unci banner

:: Evidenza

Il Questore Raffaele Grassi saluta la città di Reggio Calabria

Il Questore Raffaele Grassi saluta la città di Reggio Calabria

Il Questore Raffaele Grassi lascia la città. “Sono stati quattro anni particolarmente intensi, ha detto incontrando la stampa. Nel mio mandato ho messo il cittadino al centro del nostro operato perché lo ritengo il primo...

PFF: il film collettivo 13.11 su migrazioni e attentati di Parigi del 2015, in prima regionale a Reggio

PFF: il film collettivo 13.11 su migrazioni e attentati di Parigi del 2015, in prima regionale a Reggio

Uno scrigno di storie che rivelano sogni e bisogni, desideri e difficoltà tratteggiando una dimensione caleidoscopica e complessa del fenomeno che ha sempre scandito la storia dell’umanità quale quello delle Migrazioni. Storie accomunate da una...

Autorità portuale di Gioia: incontro con il direttore della sede italiana della Banca di Tokyo

Autorità portuale di Gioia: incontro con il direttore della sede italiana della Banca di Tokyo

Reggio Calabria. Per conoscere le strategie di sviluppo portuale e le aree del retro porto dello scalo di Gioia Tauro, il direttore della sede italiana della Banca di Tokyo Mitsubishi UFJ, Kaneyuki Iseda, accompagnato dai...

Falcomatà: “Conte venga a Reggio per CdM, evitare dissesto e rilanciare porto di Gioia Tauro”

Falcomatà: “Conte venga a Reggio per CdM, evitare dissesto e rilanciare porto di Gioia Tauro”

Reggio Calabria. “Il premier Giuseppe Conte venga a Reggio Calabria con una strategia precisa che ci consenta di evitare l’ipotesi di dissesto del Comune capoluogo e con un piano di sviluppo del porto di Gioia...

Al via gli “Incontri di Natura” per celebrare il venticinquesimo compleanno del Parco Aspromonte

Al via gli “Incontri di Natura” per celebrare il venticinquesimo compleanno del Parco Aspromonte

Divulgare, far conoscere, promuovere e confrontarsi. Hanno preso il via gli “Incontri di Natura”, ciclo di eventi organizzati per celebrare il venticinquesimo compleanno del Parco dell’Aspromonte che si terranno a Reggio Calabria dal mese di...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAUndici provvedimenti di Daspo: cinque per Reggina-Catanzaro e sei per Palmese-Gela

Undici provvedimenti di Daspo: cinque per Reggina-Catanzaro e sei per Palmese-Gela

Pubblicato in CRONACA Lunedì, 18 Febbraio 2019 13:47

Non si è fatta attendere la risposta del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo i deprecabili episodi del 27 gennaio e del 3 febbraio scorso, relativi rispettivamente all’incontro disputato allo stadio Lo Presti di Palmi tra Palmese e Gela ed agli scontri avvenuti tra i tifosi della “URBS Reggina 1914” e quelli del “Catanzaro Calcio” all’esterno dello stadio “O. Granillo” al termine dell’incontro tra le predette compagini calcistiche.
Il Questore Raffaele Grassi, pertanto, ha emesso n.11 provvedimenti di D.A.SPO., 5 nei confronti di altrettanti tifosi reggini, 2 nei confronti di dirigenti della U.S. Palmese e 4 a carico di tifosi di quella compagine di Palmi.

Nello specifico, i 5 provvedimenti di D.A.SPO. a carico di tifosi della URBS Reggina 1914, emessi lo scorso 8 febbraio:
- il primo, per durata di anni cinque, è stato emesso nei confronti di L.V. cl.’84, tratto in arresto in occasione degli scontri poiché resosi responsabile del reato di violenza e resistenza a P.U., per aver aggredito il Vice Questore Vicario della Provincia di Reggio Calabria ed il suo autista;
- il secondo D.A.SPO. per la durata di anni otto è stato irrogato nei confronti di Z. M. cl. ’79, negli anni scorsi già destinatario di altri due analoghi provvedimenti interdittivi;
- il terso D.A.SPO. per la durata di anni quattro è stato irrogato nei confronti di M. P. cl 90, deferito in stato di libertà in occasione degli scontri da parte del personale dell’Ufficio Volanti poiché reso-si responsabile di un fitto lancio di pietre all’indirizzo dei tifosi catanzaresi;
- i rimanenti due d.a.spo., entrambi per la durata di anni tre sono stati irrogati nei confronti di F. D. G. cl.’69 e M. N. A. cl.’73 resisi responsabile di aver tentato di sottrarre all’arresto il citato L.V. cl.84 non di aver aggredito i tifosi catanzaresi con l’uso delle cinture e calci.
Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione presso questi Uffici mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali sia impegnata, a qualsiasi titolo, la “URBS Reggina 1914”, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.

