unci banner

:: NEWS

Paolo Arillotta è il commissario cittadino Udc per Reggio Calabria. La soddisfazione di Paola Lemma

Paolo Arillotta è il commissario cittadino Udc per Reggio Calabria. La soddisfazione di Paola Lemma

«Un altro piccolo tassello lungo il percorso che farà ritornare l’Udc alle percentuali di consenso di un tempo e che, ancora oggi, rappresentano l’effettiva consistenza dell’elettorato moderato calabrese che aspetta...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Tutti insieme in cammino per celebrare l’Aspromonte. Torna domenica 21 luglio con la terza edizione la Giornata dell’Amicizia, evento straordinario che riunisce tutte le associazioni escursionistiche in un unico momento...

Il taglio giusto per l’estate 2019? Lo svela l’hair stylist reggino Gianni Scopelliti

Il taglio giusto per l’estate 2019? Lo svela l’hair stylist reggino Gianni Scopelliti

di Tatiana Muraca - Siamo nel vivo dell’estate e tra salsedine, umidità e cambi repentini di temperature, sono i capelli di una donna a risentirne maggiormente. L’immagine, si sa, fa...

Proclamazione stato di agitazione dipendenti Villa Aurora, l'intervento di Aldo Libri (SUL)

Proclamazione stato di agitazione dipendenti Villa Aurora, l'intervento di Aldo Libri (SUL)

Dichiarazione di Aldo Libri, Segretario del SUL Calabria: Diverse Organizzazioni Sindacali hanno proclamato lo stato d'agitazione a Villa Aurora, dopo aver inutilmente e ripetutamente provato ad intavolare un confronto che...

Kaulonia Tarantella Festival, il valore della programmazione

Kaulonia Tarantella Festival, il valore della programmazione

La parola d’ordine della riflessione politica e istituzionale, a latere della conferenza stampa di presentazione del ricco programma della XXI edizione del Kaulonia Tarantella Festival è: “programmazione”. Il KTF ha...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: martedì 25 giugno allo Spazio Open il terzo incontro dedicato a Leonardo

Anassilaos: martedì 25 giugno allo Spazio Open il terzo incontro dedicato a Leonardo

Pubblicato in CULTURA Domenica, 23 Giugno 2019 08:47

Si terrà martedì 25 giugno alle ore 18,00 presso lo Spazio Open il terzo degli incontri che l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a Leonardo da Vinci nel 5° Centenario della morte (1452-1519). Tema della conversazione dell’Arch. Salvatore Scaramozzino, Responsabile Architettura dell’ Associazione Anassilaos, "Leonardo da Vinci Architetto", un aspetto dell’attività del maestro fiorentino non molto conosciuto ai più eppur significativo per comprendere la complessità dell’opera del Vinciano. Al punto 10 della lettera inviata a Ludovico il Moro, una sorta di curriculum dell’epoca, nella quale Leonardo indicava al Duca di Milano le sue capacità, il maestro fiorentino scriveva “In tempo di pace credo satisfare benissimo ad paragon di omni altro in architectura, in compositione di aedificii et publici et privati, et in conducer aqua da uno loco ad uno altro”.

Nei punti precedenti, dall’ 1 al nove, peraltro, il Da Vinci magnificava le sua attitudini quale ingegnere bellico e noi sappiamo quanto importante fosse questo aspetto in un mondo caratterizzato da continui conflitti tra gli Stati. Tali sue capacità incontrarono l’attenzione di Cesare Borgia, figlio di Papa Alessandro VI, la cui figura, oggi parte della leggenda nera che avviluppa i Borgia, al tempo era considerato un brillante condottiero al quale guardava con attenzione e stima lo stesso Machiavelli. Il Borgia dunque nel 1502 prese al suo servizio Leonardo al quale rilasciò un lasciapassare che merita di essere ricordato: al “Prestantissimo et Dilectissimo Familiare Architecto et Ingengero Generale Leonardo Vinci… el quale de nostra Commissione ha da considerare li Lochi et Fortezze de li Stati nostri, ad ciò che secundo la loro exigentia et suo iudicio possiamo provvederli”. Nelle botteghe artistiche del Quattrocento ed anche in quella del Verrocchio dove Leonardo entro giovanissimo, i giovani allievi imparavano di tutto (pittura, scultura, oreficeria, architettura) e quelle conoscenze e tecniche mettevano successivamente a profitto dei doversi committenti. Di Leonardo, come sappiamo, non rimane alcuna opera di scultura e architettura. Restano soltanto dei disegni, frutto della sua incessante ricerca, e certamente le tracce, non sempre riconoscibili, della sua attività di architetto militare che l’arch. Scaramozzino illustrerà.

