unci banner

:: NEWS

Al via ContaminAzioni Festival il 29 e 30 giugno a Piazza Castello

Al via ContaminAzioni Festival il 29 e 30 giugno a Piazza Castello

Una festa gratuita e aperta a tutti: questo è ContaminAzioni Festival, una due giorni che vuole fare dell’arte la connessione virtuosa con territorio e popolazione. Proprio durante la conferenza stampa...

Il presidente Giuseppe Livoti presenta i due Premi Muse Estate 2019: Cinzia Leone e Gigi Miseferi

Il presidente Giuseppe Livoti presenta i due Premi Muse Estate 2019: Cinzia Leone e Gigi Miseferi

Anche se presenti nel panorama culturale regionale e nazionale ininterrottamente senza sosta o periodi di relax, ultimi giorni di lavoro e di programmazione per l’apertura in grande stile per il...

A Palazzo San Giorgio convegno a più voci per la Giornata internazionale contro la droga

A Palazzo San Giorgio convegno a più voci per la Giornata internazionale contro la droga

In occasione della Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga, il Ce.Re.So. - centro reggino di solidarietà e il Garante dei diritti delle persone private della...

Dal 5 luglio al 15 settembre 2019 nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città

Dal 5 luglio al 15 settembre 2019 nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città

Nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città in via sperimentale per fasce orarie a partire dal 5 luglio e fino al 15 settembre 2019.Introdotte al centro come...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACATaurianova, sottoposto a sequestro il patrimonio di un imprenditore del valore di 13mln di euro

Taurianova, sottoposto a sequestro il patrimonio di un imprenditore del valore di 13mln di euro

Pubblicato in CRONACA Venerdì, 17 Maggio 2019 08:12

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria - presieduta dalla Dott.ssa Ornella Pastore - su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sostituto Procuratore Giulia Pantano, che dispone l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale del sequestro su compendi societari, beni immobili e rapporti finanziari per un valore complessivo stimato superiore a 13 milioni di euro.

Oggetto del provvedimento è il patrimonio intestato/riconducibile a SPOSATO Carmelo cl. ’74, imprenditore edile nel settore pubblico e privato, già assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo del comune di Taurianova, indiziato di intraneità al gruppo mafioso “Sposato-Tallarida”, operante in Taurianova (RC) e zone limitrofe.
La figura di SPOSATO Carmelo era emersa nell’ambito dell’operazione “Terramara Closed” condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, dal Reparto Operativo dell’Arma dei Carabinieri e dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria - coordinati dalla citata Direzione Distrettuale Antimafia - e conclusa, nel mese di dicembre 2017, con l’esecuzione di provvedimenti:
- restrittivi personali nei confronti di 47 soggetti - tra cui il predetto SPOSATO Carmelo, quale pubblico ufficiale nello svolgimento delle predette funzioni di assessore comunale, per i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni ed estorsione, aggravati dal metodo mafioso, poiché ritenuti intranei alla cosca di ‘ndrangheta “Avignone - Zagari - Fazzalari - Viola” (alla quale apparterrebbe il citato gruppo mafioso “Sposato-Tallarida”) attiva nel mandamento tirrenico della provincia reggina;
- cautelari reali su un patrimonio costituito dai compendi aziendali di imprese/società, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un valore stimato complessivamente in euro 25 milioni.
In tale contesto, il Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del citato Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria - valorizzando le funzioni proprie della Guardia di Finanza nella prevenzione e contrasto ad ogni forma di infiltrazione della criminalità nel tessuto economico del Paese e di aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati - aveva ricostruito, attraverso articolati approfondimenti sulle transazioni economico finanziarie e patrimoniali effettuate dai soggetti indagati negli ultimi 20 anni, il patrimonio complessivamente accumulato - tra gli altri - dai componenti del nucleo familiare SPOSATO.
Gli accertamenti eseguiti avevano evidenziato, per ciascuno dei soggetti investigati, una significativa, ingiustificata differenza tra il reddito dichiarato ai fini delle imposte sui redditi e il patrimonio posseduto, anche per interposta persona.
Al riguardo, era stata riscontrata in capo ai medesimi indagati la disponibilità di redditi, dichiarati ai fini delle imposte, non idonei a giustificare le cospicue acquisizioni patrimoniali.
Nello stesso mese di dicembre, sulla scorta degli elementi probatori raccolti dal G.I.C.O. durante l’esecuzione dell’originario provvedimento e all’esito delle ulteriori investigazioni patrimoniali condotte, la predetta Direzione Distrettuale Antimafia disponeva - in via d’urgenza - il sequestro preventivo sull’intero compendio aziendale di ulteriori due imprese edili - delle quali una risultata riconducibile al richiamato SPOSATO Carmelo, sebbene intestata a terzi prestanome - il cui patrimonio era stato complessivamente stimato in 10 milioni di euro.
Successivamente, veniva delegata al Nucleo PEF/G.I.C.O., dalla locale D.D.A., apposita indagine, a carattere economico/patrimoniale, volta all’individuazione dei beni mobili ed immobili riconducibili al predetto SPOSATO Carmelo ed al suo nucleo familiare, finalizzata all’applicazione di una misura di prevenzione personale e patrimoniale.
Al riguardo, dopo aver delineato il profilo di pericolosità sociale qualificata del proposto, anche valorizzando le risultanze delle pregresse indagini, la pertinente attività investigativa è stata indirizzata alla ricostruzione delle acquisizioni patrimoniali - dirette o indirette - effettuate nell’arco temporale intercorrente dal 1997 alla data odierna, accertando la sproporzione esistente tra il profilo reddituale e quello patrimoniale, ma soprattutto, la natura mafiosa dell’attività d’impresa svolta - nel tempo - dal proposto quale imprenditore espressione della cosca di riferimento.
Alla luce di tali risultanze, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione - su richiesta della citata DDA, formulando “in questa fase sommaria un giudizio incidentale di pericolosità sociale del proposto qualificata dall’appartenenza mafiosa, disvelandosi un quadro di sicura contiguità funzionale mediante comportamenti fattivi in favore della cosca Sposato la cui esistenza ha trovato riconoscimento nelle citate pronunce della Suprema Corte” ha ora disposto, con il provvedimento in esecuzione, l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale del sequestro dell’intero patrimonio riconducibile a SPOSATO Carmelo cl. ’74 e al suo nucleo familiare, costituito da 4 imprese/società commerciali, quote societarie, fabbricati e terreni (ubicati anche nelle province di Rieti e Pesaro), nonché disponibilità finanziarie, per un valore stimato in circa euro 13.200.000.

