unci banner

:: Evidenza

La Viola chiude sul podio la regular season al PalaCalafiore

La Viola chiude sul podio la regular season al PalaCalafiore

La Viola vince l'ultima della regular season in casa al PalaCalafiore contro la Luiss Roma con il punteggio di 87-71. Una gara dominata dalla compagine neroarancio che non ha mai lasciato margine di vantaggio alla...

La Reggina stende la Casertana e regala ai tifosi il sogno dei play off promozione (1-0)

La Reggina stende la Casertana e regala ai tifosi il sogno dei play off promozione (1-0)

Reggio Calabria. Davanti ad un pubblico a dir poco “spettacolare” la Reggina conquista nella 36^ giornata di campionato di serie C la seconda vittoria consecutiva e sale a quota 46 punti in classifica. Il match-winner...

Santa Pasqua, il messaggio di speranza e di pace dell'arcivescovo Morosini

Santa Pasqua, il messaggio di speranza e di pace dell'arcivescovo Morosini

Reggio Calabria. di Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita della diocesi di Reggio-Bova: "Gli auguri pasquali sono sempre ricchi di speranza perché hanno come punto di riferimento la fede cristiana nella Risurrezione di Gesù. Egli vince...

Il Museo Archeologico festeggia la Pasqua con l’apertura straordinaria di lunedì di Pasquetta

Il Museo Archeologico festeggia la Pasqua con l’apertura straordinaria di lunedì di Pasquetta

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria resterà aperto nei giorni di Pasqua, Pasquetta e del 25 aprile secondo il consueto orario 9.00 - 20.00, con ultimo ingresso alle 19.30. L'istituzione, diretta da Carmelo Malacrino,...

Rione Pescatori, i cittadini rimettono a nuovo la fontanella vandalizzata

Rione Pescatori, i cittadini rimettono a nuovo la fontanella vandalizzata

Ci segnalano i cittadini che la storica fontanella del Rione Pescatori, zona sud di Reggio Calabria, è stata recentemente rimessa a nuovo a seguito di un atto vandalico perpetrato nel mese di gennaio scorso.La ristrutturazione...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACALaureana di Borrello: arrestato lo psicologo del consultorio familiare, accusato di adescare minori

Laureana di Borrello: arrestato lo psicologo del consultorio familiare, accusato di adescare minori

Pubblicato in CRONACA Sabato, 13 Aprile 2019 13:49

Nella mattinata del 12 Aprile u.s., a Gioia Tauro (RC), su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere, emessa dal Tribunale di Palmi – Sezione GIP/GUP, nei confronti di S. L., di anni 66, psicologo e responsabile del consultorio familiare di Laureana di Borrello (RC).
L’odierno provvedimento cautelare trae origine da una mirata attività d’indagine condotta dalla Tenenza Carabinieri di Rosarno, sotto il coordinamento dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, nel corso della quale è stato possibile raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico del professionista per i reati tentata violenza sessuale ed atti sessuali con minorenni, commessi tra il 19 ed il 28 marzo di quest’anno, nei Comuni di Rosarno e Melicucco, ai danni di tre minori.

L’attività info - investigativa, che ha portato oggi all’arresto del sessantaseienne gioiese, è stata avviata a seguito della denuncia sporta dai genitori di uno dei tre minori il quale, nel pomeriggio del 19 marzo u.s., mentre si trovava a Rosarno, dopo essere salito con l’inganno a bordo della vettura dell’uomo, era stato costretto a subire un tentativo di violenza sessuale al quale era riuscito a sottrarsi solo dandosi alla fuga.
Da lì l’inizio di un’intensa attività d’indagine, coordinata dalla Procura di Palmi, che ha permesso, in poco tempo, attraverso l’acquisizione delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza pubblici, integrate dall’analisi dei tabulati telefonici dell’indagato e supportate dalle preziose dichiarazioni rese dai minori in sede di audizione protetta, di far luce su tre episodi, avvenuti tra i Comuni di Rosarno e Melicucco, in occasione dei quali l’uomo, dopo aver adescato le vittime, aveva tentato di indurle a compiere o a subire atti sessuali non esitando a porre in essere financo atti di esibizionismo al fine di attirare l’attenzione dei minori.
L’arrestato, al termine degli adempimenti di rito, è stato pertanto tradotto presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria Arghillà, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Gioia tauro 13 aprile 2019

