unci banner

:: NEWS

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Sono 3332 le tessere sottoscritte dall’inizio della campagna abbonamenti 2019/20 “Questa vita la dedico a te”. ieri 21 agosto sottoscritti 50 abbonamenti. Terminata prelazione, non sarà più possibile usufruire dello...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Inizia tutto sul Set di “Calibro 9”, il nuovo film prodotto dalla Minerva Pictures per la regia di Toni D’Angelo, dove l’attore calabrese, Direttore della Scuola di Recitazione della Calabria,...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAA Bova la Processione delle Pupazze, una festa tra sacro e profano

A Bova la Processione delle Pupazze, una festa tra sacro e profano

Pubblicato in CULTURA Domenica, 25 Marzo 2018 14:57
A Bova la Processione delle Pupazze, una festa tra sacro e profano foto di Roberto Canzoneri

di Roberta Pino. Sono più vive che mai le antichissime tradizioni popolari che ogni anno si ripetono nel suggestivo borgo di Bova. Sono i riti della primavera grecanica, che rappresentano “la consacrazione del rinnovamento stagionale in cui i grecanici e la natura trovano un punto di incontro”. La processione delle Palme, detta anche delle “Pupazze” o delle “Maddamme”, rientra tra le usanze tipiche del luogo e, dopo un lungo periodo di assenza, è stata recuperata solo da vent‘anni a questa parte.
A spiegare, con accuratezza di particolari, il rito stesso è lo storico dell’arte Pasquale Faenza, che ha trattato più volte l’argomento nelle sue pubblicazioni.

“Una settimana prima della ricorrenza che celebra l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, famiglie e gruppi di persone si riuniscono per intrecciare figure femminili su manichini fatti di steli di canna, saldati ad un’asta, fusto della canna stessa. Le bacchette sottili, vengono quindi avvolte da un ricamo di foglie di ulivo, chiamate “Steddhe”. Ancorate al manichino, compongono progressivamente la gonna, il busto, le braccia e la testa, in un continuo ripetersi di curve e sagome rotondeggianti. Poi, coi fiori si aggiungono collane, orecchini,
orli e acconciature. Il carattere dimensionale di queste figure le divide in madri e figlie: insieme fianco a fianco sfileranno in processione per essere benedette con l’acqua santa davanti al sagrato del Santuario di San Leo. Nel rito benedicente, il sacerdote non manca di dare significato cristiano alla processione, richiamando quanti nella casa di Dio, si ostinano a indicare le Palme come Persefoni, in allusione al mito della dea del grano, Demetra, a cui Ade rapì la figlia, Kore, facendo così calare sulla terra l’inverno”.


Ecco come descrive il rito delle “Pupazze”, nella pubblicazione “L’altro viaggio. Itinerari nella Calabria greca”, l’autore Pasquale Faenza che ricorda come il rito sia carico di rimandi archetipi, “soprattutto quando al termine della liturgia, queste dame vengono smembrate dai fedeli, che fanno incetta di rametti da conservare per la benedizione delle case o utilizzare come strumento per togliere il malocchio”. Sacro e profano intrecciati inesorabilmente e il rito è oggetto di interesse da parte di etnografi e antropologi di tutto il paese.


“Questi antichi culti sono stati trasmessi fino ai nostri giorni ed assorbiti dal Cristianesimo, che ha trasmutato i concetti originari nell’immagine della morte e resurrezione di Cristo. La processione delle Palme trova, infatti, comuni denominatori con altre manifestazioni etnografiche dell’Italia meridionale e della penisola greca, praticate durante il periodo pasquale, quando il riferimento alla rinascita primaverile, alla fertilità e alla condizione nubile delle ragazze emerge con maggiore evidenza nel bagaglio del sapere delle comunità contadine, le più inclini a perpetuare antichi rituali legati alla terra e ai suoi cicli produttivi”.

“E’ un momento di condivisione collettiva molto importante per Bova - commenta Faenza - l’idea che attraverso la processione, la lingua grecanica, i vari laboratori si mantenga salda la comunità, offre un enorme impulso all’attrattiva turistica. Il turista, oggi, cerca questo genere di manifestazioni spontanee, genuine che si sposa con l’operazione del bio-distretto. Si realizza, così, una crescita anche del mondo dell’imprenditoria rurale rinnovata attraverso l’agricoltura biologica, che fa rivivere la campagna, settore primario dopo il
turismo. E’ importante valorizzare queste tradizioni - conclude Faenza - la processione delle Pupazze come la varia di Palmi hanno una valenza etnografica alla pari di un capolavoro artistico”.

