unci banner

:: Evidenza

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La rappresentativa maschile di Calabria termina la propria corsa al “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019” al diciassettesimo posto nazionale. Operazione riscatto riuscita per gli atleti allenati da Checco D’Arrigo ed Euprepio Padula che riescono...

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Un’esperienza indimenticabile e meravigliosa. La Calabria in rosa termina al diciottesimo posto nazionale all’interno della kèrmesse del “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019”. La selezione allenata dai Coach Armando Russo e Barbara Gemelli cede il...

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

I pittori reggini Alessandro Allegra e Adele Macheda (sez. under 30) saranno presenti con le loro opere dal 25 al 29 aprile c. m. in due mostre all’esposizione internazionale dell’acquerello di Fabriano, la più grande...

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande fuga dalla lettura

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande...

Quando ci interroghiamo su cosa possa fare originare lo scatto d’orgoglio che manca oggi a questo nostro Paese, immaginiamo le risposte più varie, le più disparate,tranne una, la più distante dal pensiero dominante: studiare e...

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

Facciamo appello ai cittadini, ai giovani, alle associazioni, ai movimenti, alle chiese, alle organizzazioni sindacali e politiche che condividono i valori della nostra Costituzione, nata dall’antifascismo e dalla Resistenza, a ritrovarci tutti insieme il 25...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACALa Guardia di Finanza sequestra altri beni per oltre 7mln a gruppo imprenditoriale

La Guardia di Finanza sequestra altri beni per oltre 7mln a gruppo imprenditoriale

Pubblicato in CRONACA Lunedì, 25 Marzo 2019 09:30

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un decreto di sequestro di diversi compendi immobiliari del valore complessivo stimato in circa euro 7,5 milioni, nell’illecita e indiretta disponibilità di BAGALA’ Giuseppe cl.’57 e BAGALA’ Luigi cl.’46, membri del noto “gruppo imprenditoriale” di Gioia Tauro operante nel settore degli appalti pubblici.

Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sostituto Procuratore Gianluca Gelso all’esito delle articolate indagini di carattere economico finanziario svolte dalla Guardia di Finanza, le quali hanno consentito di individuare – e sequestrare – 7 fabbricati di pregio siti in Gioia Tauro e Milano, nonché 16 terreni (vigneti, uliveti e frutteti) di estensione pari a circa 7 ettari, localizzati in Gioia Tauro e Taurianova.

Il sequestro in rassegna segue quelli eseguiti nei confronti della stressa famiglia di imprenditori, sempre su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione e su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nel mese di:
- luglio del 2018, allorquando furono affidati alla gestione dello Stato i compendi aziendali e le quote societarie di 11 imprese operanti nel settore della realizzazione di grandi opere edili e infrastrutture e 161 immobili (fabbricati e terreni), autovetture e beni di lusso; il tutto per un valore stimato in 115 milioni di euro;
- gennaio del corrente anno 2019, con riferimento a rapporti finanziari, bancari e assicurativi per un valore complessivo pari a € 4.690.751,00.
Tutti i provvedimenti magistratuali sopra riferiti traggono origine dagli approfondimenti patrimoniali svolti nel corso di oltre due anni dai Finanzieri che hanno valorizzato appieno le risultanze delle attività investigative condotte, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia, dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria della Guardia di Finanza nell’ambito delle operazioni: “Ceralacca” - “Cumbertazione” - “Martingala”.
Secondo il costrutto accusatorio, attraverso i predetti imprenditori ad essa riconducibili, la cosca dei Piromalli avrebbe acquisito il controllo del settore degli appalti indetti dai maggiori comuni della Piana di Gioia Tauro e da altri enti - tra i quali l’ANAS S.p.A. - nonché la gestione delittuosa di flussi economici finalizzata a riciclare ingenti somme di denaro derivanti da "fondi neri" creati attraverso attività economiche illecite.
Con i provvedimenti in esecuzione, e grazie alla costante sinergia con l’Autorità Giudiziaria – sempre più incisiva nell’aggressione delle disponibilità economico patrimoniali della criminalità organizzata – il patrimonio riconducibile al “gruppo imprenditoriale Bagalà” attinto dalla misura di prevenzione del sequestro raggiunge il valore complessivo stimato di oltre 127 milioni di euro.