Taurianova17 maggio 2019

Letto 106 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Applicata misura interdittiva dall’esercizio del pubblico ufficio a dirigente medico del GOM e disposto il sequestro di 165mila euro

    I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal GIP di questo capoluogo, con il quale è stata disposta la sospensione dalle funzioni e dall’esercizio del Pubblico Ufficio a carico di una dirigente medico in servizio presso il Reparto di Ginecologia ed Ostetricia del Grande Ospedale Metropolitano “BIANCHI-MELACRINO-MORELLI”. Con il medesimo provvedimento è stato, altresì, disposto il sequestro di oltre € 165.000,00, quale profitto dei reati di peculato, abusi di ufficio e truffa aggravata in danno dello Stato, commessi dal predetto dirigente in violazione del regime di cd “Intramoenia allargata”.

  • Operazione “Balboa”: disarticolata associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza – con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Capo Giovanni Bombardieri – stanno dando esecuzione nelle province di Roma, Reggio Calabria e Sassari ad una Ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dei sodali di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina operante sotto l’egida della cosca di ‘ndrangheta “Bellocco” di Rosarno.

  • Taurianova, controlli straordinari dei Carabinieri in questo fine settimana

    Durante la notte tra sabato e domenica, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio a Cittanova, in occasione di un evento organizzato nel territorio e attrattivo di centinaia di giovani, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori e al contrasto delle condotte di guida in stato di alterazione psicofisica.
    Il servizio svolto dalle stazioni Carabinieri di Cittanova, Polistena e Cinquefrondi ha portato al deferimento all’autorità giudiziaria per il reato di guida in stato di ebbrezza di 5 persone e al contestuale ritiro delle patenti.

  • Settantunenne arrestato dalla Guardia di Finanza per possesso di arma clandestina

    Si è conclusa con l’arresto di un settantunenne reggino, con precedenti per armi e per stupefacenti, e con il sequestro di una pistola semiautomatica, con matricola abrasa, un’operazione di polizia giudiziaria posta in essere dal Comando provinciale della guardia di Finanza di Reggio Calabria. Sfruttando le evidenze emerse dalla penetrante attività informativa costantemente svolta dal Reparto, nonché incrociando i dati residenti presso le banche dati in uso al Corpo, i Finanzieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito una perquisizione d’iniziativa a carico dell’uomo, durante la quale, dopo un’attenta ricerca, hanno rinvenuto l’arma da fuoco clandestina, pronta all’uso.

  • Guardia di Finanza Locri: scoperta maxi evasione internazionale per oltre 21 milioni di euro

    Il Gruppo delle Fiamme Gialle di Locri, nell’ambito di una complessa e trasversale attività ispettiva effettuata nei confronti di una impresa attiva nel settore del commercio all’ingrosso dei fiori, con sede legale dichiarata in Olanda ma di fatto operante ed amministrata in territorio nazionale, ha segnalato all’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione oltre ventuno milioni di euro di imponibile e due milioni di euro di IVA dovuta all’Erario nonché denunciato alla Procura della Repubblica di Locri due soggetti, amministratore di diritto e di fatto, rei di aver evaso le relative imposte.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.