unci banner

:: NEWS

Oltre 1 milione di euro occultato in auto, denunciato per ricettazione un cittadino della Locride

Oltre 1 milione di euro occultato in auto, denunciato per ricettazione un cittadino della Locride

Militari della 1^ e della 2^ Compagnia del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla repressione dei reati finanziari...

Il presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Il presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Ho appreso che questa mattina il Commissario Cotticelli, accompagnato dal sub commissario, si è recato all'ufficio protocollo della Regione per notificare un elenco di nomi che hanno deciso di nominare...

Villa, depurazione e balneabilità. Siclari: "certificate acque eccellenti in tutto il litorale, sintomo che il depuratore funziona"

Villa, depurazione e balneabilità. Siclari: "certificate acque eccellenti in tutto il litorale, sintomo che il depuratore funziona"

Quello della depurazione è sempre stato un problema non indifferente per tutta la città ma dopo anni, finalmente, il Governo certifica direttamente nel portale acque la qualità eccellente delle acque...

Avviato un dialogo tra ASP e enti del Terzo settore, ma i servizi di cure domiciliari restano sospesi

Avviato un dialogo tra ASP e enti del Terzo settore, ma i servizi di cure domiciliari restano sospesi

Si è svolta ieri 22 maggio, come preannunciato, la riunione convocata dai Commissari Straordinari dell’ASP di Reggio Calabria con una delegazione degli enti del Terzo settore impegnati nei servizi di...

Le Volanti arrestano un uomo responsabile di una lunga serie di reati predatori a danno di cittadini e commercianti

Le Volanti arrestano un uomo responsabile di una lunga serie di reati predatori a danno di cittadini e commercianti

L'attività d’intensificazione del controllo del territorio disposta dal Questore di Reggio Calabria Maurizio Vallone, strutturata attraverso i protocolli operativi specificamente pensati per determinate aree della città, ha fatto registrare un...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACALocri, scoperta dalla Guardia di Finanza una maxi evasione per oltre 13 milioni di euro

Locri, scoperta dalla Guardia di Finanza una maxi evasione per oltre 13 milioni di euro

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 14 Marzo 2019 08:34

A conclusione di due distinte attività di verifica fiscale condotte nei confronti di due società di capitali, operanti nel settore del commercio all’ingrosso di articoli da regalo del comune di Siderno, i finanzieri del Gruppo Locri hanno segnalato all’Agenzia delle Entrate reggina, per il recupero a tassazione, la sottrazione di una base imponibile – tra ricavi non dichiarati e costi non deducibili perché privi dei requisiti richiesti dalla normativa fiscale vigente - per oltre 13 milioni di euro oltre alla corrispondente IVA dovuta per quasi 2 milioni di euro.

Le attività ispettive prendevano spunto dalle preliminari investigazioni svolte attraverso l’utilizzo delle banche dati di cui dispongono le fiamme gialle finalizzate alla pianificazione della platea di soggetti economici da includere nella programmazione dell’attività di polizia economico-finanziaria.

In una prima fase l’attività ispettiva svolta dai militari del Gruppo Locri si è focalizzata sulla società che per prima poneva in essere una condotta lesiva dell’interesse economico – finanziario dell’Erario non ottemperando alla prescritta presentazione della dichiarazione dei redditi.

Gli approfondimenti ispettivi consentivano di individuare la figura di un amministratore che gestiva materialmente tutte le dinamiche societarie con l’obiettivo di far ricadere eventuali responsabilità amministrative e/o penali a terzi soggetti mediante la cessione delle quote societarie e la simultanea costituzione di una nuova società – anch’essa sottoposta a verifica dai finanzieri - rappresentata dai precedenti soci.

I riscontri investigativi sul conto della “testa di legno” evidenziavano la presentazione di una denuncia presso una forza di polizia afferente la distruzione della merce in giacenza per un valore di circa 1,2 milioni di euro a seguito di un incendio sviluppatosi all’interno di un magazzino nella disponibilità della società, risultato coperto da una polizza assicurativa.

Gli ulteriori approfondimenti, sviluppati nell’ambito dell’attività ispettiva condotta nei confronti della neo costituita società, consentivano invece di appurare che le predette rimanenze finali di merce erano state cedute in evasione d’imposta.

