:: Evidenza

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

Personale militare della Direzione Marittima - Guardia Costiera - di Reggio Calabria, ha posto sotto sequestro preventivo n° 14 impianti di depurazione acque reflue comunali...

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

Siclari dopo audizione Scura in Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato

«Sono soddisfatto dell’importate risultato ottenuto oggi con la presenza del commissario Massimo Scura in audizione alla Commissione Igiene e Sanità Pubblica del Senato. È il...

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

Il pecorino di Fattoria della Piana sbarca al Salone del Gusto

"L'amore nutre": questo il primo saluto della Calabria passeggiando per i corridoi principali del padiglione del XII Salone del Gusto - Terra Madre dedicato alle...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACALa Guardia di Finanza confisca beni per 33mln di euro

La Guardia di Finanza confisca beni per 33mln di euro

Pubblicato in CRONACA Martedì, 10 Luglio 2018 08:52

Stamattina, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Nucleo Speciale Polizia Valutaria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sostituto Procuratore Stefano Musolino, stanno eseguendo un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale con il quale è stata disposta l’applicazione della misura di prevenzione della confisca in relazione all’ingente patrimonio, costituito da imprese commerciali, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, riconducibile a soggetti indiziati di appartenenza alla cosca di ‘ndrangheta “Labate”.

Tra i soggetti interessati dalla misura di prevenzione, vi è LABATE Michele cl. ‘56, esponente di vertice dell’omonima cosca unitamente al fratello Pietro, che annovera condanne irrevocabili, tra l’altro, per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso.
Al riguardo, proprio il citato LABATE Pietro cl. ’51, già Sorvegliato Speciale di P.S. e latitante per lunghi periodi, è stato - nel corso del 2015 - sottoposto a fermo di indiziato di delitto dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria per il reato di intralcio alla giustizia aggravato dalle finalità e modalità mafiose, in ordine alle minacce perpetrate ai danni di una testimone – in un importante processo in corso proprio nei confronti del fratello Michele e di altri esponenti della cosca “Labate” – volte a indurla a commettere il reato di falsa testimonianza. Per tale delitto, LABATE Pietro è stato condannato – con sentenza confermata dalla Corte di Appello di Reggio Calabria in data 22.09.2016 – alla pena di anni 5 di reclusione.
Gli altri interessati dal presente provvedimento sono i fratelli REMO Giovanni e REMO Pasquale che nell’ambito del procedimento penale n.142/2010 R.G.N.R. DDA sono stati condannati dal Tribunale di Reggio Calabria (con sentenza non definitiva) per il reato - tra gli altri - di cui agli artt. 110 e 416 bis c.p. (concorso in associazione per delinquere di tipo mafioso) ad anni 15 di pena detentiva.
La misura di prevenzione patrimoniale ha, altresì, interessato il patrimonio immobiliare degli eredi di FINTI Antonio cl. ‘42, imprenditore reggino deceduto nel 2014. La sua vicinanza ai LABATE è stata ricostruita attraverso puntuali riscontri alle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia che indicavano il predetto FINTI Antonio quale soggetto a disposizione della cosca “Labate” e deputato al reimpiego dei proventi illeciti attraverso acquisizioni immobiliari.
L’esistenza e l’operatività della cosca “Labate”, nei quartieri di Gebbione e Sbarre della zona sud di Reggio Calabria, è stata più volte accertata con più di una pronuncia già passata in giudicato. In particolare, è stato riconosciuto il ruolo di primo piano di LABATE Michele e del fratello Pietro nell’omonima cosca, nonché il controllo assoluto - già dal 1987 - della gestione delle attività economiche, con riferimento soprattutto al settore del commercio della carne.
In tale contesto le investigazioni a carattere economico/patrimoniale delegate dalla DDA reggina al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria/G.I.C.O. e al Nucleo Speciale Polizia Valutaria – V Gruppo, oltre a delineare la pericolosità sociale qualificata in capo a LABATE Michele e ai fratelli REMO Pasquale e Giuseppe, hanno consentito di qualificare le imprese a loro riconducibili nel genus delle “imprese mafiose” in quanto nate e accresciutesi sfruttando il potere mafioso della cosca “Labate” per sbaragliare la concorrenza, per imporsi sul mercato, per procurarsi clienti, con totale alterazione delle regole della concorrenza, finendo per operare nella zona di competenza in posizione sostanzialmente monopolistica.
Al riguardo sono state ricostruite – attraverso articolati accertamenti e l’acquisizione di copiosa documentazione consistente in contratti di compravendita di beni immobili, di quote societarie, atti notarili, ecc. – tutte le transazioni economiche poste in essere dai prefati LABATE Michele e fratelli REMO negli ultimi 30 anni, appurando che gli investimenti dei proposti e dei componenti dei loro nuclei familiari erano stati effettuati con denaro di provenienza delittuosa in quanto derivante da attività imprenditoriale svolta secondo modalità mafiose.
Per quanto riguarda FINTI Antonio, sebbene il suddetto non sia mai stato direttamente coinvolto in procedimenti penali per il delitto di associazione per delinquere di tipo mafioso o per altri delitti aggravati dal metodo mafioso, l’esistenza del profilo di pericolosità sociale qualificata è stata accertata attraverso i plurimi e puntuali riscontri alle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, posti in essere dai Finanzieri che, ricostruendo i flussi finanziari e le vicende economiche dell’intero nucleo familiare del FINTI, sin dal 1972, hanno appurato che gli investimenti immobiliari effettuati nel tempo erano stati del tutto sproporzionati rispetto alle risorse lecite disponibili.
Alla luce di quanto sopra, la citata Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale con il provvedimento in esecuzione, ha ora disposto:
- l’irrogazione della misura personale della Sorveglianza Speciale di P.S. nei confronti dei prefati LABATE Michele, REMO Pasquale e REMO Giovanni, nonché di LABATE Pietro cl. ‘51, soggetto ritenuto al vertice dell’omonima cosca;
- l’applicazione della misura di prevenzione della confisca del patrimonio riconducibile ai citati LABATE Michele, REMO Pasquale, REMO Giovanni e ai relativi nuclei familiari, oltre che agli eredi di FINTI Antonio cl. ’42, per un valore complessivo di circa € 33.000.000,00, costituito dal patrimonio e quote sociali di 5 complessi aziendali, 62 beni immobili (fabbricati e terreni) siti in Reggio Calabria, 3 autoveicoli e rapporti finanziari/assicurativi e disponibilità finanziarie.
Con l’odierna confisca, il valore dei beni sottratti alla ‘ndrangheta dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria negli ultimi 18 mesi, sale così ad oltre 630 milioni di euro.

