unci banner

:: NEWS

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

È importante che, a problemi strutturali, si diano risposte strutturali. Ribadiamo, anche da questo palcoscenico, che chi di dovere deve avere l'umiltà di sedersi intorno ad un tavolo, con tutte...

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

"Iniziative come questa sono la testimonianza che, tutti uniti lavorando verso una direzione comune, possiamo definitivamente spezzare i tentacoli della piovra mafiosa". Così, il sindaco Giuseppe Falcomatà, ha salutato gli...

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Con riferimento al Bando Anci Conai per la comunicazione locale – edizione 2019, il comune di Villa San Giovanni è stato ammesso al cofinanziamento di 45mila euro per il progetto...

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

S’è tenuto questa mattina, nella sala “Monsignor Ferro” di Palazzo Alvaro, l’incontro istituzionale tra il cardinale Ernest Simoni e il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà – introdotto da Marcello Condorelli, portavoce...

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

C'è anche Caulonia tra i centri beneficiari del finanziamento milionario per i beni culturali del distretto della Locride deliberato dalla Giunta Regionale. Ammonta infatti a 1 milione e 400 mila...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACALa DIA di Reggio Calabria confisca beni per sette milioni di euro ad imprenditore reggino

La DIA di Reggio Calabria confisca beni per sette milioni di euro ad imprenditore reggino

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 17 Luglio 2019 08:12

La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, sotto il coordinamento del Procuratore Distrettuale di Reggio Calabria Giovanni BOMBARDIERI e del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano PACI, ha eseguito un decreto di CONFISCA beni emesso dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di MORGANTE Roberto, 60 anni, nativo di Villa San Giovanni, imprenditore nel settore edilizio ed attualmente sottoposto a regime detentivo. Già sottoposto alla misura dell’avviso orale nel 1993 dal Questore di Reggio Calabria, nel 2014, il proposto unitamente ad altri 39 soggetti, era stato raggiunto dalla misura di custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione “TIBET”, coordinata dalla Procura della Repubblica – DDA di Milano e le cui indagini erano state condotte dalla Squadra Mobile di Milano - con il significativo apporto investigativo fornito dal Centro Operativo D.I.A. di Reggio Calabria che aveva attenzionato il MORGANTE in altra parallela attività di polizia giudiziaria.

Sulla base delle risultanze investigative di entrambi gli uffici di polizia, era emerso che il MORGANTE agiva quale rappresentante e collettore di risorse economiche di cosche operative sul territorio di Reggio Calabria, coinvolte nelle lucrose attività delittuose a sfondo finanziario gestite in Lombardia e, segnatamente nel c.d. “Locale” di Desio (MB), dalla cosca di ‘ndrangheta allora capeggiata da PENSABENE Giuseppe. MORGANTE era risultato agire quale finanziatore e, quindi, compartecipe alle iniziative finanziarie illecite che la consorteria milanese perpetrava su quel territorio, soprattutto di natura usuraia.

Il MORGANTE veniva per tali fatti condannato, in primo grado, dal GUP di Milano nel giugno 2015 per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa alla pena di 6 anni e 10 mesi di reclusione e con la confisca di numerosi beni. La sentenza, nel luglio 2016, veniva confermata dalla Corte di Appello di Milano. Nel settembre 2017, la Corte di Cassazione, pur annullando con rinvio limitatamente alla confisca dei beni, confermava la responsabilità penale del proposto.
Con l’odierno provvedimento, il Tribunale - Sez. Misure di Prevenzione - di Reggio Calabria, ha ritenuto, ai sensi della normativa in tema di misure di prevenzione, l’imprenditore reggino portatore sia di pericolosità sociale qualificata che generica in quanto, da un lato gravemente indiziato di appartenenza alla ‘ndrangheta, dall’altro poichè soggetto che ha vissuto in tutto o in parte dei proventi di reati contro il patrimonio sin dalla fine degli anni 90.

In merito, il prefato Collegio ha affermato che il Morgante rappresenta la figura dell’imprenditore “colluso” con la criminalità organizzata….ossia dell’imprenditore che entra in un rapporto sinallagmatico con l’associazione mafiosa tale da produrre vantaggi per entrambi i contraenti…”.

