unci banner

:: NEWS

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

«In tutte le regioni ci siamo presentati con la naturale alleanza di centro destra ed abbiamo vinto ovunque. Il nostro leader Silvio Berlusconi è stato sempre chiaro e sostiene in...

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Nel mese di luglio, in occasione del progetto Calabria Judaica, finanziato dalla Regione Calabria e curato dalla cooperativa sociale Satyroi, si terrà a Lazzaro un evento mirato alla valorizzazione e...

Ambito 14, Ruggiero bacchetta i comuni assenteisti: «i bisogni non vanno in vacanza»

Ambito 14, Ruggiero bacchetta i comuni assenteisti: «i bisogni non vanno in vacanza»

«Amarezza, mista a rabbia e sconforto per l’atteggiamento di molti Comuni facenti parte dell‘Ambito Sociale n.14 di Villa San Giovanni che hanno disertato ben due convocazioni, prima e seconda rispettivamente...

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

Reggio Calabria, 15 giugno 2019 - Le vacanze sono alle porte, le scuole chiudono e con la bella stagione è iniziata la corsa alla ricerca delle migliori opportunità per programmare...

Esami di Maturità 2019: a Reggio e provincia al via con circa 5.900 candidati

Esami di Maturità 2019: a Reggio e provincia al via con circa 5.900 candidati

Finite le lezioni si sono aperte le porte delle vacanze per la gran parte dei settantanovemila studenti delle scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia. A sospirare ancora...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAOperazione Creonte: sequestrati beni per 200mila euro a ex presidente associazione antimafia

Operazione Creonte: sequestrati beni per 200mila euro a ex presidente associazione antimafia

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 18 Aprile 2019 08:50

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo “per equivalente”, del valore di 217.704,59 euro, disposto dalla Sezione Penale dellocale Tribunale nei confronti dell’ex Presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta. Il provvedimento giudiziario - richiesto dal Procuratore Aggiunto della Repubblica, dr. Gerardo DOMINIJANNI,sotto il coordinamento del Procuratore Capo della Repubblica, dr. Giovanni BOMBARDIERI - è giunto al termine di un’articolataindagine,in materia di contrasto alle frodi in materia di spesa pubblica, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria,volta a verificare la corretta erogazione di fondi regionali e provinciali a favore dell’“Associazione Culturale Antigone - Osservatorio sulla ‘ndrangheta”.

L’attività investigativa - basata sull'esame della documentazione esibita durante le indagini e del carteggio ufficiale acquisito presso gli enti erogatori, nonché sull'esecuzione di mirati controlli incrociati nei confronti dei fornitori, di accertamenti bancari e di attività tecniche di intercettazione telefonica e telematica delle utenze edei dispositivi in uso al Presidente pro tempore, Dr. Claudio Antonio LA CAMERA, unite ad appostamenti e pedinamenti - ha consentito di rilevare un illecito profitto, derivante dalla percezione di contribuzioni pubbliche, quantificato, a conclusione delle indagini preliminari, in circa 400.000 €su un totale complessivamente erogato di oltre 800.000 €.
Il sistema di frode,finalizzato alla distrazione di fondi pubblici, è stato perpetrato tra il 2007 e il 2014 dall’allora Presidente dell'associazione mediante artifici e raggiri consistiti principalmente nella presentazione, al medesimo o a diversi enti erogatori, di documentazione mendace per ottenere la liquidazione dei contributi.
In particolare, la truffa è stata consumata, prevalentemente, tramite la rendicontazione di fatture recanti un contrassegno di quietanza non veritiero, in relazione al quale è stato appurato come, a fronte delle spese rendicontate agli enti pubblici, il relativo importo non sia stato - in tutto o in parte - effettivamente corrisposto al fornitore.
I regolamenti che disciplinano la concessione dei suddetti contributi, inoltre, prevedevano la liquidazione delle spese già sostenute, certificate e quantificate da apposite attestazioni che, invece, il Presidente pro tempore ha preventivamente incassato, destinandone successivamente solo una parte alla realizzazione di manifestazioni ed eventi di pubblico interesse.
L'associazione- come accertato a seguito di apposita consulenza tecnica disposta dall'Autorità Giudiziaria - ha altresì portato a rimborso fatture di importo sovrastimato per l'acquisto,in particolare dell’impianto di videosorveglianza del “Museo della ‘ndrangheta”.
Le Fiamme Gialle hanno infine scoperto come taluni documenti di spesa venivano più volte presentati, per la loro liquidazione, al medesimo o a diversi enti erogatorie che le spese rendicontate risultavano, in più circostanze, palesemente non attinenti alle finalità dei progetti finanziati.
Le indagini così eseguite hanno condotto alla segnalazione alla Procura della Repubblica reggina delle responsabilità penali ascrivibili al Presidente pro tempore dell’associazione, Claudio AntonioLA CAMERA, per i reati aggravati di falso ideologico ex art. 479 C.P., truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche ex art. 640 bis C.P. e malversazione a danno dello Stato ex art. 316 bis C.P..
Il Tribunale di Reggio Calabria ha quindi disposto il sequestro preventivo, in via diretta o per equivalente, della somma complessiva di € 217.704,59, provvedimentogià eseguito dai Finanzieri del locale Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e che ha permesso di cautelare le disponibilità finanziarie e patrimoniali dell’indagatofino alla concorrenza del cosiddetto “profitto del reato”.

