unci banner

:: Evidenza

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

Nella mattina odierna la Guardia Costiera di Reggio Calabria ha effettuato il simultaneo soccorso di due imbarcazioni a vela, colte da improvvise condizioni meteo marine...

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Il 20 agosto 2018.. il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAProvvedimento di confisca beni a imprenditore condannato per omesso versamento dell’Iva

Provvedimento di confisca beni a imprenditore condannato per omesso versamento dell’Iva

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 16 Maggio 2018 08:06

Nell’ambito dell’attività Istituzionale volta alla tutela delle entrate statali ed al contrasto dell’evasione fiscale, i Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca per equivalente per un valore di oltre 360 mila euro, emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nei confronti di un imprenditore condannato per il reato di omesso versamento di IVA. Il provvedimento, eseguito dalla Compagnia di Palmi sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, scaturisce da un’attività d’indagine eseguita nei confronti di un’impresa individuale operante nel settore del trasporto merci su strada,

il cui titolare ha omesso di versare l’Imposta sul Valore aggiunto, dovuta in base alla dichiarazione annuale relativa all’anno d’imposta 2010, per un importo di euro 361.579,00. In esecuzione del decreto di confisca, le Fiamme Gialle hanno cautelato diversi conti correnti e beni mobili registrati nella disponibilità dell’imprenditore condannato. L’Istituto della confisca per equivalente per i reati tributari è stato introdotto dall’art. 1, comma 143, della legge n. 244/07 (Legge Finanziaria 2008), che ha esteso l’applicabilità della confisca prevista dall’art. 322 ter c.p.p., anche a tale tipologia di illeciti.

Infatti tale normativa consente il ricorso alla c.d. confisca per equivalente, al fine di neutralizzare i vantaggi economici derivanti dall’attività criminosa, prevedendo la possibilità di procedere al sequestro ed alla successiva confisca, di beni di valore economico corrispondente al profitto o al prezzo del reato.

L’operazione conferma il quotidiano impegno della Guardia di Finanza nel contrasto all’evasione fiscale, a tutela della sicurezza economico finanziaria ed a salvaguardia delle imprese che operano correttamente.

Rc 16 maggio 2018

Letto 139 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Confiscato dalla Guardia di Finanza patrimonio da 2.5 milioni a imprenditore reggino

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, coordinati dalla locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, che dispone la confisca del patrimonio stimato in circa 2,5 milioni di euro riconducibile a LIUZZO Giuseppe Stefano Tito, già Sorvegliato Speciale di P.S., ritenuto intraneo alla cosca di ‘ndrangheta reggina “Rosmini”, egemone nei quartieri Modena, Ciccarello e San Giorgio Extra di Reggio Calabria.

  • 'Ndrangheta: sequestrato patrimonio immobiliare di 2mln di euro a imprenditore di Melito

    Reggio Calabria. Le Fiamme Gialle del Nucleo Speciale Polizia Valutaria di Reggio Calabria, hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale emessa dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, con il

  • Candidoni: la GdF scopre una piantagione di marijuana, due arresti

    Continua incessante l’azione dei finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria e, nello specifico, del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro a contrasto della produzione e traffico di sostanze stupefacenti.
    Una nuova operazione ha portato al sequestro di un grosso quantitativo di marijuana nelle campagne di Candidoni (RC), ai confini del Comune del territorio di Rosarno.
    Al momento del blitz, effettuato all’esito di una mirata ed articolata attività di intelligence, sono stati rinvenuti e sequestrati complessivi kg 1000 di marijuana ed arrestati due soggetti responsabili.

  • La Guardia di Finanza e lo Scico sequestrano patrimonio imprenditoriale per 115milioni

    Militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata, stanno eseguendo, su ordine della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, il sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile a primari imprenditori della Piana, operanti nel settore degli appalti pubblici.
    Nel corso degli anni, avevano accumulato la loro fortuna imprenditoriale grazie all'abbraccio affaristico e di interesse con la maggiore cosca di 'ndrangheta del mandamento tirrenico, quella dei Piromalli.

  • Locri, la Guardia di Finanza scopre truffa al Sistema Sanitario Nazionale per 2milioni

    Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di una complessa e articolata attività di indagine denominata operazione “Mendacium”, una truffa aggravata in danno del Sistema Sanitario Nazionale perpetrata da una società cooperativa operante nella Locride.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.