unci banner

:: NEWS

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: giovedì 21 febbraio in Biblioteca l'incontro "L'Archeologia della Calabria antica"

Anassilaos: giovedì 21 febbraio in Biblioteca l'incontro "L'Archeologia della Calabria antica"

Pubblicato in CULTURA Martedì, 19 Febbraio 2019 19:33

Giovedì  21 febbraio  presso la  Sala  della Biblioteca de Nava con inizio  alle ore 16,45, promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, congiuntamente con la Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” e con il patrocinio del Comune di  Reggio Calabria e della  Deputazione di Storia Patria per la Calabria, si terrà l’incontro sul tema “L’ archeologia della Calabria antica”  a proposito della “Guida archeologica della Calabria antica” di Fabrizio Mollo. All’incontro, introdotto dalla  Dr.ssa Marilù Laface, responsabile Anassilaos Beni Culturali, interverranno  il Prof. Daniele Castrizio, Università  degli Studi di Messina e l’Autore Prof. Fabrizio Mollo.

La Calabria, terra aspra, varia e multiforme, posta al centro del Mediterraneo, caratterizzata da diversità strutturali e culturali, è raccontata nel saggio che vuole tracciare la storia della presenza umana a partire dalle fasi pre e protostoriche, sino all’arrivo dei Greci ed al loro incontrarsi con gli Indigeni, gli Enotri, e poi in epoca ellenistica la discesa delle popolazioni italiche dei Lucani e dei Brettii ed infine la presenza dei Romani sino alla fase tardo-antica ed all’altomedioevo. Il volume narra nella prima parte, utilizzando le fonti letterarie e soprattutto la documentazione archeologica, le vicende storiche della regione, non prescindendo da un suo quadro ambientale e geografico. La seconda parte illustra, in forma di itinerari, i principali contesti archeologici della regione, le poleis, i centri romani e indigeni, ma anche le chorai, i territori, cercando di delinearne la storia e le principali vicende, la forma urbana, le strutture pubbliche e quelle private, i luoghi di culto, le aree funerarie, le forme di occupazione del territorio attraverso differenti tipologie di insediamenti, i principali contesti di materiali. Gli itinerari, in tutto tredici, sono organizzati secondo una scansione che coniuga, per quanto possibile, l’unitarietà geografica e territoriale con lo sviluppo di insediamenti che tra loro presentano un’omogeneità culturale. Essi, inoltre, offrono una descrizione, puntuale e aggiornata, anche di tutte le aree visitabili, i parchi archeologici, i siti ed i principali monumenti, ma anche dei relativi Musei, con la descrizione delle collezioni e dei reperti di maggior pregio ed interesse. Insomma si tratta di un agevole ma completo strumento, corredato da un ricco apparato grafico e fotografico e da un’ampia e aggiornatissima bibliografia, indirizzato ai turisti che vogliono scoprire le bellezze della Calabria, ai cultori dell’antico, agli archeologi ed ai giovani studenti universitari, ma soprattutto rivolto ai Calabresi, che tutti dovrebbero leggere per riappropriarsi consapevolmente del loro importante passato.

Rc 19 febbraio 2019

Letto 117 volte

Articoli correlati (da tag)

  • In Biblioteca l'Anassilaos presenta "Valeria e io" di Carlo Morabito

    Nuovo Incontro con l'Autore, promosso dall'Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca "Pietro De Nava", nell'ambito del Maggio dei Libri 2019, con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria, che si è tenuto presso la Villetta De Nava - Sala Gioffrè - della Biblioteca Comunale. Al centro della manifestazione la raccolta poetica di Carlo Morabito "Valeria e io" scritta, composta e dedicata alla giovane figlia scomparsa tragicamente un anno fa. Un'opera di alto valore poetico ed insieme di intensa emozione. Così il dolore "privato" attraverso, e in virtù del potere della "Poesia", diviene il dolore corale e universale dell'Umanità dinanzi alla perdita irreparabile che ciascuno di noi ha provato nel corso della sua vita.

  • Allo Spazio Open il martedì dell'Anassilaos dedicato al Piano INA Casa

    Presso lo Spazio Open, l'Associazione Culturale Anassilaos, ha tenuto un incontro sul tema il piano INA-Casa: 1949-1963, che prese il via con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43, con cui il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l'occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città.

  • L'Anassilaos presenta la raccolta poetica di Carlo Morabito “Valeria e io”

    Il ricordo in versi di una persona cara scomparsa è comune nella tradizione letteraria dell’Occidente, dagli epigrammi del libro VII dell’Antologia Palatina a taluni epicedi della poesia latina fino ai nostri giorni - per fare soltanto qualche esempio conosciuto dai più - con Giosuè Carducci e il suo “Funere mersit acerbo” e “Pianto antico”, dedicati al figlioletto Dante, e con i versi (Giorno per giorno) che Ungaretti dedica al piccolo Antonietto, il figlio scomparso nel 1939. Parliamo di poesia e, in taluni casi, di grande poesia, perché il dolore lancinante per la scomparsa di un figlio non impedisce al poeta di creare versi e di comunicare questa sua dolorosa esperienza al lettore di qualunque tempo attraverso una struttura formale che è tutt’uno con il suo sentimento.

  • Associazione culturale Anassilaos, il piano INA-Casa: 1949-1963

    Con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43 il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l’occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città. A settanta anni di distanza l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a tale importante iniziativa, che avrebbe segnato il dopoguerra, un incontro che si terrà martedì 14 maggio alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con l’intervento di Claudio Sergi, responsabile Design Anassilaos.

  • Allo Spazio Open l'Anassilaos celebra la Festa della Mamma 2019

    “La Festa della mamma” il prossimo 12 maggio, in un Paese che viene considerato “mammone”, è un appuntamento che da moltissimi anni offre l’opportunità di riflettere sul ruolo della mamma e della donna-madre nella nostra società mediterranea che fin dalla antichità più remota ha sempre privilegiato la figura della maternità sia nel campo dell’arte figurativa (le statuette dell’arte egea, gli affreschi minoici) che in quello della religione con le figure della Magna Mater, di Iside e infine, con il Cristianesimo, della Madonna che ha occupato e occupa tuttora un ruolo fondamentale nella fede dei popoli mediterranei.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.