unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAIncendio distrugge gli alberi di Piazzale Zagarella a Lazzaro

Incendio distrugge gli alberi di Piazzale Zagarella a Lazzaro

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 25 Luglio 2019 10:16

Intorno alle ore 16,30 dello scorso 24 luglio si è innescato un incendio in piazza Zagarella di Lazzaro, la cui propagazione favorita dal vento ha interessato da vegetazione spontanea, arbustiva e arborea, sterpaglie e erba secca e numerosi alberi, alcuni dei quali situati sul rilevato stradale della Ss 106 che su questa propendono. Sono stati bruciati rifiuti di diversa tipologia presenti tra le sterpaglie, tra cui materiale plastico. Interessate anche le infrastrutture presenti, illuminazione pubblica.Le adiacenti abitazioni e tutto il circondario sono stati invasi dal fumo, per qualche ora l’aria era irrespirabile e la visibilità sull’adiacente Ss 106 era quasi a zero.

Sono intervenuti i Vigili del Fuoco e atteso che alta si presentava la probabilità che alcuni alberi che propendevano sulla Ss 106 avvolti dalle fiamme alla base del tronco potessero crollare ho chiesto telefonicamente, in attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco l’intervento dei Carabinieri di Lazzaro a garantire la circolazione stradale sulla Ss 106.
Proprio alcuni giorni addietro la scrivente associazione aveva inviato ad alcune articolazioni comunali e alla polizia municipale una richiesta di intervento indicando le aree ad alto rischio incendio tra cui quella di Piazza Zagarella. E’ necessario a mio avviso emettere un Ordinanza sindacale di divieto di utilizzazione di tutte le aree interessate dal fuoco e dare incarico a personale competente nello specifico Settore affinché verifichi la stabilità degli alberi, alcuni dei quali potrebbero essere ormai privi di vita, il tutto a tutela della incolumità pubblica e della circolazione stradale.
A tal fine si tenga conto che fra pochi giorni nella piazza Zagarella si svolgeranno i festeggiamenti civile in onore del Santo patrono“Santa Maria delle Grazie” durante i quali si prevede la presenza, come ogni anno, di un alto numero di cittadini che in gran parte sostano lato mare della piazza anche lungo e in adiacenza al rilevato stradale, quindi saranno tra l’altro direttamente esposti anche alle sostanze nocive assorbite dal terreno e dallo stesso rilasciate a seguito di incendio. Appare necessario individuare un’ altra area da adibire a tale scopo.
Qualora le autonome valutazioni dei competenti funzionari indicassero il luogo in argomento idoneo a svolgere manifestazioni civili, riteniamo dover rinnovare la richiesta più volte avanzata negli anni passati, ovvero di tenere conto, dei rischi reali che in tali occasioni la moltitudine di persone è soggetta in caso di pericolo non potendo raggiungere un luogo sicuro, atteso che la strada di accesso alla piazza e altre possibili spazi vengono occupati dalle bancarellee da altre attrezzature. Tale importante esigenza fino a ora non è stata tenuta nella debita considerazione.

Vincenzo CREA
Referente unico dell’A.N.CA.DI.C
Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

Lazzaro (Motta San Giovanni) 25 luglio 2019

Letto 137 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Crea (Ancadic/Oliveto) sottovalutate le segnalazioni sulla rupe di Capo D’Armi

    Nei primi giorni della scorsa settimana, un blocco lapideo dall’alto del viadotto di Capo d’Armi è franato demolendo un pezzo di basamento dei piloni. La notevole quantità di blocchi lapidei crollati e giacenti sulla spiaggia ben certifica il perpetuarsi della condizione di pericolo, per cui anche a seguito della recente frana, è necessario disporre urgenti verifiche tecniche e geologiche già richieste dall’ANCADIC a far data settembre 2015, per accertare la stabilità geologica della rupe, perché lo stato dei luoghi indica crolli di grossi blocchi lapidei dal livello del mare in su e altri blocchi pronti a staccarsi.

  • Lazzaro, Crea (Ancadic/Oliveto): nuova discarica in via dei Mosaici

    Il Comune di Motta SG effettuata il servizio di raccolta dei rifiuti con il metodo porta a porta, avvalendosi della società Locride Ambiente.
    Da quasi un anno si registrato notevoli ritardi nella raccolta dei rifiuti solidi urbani che ha determinato gravi inconvenienti igienico sanitari in tutto il territorio mottese, soprattutto nel paese di Lazzaro. In particolare si registra una grave situazione igienico sanitaria che si perpetuata da tanto tempo originata dall’ammasso di rifiuti che per giorni e giorni giacciono sul marciapiede di via dei Mosaici a pochi metri dalle abitazioni, ove vi è una notevole quantità di rifiuti di diversa tipologia tra cui quelli di natura organica, contenuti in buste di plastica di diverso colore in gran parte rotte i cui liquami si riversavano sul marciapiede.

  • Motta San Giovanni, Crea (Ancadic/Oliveto): positivo momento di confronto con l'amministrazione comunale

    Lo scorso 30 luglio si è tenuto un incontro presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Motta SG tra il Responsabile dell’Area Ambiente – Lavori Pubblici e dell’Area Tecnica, Ing. Giovanna Chilà e il referente unico dell’A.N.CA.DI.C e responsabile del Comitato Torrente Oliveto, Vincenzo Crea.
    L’incontro è scaturito dalla necessità di avere un quadro completo delle numerose problematiche segnalate dalla scrivente associazione, atteso che al precitato dipendente di ruolo del Comune di Motta SG lo scorso 21 maggio con ordinanza sindacale sono state conferite sino al 31/12/2019 le funzioni degli Uffici sopra indicati essendo venuto meno, a seguito del dissesto finanziario dichiarato dal comune di Motta SG, il rapporto di lavoro con il precedente Dirigente.

  • Comunia (Lazzaro), Crea (Ancadic/Oliveto): verificare dissesto del terreno nell'area interessata dalla discarica

    Nelle osservazioni e successive integrazioni presentate dalla scrivente associazione agli uffici competenti della regione Calabria e agli Enti interessati alla conferenza dei servizi, abbiamo fortemente evidenziato la condizione di dissesto diffuso ed inquinamento ambientale nella vasta area di Comunia, inclusa l’area circostante alla discarica. Al riguardo l’Autorità di Bacino regionale della regione Calabria ci confermava il parere espresso in conferenza di servizi comunicandoci che l’area di interesse non rientra nel piano stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PAI) all’interno di aree perimetrate a rischio frana o idraulico, precisando che l’area non è interessata dal reticolo idrografico.

  • Crea (Ancadic/Torrente Oliveto): Più sensibilità per le esigenze dei bambini

    L’attività svolta dall’ANCADIC è finalizzata anche alla tutela dell’ambiente, della salute e della incolumità pubblica, ma quando si tratta di esigenze che riguardano i bambini in senso lato del mondo scolastico siamo maggiormente stimolati a stare più vicino a loro, ai loro genitori e a tutte quelle persone e associazioni di volontariato, che operano in silenzio dedicando gran parte del loro tempo alle esigenze dei bambini e alla loro crescita in senso fisico. Per questo abbiamo pensato, anche a seguito di sollecitazioni di alcuni cittadini, di chiedere in primis al Sindaco del Comune di Reggio Calabria il completamento di alcuni impianti sportivi con particolare riferimento alle strutture in acqua (piscine).

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.