unci banner

:: Evidenza

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Reggio Calabria. E' scomparso prematuramente il dott. Filippo Zema, pediatra conosciuto in città per la sua signorilità, per le doti umane e professionali e per quel sorriso che donava con garbo e solarità ai suoi...

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Reggio Calabria. Dopo dieci mesi di reclusione, Giuseppe Scopelliti, ex presidente della Regione Calabria, ha ottenuto l’ammissione al beneficio del lavoro esterno e svolgerà attività di volontariato presso l'Associazione Nuova Solidarietà di Salice. Il Tribunale...

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

Reggio Calabria. “Se ne è andato in silenzio, senza rumore, come era solito fare quando lasciava una riunione, un’assemblea con i lavoratori, un convegno. Mai una nota alta o stonata, sempre attento a non ferire...

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. "In questi giorni il Comune di Reggio Calabria, per il tramite della sua società Hermes, ha inviato mediante posta ordinaria la bolletta del servizio idrico integrato e le sorprese per gli utenti non...

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

di Giusi Mauro - Partiamo da un dato e da una data, il 70% dei rifiuti che finiscono nei nostri mari è costituito da plastica monouso. Entro il 2050, il peso di questi rifiuti, supererà...

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nella notte tra il 15 e il 16 febbraio, verso mezzanotte circa, un nuovo incendio, ha interessato l’insediamento dei migranti, la cosiddetta baraccopoli, ricadente nella zona industriale di San Ferdinando.L’incendio ha provocato la morte di...

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Rocambolesco incidente ieri sera nei pressi del Ponte della Libertà. Pare a causa della forte velocità un autovettura Alfa Romeo Mito ha finito la sua corsa in Piazza Mino Reitano, al cospetto del...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACATrafugavano le sigarette dal distributore automatico, sottoposti all'obbligo di firma

Trafugavano le sigarette dal distributore automatico, sottoposti all'obbligo di firma

Pubblicato in CRONACA Venerdì, 08 Febbraio 2019 13:00

I militari del Gruppo Carabinieri Forestale, Stazione di Reggio Calabria, hanno dato esecuzione ad un ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria, nei confronti di due soggetti già noti alle cronache giudiziarie locali, per reati di furto e danneggiamento. Nel periodo ricompreso tra i mesi di febbraio e giugno 2018, i malviventi, durante le ore notturne, con condotte reiterate nel tempo, sottraevano in modo fraudolento ingenti quantitativi di tabacchi, sferrando colpi e calci a danno di un distributore automatico installato all’esterno di una tabaccheria sita nel centro di Reggio Calabria.

Le indagini, eseguite mediante l’attenta visione ed analisi dei filmati acquisiti dai sistemi di videosorveglianza, installati nelle prossimità della tabaccheria colpita dalle condotte furtive, hanno permesso di risalire agli autori delle azioni illecite. Risolutivi, tra gli altri, sono stati taluni dettagli dei capi di abbigliamento dagli stessi indossati durante le azioni furtive, successivamente rinvenuti in occasione delle operazioni di perquisizione personale e domiciliare eseguite su disposizione del Sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, titolare del fascicolo penale, Dott.ssa Marika Mastrapasqua.
Eseguite le formalità di rito, i soggetti sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel quartiere di residenza, con assoluto divieto di allontanarsi dalla propria abitazione durante le ore notturne (dalle ore 20.00 alle ore 8.00).

Rc 8 febbraio 2019

Letto 92 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Arrestato dai Carabinieri nel cosentino il latitante Francesco Strangio

    Questa notte i Carabinieri di Reggio Calabria e Cosenza hanno catturato Francesco Strangio, latitante. L’uomo, in fuga da un anno, è stato rintracciato a Rose, piccolo comune del cosentino in un appartamento all’ultimo piano di un condominio del centro abitato.  Pluripregiudicato ritenuto contiguo alla cosca Strangio-Janchi di San Luca, Strangio deve scontare 14 anni per narcotraffico internazionale, per aver negoziato e gestito l’importazione di ingenti quantità di cocaina dal Sudamerica. Nell’operazione sono stati impiegati anche i Carabinieri dello Squadrone Cacciatori di Vibo Valentia.

