unci banner

:: NEWS

Festa di sant’Anna tutto pronto a Reggio per l’edizione 2019

Festa di sant’Anna tutto pronto a Reggio per l’edizione 2019

Torna anche per quest’anno a Reggio il consueto appuntamento con la due giorni dedicata ai festeggiamenti in onore di Sant’Anna. Si pare con la serata del 25 di luglio, dove...

Plauso di Incontriamoci Sempre per i nuovi pannelli della Stazione Centrale

Plauso di Incontriamoci Sempre per i nuovi pannelli della Stazione Centrale

L'Associazione Incontriamoci Sempre, nel vedere i bellissimi lavori di rinnovo della stazione di Reggio Calabria centrale, accoglie con grande entusiasmo gli straordinari pannelli che richiamano le splendide immagini della nostra...

Supporters Trust ViolaRC: "La Viola rinasce. Libera, identitaria, popolare"

Supporters Trust ViolaRC: "La Viola rinasce. Libera, identitaria, popolare"

E' dalla pagina social dei Supporters Trust Violarc che riparte in una calda serata di fine luglio il sogno neroarancio di Reggio Calabria: "La Viola rinasce. Libera, identitaria, popolare. Sarà...

Il PrimarEtnoFest promuove la musica del Sud per i festeggiamenti della Varia

Il PrimarEtnoFest promuove la musica del Sud per i festeggiamenti della Varia

Palmi ospiterà il prossimo 24 agosto il PrimarEtnoFest, un importante appuntamento musicale, previsto all'interno del ricco cartellone di eventi della “Varia di Palmi” in programma dal 10 al 25 agosto....

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: alla biblioteca De Nava l'incontro sulle "Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre 1908"

Anassilaos: alla biblioteca De Nava l'incontro sulle "Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre 1908"

Pubblicato in CULTURA Giovedì, 24 Gennaio 2019 21:23

Si è tenuto presso la Sala Villetta della Biblioteca De Nava, promosso congiuntamente dall’Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, il quarto degli incontri dedicati al 110° anniversario del terremoto del 28 dicembre. Tema della manifestazione le “Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre”, con il geologo Giuseppe Mandaglio, Università Mediterranea di Reggio Calabria.
Il terremoto del 28 dicembre 1908 fu il terremoto di più alta intensità mai verificatosi in tutto il territorio italiano e nel Mediterraneo centrale.

Quella catastrofe distrusse Messina e Reggio e sconvolse tutto il territorio dello Stretto, particolarmente sulla sponda calabrese. Tuttavia fu proprio l’enormità delle distruzioni a costringere gli studiosi a rivedere i concetti di sismologia, geologia, urbanistica, sociologia, scienza e tecnica delle costruzioni. Quella catastrofe divenne polo di attrazione di numerosi apporti esterni; di solidarietà ma contemporaneamente anche di natura scientifica, tecnica, architettonica e culturale.
La ricostruzione delle città sugli stessi luoghi della catastrofe, e l’evidenza sperimentata dell’inefficienza dei sistemi costruttivi adottati in precedenza imponeva nuove sfide sia alle tecniche di costruzione antisismiche e sia alla ricerca sismologica e geologica. Furono sperimentate scelte urbanistiche in cui l’altezza degli edifici veniva messa in relazione con la larghezza delle strade, e soluzioni costruttive diverse, tra le quali ebbe significative ricadute il telaio in cemento armato inserito nella scatola muraria che, con i successivi affinamenti introdotti dalle norme sismiche, è ormai diffusamente utilizzato ovunque. In campo geologico e sismologico, muovendo dalle incertezze dell’epoca sull’origine dei terremoti in generale e di quelli dello Stretto in particolare, le ricerche furono completamente riviste e progressivamente affinate fino a produrre risultati molto importanti sulla geologia strutturale e sulle faglie sismogenetiche dello Stretto, sull’energia liberata dal terremoto del 1908 e sull’energia massima che può essere liberata dalla riattivazione di una faglia sismogenetica analoga.
Si è potuto stabilire che le due sponde dello Stretto di Messina costituiscono le pareti e il fondale marino il basamento, di un’unica struttura tettonica soggetta a movimenti di sollevamento prevalenti (Graben dello Stretto) generati da numerose faglie minori, individuate con attendibile precisione, e da una faglia cieca (blind fault) molto più estesa, che si sviluppa in profondità e della quale si conoscono gli effetti ma non la posizione esatta. La quantità di energia che può essere liberata attraverso le faglie minori è bassa o moderata, mentre quella che si sprigiona dalla faglia principale è notevolmente più elevata.
Altre importanti conoscenze derivarono dall’approfondimento delle analisi sulla natura geologica del sottosuolo rapportata alla qualità costruttiva e alla vetustà degli edifici. In quell’occasione si è potuto stabilire che gli effetti più dannosi furono subiti dagli edifici situati nelle zone alluvionali, oltre che per lo scarso addensamento e la saturazione idraulica dei terreni di fondazione, a causa della scadente qualità del patrimonio edilizio e dell’altezza degli edifici. Fu osservato infatti che molte delle costruzioni crollate erano state oggetto di sopra-elevazioni sproporzionate rispetto alle fondazioni, con murature troppo sottili in relazione all’altezza e spesso realizzati con ciottoli di fiume arrotondati e con malte scarse o di scarsa qualità. In definitiva si può dire che la ricerca scientifica e le soluzioni tecnologiche derivate dalla catastrofe sismica del 1908, anche se non hanno potuto eliminare la paura ancestrale nei confronti del terremoto, certamente hanno contribuito a rendere più sicure le abitazioni e a ridurre il numero dei danni e delle vittime.