Riguardo la parte patrimoniale, il prefato Tribunale, ha ritenuto che il patrimonio del proposto e dei suoi stretti congiunti “debba ritenersi il frutto o il reimpiego di proventi di attività illecite in quanto direttamente ricollegabile (anche quale reinvestimento) alla accertata e risalente pericolosità sociale qualificata del MORGANTE, strettamente connessa alla sua attività imprenditoriale, e mai venuta meno…”.

Per il Tribunale, inoltre, le imprese del proposto sono ascrivibili nel genus dell’impresa mafiosa conseguendone che, il successo imprenditoriale del MORGANTE, sia da attribuirsi al pesante condizionamento esercitato nel territorio di riferimento dalla ‘ndrangheta, che, attraverso il metodo mafioso, gli ha assicurato illecitamente una posizione di preminenza sul mercato.

Complessivamente, il collegio giudicante ha disposto la confisca di attività aziendali e di numerosi beni personali, già sottoposti a sequestro di prevenzione nel marzo del 2018, concordando pienamente con le rigorose ed esaustive informazioni controdeduttive prodotte - in sede di contraddittorio con la parte - dalla DIA di Reggio Calabria efficacemente supervisionata e diretta dalla locale Procura Distrettuale.
Nel dettaglio sono stati interessati dalla confisca:
4 società [per l’intero o per quote del rispettivo capitale sociale e corrispondente patrimonio aziendale] operanti nel settore edilizio e del commercio all’ingrosso e dettaglio di articoli per impianti idro-termo-sanitari;
26 immobili ad uso personale ed aziendale, siti a Reggio Calabria e Villa San Giovanni;
numerosi e consistenti conti correnti personali ed aziendali, polizze e dossier titoli per un valore di circa 2,6 milioni di euro.
Il valore complessivo dei beni sottoposti a confisca ammonta a circa Euro 7.000.000,00.

Reggio Calabria, 17 luglio 2019

Letto 152 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Confisca beni per un valore di 410 mila euro ad affiliato cosca Serraino

    Oggi personale del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria ha confiscato beni immobili e prodotti finanziari intestati a Giovanni Siclari cl. 88 e al proprio nucleo familiare. Con lo stesso provvedimento l'uomo è stato sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, per la durata di tre anni, che l’interessato sconterà una volta scarcerato. In particolare, Siclari è ritenuto affiliato alla cosca reggina denominata

  • DIA confisca a imprenditore reggino, legato a una cosca, beni per 5,5 milioni di euro

    La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, ha dato esecuzione ad un decreto di confisca beni emesso, su proposta del Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino nei confronti di Domenico Passalacqua, 66enne nativo di Reggio Calabria, operante nel settore della ristorazione, ritenuto imprenditore di riferimento della cosca Buda-Imerti, egemone nel territorio ricadente nei comuni di Villa San Giovanni,

  • DIA confisca beni a imprenditore reggino

    Dalle prime ore della mattinata odierna è in corso di esecuzione, da parte del personale della Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, un decreto di sottoposizione a confisca, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, di un cospicuo patrimonio aziendale e personale, nei confronti di un imprenditore di riferimento della cosca BUDA-IMERTI, egemone nel territorio ricadente nei comuni di Villa San Giovanni, Fiumara di Muro (RC) e territori vicini.

  • La DIA confisca beni per due milioni di euro

    La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, sotto la supervisione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, ha eseguito un decreto di confisca beni emesso dal locale Tribunale – Sezione  Misure di Prevenzione - nei confronti di GRILLO BRANCATI Vitaliano, 57enne, nativo di Villa San Giovanni (RC).  Il proposto era stato tratto in arresto nell’operazione “Meta”, nella quale, nel giugno del 2010, con Ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Reggio di Calabria, fu disposta

  • Ulteriore attacco della Polizia di Stato alla ‘ndrangheta. Confisca beni di 500 mila euro

    La Polizia di Stato, ad esito di una articolata attività investigativa di natura patrimoniale coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia - Sezione Misure di Prevenzione di Reggio Calabria, ha messo a segno l’ennesimo attacco agli interessi criminali della ndrangheta, dando esecuzione ad un provvedimento di confisca, emesso dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, che ha

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.