:: Evidenza

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

Il punto Slow Food a Piazza Castello ha ospitato l’evento in cui Carmelo Basile ha presentato l’azienda e il nuovo nato “Pecoritaly” con i presidenti...

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

Reggio Calabria. Buona la prima degli amaranto davanti al pubblico dell' Oreste Granillo. La Reggina supera il Bisceglie grazie alla rete di Salvatore Sandomenico. Il...

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

A seguito delle promesse non mantenute dal Sindaco Falcomatà, rispetto alla consegna della scuola Lombardo Radice di Catona, cittadini e genitori dei bambini iscritti, indignati...

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Reggio e Messina per sopravvivere e svilupparsi vincendo le sfide del futuro devono stare insieme. Insieme per la vita o per la morte. La regione...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAOperazione Stretto Sicuro: indagati 19 soggetti coinvolti a vario titolo nel trasporto marittimo di rifiuti sanitari a rischio infettivo

Operazione Stretto Sicuro: indagati 19 soggetti coinvolti a vario titolo nel trasporto marittimo di rifiuti sanitari a rischio infettivo

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 13 Giugno 2018 14:02

A seguito di una denuncia trasmessa da un privato cittadino relativa al presunto trasporto illecito di rifiuti sanitari nonché l’illecito attraversamento dello stretto di Messina a bordo di navi traghetto, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore della Repubblica dott. Giovanni Bombardieri ha avviato delle indagini coordinate dal Procuratore Aggiunto dott. Gerardo Dominijanni e dal Sostituto Procuratore dott. Roberto Di Palma e condotte dal personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera - di Reggio Calabria.

La denuncia riferiva che la società affidataria del contratto di appalto per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo con l’azienda ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli” di Reggio Calabria svolgeva tale servizio effettuando illecitamente il trasporto via mare.
Dopo complesse e prolungate attività di indagine, la Guardia Costiera ha ricostruito tutto il percorso dei rifiuti prodotti dall’ospedale, e su disposizione della Procura reggina nella mattinata di giovedì 30 marzo 2017 ha effettuato un controllo all’imbarco su una nave traghetto della società Bluferries nel porto di Villa San Giovanni bloccando il mezzo in procinto di imbarcarsi.
Durante le fasi di perquisizione del mezzo sono stati rinvenuti alcuni documenti utili alle indagini, quali formulari dei rifiuti, biglietti di attraversamento dello stretto, ricevute di pagamento, che venivano successivamente posti sotto sequestro unitamente all’intero furgone ed al suo carico consistente in n. 432 contenitori di rifiuti sanitari a rischio infettivo per un totale di 1.820 kg.
Dalle verifiche effettuate e dalla documentazione fornita è emerso che il predetto automezzo trasportava rifiuti sanitari infettivi identificati dall’allegato “D” del Testo Unico Ambientale, come “rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni” e classificati come “rifiuti pericolosi”, e che l’automezzo in questione era in procinto di salire sulla nave senza la specifica autorizzazione ad imbarcare merci pericolose obbligatoria per questo tipo di trasporto.
Il furgone veniva scortato successivamente fino all’ospedale reggino Melacrinò, dove veniva posto sotto sequestro all’interno dell’isola ecologica dello stesso nosocomio e affidato in custodia giudiziale al Direttore sanitario.
Le successive attività di indagine disposte dalla Procura reggina, hanno permesso di far luce sulle procedure attuate dalla società siciliana ed in special modo sulle modalità di trasporto via mare dei rifiuti sanitari infetti, dagli ospedali reggini fino al luogo di discarica situato nella Provincia di Catania.
Al termine delle indagini preliminari, il magistrato titolare del fascicolo ha iscritto nel registro degli indagati n° 19 soggetti che a vario titolo hanno partecipato all’attività criminosa, e per i quali è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari con contestazioni che vanno dal reato ex art. 432 c.p. al reato ex art. 259 del D. lgs 152/2006 alla violazione dell’art. 260 del D.Lgs. n. 152 del 2006: è stato infatti accertato l’allestimento di mezzi ed attività continuative organizzate al fine di conseguire un ingiusto profitto costituito dal risparmio in ordine ai costi di gestione dell’attività di smaltimento rifiuti, trasportato abusivamente.