Rc 18 aprile 2019

Letto 92 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Settantunenne arrestato dalla Guardia di Finanza per possesso di arma clandestina

    Si è conclusa con l’arresto di un settantunenne reggino, con precedenti per armi e per stupefacenti, e con il sequestro di una pistola semiautomatica, con matricola abrasa, un’operazione di polizia giudiziaria posta in essere dal Comando provinciale della guardia di Finanza di Reggio Calabria. Sfruttando le evidenze emerse dalla penetrante attività informativa costantemente svolta dal Reparto, nonché incrociando i dati residenti presso le banche dati in uso al Corpo, i Finanzieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito una perquisizione d’iniziativa a carico dell’uomo, durante la quale, dopo un’attenta ricerca, hanno rinvenuto l’arma da fuoco clandestina, pronta all’uso.

  • Guardia di Finanza Locri: scoperta maxi evasione internazionale per oltre 21 milioni di euro

    Il Gruppo delle Fiamme Gialle di Locri, nell’ambito di una complessa e trasversale attività ispettiva effettuata nei confronti di una impresa attiva nel settore del commercio all’ingrosso dei fiori, con sede legale dichiarata in Olanda ma di fatto operante ed amministrata in territorio nazionale, ha segnalato all’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione oltre ventuno milioni di euro di imponibile e due milioni di euro di IVA dovuta all’Erario nonché denunciato alla Procura della Repubblica di Locri due soggetti, amministratore di diritto e di fatto, rei di aver evaso le relative imposte.

  • Roccella: intercettata un'imbarcazione a vela con 60 migranti, fermati due presunti scafisti

    Il Corpo della Guardia di Finanza, quale polizia del mare nazionale, ha la responsabilità del presidio di prima linea delle acque territoriali italiane.
    In Calabria dove, sotto l’egida del Comando Regionale di Catanzaro, agisce la risorsa specializzata costituita dal Reparto Operativo Aeronavale (R.O.A.N.) di Vibo Valentia, articolato lungo tutta la costa regionale sui diversi presidi della Stazione Navale di Vibo Marina e rinforzato dalla componente degli elicotteri della Sezione Aerea di Lamezia Terme, opera, un dispositivo permanente e unitario di prevenzione e contrasto ai traffici illeciti in generale e in particolare a quello di migranti, rinforzato da unità navali e aeree appartenenti alla componente alturiera del Corpo, del Comando Operativo Aeronavale (C.O.A.N) di Pomezia che, tramite gli aerei del Gruppo di Esplorazione Aeromarittima (G.E.A.) di Pratica di Mare e le unità navali del Gruppo Aeronavale (G.A.N.) di Taranto, integra efficacemente in alto mare, la sorveglianza costiera.

  • Fa tappa oggi a Reggio "Un cuore in tour per Giuseppe"

    Ad un anno dalla prematura scomparsa dell’Appuntato Scelto QS della Guardia di Finanza Giuseppe Bucolo, il collega Vice Brigadiere Daniele Battelli, appassionato di sport, ha promosso l’iniziativa – patrocinata dal Comando Generale del Corpo – denominata “UN CUORE IN TOUR PER GIUSEPPE”, con l’intento di ricordare l’appartenente al Corpo scomparso e promuovere l’importanza dell’attività sportiva quale mezzo di prevenzione dell’infarto e delle altre malattie cardiovascolari.
    Il viaggio effettuato in solitaria dallo stesso Vice Brigadiere Daniele Battelli – che attraversa tutta l’Italia, per 1400 Km, con una bicicletta gravel appositamente attrezzata per il cicloturismo – prevede circa 8 tappe, con partenza da Milano (dove Bucolo prestava servizio) e termine a Barcellona Pozzo di Gotto (ME), suo paese di origine.

  • Gioia Tauro, salvato un esemplare di tartaruga Caretta-Caretta

    Il Corpo della Guardia di Finanza, quale polizia del mare nazionale, ha la responsabilità del presidio di prima linea delle acque territoriali italiane.
    In Calabria dove, sotto l’egida del Comando Regionale di Catanzaro, agisce la risorsa specializzata costituita dal Reparto Operativo Aeronavale (R.O.A.N.) di Vibo Valentia, articolato lungo tutta la costa regionale sui diversi presidi della Stazione Navale di Vibo Marina e rinforzato dalla componente degli elicotteri della Sezione Aerea di Lamezia Terme, opera, un dispositivo permanente di prevenzione e contrasto ai traffici illeciti che si dimostra spesso efficace anche per intervenire in situazioni di emergenza, di solidarietà e di tutela.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.