Rc 23 giugno 2019

Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

    Proseguono le lezioni del Prof. Antonino Romeo dedicate all’anno 1919, un anno “fatale” in cui si sono prodotti e realizzati eventi che hanno avuto una ricaduta nella successiva storia sia europea che italiana. Dopo gli incontri dedicati al Trattato di Pace di Versailles, alla nascita del Partito Popolare e dei Fasci di Combattimento, all’impresa di Fiume è la volta della Repubblica di Weimar che inaugura la serie di incontri estivi promossi presso lo Spazio Open, e congiuntamente con esso, che avranno inizio giovedì 4 luglio alle ore 19,30. Nata nel 1919 e durata fino all’avvento del nazismo nel 1933, la Repubblica di Weimar, che prende il nome dalla città tedesca dove, all’indomani della sconfitta, si tenne l’assemblea nazionale chiamata a redigere una nuova costituzione, una delle più moderne ed avanzate costituzioni redatte fino ad allora (l’Italia continuava nel 1919 ad essere retta dallo Statuto Albertino sia pure adattato ai tempi)

  • A Palazzo Alvaro l'Anassilaos presenta "La notte delle notti" di Maria Festa

    Si terrà venerdì 28 giugno alle ore 17,30 presso la Sala Gilda Trisolini della Città Metropolitana di Reggio Calabria la presentazione al pubblico reggino dell’ultima fatica letteraria della scrittrice e poetessa Maria Festa “La notte delle notti” edita da Città del Sole. L’evento, patrocinato dalla stessa Città Metropolitana e promosso congiuntamente dalla Fondazione Italo Falcomatà, dal Circolo Rhegium Julii, dal CIS-Centro Internazionale Scrittori della Calabria e dall’Associazione Culturale Anassilaos, rende omaggio ad un’autrice la cui opera, sia in versi che in prosa, ha attraversato grande parte della letteratura reggina degli ultimi decenni e il cui impegno, dispiegato nella promozione dei più diversi aspetti dell’arte e della cultura di Reggio Calabria, ha incrociato le personalità più eminenti di questa stessa arte e cultura.

  • Anassilaos, in Biblioteca il secondo incontro dedicato al 50° della conquista della Luna

    Con il secondo degli incontri dedicati al 50° anniversario della conquista della luna che si terrà giovedì 27 giugno, alle ore 16.45, presso la Villetta della Biblioteca "Pietro De Nava", Sala Giuffrè, l'Associazione Culturale Anassilaos conclude il ciclo di incontri promossi congiuntamente con la Biblioteca De Nava e patrocinati dal Comune di Reggio Calabria. Tema della conversazione di Luca Pellerone, studioso di storia, appassionato di cinema nonché Presidente Anassilaos Giovani, “La luna e il cinema”, dedicata al ruolo avuto dalla luna nel mondo del cinema, a partire dalle prime produzioni di inizio '900 fino ai giorni nostri.

  • Allo Spazio Open le "Cinquanta lettere a Mario La Cava" di Domenico Zappone

    Allo Spazio Open protagoniste le “Cinquanta lettere” che il giornalista Domenico Zappone (Palmi 1911 – 1976) destinò a Mario La Cava. Un appuntamento organizzato dal Rhegium Julii e Città del Sole Edizioni che ha visto ospite della giornalista Anna Foti il saggista Santino Salerno che ha curato il libro. “Scritte in un arco di tempo che va dal 1950 al 1976, le lettere rivelano il clima di cordialità che anima il rapporto tra i due intellettuali affratellati da una medesima passione: la scrittura; e danno conto, altresì, di una vicenda culturale ed umana che per molti tratti li accomuna nel difficile e tormentato rapporto con editori, direttori, redattori di riviste e giornali, ma anche in quelle che sono le difficoltà familiari e della vita quotidiana. Inoltre, queste lettere evidenziano inequivocabilmente la condizione di isolamento degli intellettuali meridionali che, lontani dal dinamismo culturale centro – urbano, pagano con un surplus di fatica lo svantaggio della perifericità che, fatalmente, trasforma il già difficile mestiere di scrivere, nel più difficile mestiere di vivere”.

  • Allo Spazio Open, Fabrizio Arnò presenta: "Il crepuscolo degli dei"

    Allo Spazio Open la presentazione del libro di Fabrizio Arnò "Il crepuscolo degli dei" Città del Sole Edizioni. "Le radici di queste narrazioni tanto più umane quanto più crudeli sono nella lezione della beat generation; e non a caso Ginsberg, Kerouac, Borroughs e Bukowski appaiono come personaggi “risuscitati” dalla scrittura nel racconto eponimo, Il crepuscolo degli dei, e consegnati ad una sopravvivenza ancipite, che diviene interrogazione implacabile sul nesso tra vita e arte: una sorta di omaggio diegetico ai maestri d’elezione, in particolare a Bukowski ed allo splendore spietato del suo stile, alla focalizzazione brutale - e vetrina nella sua intransigente durezza - di un mondo in cui sembra essere stata uccisa la pietà. Arnò compie senza ambagi la sua discesa negli inferi;  e vince la sua scommessa narrativa in virtù di una lingua modernissima, feroce e pietosa nella mimesi della violenza, speculare al mondo che ritrae, e spinosa anche quando sembra stemperarsi nell’ironia.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.