Lo scorso 12 febbraio sono stati emessi 6 provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di due dirigenti sportivi e quattro tifosi della “U.S. Palmese” responsabili a vario titolo di aver scavalcato la recinzione che separa le tribune dal rettangolo di gioco, essere entrati in campo e aggredito con calci e spintoni i giocatori siciliani che stavano festeggiando la vittoria della partita:
- il primo d.a.spo. per durata di anni uno è stato emesso nei confronti di E. N. cl.92, dirigente spor-tivo della “U.S. Palmese”, per aver istigato con la sua condotta i giocatori avversari, innescando una mischia con spintoni reciproci in cui restavano coinvolti tutte le persone raggiunte dall’odierno provvedimento inibitorio;
- il secondo d.a.spo. per la durata di anni due è stato irrogato nei confronti di L. P. cl. ’84, anch’egli dirigente sportivo della “U.S. Palmese”, responsabile di essersi scagliato contro i giocatori del Gela aggredendoli con calci;
- gli altri quattro provvedimenti sono stati emessi per la durata di anni tre nei confronti di altrettanti sostenitori della “U.S. Palmese” resisi responsabile di aver scavalcato la recinzione che separa le tribune dal rettangolo di gioco ed aver invaso il campo: O. C. cl.’2000, D . F. V. cl.’2000, A. C. cl.’1998 e A. G. cl.’2001, gli ultimi due pronipoti del defunto boss ALVARO Domenico cl. ’24 alias “Micu U Scagghiuni”.
Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione presso gli Uffici di polizia mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali sia impegnate, a qualsiasi ti-tolo, la “U.S. Palmese”, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.

La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vi-vere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedi-menti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza. Lo scorso anno sono stati 48 i provvedimenti di D.A.SPO. e quest’anno sono già 12 gli analoghi provvedimenti emessi dal Questore della Provincia di Reggio Calabria.

Reggio Calabria 18.02.2019

Letto 129 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Reggio Calabria. Campo di Fiumara di Muro: il questore Grassi emette 2 d.a.spo.

    Reggio Calabria.  Un’altra decisa risposta del questore della Provincia di Reggio Calabria dopo i disordini avvenuti rispettivamente all’interno del campo sportivo di Fiumara di Muro (RC).
    In data 28 febbraio u.s. sono stati emessi due provvedimenti di d.a.spo., per la durata di anni quattro ciascuno, nei confronti di O.V. cl.’56, presidente della “A.S.D. San Roberto Fiumara” e

  • Il Questore emette quattro provvedimenti di d.a.spo. per i disordini di Cittanova e Roccella Jonica

    Un’altra decisa risposta del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo i disordini av-venuti rispettivamente all’interno degli stadi comunali di Cittanova (RC) e di Roccella Jonica (RC).
    In data 18 febbraio u.s. è stato emesso un provvedimento di d.a.spo., per la durata di anni due, nei confronti di F. F. cl.’69, addetto allo stadio “Morreale-Proto” di Cittanova (RC), ove il 23.12.18 si è disputato l’incontro di calcio tra la “A.S.D. Calcio Cittanovese” e la “A.S.D. Troina Calcio”, valevole per il campionato di “Serie D girone I”.

  • Villa San Giovanni, scontri tifosi. Il questore emette un altro provvedimento di D.A.SPO.

    Reggio Calabria. Ferma e decisa la risposta del questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 03 novembre scorso, relativo agli scontri tra i tifosi del “Cosenza Calcio” e quelli del “Catania Calcio”, avvenuti presso il porto di Villa San Giovanni, ove le due tifoserie si erano casualmente incontrate, in quanto la prima era diretta in Sicilia

  • Il Questore di Reggio Calabria emette cinque provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di tifosi catanesi e cosentini

    Non si è fatta attendere la risposta del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 3 novembre scorso, relativo agli scontri tra i tifosi del “Cosenza Calcio” e quelli del “Catania Calcio”, avvenuti presso il porto di Villa San Giovanni, ove le due tifoserie si erano casualmente incontrate, in quanto la prima era diretta in Sicilia per assistere all’incontro di calcio con la squadra agrigentina del “Palermo”, mentre la seconda sbarcava in quel frangente per dirigersi in Basilicata ove avrebbe partecipato all’incontro con il “Potenza”.

  • Dieci provvedimenti di D.A.Spo. nei confronti di giocatori e tifosi della “A.S.D. Archi Calcio”

    Rettangoli di gioco trasformati in un ring. Clima di apprensione che ha accompagnato lo svolgimento delle partite di calcio disputate dall’A.S.D. Archi Calcio. I giocatori ed i tifosi delle squadre di calcio avversarie preoccupati prima di scendere in campo ed assistere alla partita. Un con-testo difficile dove i sani valori dello Sport sono assenti e dove viceversa si incentiva l’illegalità e la violenza. Ciò ha indotto la Prefettura ad adottare provvedimenti specifici finalizzati a spostare gli incontri su campi “neutri”. Tutte queste accortezze non hanno impedito il verificarsi di azioni vio-lente da parte di soggetti a cui la parola “sportivi” non può di certo essergli attribuita.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.