unci banner

:: Evidenza

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

E' ad Africo antico, nel cuore dell'Aspromonte, la splendida montagna selvaggia e incontaminata della Calabria che, alta, affaccia sul Mediterraneo, luogo di straordinaria bellezza, primordiale,...

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

Un documentario che, tra passato, presente e futuro, racconta le bellezze e le potenzialità del comprensorio di Catona, Arghillà e della Vallata del Gallico. E’...

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

È stato presentato stamane, presso la sede della Camera di Commercio di Reggio Calabria, il progetto pilota “Luci da dentro”, che vuole offrire ai detenuti...

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACASorpresi nella notte dentro il Castello Aragonese dalla Polizia

Sorpresi nella notte dentro il Castello Aragonese dalla Polizia

Pubblicato in CRONACA Domenica, 15 Aprile 2018 09:48

Prosegue l’intensa attività di controllo del territorio e di contrasto della criminalità diffusa disposta dal Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, con particolare riferimento al centro cittadino. Durante la notte di ieri, infatti, sono stati arrestati due reggini di 35 e 36anni. I due, dopo aver forzato la porta di ingresso del Castello Aragonese, si sono introdotti all’interno del complesso che, attualmente, ospita un’esposizione di quadri gestita dall’associazione culturale “Excalibur”. Nei fatti, alle 4:30 del mattino di ieri è giunta una segnalazione al numero di emergenza “113” inerente la presenza di alcune persone all’interno dell’area museale del Castello Aragonese;

immediatamente sono state inviate sul posto 3 volanti che hanno bloccato ogni possibile via di fuga. Il tempestivo intervento e la precisa disposizione degli agenti ha consentito di individuare e bloccare le due persone. Dopo i primissimi momenti operativi, la Sala Operativa ha contattato telefonicamente il responsabile di turno dell’Assessorato Comunale per la Valorizzazione del patrimonio storico, artistico, archeologico e paesaggistico che, giunto sul posto, ha svolto un primo sopralluogo della struttura collaborato dagli agenti delle volanti e da personale della Polizia Scientifica. Il controllo ha permesso di accertare la forzatura del portone di ingresso del Castello Aragonese, mediante il danneggiamento del maniglione che è stato rinvenuto all’interno di una sala della struttura. I due uomini sono stati immediatamente condotti in Questura a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha disposto il giudizio per rito direttissimo mentre sono ancora in corso le attività per quantificare l’entità dei danni al patrimonio cittadino. L’intervento degli uomini delle Volanti, nel cuore della notte, ha consentito di evitare conseguenze irreparabili per il patrimonio artistico e storico della città.

Reggio Calabria, 15 aprile 2018

Letto 121 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Polizia di Stato: arrestato un 23enne per “omicidio stradale”

    Reggio Calabria. Ieri, personale del Distaccamento di Polizia Stradale di Brancaleone ha tratto in arresto un 23enne di Locri, S.D., responsabile del reato di Omicidio Stradale, avvenuto nella nottata. Il giovane si è reso protagonista di un incidente stradale avvenuto nel Comune di Gioiosa Jonica nel quale, a seguito delle gravi lesioni subite, ha perso la vita un altro giovane

  • Al Castello Aragonese continuano gli appuntamenti di Calabria dietro le quinte

    Al Castello Aragonese si ride con la brillante comicità di tanti artisti protagonisti degli eventi organizzati dall’Associazione “Calabria dietro le Quinte” ideatrice del festival nazionale del cabaret “Facce da Bronzi” inserito nell’Estate Reggina. La kermesse, rientra negli eventi dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 promosso dalla commissione Europea e dal Mibact” e ha il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, della Città Metropolitana di Reggio Calabria e cofinanziato dalla Regione Calabria – “intervento per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria”.

  • Rinvenuti dalla Polizia quasi 3 chilogrammi di marijuana ad Archi

    Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nell’ambito di un’articolata attività di prevenzione e controllo del territorio, fortemente voluta dal Questore di Reggio Calabria, Dr. Raffaele GRASSI, finalizzata anche al contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, ha rinvenuto e sequestrato una notevole quantità di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.
    In particolare, gli Agenti delle Volanti hanno rinvenuto, in una casa rurale abbandonata in località Archi di Reggio Calabria, 2,817 Kg della citata sostanza già essiccata e pronta per essere inserita nel mercato illegale dello spaccio.

  • Dopo un tentato furto ad un'anziana minore trasferito in comunità

    Nei giorni scorsi, il personale della Polizia di Stato in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio, fortemente voluta dal Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, nell’intero territorio cittadino ed in particolar modo in centro città e nei luoghi di maggiore affluenza, ha arrestato un minorenne di nazionalità rumena responsabile di un violento tentativo di furto con strappo ai danni di una donna anziana che ha riportato lesioni a seguito della caduta provocata dalla violenza azione delittuosa del giovane.

  • Al Castello la cerimonia di dissoluzione del Mandala: regalate le sabbie benedette

    Si è tenuta preso la sala delle Prigioni, del Castello Aragonese, la cerimonia di dissoluzione del mandala, completando cosi il suo ciclo tanto simile alla vita: creazione (nascita), realizzazione (crescita) e dissoluzione (morte). La cerimonia come da tradizione è stata preceduta, dai suoni dei mantra, recitati dai monaci con i caratteristici strumenti rituali. Le polveri derivanti sono state poi regalate agli intervenuti come simbolo di benedizione e buon auspicio. Il mandala è un simbolo di purificazione spirituale ed energetico, che con il suo rituale vuole eliminare energie negative presenti nel luogo fisico, e non sembra un caso che questa volta la sua realizzazione sia stata fatta nelle stanze in cui le persone, provocavano e subivano sofferenze di tutti i tipi, appunto le prigioni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.