univeristà mediterranea

:: Evidenza

Firmato l’accordo di valorizzazione e rilancio dei siti archeologici cittadini

Firmato l’accordo di valorizzazione e rilancio dei siti archeologici cittadini

E’ stata firmata questa mattina la Convenzione tra il Comune di Reggio Calabria e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana...

Reggio Calabria, pellegrinaggio Unitalsi : è partito il treno bianco per Lourdes

Reggio Calabria, pellegrinaggio Unitalsi : è partito il treno bianco per Lourdes

E'partito il treno bianco dell'Unitalsi alla volta di Lourdes! Stamattina, all'alba, il treno con pellegrini, ammalati e volontari della sezione calabrese dell'Unitalsi, ha lasciato la...

Prefettura: massima attenzione alle misure di sicurezza durante le manifestazioni

Prefettura: massima attenzione alle misure di sicurezza durante le manifestazioni

Tutto il personale di polizia impegnato, già particolarmente attento al riguardo, come da consuetudine, del resto, delle nostre Forze di Polizia, sarà ulteriormente sensibilizzato perché...

Viola, Monastero: “Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione”

Viola, Monastero: “Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione”

Il Presidente della Met Extra Viola Reggio Calabria Raffaele Monastero è intervenuto all’interno del programma radiofonico “Break In Sport”, in onda sulle frequenze di Radio...

Atam, "congelata" la nomina di Basile. MNS: "poca esperienza di chi ci amministra"

Atam, "congelata" la nomina di Basile. MNS: "poca esperienza di chi ci amministra"

Tra pochi giorni l’assemblea dei soci Atam dirà l’ultima parola sulla recente nomina di Giuseppe Basile ad Amministratore Unico, al momento “congelata” dopo le perplessità...

La Procura dispone il sequestro preventivo per 75mila euro ad Adriana Musella

La Procura dispone il sequestro preventivo per 75mila euro ad Adriana Musella

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso, in via d’urgenza, dalla Procura...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAPianificavano rapina in banca a Siderno, arrestati

Pianificavano rapina in banca a Siderno, arrestati

Pubblicato in CRONACA Lunedì, 17 Luglio 2017 08:40

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Locri, nei giorni scorsi, hanno dato esecuzione a un decreto di fermo del P.M. emesso nei confronti di quattro soggetti tra i 55 e i 63 anni, tutti indagati a vario titolo del reato di tentata rapina aggravata. Il provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, che ha poi inoltrato gli atti per competenza alla Procura Ordinaria presso il Tribunale di Locri, ha recepito le risultanze investigative rapportate dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Locri,

da cui sono emersi in maniera assolutamente chiara ed inequivocabile che i soggetti fermati stavano pianificando, fin nei minimi dettagli, una rapina a mano armata, da effettuarsi nei prossimi giorni, ai danni di un noto Istituto bancario di Siderno.

In particolare, nel corso delle indagini svolte dai Carabinieri, sono emersi chiaramente i diversi ruoli dei soggetti fermati: basista, complice, esecutori materiali (appositamente giunti dal nord Italia), modalità di dettaglio ed esecutive del “colpo” da compiere (a che ora operare, quali dipendenti seguire/attenzionare – gli stessi avevano eseguito accurati e meticolosi sopralluoghi sul luogo della rapina, annotandosi orari di ingresso e apertura dell’Istituto); tra l’altro, era verosimilmente previsto anche il sequestro di un dipendente, da compiersi non appena questi fosse uscito di casa per recarsi al lavoro, di modo da potersi introdurre all’interno dell’Istituto di credito ed ivi attendere per consumare la rapina. Insomma veri e propri professionisti del crimine (ed in particolare delle rapine in banca) che non lasciano nulla al caso.
Solo l’intervento dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria (Direzione Distrettuale Antimafia), ha consentito di impedire che l’evento criminoso, così minuziosamente pianificato, fosse portato a compimento, sottolineando così, ancora una volta, l’importanza dell’attività preventiva e di controllo del territorio svolta dalle Forze di Polizia sul territorio locrideo.

Nel corso della perquisizione presso il “covo” individuato quale base logistica del gruppo, sono state trovate parrucche, walki-talkie ed altri oggetti che sarebbero stati utilizzati nella rapina, tra cui una perfetta riproduzione di una pistola automatica.

Gli indizi raccolti sono stati sottoposti al vaglio del G.I.P. del Tribunale di Locri che, condividendo gli assunti investigativi e le tesi suffragate nel provvedimento pre-cautelare, ha emesso una ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere per tre dei soggetti coinvolti, mentre per il quarto è stata disposta la misura degli arresti domiciliari.

Il materiale rinvenuto è stato tutto sottoposto a sequestro.

Siderno 17 luglio 2017

Letto 47 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Maropati: due arresti per porto abusivo di arma da fuoco e danneggiamento

    Il 19 settembre 2017, nel corso della nottata, a Maropati (RC), i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taurianova, diretta dal tenente Manuel Grasso, coadiuvati dalla Stazione Carabinieri di Cinquefrondi hanno arrestato C. A. classe ‘94 (disoccupato) e S. G. classe ‘92 (disoccupato) responsabili di detenzione, porto abusivo di arma da fuoco e danneggiamento.

  • Toscani lascia il comando dei Carabinieri Locri, arriva De Pascalis

    Oggi alle ore 10.30 ha avuto luogo, presso la sala rapporto del Gruppo Carabinieri di Locri, il saluto di commiato alla stampa del Ten. Col. Pasqualino TOSCANI, che lascerà il Comando per assumere quello del Gruppo di Roma - Ostia dov’è stato trasferito. Nell’occasione è stato presentato il successore, Ten. Col. t.ISSMI. Gabriele DE PASCALIS, proveniente dal Comando Generale dell’Arma.

  • Seminara, i Carabinieri scoprono un furto di energia elettrica

    Ieri a Seminara, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un uomo di 59 anni, accusato di furto aggravato di corrente elettrica. Presso uno dei capannoni nelle pertinenze dell’abitazione dell’uomo, i Carabinieri hanno rinvenuto un collegamento abusivo a monte del misuratore di consumo, che consentiva l’illecita erogazione di energia elettrica. Sul posto è stato fatto intervenire personale tecnico dell’Enel, che ha confermato i sospetti dei militari.

  • Rizziconi, scoperta una piantagione di droga dai Carabinieri

    Nella giornata di ieri 15 settembre 2017, a Rizziconi, C.da Foresta, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Taurianova insieme ai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dalla Compagnia di Taurianova diretta dal Maggiore Marco Barone e finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti, in un fondo agricolo abbandonato la cui proprietà è in corso di individuazione,

  • Cosoleto, padre e figli ai domiciliari per coltivazione di droga

    Giovedì 14 settembre 2017, a Cosoleto, località Moio, i Carabinieri della locale Stazione, in collaborazione con quelli della Stazione di Delianuova, dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” e del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia hanno tratto in arresto Un uomo di 57 anni e i suoi due figli per reati in materia di stupefacenti, accusati della coltivazione di una piantagione composta da 100 piante, verosimilmente del tipo cannabis indica, dell’altezza media di circa 2 metri cadauna in pieno stato vegetativo

logo cp bucato

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.