Letto 97 volte

Articoli correlati (da tag)

  • CdM a Gioia Tauro: USB chiama alla mobilitazione gli ex Lsu-Lpu

    Nove anni sono trascorsi da quando l’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi convocò un Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria. Nove anni fa eravamo fuori dalla Prefettura di Reggio Calabria a manifestare, insieme ai lavoratori ex Lsu-Lpu, per provare a mettere fine a questa eterna telenovela. Dopo nove anni saremo ancora a presidiare questo nuovo Consiglio dei Ministri convocato in Calabria, perché nonostante i proclami e le promesse, ancora per questi lavoratori la stabilizzazione rimane un miraggio, mentre la scadenza del 31 ottobre si avvicina senza che nulla sembra smuoversi.

  • Agnana Calabra, avviso di conclusione indagini per quattro impiegati del Comune

    I Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, a conclusione di mirati accertamenti, hanno notificato un “avviso di conclusione delle indagini” a 4 impiegati di quel Comune, per truffa aggravata ed interruzione di pubblico servizio. L’attività investigativa sul contrasto al fenomeno del cosiddetto “assenteismo”, svolta dai Carabinieri coordinati dalla Procura della Repubblica di Locri, ha consentito di accertare reati che vanno dalla truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico, all’ attestazione fraudolenta della presenza in servizio, all’abuso d’ufficio e al peculato.

  • Operazione "A ruota libera" e "Camaleonte": un arresto e sette imprese sequestrate

    Nella mattinata del 15 aprile, nelle provincie di Reggio Calabria, Latina e Cosenza, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a due distinte ordinanze di applicazione di misure cautelari personali e reali, emesse dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura distrettuale reggina diretta dal dott. Giovanni Bombardieri:
    - traendo in arresto Tommaso DE ANGELIS, 59enne originario di Sinopoli ma residente a Reggio Calabria, destinatario della misura restrittiva in carcere con l’accusa di associazione mafiosa, in qualità di esponente della cosca “ALVARO-Pajechi” di Sinopoli;
    - sottoponendo a sequestro, nel complesso, le aziende

  • Villa San Giovanni: brevi di cronaca 13 aprile 2019

    Ieri mattina, i Carabinieri di Villa San Giovanni hanno arrestato nella flagranza del reato di false dichiarazioni sulla identità una 33enne e una 25enne di Catania, e deferito all’autorità giudiziaria per il reato di ricettazione una 28enne e una 26enne anche loro di Catania.
    In particolare, i militari dell’Arma, impegnati in un servizio per la prevenzione e repressione dei reati, durante un posto di controllo nei pressi dello svincolo autostradale di Villa San Giovanni, hanno intimato l’alt alla FIAT Panda nella quale viaggiavano le quattro donne. Alla richiesta di esibire la patente di guida, la conducente ha dichiarato di non esserne in possesso del documento, dimenticato a casa, fornendo generalità risultate palesemente false all’esito di successivi accertamenti.

  • Taurianova: in due sorpresi a tagliare legna, arrestati per furto

    Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, hanno arrestato a Taurianova due persone per furto aggravato di legna.
    In particolare, i Carabinieri della Stazione di San Martino di Taurianova insieme ai colleghi della Stazione di Molochio, durante un controllo in un area rurale, hanno sorpreso i due mentre erano intenti a tagliare con delle motoseghe ben 23 alberi di ulivo.
    Alla vista dei militari, con ancora attive le motoseghe, i due uomini hanno tentato una precipitosa fuga ma sono stati prontamente bloccati. La legna, in parte già accatastata per essere asportata, di un peso complessivo di circa 600 quintali e un valore commerciale di circa 8 mila euro, è stata restituita al proprietario.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.