unci banner

:: NEWS

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACATaurianova, ai domiciliari per detenzione abusiva di arma e munizionamento

Taurianova, ai domiciliari per detenzione abusiva di arma e munizionamento

Pubblicato in CRONACA Venerdì, 20 Settembre 2019 15:25

Nella mattina di ieri, i carabinieri della Compagnia di Taurianova, con il supporto dei colleghi Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto un 68enne di Molochio, per i reati di ricettazione, detenzione abusiva di munizionamento e di una arma comune da sparo clandestina.
In particolare, i militari dell’Arma, in località Timpe, al termine di una perquisizione eseguita presso un terreno agricolo e all’interno di due casolari, adibiti a deposito attrezzi e stalla, nella sua piena disponibilità, hanno rinvenuto una pistola cal. 7,65 con matricola abrasa e oltre 70 cartucce.

L’arma è stata infatti trovata immersa nel gasolio all’interno di un contenitore in plastica, ben nascosto in una fessura di un muro in pietra, mentre le munizioni sono state trovate all’interno di un involucro in polistirolo nascosto sotto dei massi all’ingresso del casolare.
Arma e munizioni sono state sequestrate e saranno trasmesse al RIS di Messina per le analisi tecniche e balistiche, anche al fine di verificare l’eventuale precedente utilizzo in eventi criminosi nel territorio.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Reprimere e prevenire i reati in materia di armi rappresenta una delle priorità dei carabinieri in tutta la provincia. L’operazione si inserisce infatti in una più ampia e coordinata azione di controllo svolta dai carabinieri della Compagnia di Taurianova, grazie soprattutto alla costante attività informativa e di aderenza col territorio delle stazioni carabinieri, volta a contrastare la circolazione di armi clandestine, molto spesso occultate sotto terra o all’interno di muri o in incavi naturali. Negli ultimi giorni mirati servizi nei terreni agricoli e perquisizioni hanno portato a Taurianova al sequestro anche di altra arma da fuoco, una pistola cal. 6,35 con matricola abrasa, e oltre 35 cartucce di vario calibro, occultate in aperture di alcuni alberi.
Tale azione repressiva si affianca ad una costante attività preventiva di controllo dei legittimi detentori di armi svolta dalle stazioni carabinieri, al fine di verificare la regolarità del possesso e detenzione. Tale attività ha l’importante scopo di impedire eventuali atteggiamenti poco diligenti e scarsamente prudenti nelle modalità di custodia, che possono facilitare l’asportazione delle armi regolarmente denunciate da parte dei criminali, soprattutto in caso di furti in abitazione, i quali potrebbero utilizzarle per compiere danneggiamenti o reati contro le persone. Con l’inizio della stagione venatoria, inoltre, i carabinieri sono costantemente impegnati in mirati servizi nelle aree di caccia, al fine di prevenire le rapine dei fucili ai cacciatori e controllare il regolare e ordinato svolgimento dell’attività venatoria.

Taurianova 20 settembre 2019

Letto 85 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sant'Eufemia d'Aspromonte, un arresto per detenzione illegale di armi e munizioni

    Martedì pomeriggio i carabinieri delle stazioni di Sant’Eufemia d’Aspromonte e di Sinopoli hanno arrestato un 57enne, eufemiese accusato di detenzione illegale di armi e munizioni.
    I militari dell’Arma hanno condotto varie perquisizioni alla ricerca di armi e munizioni illegittimamente detenute, grave fenomeno criminale dato che sovente il loro uso è destinato a commettere delitti quali estorsioni, atti intimidatori ed omicidi.

  • Servizi su tutto territorio reggino, i Carabinieri rinvengono armi e una piantagione di canapa indiana

    Nei giorni appena trascorsi, il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, ha predisposto dei servizi straordinari di controllo del territorio in collaborazione con personale dei “Cacciatori” di Vibo Valentia, tesi all’individuazione della presenza occulta di armi, munizioni e sostanze esplosive presenti sul territorio della provincia con particolare attenzione alle zone impervie e di difficile raggiungimento.
    In particolare, i carabinieri delle stazioni di Cardeto e Cataforio supportati da personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno rinvenuto in area boschiva di ardua praticabilità abitualmente frequentata da cacciatori, all’interno di un casolare in stato di abbandono ubicato in località “Campicelli”

  • Oppido, ritrovato senza vita l'anziano disperso da ieri

    È stato ritrovato senza vita l’anziano di Oppido Mamertina di cui non si avevano notizie da ieri e per cui era stato attivato dalla Prefettura il Piano ricerca persone scomparse. A trovare l’uomo nelle campagne di Oppido questa mattina i Vigili del Fuoco che hanno recuperato il corpo con l’intervento di un elicottero del Nucleo di Catania. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri che ieri avevano per prima dato l’allarme.

  • Un deferimento per ricettazione di opere d'arte

    Martedì scorso, i Carabinieri del Comando Stazione Carabinieri di RC-Catona, in collaborazione con personale del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, hanno denunciato a piede libero un 70enne italiano residente a Reggio Calabria, insegnante in pensione, ritenuto responsabile dei reati di ricettazione di opere d’arte.
    L’operazione, scaturita da una intensa attività info-investigativa posta in essere dalla Stazione Carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, ha consentito di individuare e sequestrare un’opera d’arte di pregio con contestuale successiva restituzione dell’opera all’avente diritto.

  • A Taurianova incontro su “Prescrizione ed ergastolo ostativo: processo senza limiti”

    Si è svolta domenica scorsa a Taurianova una tavola rotonda sull’ergastolo ostativo, organizzata dall’emittente locale Approdonews e trasmessa in diretta da Radio Radicale. All’iniziativa promossa da Antonino Napoli, avvocato del Foro di Palmi, hanno partecipato Sergio D’Elia, segretario dell’associazione Nessuno Tocchi Caino, Ilario Nasso, magistrato in servizio presso il Tribunale di Vivo Valentia, Elisabetta Zamparutti, esponente del Comitato europeo di Prevenzione della Tortura, e Rita Bernardini, già deputata del Partito Radicale.
    Un ripensamento sulle funzioni della pena è stato sollecitato da Sergio D’Elia, il quale ha ripercorso le esperienze del Sudafrica e del Ruanda per richiamare l’attenzione su modelli di giustizia alternativi a quello punitivo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.