Rc 25 marzo 2018

Letto 1143 volte

Articoli correlati (da tag)

  • “Letture di strada”. Sabato a Bova si parlerà di resilienza

    Sabato a Bova si parlerà di resilienza, nel corso del prossimo appuntamento di “Letture di strada” iniziativa itinerante promossa da Città del Sole Edizioni unitamente ad un collettivo spontaneo di intellettuali e semplici appassionati di lettura e cultura più in generale, animato dalla voglia di coniugare la riscoperta di alcuni luoghi di grande suggestione spesso dimenticati alla possibilità di fare cultura in un modo semplice ed originale. A spiegarci i contenuti dell’iniziativa è Gianfranco Marino, giornalista, già vicesindaco del centro aspromontano ed oggi, dopo l’esperienza politica, impegnato in diverse attività di promozione culturale del territorio bovese e dell’Area grecanica più  in generale.

  • Club dei Borghi, possibili nuovi ingressi. In programma entro il mese di luglio le ispezioni della commissione in tre comuni calabresi

    Novità in vista in Calabria per quel che concerne il Club dei Borghi più Belli d’Italia. Ad Oriolo, Aieta, Altomonte, Civita, Morano Calabro, Fiumefreddo Bruzio, Santa Severina, Stilo, Gerace, Bova, Scilla, Buonvicino e Rocca Imperiale potrebbero aggiungersi infatti altri due o tre centri per i quali sono previste a giorni le ispezioni della commissione inviata appositamente dal direttivo nazionale per verificare la sussistenza delle condizioni necessarie per l’ingresso nel club. A Confermarlo è Gianfranco Marino, già coordinatore regionale ed oggi portavoce e responsabile della comunicazione del Club per la Calabria. “Ad oggi - dice Marino - sono in tutto tredici i borghi calabresi inseriti nell’elenco dei 274 comuni italiani facenti parte di questo esclusivo Club dell’ANCI riservato alle eccellenze italiane con popolazione inferiore ai cinquemila abitanti, ai quali se ne potrebbero aggiungere altri.

  • A Bova successo per la prima tappa della rassegna Calabria Judaica

    Si è conclusa, nella suggestiva cornice della Giudecca di Bova, il primo evento della rassegna Calabria Judaica promossa dalla Cooperativa Satyroi di Bova Marina (RC) e finanziata dal Dipartimento Cultura della Regione Calabria, AZIONE 1: Valorizzazione del sistema dei beni culturali e ambientali – Tipologia 1.3 – Eventi innovativi - Annualità 2018 PAC Calabria 2014/2020, Asse 6 Azione 6.7.1.
    A fare il punto sull’iniziativa in atto, Marco Potitò, Responsabile della Cooperativa Satyori, a cui si deve l’organizzazione di un evento unico nel suo genere. Unico perché dopo cinquecento anni fà rivivere l’antica Giudecca di Bova con suoni, parole, segni, sapori e immagini della cultura ebraica. Dopo cinquecento anni il rincontro delle culture ebraica e grecanica. A seguito dei saluti istituzionali del Responsabile Amministrativo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, Salvatore Bullotta, di Pasquale Faenza, curatore degli eventi, la Dott. ssa Debora Penchassi, Responsabile Culturale della Sinagoga di Lincoln Square, Manhattan, New York (USA), ha illustrato tutti i possibili vantaggi turistici attraverso l’approfondimento della cultura Ebraica e le sue tradizioni culinarie koscher.

  • A Bova "Sud-Est contemporanei: cronache di viaggio nella Calabria greca"

    Denso di eventi culturali il progetto di implementazione del Museo della Lingua Greco-Calabra “Gerhard Rohlfs” promosso dal Comune di Bova e finanziato dalla Regione Calabria attraverso i fondi PAC 2014/2020 (Asse 6 Azione 6.7.1. – Dip. cultura - Azione 2 – Rafforzamento del sistema museale - annualità 2018), per potenziare la rete dei musei calabresi. Si tratta spesso di piccole strutture museali, custodi di un patrimonio culturale identitario di inestimabile valore per la Regione, che non vanno però intese come la versione rimpicciolita dei grandi musei, in quanto espressione di un sistema di valorizzazione del patrimonio culturale più radicato nel territorio e nella comunità locale, basato sulle persone, l’accoglienza e su uno interazione più diretta con i visitatori.

  • Scorrimento rapido Bova- Bova Marina, si attende il via libera del Genio Civile

    Strada a scorrimento rapido Bova Marina – Bova ancora impantanata nel guado delle lentezze procedurali. Questo quanto si apprende da una nota congiunta inviata alla stampa dal sindaco di Bova Santo Casile e della commissaria straordinaria del comune di Bova Marina Francesca Crea. Si allunga dunque la vicenda relativa al completamento ed alla messa in sicurezza del primo tratto dell’arteria che collega la costa ionica all’Aspromonte, una storia lunga quasi quarant’anni, che nell’ultimo decennio sembrava essere arrivata ad una svolta, salvo poi arenarsi, come spesso capita in pastoie e lentezze procedurali.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.