Rc 24 gennaio 2019

Letto 243 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cerimonia di consegna del Premio Anassilaos “Pitagora” al Prof. Gafurjan Ibragimov

    Presso il Dipartimento di Giurisprudenza Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria si è svolta la cerimonia di consegna del Premio Anassilaos “Pitagora” al Prof. Gafurjan Ibragimov, docente presso il Dipartimento di Matematica, Facoltà di Scienze, dell’Università di Putra, in Malesia. Il riconoscimento, conferito lo scorso anno, nell’ambito del 30° Premio, è stato consegnato in occasione della presenza a Reggio Calabria dello studioso che presso l’Università Mediterranea sta tenendo una serie di importanti seminari. Lo studioso, nato in Uzbekistan, si è laureato presso la Facoltà di Matematica della Tashkent State University (TashSU) e da allora ha avviato una prestigiosa carriera accademica.

  • Aspettando il Reggio Pride 2019, evento in Biblioteca organizzato da PSI e Anassilaos

    Il Partito Socialista Italiano sez. RC e l’Associazione culturale Anassilaos - in occasione del Reggio Calabria Pride 2019 - promuovono l’evento “Lo Stato unitario italiano e la questione dell’omosessualità: scelte legislative e politiche”, che si svolgerà presso la sala Giuffrè Biblioteca De Nava alle ore 17,30 lunedì 22 luglio. Abbiamo deciso di aderire non solo in maniera formale, chiarisce l’assessore Irene Calabrò, e per dare sostanza e pieno supporto al Pride abbiamo voluto promuovere questa iniziativa ripercorrendo le posizioni politiche e legislative assunte dallo Stato italiano sul tema dell’omosessualità attraverso una disamina storica che sarà curata dal prof. Antonino Romeo.

  • Anassilaos: allo Spazio Open "Scienza Fede Amore” la raccolta poetica postuma di Francesco Cardone

    “Scienza Fede Amore” la raccolta poetica postuma di Francesco Cardone, sarà presentata giovedì 18 luglio alle ore 19,30 presso lo Spazio Open nel corso di un incontro promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Casa Editrice Città del Sole che ha pubblicato il volume, opera originalissima nella quale l’Autore ha ben saputo coniugare poesia e scienza all’insegna di quel principio per il quale tanto si era battuto nella sua vita di una unità profonda del sapere e del sentire che non separa la scienza dall’arte.  L’Autore infatti è stato chimico industriale, membro del direttivo della Società Chimica Italiana (SCI), membro del Gruppo Nazionale di Storia e Fondamenti della Chimica (GNFSC) e dell’Associazione Italiana Ingegneria Chimica (AIDIC).

  • Allo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

    Proseguono le lezioni del Prof. Antonino Romeo dedicate all’anno 1919, un anno “fatale” in cui si sono prodotti e realizzati eventi che hanno avuto una ricaduta nella successiva storia sia europea che italiana. Dopo gli incontri dedicati al Trattato di Pace di Versailles, alla nascita del Partito Popolare e dei Fasci di Combattimento, all’impresa di Fiume è la volta della Repubblica di Weimar che inaugura la serie di incontri estivi promossi presso lo Spazio Open, e congiuntamente con esso, che avranno inizio giovedì 4 luglio alle ore 19,30. Nata nel 1919 e durata fino all’avvento del nazismo nel 1933, la Repubblica di Weimar, che prende il nome dalla città tedesca dove, all’indomani della sconfitta, si tenne l’assemblea nazionale chiamata a redigere una nuova costituzione, una delle più moderne ed avanzate costituzioni redatte fino ad allora (l’Italia continuava nel 1919 ad essere retta dallo Statuto Albertino sia pure adattato ai tempi)

  • A Palazzo Alvaro l'Anassilaos presenta "La notte delle notti" di Maria Festa

    Si terrà venerdì 28 giugno alle ore 17,30 presso la Sala Gilda Trisolini della Città Metropolitana di Reggio Calabria la presentazione al pubblico reggino dell’ultima fatica letteraria della scrittrice e poetessa Maria Festa “La notte delle notti” edita da Città del Sole. L’evento, patrocinato dalla stessa Città Metropolitana e promosso congiuntamente dalla Fondazione Italo Falcomatà, dal Circolo Rhegium Julii, dal CIS-Centro Internazionale Scrittori della Calabria e dall’Associazione Culturale Anassilaos, rende omaggio ad un’autrice la cui opera, sia in versi che in prosa, ha attraversato grande parte della letteratura reggina degli ultimi decenni e il cui impegno, dispiegato nella promozione dei più diversi aspetti dell’arte e della cultura di Reggio Calabria, ha incrociato le personalità più eminenti di questa stessa arte e cultura.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.