unci banner

:: NEWS

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAOperazione Creonte: sequestrati beni per 200mila euro a ex presidente associazione antimafia

Operazione Creonte: sequestrati beni per 200mila euro a ex presidente associazione antimafia

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 18 Aprile 2019 08:50

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo “per equivalente”, del valore di 217.704,59 euro, disposto dalla Sezione Penale dellocale Tribunale nei confronti dell’ex Presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta. Il provvedimento giudiziario - richiesto dal Procuratore Aggiunto della Repubblica, dr. Gerardo DOMINIJANNI,sotto il coordinamento del Procuratore Capo della Repubblica, dr. Giovanni BOMBARDIERI - è giunto al termine di un’articolataindagine,in materia di contrasto alle frodi in materia di spesa pubblica, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria,volta a verificare la corretta erogazione di fondi regionali e provinciali a favore dell’“Associazione Culturale Antigone - Osservatorio sulla ‘ndrangheta”.

L’attività investigativa - basata sull'esame della documentazione esibita durante le indagini e del carteggio ufficiale acquisito presso gli enti erogatori, nonché sull'esecuzione di mirati controlli incrociati nei confronti dei fornitori, di accertamenti bancari e di attività tecniche di intercettazione telefonica e telematica delle utenze edei dispositivi in uso al Presidente pro tempore, Dr. Claudio Antonio LA CAMERA, unite ad appostamenti e pedinamenti - ha consentito di rilevare un illecito profitto, derivante dalla percezione di contribuzioni pubbliche, quantificato, a conclusione delle indagini preliminari, in circa 400.000 €su un totale complessivamente erogato di oltre 800.000 €.
Il sistema di frode,finalizzato alla distrazione di fondi pubblici, è stato perpetrato tra il 2007 e il 2014 dall’allora Presidente dell'associazione mediante artifici e raggiri consistiti principalmente nella presentazione, al medesimo o a diversi enti erogatori, di documentazione mendace per ottenere la liquidazione dei contributi.
In particolare, la truffa è stata consumata, prevalentemente, tramite la rendicontazione di fatture recanti un contrassegno di quietanza non veritiero, in relazione al quale è stato appurato come, a fronte delle spese rendicontate agli enti pubblici, il relativo importo non sia stato - in tutto o in parte - effettivamente corrisposto al fornitore.
I regolamenti che disciplinano la concessione dei suddetti contributi, inoltre, prevedevano la liquidazione delle spese già sostenute, certificate e quantificate da apposite attestazioni che, invece, il Presidente pro tempore ha preventivamente incassato, destinandone successivamente solo una parte alla realizzazione di manifestazioni ed eventi di pubblico interesse.
L'associazione- come accertato a seguito di apposita consulenza tecnica disposta dall'Autorità Giudiziaria - ha altresì portato a rimborso fatture di importo sovrastimato per l'acquisto,in particolare dell’impianto di videosorveglianza del “Museo della ‘ndrangheta”.
Le Fiamme Gialle hanno infine scoperto come taluni documenti di spesa venivano più volte presentati, per la loro liquidazione, al medesimo o a diversi enti erogatorie che le spese rendicontate risultavano, in più circostanze, palesemente non attinenti alle finalità dei progetti finanziati.
Le indagini così eseguite hanno condotto alla segnalazione alla Procura della Repubblica reggina delle responsabilità penali ascrivibili al Presidente pro tempore dell’associazione, Claudio AntonioLA CAMERA, per i reati aggravati di falso ideologico ex art. 479 C.P., truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche ex art. 640 bis C.P. e malversazione a danno dello Stato ex art. 316 bis C.P..
Il Tribunale di Reggio Calabria ha quindi disposto il sequestro preventivo, in via diretta o per equivalente, della somma complessiva di € 217.704,59, provvedimentogià eseguito dai Finanzieri del locale Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e che ha permesso di cautelare le disponibilità finanziarie e patrimoniali dell’indagatofino alla concorrenza del cosiddetto “profitto del reato”.

Rc 18 aprile 2019

Letto 136 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sequestro preventivo di oltre 95mila euro. Fondi pubblici per la promozione del turismo distratti per finanziare un format giornalistico

    Nella giornata odierna, il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Catanzaro ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo ai fini della confisca, anche per equivalente, di euro 95.475,02, nei confronti del presidente della Regione Calabria, Gerardo Mario Oliverio, e di Mauro Luchetti, legale rappresentante della “Hdrà” s.r.l., società con sede a Roma, operante nel settore della comunicazione e dell’organizzazione di eventi, indagati del delitto di peculato.
    La contestazione preliminare mossa agli indagati riguarda l’ipotesi di peculato per l’utilizzazione di oltre 95 mila euro di fondi pubblici, destinati alla promozione turistica della Regione Calabria, impiegati per finanziare un evento giornalistico, svoltosi nel luglio 2018 a Spoleto, con finalità privatistiche di promozione politica.

  • Salvato e restituito all’ambiente naturale un esemplare di tartaruga Caretta Caretta

    Il Corpo della Guardia di Finanza esercita, grazie all’articolata componente navale di cui dispone, il ruolo di polizia del mare nazionale, a tutela di tutti gli interessi dei cittadini e dello Stato.
    Abitualmente l’attenzione dei finanzieri che operano sul mare e lungo le coste è rivolta principalmente alla prevenzione, alla scoperta e alla repressione delle molteplici attività illecite che possono verificarsi nel teatro marittimo, tuttavia nel corso dei pattugliamenti effettuati dalle unità navali della Guardia di Finanza, i militari sono presenti e in grado di intervenire anche in emergenze di altro genere che, a ben guardare, rappresentano talvolta un’altra forma di salvaguardia degli interessi della collettività.

  • Locri: 10 arresti da parte dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, colpita la cosca Cordì

    Dalle prime ore di questa mattina, i militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, stanno eseguendo un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, danneggiamento seguito da incendio e detenzione abusiva di armi, con l’aggravante del metodo mafioso commesse nel comune di Locri.

  • Villa, contrasto ai fenomeni di assenteismo in seno alle amministrazioni pubbliche

    All’esito di un’articolata attività preliminare di pedinamento e osservazione, corroborata da successive acquisizioni documentali presso gli Enti interessati, i militari della Compagnia Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un dipendente pubblico che, approfittando della sua dislocazione periferica rispetto alla sede centrale dell’amministrazione di appartenenza presso cui era impiegato, si assentava abitualmente e arbitrariamente dal posto di lavoro.
    L’operazione repressiva in commento si inserisce nell’ambito di un più ampio piano di controllo disposto dall’Organo di vertice mediante la direttiva strategica per l’anno 2019, volto alla verifica, tra gli altri, dell’effettiva presenza in servizio dei dipendenti pubblici, così come statuito dal rinnovo del Protocollo d’intesa siglato tra la Guardia di Finanza e il Ministro per la Pubblica Amministrazione, relativo al partenariato con l’Ispettorato per la Funzione Pubblica.

  • Roccaforte del Greco, sequestrata una piantagione di marijuana all’interno del Parco nazionale dell’Aspromonte

    Proseguono, senza sosta, le attività di contrasto alla produzione e al traffico di sostanze stupefacenti da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Lamezia Terme.
    Nello specifico, anche mediante l’ausilio degli elicotteri della componente Aeronavale del Corpo per la precisa identificazione dell’area, le Fiamme Gialle della Compagnia Guardia di Finanza di Melito Porto Salvo hanno individuato e, successivamente, sottoposto a sequestro – all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte, nel comune di Roccaforte del Greco (RC) – un’estesa e rigogliosa piantagione di cannabis del tipo “skunk”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.