  • Ai domiciliari sorpreso con diversa droga nascosta nell'abitazione

    Nella serata di sabato, i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Reggio Calabria hanno arrestato in flagranza di reato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, un reggino, 48enne, sottoposto agli arresti domiciliari, con precedenti di polizia per reati in materia di sostanze stupefacenti. A seguito di perquisizione domiciliare, nell’abitazione dell’uomo i militari dell’Arma hanno rinvenuto circa 260 grammi di cocaina suddivisa in 8 involucri occultata sotto un mobile nel corridoio dell’abitazione, circa 800 grammi di marijuana nascosta sotto il divano in cucina e 5000 euro di banconote di vario taglio nascoste all’interno di un mobile in camera da letto.

  • Villa San Giovanni, ventisettenne arrestato per violenza sessuale

    Ieri mattina, i Carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni hanno arrestato A. A., cittadino marocchino 27enne, pregiudicato, accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza sedicenne originaria di Villa San Giovanni.
    Tutto è nato sabato sera, quando, la minore, dopo aver trascorso la serata con un gruppo di amici in piazza Valsesia a Villa San Giovanni, ha deciso di incamminarsi da sola, a piedi, in direzione di un ristornate poco distante, dove doveva incontrare un’amica.
    Nel percorrere la via Torino la giovane ha udito dei passi dietro di lei e ha notato un’ombra avvicinarsi. All’improvviso la ragazza è stata afferrata per i capelli e trascinata in terra da un soggetto di sesso maschile che le si poneva a cavalcioni, tentando di impedirle di urlare, cingendole con una mano il collo e ponendo l’altra sulla bocca della minore.

  • San Luca, domani 12 febbraio la cerimonia di ricordo del Brigadiere Carmine Tripodi

    Domani, alle ore 10.30, presso la località Ponte Cucuzza di San Luca, avrà luogo la commemorazione del 34° anniversario dell’eccidio del Brigadiere Carmine Tripodi, Medaglia d’oro al Valor Militare, con la resa degli onori e la deposizione di una corona presso il monumento in memoria della vittima.
    Alle ore 11.00 presso la Chiesa Santa Maria della Pietà di San Luca, la funzione religiosa officiata da S.E. Mons. Francesco OLIVA, Vescovo della Diocesi di Locri–Gerace, alla presenza delle Autorità civili, miliari e giudiziarie del distretto reggino e del circondario di Locri. A seguire, alle ore 11:45 vi sarà la deposizione di una corona presso il monumento “Brig. M.O.V.M. Carmine Tripodi” nell’omonima piazza di San Luca.

  • Ritrovate sane e salve mamma e figlia disperse in Aspromonte

    Sono state ritrovate in nottata, nei pressi di un torrente, la signora di 46 anni con la propria figlia di 14 che dal primo pomeriggio di ieri si erano perse nelle montagne dell'Aspromonte per cercare di inseguire il proprio cane. A dare l'allarme il marito della signora. Le ricerche si sono rese da subito complesse per la presenza della neve, del terreno impervio oltre che dell'assenza totale di copertura telefonica.
    La svolta nelle ricerche è avvenuta intorno alle 21:00 quando la donna è riuscita a fare una telefonata ad un numero di emergenza (115) e ad indicare di essere con la figlia nei pressi di un torrente senza però dare ulteriori informazioni. Concentrate le ricerche lungo uno dei torrenti lì esistenti, le due disperse sono state ritrovate con principi di ipotermia, rendendosi poi necessario per entrambe il trasporto in barella. Sono state consegnate al 118 in codice giallo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.