unci banner

:: NEWS

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

«In tutte le regioni ci siamo presentati con la naturale alleanza di centro destra ed abbiamo vinto ovunque. Il nostro leader Silvio Berlusconi è stato sempre chiaro e sostiene in...

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Nel mese di luglio, in occasione del progetto Calabria Judaica, finanziato dalla Regione Calabria e curato dalla cooperativa sociale Satyroi, si terrà a Lazzaro un evento mirato alla valorizzazione e...

Ambito 14, Ruggiero bacchetta i comuni assenteisti: «i bisogni non vanno in vacanza»

Ambito 14, Ruggiero bacchetta i comuni assenteisti: «i bisogni non vanno in vacanza»

«Amarezza, mista a rabbia e sconforto per l’atteggiamento di molti Comuni facenti parte dell‘Ambito Sociale n.14 di Villa San Giovanni che hanno disertato ben due convocazioni, prima e seconda rispettivamente...

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

Reggio Calabria, 15 giugno 2019 - Le vacanze sono alle porte, le scuole chiudono e con la bella stagione è iniziata la corsa alla ricerca delle migliori opportunità per programmare...

Esami di Maturità 2019: a Reggio e provincia al via con circa 5.900 candidati

Esami di Maturità 2019: a Reggio e provincia al via con circa 5.900 candidati

Finite le lezioni si sono aperte le porte delle vacanze per la gran parte dei settantanovemila studenti delle scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia. A sospirare ancora...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAlle Muse domenica 5 maggio la presentazione dell’ultimo romanzo di Mimmo Gangemi “Marzo per gli agnelli”

Alle Muse domenica 5 maggio la presentazione dell’ultimo romanzo di Mimmo Gangemi “Marzo per gli agnelli”

Pubblicato in CULTURA Venerdì, 03 Maggio 2019 18:47

Ancora un grande evento per il sodalizio de “Le Muse” ed ancora “un domenicale”, poiché il 5 maggio alle ore 18, presso la Sala d’Arte di via San Giuseppe 19, al “Laboratorio delle Arti e delle Lettere” approda il notissimo autore calabrese Mimmo Gangemi.
Un’associazione culturale come Le Muse, dichiara il presidente Giuseppe Livoti, non poteva non invitare e presentare l’attività di uno dei rappresentanti di quella rinascita della letteratura calabrese nel contemporaneo, un autore che ha proiettato nel panorama nazionale generi e visioni di un mondo a volte lontano dalla nostra quotidianità e privo di regole.

Mimmo Gangemi, è nato a Santa Cristina d'Aspromonte ed è ingegnere, scrittore e giornalista. Ha esordito nel 1995 con Un anno d'Aspromonte (Rubbettino). Nel 2002 ha pubblicato un financial thriller con la casa editrice Il Sole 24 Ore, Il passo del cordaio, poi distribuito anche in edicola in allegato a Il Sole 24 ORE nell'agosto 2003. Il libro è stato esaminato da Giancarlo De Cataldo per una eventuale trasposizione (poi non realizzata) su Crimini per Rai 2 della quale De Cataldo era curatore. De Cataldo ha portato a Einaudi in lettura un libro di Gangemi “Quell’acre odore di aglio”, libro non pubblicato da Einaudi, che però ha poi stampato due libri di Gangemi nella collana Stile Libero: “Il giudice meschino”poi adattato per l'omonima fiction e interpretato da Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Maurizio Marchetti, Paolo Briguglia, Gioele Dix, e “La signora di Ellis Island”uscito nel 2011. Nel 2017, insieme a Pino Aprile, Maurizio De Giovanni e Raffaele Nigro, Gangemi ha firmato “Attenti al Sud”. L’autore Gangemi spazia su più generi letterari: dalla saga familiare al noir, dal romanzo storico al thriller, dalla storia di ordinaria quotidianità alla commedia tragica. Domenica verrà presentato l’ultimo romanzo “Marzo tr gli agnelli”. Gangemi descrive con queste parole la sua ultima produzione: …la ’ndrangheta s’è acquattata nell’ombra e ha prosperato nel silenzio. Senza mai porsi petto a petto contro lo Stato. Senza più coppola, lupara e bagliori da una siepe. Senza clamori. Finché può. Finché non c’è chi si para in mezzo a sfidarla, a guastare gli equilibri saldati a sangue, gli interessi danarosi del delitto, a infrangere l’intento delle attività imprenditoriali con cui godersi i soldi delle nefandezze. È il caso di Giorgio Marro, avvocato penalista in disarmo, che s’incaponisce a scavare in faccende da cui si terrebbe alla larga se non fosse un uomo abbattuto dagli scossoni di una vita che non merita d’essere tirata oltre. Non un eroe che si veste di coraggio e di civiltà, quindi. Piuttosto uno a cui, al più, potrà capitare d’essere ucciso, ed è forse ciò che cerca, da aspirante suicida. La ’ndrangheta non può perdonargliela, come non può perdonare i veri eroi e i pentiti. Lasciarlo impunito minerebbe la forza, la paura che sparge a piene mani. Né una cosca può mostrare debolezza lasciandosi scivolare addosso gli affronti di un’altra cosca. Ed è guerra. Perché non è vero che ci sia una struttura piramidale e un capo dei capi in grado d’imporsi d’autorità e impedirla. C’è solo un custode delle regole, una figura di parata che non conta nulla, non militarmente almeno, uno utile per ingannare d’antico, di una continuità con il passato che carpisca ancora consenso. La vicenda, pur di fantasia, è perciò verosimile, ha grande aderenza con la realtà, con la cruda ferocia di personaggi che hanno la sfacciataggine di definirsi “uomini d’onore”. Una famiglia di ’ndrangheta, all’impatto con un’ingerenza che ne incrina la reputazione nefasta su cui si reggono i suoi interessi, provenga essa dall’incoscienza di un singolo o dalla tracotanza di una ’ndrina rivale, è costretta a uscire da sotto il pelo dell’acqua e ad affrontare la minaccia, pena l’indebolirsi. Qualcosa che assomiglia ai fatti narrati è già accaduto e forse purtroppo si ripeterà in seguito. Perché è nelle corde e nell’animo di certe anime truci e dannate che, pur minoranza, sciancano le carni, ammorbano l’aria, mettono in affanno le esistenze di tutti. La manifestazione vedrà i saluti della vice presidente Muse avv. Francesca d’Agostino e la presentazione del nuovo libro a cura del giornalista Eugenio Marino mentre Paola Abenavoli – critico televisivo e teatrale commenterà ciò che è stato realizzato in televisione proponendo gli scritti di Gangemi, Giuseppe Livoti dialogherà con l’autore ed interagirà con il pubblico.

