unci banner

:: Evidenza

Allineati e coperti nella quiete prima della tempesta

Allineati e coperti nella quiete prima della tempesta

Dopo una settimana di “voci di corridoio” la città apprende dalla rete ribattendo una notizia apparsa su Gazzetta del Sud, che all’assessore Angela Marcianò sono...

Caso Marcianò, Minasi: “Inaccettabile che la gravidanza venga strumentalizzata per fini politici"

Caso Marcianò, Minasi: “Inaccettabile che la gravidanza venga strumentalizzata per fini politici"

Sulla vicenda del ritiro della delega di assessore ai lavori pubblici ad Angela Marcianò, riceviamo e pubblichiamo la riflessione di Tilde Minasi, ex consigliere regionale...

Reggina: i tifosi hanno scelto la maglia della squadra. Si ritorna al passato

Reggina: i tifosi hanno scelto la maglia della squadra. Si ritorna al passato

Ritorno al passato. Con 18.533 voti, il popolo amaranto ha scelto la storia e la tradizione: maglia amaranto con colletto e pantaloncini bianchi. Uno stile...

Angela Marcianò saluta e ringrazia la Città di Reggio

Angela Marcianò saluta e ringrazia la Città di Reggio

Angela Marcianò sul suo profilo FB questa mattina scrive alla Città, ai suoi cittadini, per ringraziare quanti hanno sostenuto il suo percorso di impegno e...

Migranti, manifesto per una nuova Accoglienza

Migranti, manifesto per una nuova Accoglienza

Le realtà che hanno dato vita alla ‘Rete Restiamo Umani’ intendono presentare alla città di Reggio Calabria una visione del fenomeno migratorio che possa unire...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAPianificavano rapina in banca a Siderno, arrestati

Pianificavano rapina in banca a Siderno, arrestati

Pubblicato in CRONACA Lunedì, 17 Luglio 2017 08:40

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Locri, nei giorni scorsi, hanno dato esecuzione a un decreto di fermo del P.M. emesso nei confronti di quattro soggetti tra i 55 e i 63 anni, tutti indagati a vario titolo del reato di tentata rapina aggravata. Il provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, che ha poi inoltrato gli atti per competenza alla Procura Ordinaria presso il Tribunale di Locri, ha recepito le risultanze investigative rapportate dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Locri,

da cui sono emersi in maniera assolutamente chiara ed inequivocabile che i soggetti fermati stavano pianificando, fin nei minimi dettagli, una rapina a mano armata, da effettuarsi nei prossimi giorni, ai danni di un noto Istituto bancario di Siderno.

In particolare, nel corso delle indagini svolte dai Carabinieri, sono emersi chiaramente i diversi ruoli dei soggetti fermati: basista, complice, esecutori materiali (appositamente giunti dal nord Italia), modalità di dettaglio ed esecutive del “colpo” da compiere (a che ora operare, quali dipendenti seguire/attenzionare – gli stessi avevano eseguito accurati e meticolosi sopralluoghi sul luogo della rapina, annotandosi orari di ingresso e apertura dell’Istituto); tra l’altro, era verosimilmente previsto anche il sequestro di un dipendente, da compiersi non appena questi fosse uscito di casa per recarsi al lavoro, di modo da potersi introdurre all’interno dell’Istituto di credito ed ivi attendere per consumare la rapina. Insomma veri e propri professionisti del crimine (ed in particolare delle rapine in banca) che non lasciano nulla al caso.
Solo l’intervento dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria (Direzione Distrettuale Antimafia), ha consentito di impedire che l’evento criminoso, così minuziosamente pianificato, fosse portato a compimento, sottolineando così, ancora una volta, l’importanza dell’attività preventiva e di controllo del territorio svolta dalle Forze di Polizia sul territorio locrideo.

Nel corso della perquisizione presso il “covo” individuato quale base logistica del gruppo, sono state trovate parrucche, walki-talkie ed altri oggetti che sarebbero stati utilizzati nella rapina, tra cui una perfetta riproduzione di una pistola automatica.

Gli indizi raccolti sono stati sottoposti al vaglio del G.I.P. del Tribunale di Locri che, condividendo gli assunti investigativi e le tesi suffragate nel provvedimento pre-cautelare, ha emesso una ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere per tre dei soggetti coinvolti, mentre per il quarto è stata disposta la misura degli arresti domiciliari.

Il materiale rinvenuto è stato tutto sottoposto a sequestro.

Siderno 17 luglio 2017

Letto 28 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Bagaladi: nella porcilaia teneva abusivamente due cinghiali. Una persona deferita

    Nell’espletamento di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ambientali ed incendi boschivi, predisposto dal Reparto P.N. Aspromonte e dallo stesso supervisionato, il personale della Stazione Carabinieri Forestale di Bagaladi, insieme ai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Melito di Porto Salvo (RC) deferiva in stato di liberta’ la sig.ra S.A.,

  • Si sottrae ad un controllo dei carabinieri: arrestato rosarnese di 43 anni

    Nella giornata di ieri 20 luglio 2017, a Rosarno (RC), nel corso di un servizio di controllo del territorio disposto dalla Compagnia di Gioia Tauro, diretta dal Capitano Gabriele Lombardo, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile – N.O.R., agli ordini del Tenente Antonio M. Cavallo, hanno tratto in arresto in flagranza di reato S. G., un rosarnese di 43 anni  già noto alle forze dell'ordine, perché resosi

  • Rosarno, arrestato un uomo mentre appiccava fuoco in un terreno comunale

    Nella giornata di ieri 19 luglio 2017, a Rosarno, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile – N.O.R. di Gioia Tauro, agli ordini del tenente Antonio M. Cavallo, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere, disposto dalla locale Compagnia, diretta dal capitano Gabriele Lombardo, hanno tratto in arresto in flagranza di reato D.L.G., di

  • Carabinieri, fermano 26enne per aver violato le prescrizioni imposte. Rinchiuso in una Casa Lavoro

    Nella giornata di ieri 19 luglio 2017, a Rosarno, i Carabinieri della locale tenenza, a conclusione di mirati accertamenti, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di applicazione di misura di sicurezza detentiva nei confronti di Umberto Bellocco, di anni 26, già noto alle Forze dell’Ordine, quale appartenente all’omonima cosca di ‘ndrangheta operante nella Piana di Gioia Tauro ed in altre

  • Roccella Jonica: i carabinieri arrestano 38enne, deteneva anche armi da guerra

    I Carabinieri della Stazione di Roccella Jonica hanno tratto in arresto C. A., 38enne del posto, per detenzione illegale di armi da guerra, comuni e munizioni. I militari dell’Arma, nel corso di una perquisizione effettuata presso l’abitazione del prevenuto, hanno rinvenuto, in un garage di pertinenza della stessa, occultato all’interno di una scatola per scarpe, il seguente materiale: 1 mitraglietta “Uzi” completa di serbatoio e dotata di silenziatore; 1

logo cp bucato

Copyright © 2016 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.
Comitato di redazione
Gianluca Del Gaiso, Valentina Raffa