:: Evidenza

Primo successo in trasferta per la Viola. Battipaglia battuta 61-81

Primo successo in trasferta per la Viola. Battipaglia battuta 61-81

Primo successo esterno per la Viola Reggio Calabria che s’impone al “PalaZauli” di Battipaglia per 61-81. Successo importante e meritato quello dei neroarancio che, dopo un primo quarto equlibrato, hanno dominato per lunghi tratti la...

Sunday Sport: il minibasket porta tanti canestri in Piazza Duomo

Sunday Sport: il minibasket porta tanti canestri in Piazza Duomo

Nell'ambito del Progetto Sunday Sport, organizzato dal CONI, il Comitato Fip Calabria è sceso in campo regalando ai propri mini-atleti una mattina di attività motoria e passione.Il settore Minibasket della Fip Calabria ha accettato l’invito...

I VVF salvano una mucca finita in un dirupo a Vinco

I VVF salvano una mucca finita in un dirupo a Vinco

I Vigili del Fuoco di Reggio Calabria sono intervenuti questa mattina per salvare un bovino precipitato in un burrone nella frazione di Vinco. Necessario anche l'intervento dell'elicottero insieme agli specialisti del Nucleo SAF

Reggio Calabria. Raccoglieva fichi d'India a bordo binari: uomo urtato da un treno

Reggio Calabria. Raccoglieva fichi d'India a bordo binari: uomo urtato da un treno

Reggio Calabria. Tra le stazioni di Gallico e Villa San Giovanni un uomo, intento a raccogliere fichi d'India ai bordi della linea ferroviaria, è stato urtato e fatto sbalzare dal treno Intercity Reggio Calabria -...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAMolochio, un arresto per estorsione, millantato credito e violenza privata

Molochio, un arresto per estorsione, millantato credito e violenza privata

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 20 Settembre 2018 08:59

Il 18 settembre scorso i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno arrestato, in esecuzione dell’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura, P.M. Dott. Salvatore Rossello, F.M., 35 anni, di Molochio, poiché ritenuto responsabile dei reati di estorsione, millantato credito e violenza privata. Il provvedimento cautelare scaturisce da una attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Molochio, con il supporto della Stazione Carabinieri di Cinquefrondi e avviata nel marzo 2018 a seguito delle denunce presentate da due donne.

L’articolata indagine, svolta attraverso analisi tecniche, verifiche e riscontri investigativi, ha consentito di accertare che l’uomo qualificandosi come appartenente alla Polizia di Stato di Taurianova e utilizzando un falso profilo del social network “Instagram”, nel quale utilizzava foto di modelli aitanti per attirare l’attenzione, attraverso un collaudato modus operandi ha intrattenuto conversazioni amichevoli con le vittime per poi indurle a consegnargli del denaro o preziosi, dietro false promesse, ovvero costringerle attraverso minacce.
In particolare un’insegnante precaria è stata contattata sul social network e l’uomo, presentandosi come appartenente alle forze dell’ordine per carpire la fiducia della donna e millantando conoscenze importanti e influenti nella pubblica amministrazione, si è offerto di aiutarla ad ottenere l’assunzione come insegnante di ruolo in cambio di 600 euro, a suo dire necessarie per remunerare il pubblico ufficiale che avrebbe facilitato l’assunzione a tempo indeterminato. La donna, inizialmente convinta della proposta, non ha alla fine consegnato il denaro richiesto, nonostante le numerose insistenze, e ha deciso di denunciare i fatti ai carabinieri i quali, fatti i dovuti accertamenti, sono riusciti ad identificare il responsabile.
In un’altra occasione l’uomo, sempre tramite il finto profilo “Instragram”, ha contattato un'altra donna, bracciante agricola, intrattenendo con lei amichevoli e confidenziali conversazioni durante le quali è riuscito ad appropriarsi di alcune foto intime. L’uomo, minacciando la vittima di mostrare le immagini al marito, l’ha costretta a consegnargli, in tre diverse occasioni, molti gioielli in oro per un valore complessivo di circa 10.000 euro. Il 35enne si recava personalmente a ritirare gli ori, presentandosi, falsamente, come un amico dell’uomo con la quale aveva intrattenuto le conversazioni.
L’estorsore, al fine di intimidire la donna per convincerla a non denunciare i fatti, ha minacciato anche di intercettarle il telefono per scoprire se avesse parlato della vicenda con qualcuno.
La vittima, esasperata, ha deciso di denunciare il tutto ai carabinieri di Molochio che, con mirate e tempestive verifiche, riuscivano sia ad identificare compiutamente l’estortore sia a rinvenire e sequestrare all’interno di alcune gioiellerie e compro oro locali, totalmente estranei ai fatti, gran parte degli ori estorti alla donna. I monili, molti dei quali con un grande valore affettivo, sono stati quindi restituiti alla donna.
Nel contesto dell’attività investigativa sono state inoltre deferite in stato di libertà due donne, ritenute responsabili del reato di riciclaggio, in quanto consapevolmente avevano eseguito alcune operazioni di vendita dei gioielli estorti da Mandica, al fine di ottenere denaro contante e ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa.
L’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato condotto al carcere di Reggio Calabria e dovrà rispondere dei gravi reati di estorsione, millantato credito e violenza privata.

