unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAllo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

Allo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

Pubblicato in CULTURA Martedì, 02 Luglio 2019 21:01

Proseguono le lezioni del Prof. Antonino Romeo dedicate all’anno 1919, un anno “fatale” in cui si sono prodotti e realizzati eventi che hanno avuto una ricaduta nella successiva storia sia europea che italiana. Dopo gli incontri dedicati al Trattato di Pace di Versailles, alla nascita del Partito Popolare e dei Fasci di Combattimento, all’impresa di Fiume è la volta della Repubblica di Weimar che inaugura la serie di incontri estivi promossi presso lo Spazio Open, e congiuntamente con esso, che avranno inizio giovedì 4 luglio alle ore 19,30. Nata nel 1919 e durata fino all’avvento del nazismo nel 1933, la Repubblica di Weimar, che prende il nome dalla città tedesca dove, all’indomani della sconfitta, si tenne l’assemblea nazionale chiamata a redigere una nuova costituzione, una delle più moderne ed avanzate costituzioni redatte fino ad allora (l’Italia continuava nel 1919 ad essere retta dallo Statuto Albertino sia pure adattato ai tempi)

nacque fin dall’inizio su basi molto fragili perché costretta, pena l’occupazione militare della Germania - che gli stessi vertici militari tedeschi si erano dichiarati impossibilitati ad impedire - ad accettare il duro trattato di pace impostole dalle nazioni vincitrici della Prima Guerra Mondiale, tanto più duro e incomprensibile se si tiene conto che la Germania non fu sconfitta militarmente – al momento della pace nessuna porzione del territorio tedesco era sotto occupazione – ma crollò dall’interno perché il blocco militare ed economico aveva lasciato i tedeschi privi dei beni primari per la sopravvivenza. Fu comunque nei suoi quattordici anni di vita un Reich avanzato sul piano delle riforme sociali e dei diritti civili, ricco di stimoli e fermenti culturali per quel che riguarda la letteratura, il teatro, il cinema, l’arte, la filosofia e le scienze, ma minato da tensioni e conflitti interni che la grave crisi economica, innescata dal crollo della borsa di Wall Street nel 1929, mise in ginocchio evidenziando, come suole accadere ad ogni crisi economica che diviene anche sociale e morale, egoismi ed odi razziali. La svalutazione selvaggia del marco (ci volevano miliardi di marchi per acquistare il pane) e la disoccupazione dilagante, la miopia da parte delle forze politiche dedite al proprio tornaconto ed incapaci di guardare oltre, la presenza di una casta militare onnipotente, che aveva rovesciato sulle fragili spalle del governo la responsabilità di una sconfitta che era anche sua e occupava i vertici dello stato con il Presidente Paul von Hindenburg, eroe di Tannenberg e dei Laghi Masuri, (Presidente al 1925 al 1934), favorirono, negli ultimi convulsi anni di vita di Weimar, l’ascesa al potere di Adolf Hitler che – è utile sempre rammentarlo quale monito per ogni democrazia - divenne cancelliere con oltre diciassette milioni di voti e dunque, in quella fase, pienamente legittimato dal punto di vista costituzionale.

RC 2 luglio 2019

Letto 142 volte

Articoli correlati (da tag)

  • In Biblioteca nuovo appuntamento dell'Anassilaos dedicato al secondo conflitto mondiale

    A conclusione della Grande Guerra, la Guerra patriottica, da taluni considerata anche come la 4° Guerra di Indipendenza, l’Italia vittoriosa rese omaggio ai suoi Caduti. Nelle città e nei paesi, anche in quelli più piccoli, vennero eretti monumenti commemorativi e a Roma il 4 novembre del 1921 si svolse l’imponente manifestazione della tumulazione del Milite Ignoto che coinvolse emotivamente l’intero Paese. La provincia di Reggio Calabria, a cominciare dal Capoluogo, dove nel 1930 venne inaugurato da Vittorio Emanuele III in persona il monumento ai Caduti, opera di Francesco Jerace, fece la sua parte al punto che moltissimi comuni dedicarono stele commemorative ai propri concittadini caduti e lo stesso fecero talune scuole, come il Liceo Classico “T. Campanella”, che commemorò i propri giovani studenti con un monumento realizzato dallo scultore Ezio Roscitano.

  • Allo Spazio Open la presentazione del libro: “Il funzionamento familiare e l’uso dei media”

    Reggio Calabria - Si svolgerà nel pomeriggio di mercoledì 18 settembre 2019, presso lo Spazio Open ( www.facebook.com/spaziopen ) di Via Filippini 23, la presentazione del libro “Il funzionamento familiare e l’uso dei media”, un’opera coautoriale delle due giovani scrittrici Angela Schiavone e Federica Imbalzano. Colleghe di studi, ma soprattutto colleghe di vita, collaborano nel corso della loro carriera universitaria ad un progetto di ricerca che le porterà a discutere una tesi sul funzionamento familiare e sul ruolo che i media rivestono all'interno delle dinamiche familiari. Da questo lavoro di ricerca e da successivi aggiornamenti, nasce l'idea di lavorare insieme alla pubblicazione di questo libro che, come più volte sottolineato, non vuole essere un manuale d'istruzione ma, semplicemente, uno spunto di riflessione:

  • Allo Spazio Open le "Lezioni (frontali) di storia" del professor Antonino Romeo

    Allo Spazio Open protagonista la Storia con le lezioni frontali del professor Antonino Romeo. Un percorso quello degli ultimi mesi in collaborazione con l’associazione culturale Anassilaos, che oggi diventa un libro vero e proprio edito da Città del Sole Edizioni.

  • Allo Spazio Open l'incontro dell'Anassilaos dedicato alla II Guerra Mondiale

    Allo Spazio Open incontro dell'associazione culturale Anassilaos dedicato agli 80 anni dalla Seconda Guerra Mondiale. Un tuffo nella storia e nei suoi retroscena politici e culturali

  • Anassilaos: prossimo incontro allo Spazio Open dedicato agli 80 anni dalla II Guerra Mondiale

    “Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra”. Il 24 agosto 1939, a pochi giorni dal precipizio, Pio XII, si rivolgeva con  un radiomessaggio ai governanti ed ai popoli; l’ appello cadde nel vuoto  e nel radiomessaggio  del 1° settembre 1943, a quattro anni dallo scoppio della guerra, lo stesso Pontefice notava amaramente “La Nostra voce giunse agli orecchi, ma non illuminò gli intelletti e non scese nei cuori. Lo spirito della violenza vinse sullo spirito della concordia e della intesa….” L’espressione, “Nulla è perduto con la pace.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.