:: Evidenza

Fideiussione, accolto il ricorso della Reggina

Fideiussione, accolto il ricorso della Reggina

La Reggina 1914, assistita dagli avvocati Francesco Diciommo e Edoardo Chiacchio comunica l’accoglimento del ricorso relativo la fideiussione. Di seguito comunicato n. 29 del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare. Il Tribunale Federale Nazionale –...

Dal 28 ottobre arriverà l'acqua del Diga del Menta a Reggio Calabria

Dal 28 ottobre arriverà l'acqua del Diga del Menta a Reggio Calabria

Il Presidente della Giunta regionale Mario Oliverio, d'intesa con il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e il Commissario di Sorical spa, Luigi Incarnato, comunica che il 28 ottobre p.v. si procederà all'attivazione della fornitura...

Completamento strada a scorrimento veloce San Roberto-Fiumara-Campo Calabro, il 25 ottobre incontro pubblico

Completamento strada a scorrimento veloce San Roberto-Fiumara-Campo Calabro, il 25 ottobre incontro pubblico

Si terrà il 25 ottobre alle ore 16.00, nel territorio del comune di Fiumara, sull’innesto della strada a scorrimento veloce che porta a San Roberto, l’incontro pubblico sul completamento dell’arteria fino a Campo Calabro, e...

Pedopornografia, arrestato un 45enne:  deteneva quasi 3 mila filmati e foto

Pedopornografia, arrestato un 45enne: deteneva quasi 3 mila filmati e foto

Nella giornata di ieri è stato tratto in arresto un operatore commerciale di quarantacinque anni, abitante a Reggio Calabria, che deteneva oltre 3000 immagini e filmati di contenuto pedopornografico. E’ questo il profilo che emerge...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAProvvedimento di confisca beni a imprenditore condannato per omesso versamento dell’Iva

Provvedimento di confisca beni a imprenditore condannato per omesso versamento dell’Iva

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 16 Maggio 2018 08:06

Nell’ambito dell’attività Istituzionale volta alla tutela delle entrate statali ed al contrasto dell’evasione fiscale, i Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca per equivalente per un valore di oltre 360 mila euro, emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nei confronti di un imprenditore condannato per il reato di omesso versamento di IVA. Il provvedimento, eseguito dalla Compagnia di Palmi sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, scaturisce da un’attività d’indagine eseguita nei confronti di un’impresa individuale operante nel settore del trasporto merci su strada,

il cui titolare ha omesso di versare l’Imposta sul Valore aggiunto, dovuta in base alla dichiarazione annuale relativa all’anno d’imposta 2010, per un importo di euro 361.579,00. In esecuzione del decreto di confisca, le Fiamme Gialle hanno cautelato diversi conti correnti e beni mobili registrati nella disponibilità dell’imprenditore condannato. L’Istituto della confisca per equivalente per i reati tributari è stato introdotto dall’art. 1, comma 143, della legge n. 244/07 (Legge Finanziaria 2008), che ha esteso l’applicabilità della confisca prevista dall’art. 322 ter c.p.p., anche a tale tipologia di illeciti.

Infatti tale normativa consente il ricorso alla c.d. confisca per equivalente, al fine di neutralizzare i vantaggi economici derivanti dall’attività criminosa, prevedendo la possibilità di procedere al sequestro ed alla successiva confisca, di beni di valore economico corrispondente al profitto o al prezzo del reato.

L’operazione conferma il quotidiano impegno della Guardia di Finanza nel contrasto all’evasione fiscale, a tutela della sicurezza economico finanziaria ed a salvaguardia delle imprese che operano correttamente.

Rc 16 maggio 2018

Letto 162 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sequestrati 17 kg di cocaina purissima al porto di Gioia Tauro

    Gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane – Ufficio Antifrode di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia - hanno individuato e sequestrato 17 Kg di cocaina purissima nello scalo portuale calabrese. La droga è stata rinvenuta all’interno di un contenitore che trasportava semi di girasole, proveniente dal porto argentino di Buenos Aires e destinato in Libia.

  • Riace, ai domiciliari il sindaco Lucano accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

    I finanzieri del Gruppo di Locri hanno eseguito, alle prime luci dell’alba, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Locri, che dispone gli arresti domiciliari nei confronti di Domenico Lucano, sindaco del Comune di Riace ed il divieto di dimora per la sua compagna, nell’ambito dell’operazione denominata “Xenia”.
    La misura cautelare rappresenta l’epilogo di approfondite indagini, coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Locri, svolte in merito alla gestione dei finanziamenti erogati dal Ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Reggio Calabria al Comune di Riace, per l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo politico.

  • Locri, false attestazioni da beneficiari di gratuito patrocinio. 123 persone deferite dalla Guardia di Finanza

    Nell’ambito dell’attività istituzionale effettuata in materia di spesa pubblica, le Fiamme Gialle di Locri hanno dedicato particolare attenzione all’istituto giuridico del “gratuito patrocinio”.
    Il gratuito patrocinio consiste, in buona sostanza, nel pagamento delle spese legali da parte dello Stato per le persone che non possono permettersi un difensore di fiducia a causa delle loro indigenti condizioni economiche. La procedura prevede, per coloro che hanno in corso un’azione legale ed hanno un reddito particolarmente basso, le cui soglie sono fissate dalla normativa, la presentazione di un’istanza, allegando la relativa documentazione, con cui chiedono di accedere a tale beneficio.

  • Palmi, scoperto sodalizio criminoso che sottraeva denaro di associazioni sindacali per interessi personali

    I Finanzieri della Compagnia di Palmi, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Palmi Dr. Ottavio Sferlazza e dal Sostituto Procuratore D.ssa Anna Pensabene, hanno eseguito un sequestro preventivo di beni disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale, nei confronti di un sodalizio criminoso, accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato, falso, impiego di denaro di provenienza illecita e autoriciclaggio. Il provvedimento rappresenta l’epilogo di articolate indagini condotte dalle Fiamme Gialle Palmesi nei confronti di una struttura criminosa para-familiare, composta da due soggetti con il ruolo di capi, promotori e organizzatori ed altri 10 soggetti, con il ruolo di compartecipi al sodalizio medesimo.

  • Denunciati 31 falsi braccianti agricoli e un imprenditore a Scilla

    All’esito di un’articolata indagine di polizia giudiziaria svolta dalla Guardia di Finanza di Reggio Ccalabria per il contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica –coordinata dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria dott. Giovanni Bombardieri e dal Procuratore aggiunto dott. Gerardo Dominijanni e diretta dal Sostituto procuratore dott. Massimo Baraldo –si è data esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo di beni per un valore di oltre duecentomila euro, emesso dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di 31 falsi braccianti agricoli e del titolare di una azienda presso la quale gli stessi risultavano, solo fittiziamente, assunti.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.