unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: avviare l'iter per il riconoscimento della Villa Comunale quale "Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico"

Anassilaos: avviare l'iter per il riconoscimento della Villa Comunale quale "Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico"

Pubblicato in CULTURA Giovedì, 08 Agosto 2019 08:48

La possibilità di avviare presso il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (MIBAC) la procedura per l’adozione di un provvedimento amministrativo di dichiarazione di “Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico” per la Villa Comunale di Reggio Calabria, per l’esattezza “Giardini Pubblici Umberto I” secondo l’antica denominazione, è quanto chiede al Sindaco Giuseppe Falcomatà l’Associazione Culturale Anassilaos attraverso il suo responsabile Giuseppe Diaco il quale evidenzia come nell’ambito della Città Metropolitana sia la Villa Comunale Carlo Ruggero di Cittanova che la Villa Giuseppe Mazzini di Palmi, entrambe realizzate dall'ingegnere di origine svizzera Heinrich Fehr nella seconda metà dell’Ottocento, vantano un simile riconoscimento.

Al di là dell’ effetto giuridico di un eventuale riconoscimento, che la vigente normativa in materia rende non facile, l’obiettivo di una tale “dichiarazione” – scrive il responsabile di Anassilaos – sarebbe quello di attirare l’attenzione della Comunità e della società civile sul valore identitario della Villa Umberto I e sulla esigenza di tutela di tale bene che ha accompagnato le vicende storiche della città dalla seconda metà dell’Ottocento ai nostri giorni e che è stata al centro di numerosi eventi pubblici. Nata come Orto Botanico – prosegue Diaco - la Villa Comunale di Reggio Calabria, fu realizzata per iniziativa della Società Economica e Comizio Agrario che acquistò l’attuale area nel 1850. Al suo interno, nel 1880, venne realizzata una struttura che ospitava l’Osservatorio Metereologico e Geodinamico. Alla fine del XIX secolo, per l’interessamento del Sindaco reggino Demetrio Tripepi, l’Orto Botanico divenne di proprietà demaniale e venne trasformato in giardini pubblici. Nel settembre del 1896, durante la Festa della Madonna della Consolazione, i Giardini furono inaugurati e aperti al pubblico. Nel 1907, alla presenza del Re Vittorio Emanuele III, fu poi inaugurato il busto bronzeo del Re Umberto I, realizzato dallo scultore Concesso Barca, e la Villa assunse il nome di " Giardini Pubblici Umberto I". La presenza di piante esotiche provenienti da ogni parte del mondo, di busti di eminenti personalità reggine, di monumenti antichi e moderni come il Portale di casa Vitrioli, in pietra di Siracusa, una delle poche strutture che ha resistito al sisma del 1908, rendono la Villa Comunale di Reggio Calabria, pur bisognosa di un completo “restyling” – come dimostrato peraltro dalle condizioni in cui versa il citato monumento a Umberto- meritevole di un tale riconoscimento.

Rc 8 agosto 2019

Letto 89 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open le "Lezioni (frontali) di storia" del professor Antonino Romeo

    Allo Spazio Open protagonista la Storia con le lezioni frontali del professor Antonino Romeo. Un percorso quello degli ultimi mesi in collaborazione con l’associazione culturale Anassilaos, che oggi diventa un libro vero e proprio edito da Città del Sole Edizioni.

  • Allo Spazio Open l'incontro dell'Anassilaos dedicato alla II Guerra Mondiale

    Allo Spazio Open incontro dell'associazione culturale Anassilaos dedicato agli 80 anni dalla Seconda Guerra Mondiale. Un tuffo nella storia e nei suoi retroscena politici e culturali

  • Anassilaos: prossimo incontro allo Spazio Open dedicato agli 80 anni dalla II Guerra Mondiale

    “Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra”. Il 24 agosto 1939, a pochi giorni dal precipizio, Pio XII, si rivolgeva con  un radiomessaggio ai governanti ed ai popoli; l’ appello cadde nel vuoto  e nel radiomessaggio  del 1° settembre 1943, a quattro anni dallo scoppio della guerra, lo stesso Pontefice notava amaramente “La Nostra voce giunse agli orecchi, ma non illuminò gli intelletti e non scese nei cuori. Lo spirito della violenza vinse sullo spirito della concordia e della intesa….” L’espressione, “Nulla è perduto con la pace.

  • Anassilaos: allo Spazio Open l'incontro dedicato al concerto di Woodstock

    Nuovo appuntamento organizzato dall'associazione culturale Anassilaos allo Spazio Open di via Filippini dedicato al 1969. Dopo lo sbarco sulla Luna questa volta al centro dell'incontro il concerto di Woodstock e i suoi retroscena

  • Il Maestro Pino Puntorieri chiude gli incontri al Chiostro 2019 dell'Anassilaos

    L’Associazione Culturale Anassilaos chiude al Chiostro di San Giorgio con un concerto che si terrà martedì 27 agosto alle ore 21,00 le iniziative estive promosse congiuntamente con la Parrocchia nel corso dell’estate. Tema del concerto, che vuole essere una sorta di saluto in musica alla buona stagione che a breve ci lascerà, è “Sogno di una notte di fine estate/ Viaggio nel mondo musicale  del Maestro Pino Puntorieri”  che vedrà  la  partecipazione di taluni importanti musicisti e cantanti, dal Maestro Fulvio Puccinelli al Maestro Serenella Corrado, dal maestro Marinella Rodà al Maestro Pierluigi Romeo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.