unci banner

:: NEWS

I Contratti di Fiume della Città Metropolitana. Firma della Convenzione con il laboratorio LASTRE dell'Università Mediterranea

I Contratti di Fiume della Città Metropolitana. Firma della Convenzione con il laboratorio LASTRE dell'Università Mediterranea

Mercoledi 22 maggio, presso la Sala Conferenze del Dipartimento PAU dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, il direttore prof. Tommaso Manfredi e il responsabile scientifico del Laboratorio LaStre del PAU, prof....

Le Volanti arrestano un uomo responsabile di una lunga serie di reati predatori a danno di cittadini e commercianti

Le Volanti arrestano un uomo responsabile di una lunga serie di reati predatori a danno di cittadini e commercianti

L'attività d’intensificazione del controllo del territorio disposta dal Questore di Reggio Calabria Maurizio Vallone, strutturata attraverso i protocolli operativi specificamente pensati per determinate aree della città, ha fatto registrare un...

Nuovo bando per borse di studio all’Ordine dei Medici dedicate ai giovani iscritti

Nuovo bando per borse di studio all’Ordine dei Medici dedicate ai giovani iscritti

Ci sarà tempo fino al 31 maggio prossimo per partecipare al bando per il conseguimento di alcune borse di studio promosse dall’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di...

Imbalzano: Quanto mai  tragica la mancata spesa di 2,8 milioni di euro per il ripristino dell’agibilità del lido comunale

Imbalzano: Quanto mai tragica la mancata spesa di 2,8 milioni di euro per il ripristino dell’agibilità del lido comunale

“Consideriamo una vera iattura per la città, la mancata spendita di ben 2,8 milioni di euro di Fondi Europei destinati alla manutenzione straordinaria del Lido Comunale, vandalizzato in questi mesi...

La riflessione per la Giornata Europea dei Parchi: intensificare il rapporto tra Parco d’Aspromonte e sistema scolastico reggino

La riflessione per la Giornata Europea dei Parchi: intensificare il rapporto tra Parco d’Aspromonte e sistema scolastico reggino

Non vi è dubbio che in questo inizio di nuovo secolo il Parco nazionale d’Aspromonte ha subito una involuzione nell’immaginario collettivo. Non sto qui certo a far polemiche sul perché...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos, incontro dedicato al Centenario della Rivoluzione Russa

Anassilaos, incontro dedicato al Centenario della Rivoluzione Russa

Pubblicato in CULTURA Martedì, 07 Novembre 2017 08:25

Promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos si terrà oggi martedì 7 novembre alle ore 17,30 presso la Sala di San Giorgio al Corso un incontro sul Centenario della Rivoluzione Russa con l’intervento del Prof. Antonino Romeo. Quando il 25 ottobre 1917 (7 novembre secondo il nostro calendario) i bolscevichi russi di Lenin e Trockij presero il potere in una Pietrogrado non troppo partecipe, certo non immaginavano che quell'evento avrebbe rappresentato un'autentica cesura nella storia del mondo contemporaneo.

Dopo l'Ottobre ed in conseguenza di esso, i diseredati e gli esclusi di ogni Paese si convinsero che anche per loro si era aperta una concreta via di riscatto e che la scalata al cielo era diventata possibile; i popoli prima ai margini della storia cominciarono a rivendicare un ruolo diverso e, soprattutto, milioni di uomini e di donne si sentirono coinvolti nel destino di quella rivoluzione, per sostenerla o avversarla,, e sempre in modo totale, a volte viscerale e fideistico, anche a prescindere dall'evidenza; intanto partiti e movimenti politici e culturali erano costretti a ripensare le loro strategie e le loro scelte tattiche, misurandosi appunto con la novità russa. A distanza di cento anni da quell'evento, quando le vicende della storia hanno impietosamente spazzato via quelle generose speranze e l'esperienza sovietica si è ormai conclusa da ventisei anni, ci accorgiamo tutti che parliamo di quella rivoluzione non come di una qualsiasi pagina della storia passata, ma con un coinvolgimento emotivo reale perché il comunismo è fallito, ma "guasto è il mondo" e " i popoli della fame interpellano oggi drammaticamente i popoli dell'opulenza ". Se il sogno di cento anni fa si è trasformato in un incubo, e non poteva che essere così viste le premesse da cui quei rivoluzionari partivano, è pur vero che è inalterato il bisogno di dignità e di giustizia per milioni di uomini e di donne di tutti i continenti. Parlare di quell'Ottobre vuol dire, dunque, interpellare anche le nostre intelligenze per sapere se ci siamo rassegnati alla "fine della storia”  o se pensiamo ancora che sia possibile e doveroso impegnarsi per costruire un mondo diverso.  

