unci banner

:: NEWS

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Il caldo estivo, lunghe percorrenze per raggiungere casa dopo aver fatto la spesa e qualche disattenzione nel rispettare la catena del freddo possono essere causa di alterazione per i nostri...

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

«Sono felice e per questo ringrazio il sindaco di Villa San Giovanni e tutta l'amministrazione, perché con la firma di oggi si intraprende un percorso virtuoso e questo comune è...

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Il 27 agosto alle 21.30 presso l’Arena dello Stretto di Reggio Calabria avrà luogo l’ultimo appuntamento del Reggio Live Fest 2019, la serie di eventi frutto della sinergia tra i...

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Si avvicina l'attesissima conclusione della 28^edizione di EcoJazz festival, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia. Il parco Ecolandia di Arghillà a Reggio...

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

In occasione della Notte Bianca organizzata nell’ambito degli eventi per l’Estate 2019 a Bova Marina la nota località calabrese ha vissuto un grande momento di recupero e di animazione culturale...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: martedì 5 febbraio allo Spazio Open la "Questione Romana"

Anassilaos: martedì 5 febbraio allo Spazio Open la "Questione Romana"

Pubblicato in CULTURA Lunedì, 04 Febbraio 2019 08:15

L’ 11 novembre del 1929 con la firma dei Patti Lateranensi tra la Santa Sede e lo Stato Italiano (firmatari il Cardinale Pietro Gasparri, Segretario di Stato di Pio XI, e il Capo del Governo Benito Mussolini) si metteva fina alla “Questione Romana” apertasi all’indomani della breccia di Porta Pia. All’evento storico che celebra il suo 90° anniversario l’Associazione Culturale Anassilaos dedicherà un incontro che si terrà martedì 5 febbraio alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con la partecipazione del Prof. Antonino Romeo. Introdurrà l’intervento dello studioso il Dott. Luca Pellerone, Vice Presidente Anassilaos Giovani. I Patti, come è noto, si articolano in tre diversi documenti, un trattato, un concordato, una convenzione finanziaria.

Nel Trattato lo Stato Italiano e il Vaticano si riconoscono come stati sovrani (Art. 26 del Trattato “La Santa Sede …dichiara definitivamente ed irrevocabilmente composta e quindi eliminata la « questione romana » e riconosce il Regno d’Italia sotto la dinastia di Ca¬sa Savoia con Roma capitale dello Stato italiano”). All’art. 1° si dice, peraltro, che l’Italia “riconosce che la religione cattolica, apostolica e romana è la sola re-ligione dello Stato”. Il Concordato fissa le relazioni tra Stato e Chiesa, concedendo ad Essa privilegi in materia matrimoniale, giurisdizionale ed educativa. All’ Art. 34 si dice che “Lo Stato italiano , volendo ridonare all’istituto del matrimonio, che è base della fami¬glia, dignità conforme alle tradizioni cattoliche del suo popolo, riconosce al sacra¬mento del matrimonio, disciplinato dal diritto canonico, gli effetti civili” e all’ Art. 36 che “L’Italia considera fondamento e coronamento dell’istruzione pubblica l’insegnamento della dottrina cristiana secondo la forma ricevuta dalla tradizione cattolica. E perciò consente che l’insegnamento religioso ora impartito nelle scuole pubbliche elemen¬tari abbia un ulteriore sviluppo nelle scuole medie… Segue una Convenzione finanziaria. Con essa lo Stato versa al Vaticano un indennizzo per la conquista di Roma del 1870. “L’Italia (Art. 1 della Convenzione) si obbliga a versare, allo scambio delle ratifiche del Trattato, alla Santa Sede la somma di lire italiane 750.000.000 (settecento cinquanta milioni) ed a consegnare contemporaneamente alla medesima tanto Consolidato italiano 5% al portatore (col cupone scadente al 30 giugno p.v.) del valore nominale di lire italiane 1.000.000.000 (un miliardo)”. La “Santa Sede dichiara (Art. 2 della Convenzione) di accettare quanto sopra a definitiva sistemazione dei suoi rapporti finanziari con l’Italia in dipendenza degli avvenimenti del 1870”. Il raggiungimento di tale accordo, accolto in modo entusiastico in tutto il Paese, suscitò qualche riserva sia nel mondo cattolico (l’allora responsabile della Fuci Giovanbattista Montini, poi Paolo VI e Don Primo Mazzolari) che in quello laico. Benedetto Croce, nell’ intervento tenuto in Parlamento il 27 maggio 1929 al Senato si oppose ai Patti Lateranensi, che poi furono approvati, tramite appello nominale, con 317 voti favorevoli su 323 votanti e si beccò da Mussolini l’epiteto di “imboscato della storia”. Lo stesso Croce invero molti anni dopo giudicò negativamente l’inclusione dei Patti Lateranensi nell’ articolo 7 della Costituzione, frutto di un compromesso tra PCI e Democrazia cristiana, ma proprio questa inclusione, piaccia o meno, dimostra che i Patti Lateranensi - poi modificati nel 1984 per quanto riguardava il Concordato dal Cardinale Agostino Casaroli e dal Presidente Bettino Craxi - avevano un significato e una importanza che andava ben al di là delle contingenze storiche e del Fascismo.

