unci banner

:: NEWS

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACARosarno, arrestato dai Carabinieri un Vigile Urbano

Rosarno, arrestato dai Carabinieri un Vigile Urbano

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 18 Settembre 2019 17:44

Sabato scorso, a Rosarno, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio disposto dalla compagnia di Gioia Tauro e finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, i carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato in flagranza di reato, un 63enne di Rosarno, Ispettore Capo della locale Polizia Municipale, in quanto ritenuto responsabile del reato di induzione indebita a dare o promettere utilità.
L’arresto è avvenuto nella mattinata di sabato quando, una pattuglia della Tenenza di Rosarno, impegnata in un servizio di prevenzione nelle vie del mercato settimanale, notava un vigile urbano che, in uniforme e con l’auto di servizio, si aggirava per le vie del mercato riscuotendo denaro contante, generi alimentari e altre merci da alcuni commercianti.

Insospettiti dall’atteggiamento anomalo dell’Ispettore, i militari della Tenenza decidevano di avviare immediatamente un servizio di osservazione in abiti civili al fine di appurare la liceità della condotta del vigile riuscendo a documentare come lo stesso, avvalendosi della sua qualità di pubblico ufficiale, stesse riscuotendo indebitamente, da alcuni commercianti abusivi e non autorizzati, con pagamenti in denaro ovvero sotto forma di altri generi alimentari, il canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche destinate al mercato.
Pertanto, alla luce del quadro gravemente indiziario raccolto nell’immediatezza, i Carabinieri decidevano di fermare il soggetto mentre si accingeva a salire a bordo dell’autovettura di servizio, trovandolo effettivamente in possesso della somma contante di circa 40 euro nonché di diverse buste contenenti prodotti ortofrutticoli e cosmetici, ritenuti proventi delle precedenti riscossioni illecite.
Il 63enne rosarnese, al termine degli adempimenti di rito, è stato, dunque, tratto in arresto in flagranza di reato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria di Palmi che, concordando con le richieste della locale Procura della Repubblica, ha convalidato l’arresto disponendo l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Rosarno 18 settembre 2019

Letto 90 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sant'Eufemia d'Aspromonte, un arresto per detenzione illegale di armi e munizioni

    Martedì pomeriggio i carabinieri delle stazioni di Sant’Eufemia d’Aspromonte e di Sinopoli hanno arrestato un 57enne, eufemiese accusato di detenzione illegale di armi e munizioni.
    I militari dell’Arma hanno condotto varie perquisizioni alla ricerca di armi e munizioni illegittimamente detenute, grave fenomeno criminale dato che sovente il loro uso è destinato a commettere delitti quali estorsioni, atti intimidatori ed omicidi.

  • Servizi su tutto territorio reggino, i Carabinieri rinvengono armi e una piantagione di canapa indiana

    Nei giorni appena trascorsi, il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, ha predisposto dei servizi straordinari di controllo del territorio in collaborazione con personale dei “Cacciatori” di Vibo Valentia, tesi all’individuazione della presenza occulta di armi, munizioni e sostanze esplosive presenti sul territorio della provincia con particolare attenzione alle zone impervie e di difficile raggiungimento.
    In particolare, i carabinieri delle stazioni di Cardeto e Cataforio supportati da personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno rinvenuto in area boschiva di ardua praticabilità abitualmente frequentata da cacciatori, all’interno di un casolare in stato di abbandono ubicato in località “Campicelli”

  • Oppido, ritrovato senza vita l'anziano disperso da ieri

    È stato ritrovato senza vita l’anziano di Oppido Mamertina di cui non si avevano notizie da ieri e per cui era stato attivato dalla Prefettura il Piano ricerca persone scomparse. A trovare l’uomo nelle campagne di Oppido questa mattina i Vigili del Fuoco che hanno recuperato il corpo con l’intervento di un elicottero del Nucleo di Catania. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri che ieri avevano per prima dato l’allarme.

  • Un deferimento per ricettazione di opere d'arte

    Martedì scorso, i Carabinieri del Comando Stazione Carabinieri di RC-Catona, in collaborazione con personale del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, hanno denunciato a piede libero un 70enne italiano residente a Reggio Calabria, insegnante in pensione, ritenuto responsabile dei reati di ricettazione di opere d’arte.
    L’operazione, scaturita da una intensa attività info-investigativa posta in essere dalla Stazione Carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, ha consentito di individuare e sequestrare un’opera d’arte di pregio con contestuale successiva restituzione dell’opera all’avente diritto.

  • Un arresto per violazione di domicilio, lesioni personali e atti persecutori

    Questa notte, i Carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Calabria hanno arrestato in flagranza di reato un 40enne cittadino rumeno residente a Reggio Calabria, celibe, incensurato, accusato di violazione di domicilio, lesioni personali e atti persecutori in danno della ex-compagna 49enne rumena.
    In particolare, l’uomo, introdottosi all’interno dell’abitazione della donna mediante un doppione della chiave da lui arbitrariamente detenuta, l’aggrediva in camera da letto mentre si trovava al telefono con il suo attuale compagno che, trovandosi in altra città per ragioni di lavoro, prontamente allertava i soccorsi tramite il numero d’emergenza 112.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.