Gioia Tauro 25 marzo 2019

Letto 88 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Operazione Creonte: sequestrati beni per 200mila euro a ex presidente associazione antimafia

    Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo “per equivalente”, del valore di 217.704,59 euro, disposto dalla Sezione Penale dellocale Tribunale nei confronti dell’ex Presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta. Il provvedimento giudiziario - richiesto dal Procuratore Aggiunto della Repubblica, dr. Gerardo DOMINIJANNI,sotto il coordinamento del Procuratore Capo della Repubblica, dr. Giovanni BOMBARDIERI - è giunto al termine di un’articolataindagine,in materia di contrasto alle frodi in materia di spesa pubblica, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria,volta a verificare la corretta erogazione di fondi regionali e provinciali a favore dell’“Associazione Culturale Antigone - Osservatorio sulla ‘ndrangheta”.

  • Frode all’Inps per quasi 5mln di euro: scoperti dalla Guardia di Finanza oltre 1.000 falsi braccianti agricoli

    Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri, coordinati da questa Procura della Repubblica, hanno accertato, al termine di un’articolata e complessa attività d’indagine, in collaborazione con personale dell’ufficio vigilanza ispettiva dell’I.N.P.S. di Reggio Calabria, una truffa aggravata in danno del predetto Istituto previdenziale, perpetrata da 31 aziende agricole operanti nel territorio della locride, per gli anni dal 2012 al 2018, mediante l’assunzione fittizia di oltre 1.000 dipendenti con un danno alle casse dello Stato per circa 5 milioni di euro. Le imprese presentavano all’Ente previdenziale falsi contratti di affitto e/o comodato di terreni riconducibili anche a soggetti ignari, completamente estranei alla truffa, nonché fasulle denunce aziendali trimestrali attestanti l’impiego, mai avvenuto, di operai al fine di consentire l’indebita percezione di indennità di disoccupazione, malattia, assegno nucleo familiare e maternità.

  • CdM a Gioia Tauro: USB chiama alla mobilitazione gli ex Lsu-Lpu

    Nove anni sono trascorsi da quando l’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi convocò un Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria. Nove anni fa eravamo fuori dalla Prefettura di Reggio Calabria a manifestare, insieme ai lavoratori ex Lsu-Lpu, per provare a mettere fine a questa eterna telenovela. Dopo nove anni saremo ancora a presidiare questo nuovo Consiglio dei Ministri convocato in Calabria, perché nonostante i proclami e le promesse, ancora per questi lavoratori la stabilizzazione rimane un miraggio, mentre la scadenza del 31 ottobre si avvicina senza che nulla sembra smuoversi.

  • Laureana di Borrello: arrestato lo psicologo del consultorio familiare, accusato di adescare minori

    Nella mattinata del 12 Aprile u.s., a Gioia Tauro (RC), su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere, emessa dal Tribunale di Palmi – Sezione GIP/GUP, nei confronti di S. L., di anni 66, psicologo e responsabile del consultorio familiare di Laureana di Borrello (RC).
    L’odierno provvedimento cautelare trae origine da una mirata attività d’indagine condotta dalla Tenenza Carabinieri di Rosarno, sotto il coordinamento dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, nel corso della quale è stato possibile raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico del professionista per i reati tentata violenza sessuale ed atti sessuali con minorenni, commessi tra il 19 ed il 28 marzo di quest’anno, nei Comuni di Rosarno e Melicucco, ai danni di tre minori.

  • Gioia, la Finanza sequestra beni a soggetti legati alle consorterie mafiose

    A seguito di indagini patrimoniali – coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria - la 2a Compagnia della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, ha dato esecuzione a due distinti provvedimenti di sequestro di beni nei confronti di esponenti di spicco riconducibili rispettivamente alla cosche di ‘ndrangheta Pesce e Cacciola di Rosarno.
    L’attività è stata posta in essere ai sensi della normativa antimafia, di cui al Decreto Legislativo 159/2011; tale normativa prevede l’applicazione delle misure di prevenzione a carico di soggetti ritenuti, sulla base di elementi di fatto, abitualmente dediti a traffici delittuosi, ovvero, che per la loro condotta ed il loro tenore di vita, debbano ritenersi che vivano abitualmente, anche in parte, con proventi di attività delittuosa.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.