Tra gli indagati anche il rappresentante legale della società Bluferries, il responsabile della sicurezza della medesima società ed i comandanti delle navi Bluferries che hanno effettuato il trasporto di rifiuti sanitari ponendo in pericolo la sicurezza dei trasporti per acqua in considerazione del materiale trasportato.

Rc 13 giugno 2018

Letto 94 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Al Cilea sessione di prove per l'OdA con Gennaro Calabrese e Marco Cavallaro

    Gennaro Calabrese e Marco Cavallaro ieri insieme al teatro Francesco Cilea per la sessione di prove dedicata allo spettacolo dell’Officina dell’Arte: “Se stiamo insieme ci sarà un perché”. Una storia di palcoscenico e amicizia in cui non mancheranno tante risate. Qualche anticipazione….

  • Soccorsi dalla Guardia Costiera due diportisti a 50 miglia da Capo Spartivento

    Brutta disavventura per due diportisti, soccorsi nella giornata di ieri dal personale della Guardia Costiera di Reggio Calabria, a sud di Capo Spartivento. Il segnale di soccorso era stato inviato alla sala operativa grazie all’utilizzo di un trasmettitore di localizzazione di emergenza (EPIRB), installato a bordo e in grado di segnalare la posizione dell’imbarcazione. I due diportisti avevano perso il controllo del tender di 9 metri che, una volta allontanatosi dall’imbarcazione madre, uno yacht commerciale di circa 50 metri, era stato colpito da un'avaria al motore.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 22 settembre 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -alle ore 9,30 -Biciclettata alla scoperta del patrimonio culturale. Un itinerario urbano a piedi o in bicicletta alla scoperta del patrimonio culturale della Città di Reggio Calabria in compagnia degli esperti del servizio valorizzazione patrimonio culturale del comune di Reggio Calabria. Mappa itinerario urbano: Museo di Reggio Calabria PARTENZA ore 9:30, Mura Greche, Terme Romane, Duomo, Castello Aragonese, Pinacoteca Civica, Piazza Italia ARRIVO previsto per le ore 11:30
    -Conferenza Stampa dal titolo: “Gioia Tauro fuori dall’Autorità portuale dello stretto: colpo mortale per la nostra città” organizzata dal Consigliere Comunale Massimo Ripepi, che si terrà presso il Porto di Reggio Calabria, Porto Turistico, accanto la Capitaneria di porto, domani alle ore 10,30

  • San Ferdinando: tartaruga marina salvata dalla Guardia Costiera

    Reggio Calabria. Gli uomini della Capitaneria di porto di Gioia Tauro ha soccorso sulla spiaggia di San Ferdinando una tartaruga marina in difficoltà. La "caretta caretta", ferita dopo l'ingestione di un amo da pesca, grazie a tutte le manovre di primo soccorso necessarie per assicurarle la sopravvivenza, messe in atto dal personale della Guardia costiera e dal

  • La Reggina con il Bisceglie alla caccia della prima vittoria. I cambi di Cevoli dopo la figuraccia di Trapani

    Prima importante verifica per la Reggina che debutta al Granillo nel suo terzo campionato consecutivo di serie C a seguito della ripartenza tra i dilettanti. Gli amaranto, dopo l’eliminazione dalla coppa Italia e soprattutto la brutta figura nell’esordio di Trapani, ospiteranno il Bisceglie che appena quindici giorni fa non aveva ancora il numero di calciatori sufficienti per poter affrontare il campionato. La società pugliese aveva deciso di disimpegnarsi cedendo il titolo al Bari appena fallito ma la pressione della piazza ha costretto ad un repentino dietro-front i dirigenti chiamati a formare un organico raffazzonato rimanendo le volontà di mollare.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.