unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACATrentanovenne arrestato per violenza sessuale aggravata su minore di 14 anni

Trentanovenne arrestato per violenza sessuale aggravata su minore di 14 anni

Pubblicato in CRONACA Mercoledì, 14 Agosto 2019 14:08

A conclusione di delicate indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore della Repubblica dr. Giovanni BOMBARDIERI, nel pomeriggio di ieri, la Squadra Mobile di Reggio Calabria ha dato esecuzione ad una Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il locale Tribunale nei confronti di un 39enne reggino, responsabile del delitto di violenza sessuale aggravata perché commessa nei confronti di una minore di quattordici anni.

L’attività condotta dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, coordinati dal Procuratore della Repubblica Aggiunto dr. Calogero Gaetano PACI e dal Sostituto Procuratore della Repubblica dr. Alessandro MOFFA, veniva avviata la sera del 6 agosto scorso, quando il padre della minore, residente fuori Regione, si rivolgeva alle Forze dell’Ordine per segnalare che la figlia di 12 anni stava comunicando alle sorelle maggiori, tramite Whatsapp, di essere vittima delle particolari attenzioni da parte del compagno della madre, conosciuto da quest’ultima su Facebook qualche mese addietro.

Il padre riferiva che sua figlia, unitamente alla sua ex compagna e ad un’altra figlia di 5 anni, era giunta a Reggio Calabria la notte precedente dopo un viaggio in autobus di circa 12 ore ed aveva trovato ospitalità presso l’abitazione dell’uomo, aggiungendo, però, di non conoscere l’indirizzo e fornendo solo delle indicazioni generiche.

Ricevuta la segnalazione, personale della Squadra Mobile e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico individuavano tempestivamente l’abitazione dell’uomo segnalato, dove trovavano la minore che, dopo essere stata tranquillizzata, veniva accompagnata in Questura insieme alla madre.

Da quel momento, la piccola, sentendosi al sicuro, iniziava a raccontare agli investigatori tutto quello che aveva subito durante il pomeriggio; infatti, nell’occasione, si procedeva ad una audizione protetta, con l’ausilio di una psicologa e di una esperta in psicologia infantile.

Nell’immediatezza, la Squadra Mobile poneva in sequestro il cellulare della minore sul quale era ancora possibile leggere la conversazione Whatsapp avvenuta tra la stessa e la sorella che si trovava con il padre, e che consentivano un fondamentale riscontro a quanto dalla stessa raccontato agli investigatori.

Al culmine delle stringenti attività d’indagine che permettevano di acquisire gravi indizi di reato, l’uomo veniva raggiunto dalla misura cautelare disposta dal G.I.P. e, dopo le formalità di rito, condotto in carcere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Reggio Calabria, 14 agosto 2019

Letto 117 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Bovalino, al supermercato o a casa invece che in ufficio a lavorare

    A conclusione di mirata attività investigativa espletata dalla Polizia di Stato, il personale del Commissariato di P.S. Bovalino ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della sospensione dell’esercizio del pubblico ufficio per dodici mesi, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Locri su richiesta di quella Procura della Repubblica, nei confronti di 3 soggetti, su un totale di 6 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di truffa aggravata e continuata, falsa attestazione della presenza in servizio e peculato d’uso continuato.

  • Arghillà, 31enne ai domiciliari per possesso di droga

    L’attività di controllo del territorio dell’Ufficio Volanti, svolti nell’ambito del protocollo operativo chiamato “Fata Morgana” che ha quale obiettivo l’intensificazione dell’attività di controllo delle aree ad alta densità criminale della zona nord della città, ulteriormente intensificata su disposizione del Questore di Reggio Calabria con particolare riguardo al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha fatto registrare in città l’ennesimo risultato.
    Nel corso dei servizi il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha arrestato, in via Scopelliti, zona Arghillà nord, in flagranza di reato un 31enne.

  • Roccella, fermati due presunti scafisti ucraini per lo sbarco dei 74 migranti

    Tempestivo e risolutivo l’intervento degli Agenti della Polizia di Stato della Sezione Criminalità straniera e prostituzione della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Siderno, che in poche ore hanno individuato i presunti scafisti dell’imbarcazione che trasportava 74 cittadini extracomunitari, condotti nelle acque territoriali di questa provincia nel pomeriggio di sabato, grazie al soccorso della Guardia Costiera che ne ha curato lo sbarco presso il porto di Roccella Jonica dove sono state effettuate le incombenze legate allo sbarco secondo le direttive della Prefettura di Reggio Calabria ed in stretta e proficua collaborazione con i militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

  • Controlli nel centro storico: arresti per furto di energia elettrica e carburante

    La Polizia di Stato, nell’ambito del progetto Athena che ha quale obiettivo di garantire il controllo del territorio e la sicurezza nella zona centrale della città con l’intensificazione dell’attività di controllo del territorio ed una presenza più capillare del personale delle Volanti, del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno e delle pattuglie motomontate, ha eseguito nei giorni delle “Feste Mariane” massivi controlli in città. A seguito di tali servizi, il personale dell’UPGSP e del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno ha arrestato, in flagranza di reato, due soggetti di 42 e 29 anni in zona Modena, nei pressi del centro sportivo CONI, che si sono resi responsabili del reato di furto di energia elettrica.

  • Il Commissariato di P.S. di Siderno individua e sequestra una piantagione di cannabis

    Il dispositivo di controllo del territorio “Kaulon”, implementato nell’area ionica, ha consentito agli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato P.S. di Siderno di rinvenire una piantagione di Cannabis, realizzando un nuovo risultato nel contrasto alla coltivazione e allo spaccio di sostanze stupefacenti.
    In particolare, nel corso di un servizio mirato al contrasto ai reati in materia di stupefacenti svoltosi in località Maluventu di Grotteria, il personale del Commissariato ha individuato, in un’area verosimilmente demaniale e a ridosso di un piccolo ruscello, una piantagione di circa 150 piante di cannabis, che si presentavano in ottima condizione vegetativa, con altezza media di 1.5 metri.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.