unci banner

:: NEWS

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Venerdì 18 ottobre 2019, alle ore 10, a Palazzo Alvaro, il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni, nel corso di...

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Di seguito si riporta l'intervento del Presidente della Regione, Mario Oliverio, davanti alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati per l'Audizione informale nell'ambito dell'esame della proposta di nomina a presidente...

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Giorno 14 Ottobre 2019 rappresenta il punto di arrivo di una campagna estiva che ha raggruppato tanti apparati istituzionali e associativi della città a titolo gratuito e spinti solo da...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAPensionato arrestato per violenza sessuale, tentata estorsione e sostituzione di persona

Pensionato arrestato per violenza sessuale, tentata estorsione e sostituzione di persona

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 29 Maggio 2019 11:54

Violenza sessuale, circonvenzione di incapace, tentata estorsione e sostituzione di persona. Questi i capi d’imputazione contestati dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, Dr.ssa Caterina CATALANO, nell’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari eseguita a Reggio Calabria dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni ed emessa su richiesta della Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Capo Dr. Giovanni BOMBARDIERI, a carico di un insospettabile pensionato di anni 56 ed ex dipendente pubblico, a conclusione delle indagini svolte a seguito delle denunzie formalizzate dalle due vittime.

Sposato e padre di due figli, l’adescatore sfruttava le opportunità offerte da internet attraverso siti dedicati agli incontri e social network , convinto di poter mantenere l’anonimato creandosi una falsa identità. In questo modo aveva conosciuto online le potenziali vittime con le quali, dopo lusinghe e false informazioni sulla propria vita ed attività lavorativa, aveva instaurato relazioni nella vita reale, convincendole ad incontrarlo di persona ed intrattenendo poi rapporti sessuali, approfittando della fragilità emotiva e della debolezza caratteriale indotta anche da stati patologici.
Le due donne, tuttavia, dopo essere cadute nella rete, trovavano la forza di reagire denunciando di aver corrisposto al loro adulatore somme di denaro richieste con varie scuse e, in un caso, di avere ricevuto una vera e propria richiesta estorsiva, consistente nella minaccia di divulgare il video del loro rapporto sessuale se non avesse ricevuto la somma di denaro richiesta.
L’intento di rimanere sconosciuto celandosi sotto la falsa identità e le false informazioni dichiarate online, veniva tuttavia vanificato dagli accertamenti svolti dalla Polizia Postale di Reggio Calabria, che in breve tempo risaliva al reale autore dell’adescamento ed acquisiva, su precise direttive del Sostituto Procuratore Dr. Romano Gallo ed con il coordinamento del Procuratore Aggiunto Gerardo Dominijanni, i necessari riscontri in ordine ai reati contestati, tra cui anche la violenza sessuale aggravata, mediante abuso della condizione di inferiorità psichica delle vittime e la sostituzione di persona, in quanto lo stesso, con opera di persuasione sottile e subdola induceva le adescate a compiere atti sessuali che diversamente non avrebbero compiuto.
L’episodio di cronaca conferma, ancora una volta, la necessità di una maggiore consapevolezza ed attenzione nell’uso della rete da parte degli internauti, sia adolescenti che adulti, i quali ignari delle insidie del web sono spesso pronti a fidarsi di soggetti conosciuti tramite i social network, i quali celandosi dietro false identità pongono in essere strategie varie al fine di raggiungere scopi abietti.

Rc 29 maggio 2019

Letto 136 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Al via la campagna di sensibilizzazione rivolta ai maturandi contro “fake news, bufale e leggende metropolitane”

    Reggio Calabria, 18 Giugno 2019 – L’unica certezza per i maturandi è che usare lo smartphone durante le prove comporta la bocciatura. Sul resto il rischio fake news è dietro l’angolo.
    Ogni anno, in occasione dell’Esame di Stato, tra gli studenti si diffondono informazioni errate in merito alle procedure d’esame. Secondo alcuni diventa possibile conoscere le tracce in anticipo attraverso internet, per altri sorge la convinzione di essere controllato dalle Autorità durante lo svolgimento. Se quest’ultima informazione, pur falsa, funge da deterrente contro l’utilizzo di strumenti tecnologici per alterare il risultato dell’esame, la ricerca di fantomatiche anticipazioni sui testi d’esame fa perdere tempo e denaro.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.