Rc 7 novembre 2017

Letto 179 volte

Articoli correlati (da tag)

  • In Biblioteca l'omaggio dell'Anassilaos a Primo Levi

    Si terrà giovedì 23 maggio alle ore 16,45 presso la Villetta della Biblioteca Comunale Pietro De Nava (Sala Giuffrè) nell’ambito del Maggio dei Libri 2019 l’omaggio allo scrittore Primo Levi nel centenario della nascita (31 luglio 1919-11 aprile 1987). Promosso congiuntamente dal Comune di Reggio Calabria, dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Biblioteca Pietro De Nava l’incontro vuole ricordare, attraverso la lettura di taluni brani significativi delle sue opere, affidata agli amici di Anassilaos (Daniela Scuncia, Caro Menga, Marilù Laface, Giacomo Marcianò, Silvana Larocca, Massimiliano Barberio, Pina De Felice) e l’intervento del Prof. Antonino Romeo, uno degli scrittori più significativi del Novecento e un testimone della Shoah di cui ha narrato le atrocità, la disumanizzazione, le complicità, in taluni casi, degli stessi prigionieri che egli definirà la “zona grigia”. 

  • In Biblioteca l'Anassilaos presenta "Valeria e io" di Carlo Morabito

    Nuovo Incontro con l'Autore, promosso dall'Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca "Pietro De Nava", nell'ambito del Maggio dei Libri 2019, con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria, che si è tenuto presso la Villetta De Nava - Sala Gioffrè - della Biblioteca Comunale. Al centro della manifestazione la raccolta poetica di Carlo Morabito "Valeria e io" scritta, composta e dedicata alla giovane figlia scomparsa tragicamente un anno fa. Un'opera di alto valore poetico ed insieme di intensa emozione. Così il dolore "privato" attraverso, e in virtù del potere della "Poesia", diviene il dolore corale e universale dell'Umanità dinanzi alla perdita irreparabile che ciascuno di noi ha provato nel corso della sua vita.

  • Allo Spazio Open il martedì dell'Anassilaos dedicato al Piano INA Casa

    Presso lo Spazio Open, l'Associazione Culturale Anassilaos, ha tenuto un incontro sul tema il piano INA-Casa: 1949-1963, che prese il via con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43, con cui il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l'occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città.

  • L'Anassilaos presenta la raccolta poetica di Carlo Morabito “Valeria e io”

    Il ricordo in versi di una persona cara scomparsa è comune nella tradizione letteraria dell’Occidente, dagli epigrammi del libro VII dell’Antologia Palatina a taluni epicedi della poesia latina fino ai nostri giorni - per fare soltanto qualche esempio conosciuto dai più - con Giosuè Carducci e il suo “Funere mersit acerbo” e “Pianto antico”, dedicati al figlioletto Dante, e con i versi (Giorno per giorno) che Ungaretti dedica al piccolo Antonietto, il figlio scomparso nel 1939. Parliamo di poesia e, in taluni casi, di grande poesia, perché il dolore lancinante per la scomparsa di un figlio non impedisce al poeta di creare versi e di comunicare questa sua dolorosa esperienza al lettore di qualunque tempo attraverso una struttura formale che è tutt’uno con il suo sentimento.

  • Associazione culturale Anassilaos, il piano INA-Casa: 1949-1963

    Con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43 il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l’occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città. A settanta anni di distanza l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a tale importante iniziativa, che avrebbe segnato il dopoguerra, un incontro che si terrà martedì 14 maggio alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con l’intervento di Claudio Sergi, responsabile Design Anassilaos.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.