Molochio 20 settembre 2018

Letto 150 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Roma, arrestato il latitante Filippo Morgante, ritenuto il reggente del clan “Gallico” di Palmi

    Nella tarda serata del 20 ottobre 2018, in Roma, militari del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, con il qualificato supporto dell’Arma romana e del ROS, hanno individuato e tratto in arresto MORGANTE Filippo cl. 1970, personaggio di spicco della cosca “Gallico” operante nel territorio di Palmi, pluripregiudicato per associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione e illecita detenzione di armi. L’esito positivo dell’operazione è stato favorito da una meticolosa e articolata attività d’indagine finalizzata alla sua cattura, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, avviata nell’autunno del 2017 e supportata da ampia attività tecnica.

  • Carabinieri per la Biodiversità: al via la sesta edizione dell'evento ForestAmica

    Reggio Calabria. Domenica 21 ottobre, il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Reggio Calabria, in continuità con quanto avvenuto negli scorsi anni, promuove la sesta edizione dell’evento nazionale ForestAmica, con l’obiettivo di far conoscere alla collettività luoghi speciali e ricchi di natura e biodiversità. L’incontro si terrà presso la Foresta Demaniale “Alto Aspromonte” con

  • Agnana Calabra. I Carabinieri scoprono una "santabarbara": arrestato 46enne

    Reggio Calabria. Nella tarda mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno arrestato un 46enne del posto, per detenzione abusiva di armi clandestine, munizioni e ricettazione. In particolare, nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione dell'uomo, i Carabinieri hanno rivenuto una vera e propria “santabarbara”. I militari dell’Arma, infatti, durante l’operazione di polizia giudiziaria hanno trovato, abilmente occultate nelle pertinenze dell’abitazione

  • Melito Porto Salvo. Fermato con un 1,5 kg di marijuana in auto: 28enne ai domiciliari

    Reggio Calabria. Con l'accusa di detenzione e trasporto illegali di sostanze stupefacenti, i carabinieri della Compagnia di Melito Porto Salvo, nella tarda serata di ieri, hanno arrestato e, su
    disposizione dell'autorità giudiziaria reggina, posto ai domiciliari, un 28enne, disoccupato. In particolare, nel corso di un servizio di controllo alla circolazione stradale in via Orlando di Melito

  • Reggio Calabria. Sgomberata la casa di Campolo: sarà destinata all’Arma dei Carabinieri

    Reggio Calabria. Sgomberato nella mattinata odierna l’immobile nel quale risiedeva un noto imprenditore reggino, condannato a una pena detentiva per estorsione aggravata dal
    metodo mafioso, nei cui confronti l’Autorità Giudiziaria ha disposto la confisca di un ingentissimo patrimonio di oltre 330 milioni di euro: oltre 250 immobili, opere d’arte e beni di interesse

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.