Rc 10 luglio 2018

Letto 137 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Operazione Mala Depurazione: sequestrati dalla Guardia Costiera 14 impianti per le acque reflue

    Personale militare della Direzione Marittima - Guardia Costiera - di Reggio Calabria, ha posto sotto sequestro preventivo n° 14 impianti di depurazione acque reflue comunali della provincia di Reggio Calabria, dando esecuzione ai relativi decreti emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria dott.ssa Maria Cecilia VITOLLA, nell’ambito dell’operazione denominata “Mala depurazione” coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria. E’ stato nominato custode giudiziale di tutti gli impianti, con facoltà d’uso, il Dirigente del Dipartimento 11 Ambiente della Regione Calabria, con obblighi di conformare urgentemente lo stato di fatto e di diritto degli impianti alle prescrizioni di legge e di regolamento applicabili in ragione delle violazioni contestate nei provvedimenti di sequestro, il tutto comunque entro e non oltre giorni 45 dalla notifica del provvedimento cautelare.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 20 settembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: - presso la Sala Conferenze Terminal Bus di Atam Largo Botteghelle alle ore 11,00 verranno presentate le risultanze del processo partecipativo “Chiamami per nome”, avviato lo scorso aprile per personalizzare i nuovi autobus acquistati mediante il finanziamento del programma europeo Pon metro, in nome della buona mobilità e del rispetto dei beni comuni.
    -Al MArRC a partire dalle ore 15.30, nella Sala Conferenze, si terrà il convegno-corso formativo “Diverse abilità e inclusione”, accreditato presso l’Ordine degli Assistenti Sociali della Calabria, con il riconoscimento di 3 crediti formativi ai partecipanti. Nell’ambito dell’incontro, promosso dall’Associazione Taranta Wine Fest con la Fondazione Meridonare e l’associazione Keluna, sarà presentata la campagna di crowdfunding finalizzata alla realizzazione di un’altalena per bimbi in carrozzina da collocare sul Lungomare Paolo Latella di Pellaro

  • La salita dietro la Chiesa della Candelora è oggi via Gilda Trisolini

    E' stata ufficialmente intitolata a Gilda Trisolini la via alle spalle della Chiesa della Candelora. Una proposta giunta alla Commissione Toponomastica del Comune direttamente dal Circolo culturale Rhegium Julii

  • Sit-in per le strutture psichiatriche: lunedì l'incontro che potrebbe segnare la svolta

    L'USB ma anche gli operatori, i familiari e chi ha voluto mostrare un segno di vicinanza al mondo delle strutture psichiatriche reggine in un momento di forte difficoltà. Uno spiraglio però potrebbe aprirsi a breve, dopo l'incontro previsto per questo venerdì a Catanzaro, lunedì 24 sarà direttamente la Commissione regionale, l'organo competente più alto in tal senso, ad affrontare la questione con le parti coinvolte.

  • Cerimonia di investitura per sette nuovi Cavalieri e Dame nell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

    Reggio Calabria. Si è tenuta presso la Basilica Cattedrale al cospetto delle autorità civili, militari e religiose, la cerimonia di investitura di sette nuovi cavalieri e sette dame nell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Ad officiare la cerimonia mons. Emil Paul Tscherrig, arcivescovo Nunzio Apostolico in Italia, l’arcivescovo della Diocesi Reggio Calabria-Bova mons. Giuseppe Fiorini Morosini, l’arcivescovo emerito mons. Vittorio Luigi Mondello, il vescovo della Diocesi Mileto-Nicotera-Tropea mons. Luigi Renzo, ed il vescovo della Diocesi Oppido Mamertina-Palmi mons. Francesco Milito, che hanno concelebrato la funzione religiosa.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.