Alquanto difficoltosa è stata l’attività volta alla compiuta ricostruzione dei redditi conseguiti e dei i volumi d’affari realizzati dalle due società atteso che i rispettivi rappresentanti legali dichiaravano di non disporre di alcuna documentazione contabile obbligatoria (libro giornale, registri I.V.A., fatture emesse e ricevute) perché era andata distrutta a causa dell’incendio del capannone, nel caso della prima società, e di non essere stato in grado di provare l’esistenza delle giacenze materiali né di esibire l’inventario o altre scritture ausiliarie di magazzino, nel caso della seconda società.

In tali circostanze, il ricorso allo strumento delle indagini finanziarie ha consentito di evidenziare tutte le operazioni commerciali poste in essere dalle due società e di contestare una base imponibile sottratta a tassazione per oltre 13 milioni di euro ed IVA dovuta per quasi 2 milioni di euro ed a denunciare, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, gli amministratori delle due società per le ipotesi di reato di cui agli artt. 10 (occultamento o distruzione di documenti contabili), 4 del D.Lgs. 74/2000 (infedele dichiarazione) e 5 del D.lgs. 74/2000 (omessa dichiarazione).

L’altissima attenzione del Corpo a questi fenomeni evasivi contribuisce a preservare la leale concorrenza tra le imprese del territorio ed a promuovere indirettamente prospettive di crescita sane del mercato del lavoro e della produzione, a tutela delle libertà economiche di tutti i cittadini.

Locri, 14.03.2019

Letto 120 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sequestrati al Porto di Gioia Tauro 53 chili di cocaina nascosti in un carico di frutta esotica

    Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane – Ufficio Antifrode di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia - hanno individuato e sequestrato 53 Kg di cocaina purissima nello scalo portuale calabrese.
    Attraverso una complessa attività di indagine eseguita tramite analisi di rischi e riscontri fattuali su oltre 1.200 contenitori provenienti dal continente americano, gli uomini della Guardia di Finanza, con il supporto di unità cinofile e grazie ai sofisticati scanner in dotazione all’Agenzia delle Dogane, sono riusciti ad individuare quello in cui era stato occultato lo stupefacente.

  • Oltre 1 milione di euro occultato in auto, denunciato per ricettazione un cittadino della Locride

    Militari della 1^ e della 2^ Compagnia del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla repressione dei reati finanziari e ai traffici illeciti, perpetrati lungo le principali arterie della piana di Gioia Tauro, hanno sottoposto a sequestro, nei confronti di un quarantaquattrenne della locride, valuta per oltre un milione di euro.
    Al riguardo, i predetti Finanzieri - coordinati dal Gruppo di Gioia Tauro - durante l’esecuzione congiunta di un posto di controllo presso lo svincolo autostradale di Rosarno, intimavano l’alt all’autovettura condotta dall'uomo.

  • Operazione Salus 2: fatture pagate due volte, la GdF sequestra beni per oltre 4milioni

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria – sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Capo dott. Giovanni Bombardieri – stanno dando esecuzione in queste ore ad un sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili per un valore complessivo di 4.020.225,75 euro, disposto dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti del rappresentante legale di una clinica privata di Siderno, denunciato per falso ideologico e truffa aggravata ai danni dello Stato.

  • Discarica abusiva scoperta in località Vallone Mariannazzo

    Il Corpo della Guardia di Finanza quale polizia del mare nazionale, affianca ai propri compiti tradizionali, di natura economico-finanziaria, la responsabilità di prima linea nel presidio di polizia delle acque territoriali italiane.
    In Calabria in particolare, sotto l’egida del Comando Regionale di Catanzaro, opera la risorsa specializzata costituita dal Reparto Operativo Aeronavale (R.O.A.N.) di Vibo Valentia, articolato lungo tutta la costa regionale sui diversi presidi della Stazione Navale di Vibo Marina e rinforzato dalla componente degli elicotteri della Sezione Aerea di Lamezia Terme.

  • Taurianova, sottoposto a sequestro il patrimonio di un imprenditore del valore di 13mln di euro

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria - presieduta dalla Dott.ssa Ornella Pastore - su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sostituto Procuratore Giulia Pantano, che dispone l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale del sequestro su compendi societari, beni immobili e rapporti finanziari per un valore complessivo stimato superiore a 13 milioni di euro.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.