio scorso, relativo agli scontri tra i tifosi del “Catanzaro Calcio” e quelli del “Catania Calcio”, avvenuti presso il porto di Reggio Calabria, ove le due tifoserie si erano casualmente incontrate, in quanto la prima era diretta in Sicilia per assistere all’incontro di calcio con la squadra agrigentina dell’“Akragas”, mentre la seconda era appena sbarcata per dirigersi in Puglia ove avrebbe partecipato all’incontro con il “Monopoli Calcio”.
Il Questore Raffaele Grassi, il 10 maggio scorso ha emesso 2 ulteriori provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di altrettanti tifosi catanesi per la durata di anni cinque ciascuno nei confronti di C.G. cl.’88 e G.G. cl.’90, coinvolti in quello

che è stato un vero e proprio episodio di guerriglia urbana, durante il quale sono stati utilizzati, per portare a termine l’aggressione, tubi in ferro, tubi in pvc, cinture e altro materiale presente in banchina, successivamente acquisito dagli operatori della Polizia di Stato, prontamente intervenuti.
Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione presso l’Ufficio di Polizia competente per territorio mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali siano impegnate, a qualsiasi titolo, la compagine calcistica del “Catania Calcio”, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.
La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vivere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedimenti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza.

Reggio Calabria, 16 maggio 2018

Letto 174 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Due arresti della Polizia per furto in appartamento

    Nei giorni scorsi, a conclusione di articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, la Squadra Mobile - Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”-, unitamente a personale dell’Ufficio Volanti, ha dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, nei confronti di B. M., classe 1976, ed A. A., classe 1992, indagati per furto in appartamento.

  • Uscito dal carcere continua a perseguitare la ex moglie, la Polizia di Stato lo arresta

    La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, a conclusione di tempestive indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore della Repubblica Giovanni BOMBARDIERI, nella giornata del 27 dicembre u.s. ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, nei confronti di un 42enne, ritenuto gravemente indiziato del reato di atti persecutori e danneggiamento seguito da incendio ai danni della ex moglie.

  • Ardore: un’arma da guerra, oltre 1300 munizioni e tre giubbotti antiproiettili sequestrati dalla Polizia

    Nell’ambito delle attività istituzionali di prevenzione e repressione dei reati, intensificate nel periodo natalizio, personale della Squadra Mobile di Reggio Calabria, con il supporto dell’Unità Cinofila dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, ha rinvenuto all’interno di alcuni pacchi, giunti ad Ardore Marina (RC), un’arma da guerra modello STEN ed oltre 1300 munizioni di vario calibro (9, 40, 357 e 7,62) che sono state debitamente sequestrate.

  • Ordinanza di misura cautelare nei confronti di 4 minori per lesioni personali aggravate nei confronti di un coetaneo

    Nei giorni scorsi, personale dell’Ufficio Generale e Soccorso Pubblico, unitamente a personale della Divisione Polizia Anticrimine - Ufficio Minori, dava esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di quattro minorenni resisi responsabili, in concorso, del reato di lesioni personali aggravate nei confronti di un loro coetaneo, fatto avvenuto in data 25.07.2018 sul centralissimo Corso Garibaldi. Nell’occorso, gli eventi avevano inizio con lo spegnimento di una sigaretta sull’avambraccio sinistro della vittima, proseguivano con l’invito a recarsi in un posto appartato al simulato scopo di un chiarimento tra le parti per poi proseguire in una violenta aggressione, colpendo la vittima con calci, pugni e una cintura, provocandogli, malgrado il disperato tentativo di fuga, la frattura della mandibola, dello zigomo e dell’orbita (con lesioni superiori a gg 40).

  • San Martino di Taurianova, operazione "Quieto vivere" contro le cosche Cianci-Maio-Hanoman

    Alle prime ore della mattinata odierna, al termine di articolate indagini supportate da numerosi presìdi tecnologici e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato P.S. di Taurianova (RC), con il supporto dell’omologo Ufficio di P.S. di Cittanova (RC), hanno dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di misure cautelari n. 8291/2014 R.G.N.R. D.D.A., n. 211/2016 R.G. G.I.P. e n. 5/2016 R.O.C.C. emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di 8 soggetti, di cui 6 destinatari della custodia cautelare in carcere e 2 della misura degli arresti domiciliari, indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa (cosca di ‘ndrangheta Cianci-Maio-Hanoman operante a San Martino di Taurianova), estorsione ed intestazione fittizia di beni, aggravate dall’aver agevolato la citata cosca di ‘ndrangheta.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.