Rc 3 maggio 2019

Letto 137 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, Siclari (FI): auguro pronta guarigione a Gangemi. Il 18 saremo a Roma a protestare

    «Avrei preferito non arrivare a questo ma, ancora una volta, apprendo dai giornali, dell'ennesimo disservizio sanitario ai danni dello scrittore Mimmo Gangemi che, dopo aver accusato un malore ha atteso invano l'arrivo dell'ambulanza. In Calabria non possiamo più arrenderci a questa realtà dove bisogna solo sperare di non aver mai bisogno dell'assistenza sanitaria».
    Il senatore forzista Marco Siclari sconcertato per quanto accaduto allo scrittore suo conterraneo Mimmo Gangemi, denuncia per l'ennesima volta l'ingiustizia sociale vissuta in Calabria e invita i calabresi a prendere parte alla manifestazione romana per dire no a un decreto che non migliore l'attuale condizione.

  • Presentata la VII Edizione del Premio Lettere, Arte e Scienza per l'Area dello Stretto Dott. Domenico Smorto

    Presso la sede dell’associazione culturale “Le Muse” di Reggio Calabria, nei giorni scorsi, si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della settima edizione del Premio Smorto. Giuseppe Livoti - presidente Muse - ha ricordato come la figura del noto professionista reggino, rivive da quasi 10 anni, attraverso l’operosità della moglie, la nota poetessa vernacolare reggina Rossana Rossomando che con passione ed affetto promuove un concorso ormai diventato un punto di riferimento per il Sud.
    Il Premio, dedicato al dott. Domenico Smorto, continua Livoti, nasce dall’esigenza di valorizzare e promuovere la cultura, nei diversi ambiti della Letteratura (narrativa, poesia, saggistica), dell’Arte, della Ricerca e della Saggistica Storica e della Ricerca Medico-Scientifica nell’Italia Meridionale, intesa come promozione di quei valori culturali permanenti, nati dall’attento studio di problematiche e riflessioni sulla nostra terra e attinenti a un vasto pubblico interessato alla loro divulgazione.

  • Scambi culturali: le Muse scoprono San Vito dei Normanni ed il Castello Dentice di Frasso

    Le Muse scoprono San Vito dei Normanni e lo fanno nell’ambito della programmazione domenicale la scorsa settimana fuori regione ed esattamente in Puglia.
    Un nuovo appuntamento che ha visto questa volta a conclusione dell’anno sociale - invernale riuniti soci e direttivo alla scoperta della dimora storica più importante di tutta la Puglia: il Castello Dentice di Frasso.
    Giuseppe Livoti - presidente del sodalizio reggino, ricorda come è consuetudine delle Muse creare occasioni di scambio e di relazioni con altre realtà al di fuori del territorio calabrese e, proprio nell’ambito di un progetto di conoscenza di dimore storiche e palazzi nobiliari, si è pensato di fare un incontro presso una residenza che è ancora abitata ed animata dai suoi proprietari.

  • Le Muse chiudono la programmazione invernale a Nardò, poi ospiti d'eccezione a San Vito dei Normanni in Puglia

    Un fine settimana particolare con tanto di “Domenicale delle Muse”, quello organizzato sabato 1 e domenica 2 giugno in Puglia, per la chiusura delle attività invernali del noto sodalizio calabrese.
    Dopo più di 70 manifestazioni sul territorio tra sodalizi, collaborazioni ed eventi letterari, artistici, storici, sociali, dalla grande valenza intellettuale, si conclude la programmazione partita dal mese di ottobre con il Premio Muse a Margherita Lanza di Scalea e che ora, si conclude con due incontri a Nardò ed a San Vito dei Normanni.

  • “Marzo per gli agnelli”, ultimo romanzo di Gangemi, verrà presentato all’Accademia del Tempo Libero

    “Marzo per gli agnelli” il titolo della nuova opera di Mimmo Gangemi che verrà presentata all’Accademia del Tempo Libero, giovedì 30 maggio, alle ore 18. Sarà l’auditorium Zanotti Bianco, sede del sodalizio, ad ospitare l’apprezzato scrittore di origini reggine per una interessante conversazione sul suo nuovo romanzo, edito da Piemme. Una nuova avvincente storia, quella narrata da Gangemi, autore di numerosi titoli di successo tra i quali “Il giudice meschino", poi trasposto in serie tv, con Luca Zingaretti.
    L’incontro, introdotto da Maria Bambace Aldarese e Franca Brandolino Foti, sarà moderato da Celestina Catanoso, e sarà allietato dagli intermezzi musicali di Maurizio Bascià. Nel corso della conversazione sono previsti interventi e lettura di brani dell’opera di Gangemi.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.