unci banner

:: Evidenza

La protesta del "Piria" non si placa: manifestazione a Palazzo Campanella

La protesta del "Piria" non si placa: manifestazione a Palazzo Campanella

E' iniziato il lungo pomeriggio dell'Istituto "Piria". Sulla scalinata di Palazzo Campanella gli studenti, della scuola più antica di Reggio Calabria, protestano per dire "no"...

Inarrestabile la battaglia del "Piria": "Stanchi di subire imposizioni che stravolgono scelte condivise"

Inarrestabile la battaglia del "Piria": "Stanchi di subire imposizioni che stravolgono scelte condivise"

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Comitato del "Piria": "In democrazia vale (?) il principio della maggioranza. Se gli studenti non scelgono il Ferraris bisognerebbe...

Reggio Calabria: arrestata badante per maltrattamenti nei confronti di un'anziana

Reggio Calabria: arrestata badante per maltrattamenti nei confronti di un'anziana

Nella nottata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno rintracciato e tratto in arresto, in esecuzione ordinanza di applicazione di misura...

Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani: tutti gli appuntamenti nella Diocesi

Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani: tutti gli appuntamenti nella Diocesi

Avrà inizio oggi e si concluderà il 25 gennaio la 110^ Settimana di preghiera per l'Unità dei Cristiani. L'iniziativa ecumenica si svolgerà nella città dello...

Musica e passione al PalaCalafiore: Antonacci infiamma i fan. La dedica ad Armellini

Musica e passione al PalaCalafiore: Antonacci infiamma i fan. La dedica ad Armellini

di Dominella Trunfio - “Ogni sera, prima di andare a dormire sento un solo coro: il vostro. Per questo, su questo palco, fino all’ultima goccia...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACASbarco migranti: la Polizia e personale della "Diciotti" fermano due scafisti

Sbarco migranti: la Polizia e personale della "Diciotti" fermano due scafisti

Pubblicato in CRONACA Martedì, 14 Novembre 2017 18:52

A conclusione di articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria la Squadra Mobile reggina, unitamente a personale della Nave “Diciotti” della Capitaneria di Porto, ha sottoposto, d’iniziativa, a fermo di indiziato di delitto 2 cittadini extracomunitari – D. I., classe ‘98 (cittadino di origine senegalese) e S. I., classe ‘96 (cittadino originario della

Guinea) – gravemente indiziati di essere stati al comando di due imbarcazioni sulle quali hanno viaggiato parte dei cittadini extracomunitari sbarcati al porto di Reggio Calabria nelle giornate del 4 e 5 novembre, dopo essere stati soccorsi in acque internazionali, al largo delle coste libiche. Accanto alla macchina dei soccorsi, come di consueto, l’intervento degli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria che hanno raccolto le testimonianze dei superstiti i quali hanno riferito di essere stati imbarcati su un gommone sovraccarico con più di 150 persone a bordo, tutte prive di giubbotto di salvataggio, che, dopo ore di navigazione, affonda riversando in mare gli occupanti. Situazione protrattasi per circa due ore, fino all’arrivo dei soccorsi, che recuperano i superstiti e, insieme a loro, i corpi privi di vita di 5 donne e 3 uomini. Ad entrambi i fermati la Procura della Repubblica ha contestato il delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per aver condotto dalle coste libiche, verso il territorio dello Stato italiano, due imbarcazioni a bordo delle quali hanno viaggiato parte dei migranti giunti al porto di Reggio Calabria in occasione dello sbarco in oggetto, procurando in tal modo l’ingresso illegale di stranieri nel territorio dello Stato, privi di cittadinanza italiana e di titolo per risiedere permanentemente sul territorio nazionale. Inoltre, il cittadino senegalese D. I. è gravemente indiziato di aver cagionato la morte di due persone come conseguenza non voluta del delitto doloso di immigrazione clandestina. Entrambi i fermi sono stati convalidati nella giornata del 9 novembre, a seguito di interrogatorio di garanzia, dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria che ha disposto, per entrambi i soggetti fermati, la misura cautelare della custodia in carcere.

Reggio Calabria 14 novembre 2017

Letto 44 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Motta San Giovanni: pubblicato avviso per affidamento bene confiscato

    È stato pubblicato l’avviso per la concessione, ad uso gratuito, di un bene confiscato alla criminalità organizzata e trasferito al patrimonio indisponibile del Comune di Motta San Giovanni per finalità sociali. Si tratta di un appartamento sito a Lazzaro, posto al quinto piano e facente parte del lotto B del complesso edilizio denominato “porto di Sant’Elia Residence”, trasferito al

  • La protesta del "Piria" non si placa: manifestazione a Palazzo Campanella

    E' iniziato il lungo pomeriggio dell'Istituto "Piria". Sulla scalinata di Palazzo Campanella gli studenti, della scuola più antica di Reggio Calabria, protestano per dire "no" al dimensionamento scolastico, voluto dalla Città Metropolitana. Il dirigente scolastico Ugo Neri e una rappresentanza del corpo docente illustreranno, prima della seduta del Consiglio regionale, al presidente

  • A Palazzo Alvaro la seconda edizione del progetto "Legalità è Cultura"

    Legalità è cultura, giunto alla seconda edizione, è il progetto che coinvolge una rete nazionale di scuole fra cui alcuni istituti superiori di Reggio e provincia, ed una delegazione degli istituti di Bari e Busto Arsizio (VA). Nella mattina di sabato 20 gennaio gli studenti illustreranno i lavori prodotti per il riutilizzo di un bene confiscato ideale, per la realizzazione del quale ciascuna

  • Marinelli (Cisl) in Calabria per illustrare il nuovo contratto per gli statali

    "Lo hanno aspettato per oltre 8 anni questo CCNL i lavoratori del nuovo Comparto delle Funzioni Centrali, che racchiude Ministeri, EPNE, Agenzie Fiscali, CNEL, AGID, ENAC. I c.d. “statali” hanno protestato, scioperato, lottato con tutti i mezzi garantiti dal vigente sistema di relazioni sindacali e dopo un lungo periodo di blocco imposto dalla normativa di rigore, meglio

  • Riferimenti, Musella: "Restituiamo allo Stato i beni a noi affidati"

    "I beni confiscati alla cosca Mancuso ed affidati al Coordimento Antimafia Riferimenti ritornano al mittente". A tale scopo, Adriana Musella, per conto del Coordinamento, ha chiesto un incontro col prefetto di Vibo Valentia. Su proposta progettuale della stessa Musella era stata realizzata in quei beni l'Università dell'antimafia che avrebbe dovuto ospitare studenti da tutta

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.