Rc 4 febbraio 2019

Letto 166 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Anassilaos: al Chiostro omaggio alla poesia magica di Eliot

    Al Chiostro di San Giorgio al Corso ha risuonato la poesia magica di Eliot in una produzione dell’Associazione Anassilaos nell’ambito delle manifestazioni estive. Daniela Scuncia (che ne ha anche curato la regia), Carlo Menga e Marilù Laface hanno dato vita al reading Il Destino della Parola. accompagnati dal violoncello della bravissima Ludovica Cordova. La poesia di Eliot non è affatto una poesia facile, ma la sua profondità e la sua attualità si rinnovano ogni volta che se ne affronta la lettura. Il "destino della parola" è quello di essere dimenticata, come gli occhi di perla dell'amata, come i pensieri di paglia degli uomini vuoti, come i nomi segreti dei gatti; ma anche è quello di rinascere come nuova scoperta o come profezia.

  • Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

    Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e  in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova astronomia per conoscere l’Universo” di Gianfranco Bertone, allo studioso reggino sarà conferito il Premio Anassilaos 2019 “Pitagora” che inaugura così  la 31^ edizione della rassegna che si concluderà poi venerdì 8 novembre presso l’Auditorium Calipari del Consiglio Regionale. Nella lunga storia dei premi anassilaos numerosi sono stati i riconoscimenti conferiti a fisici, astrofisici e astronomi, tra i quali, solo per fare qualche nome, Margherita Hack e Paolo Maffei,  Patrizia Caraveo, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Lucia Votano, Direttore, fino al 2012, dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso e Dirigente di Ricerca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Nazionali di Frascati.

  • Anassilaos: omaggio a Paolo Villaggio, il Fantozzi che è in noi

    “Omaggio a Paolo Villaggio - sulle tracce del “Fantozzi” che è in tutti noi è il tema della conversazione promossa dall’Associazione Culturale Anassilaos che il Dott. Luca Pellerone, studioso e cultore di cinema nonché Presidente di Anassilaos Giovani, terrà martedì 13 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio al Corso. Nella letteratura come nel cinema vi sono personaggi la cui fama ha presto sopravanzato quella degli autori che li hanno creati. Tutti sanno chi è Sherlock Holmes o Tarzan o Frankstein o Dracula ma pochi conoscono Arthur Conan Doyle, il creatore dell’investigatore per eccellenza o Edgar Rice Burroughs, l’inventore del bambino selvaggio cresciuto nella giungla e allevato dalle scimmie o Mary Shelley, colei che inventò il primo horror della storia o Bram Stoker, lo scrittore irlandese che diede vita alla figura, in tutti i sensi immortale, del vampiro.

  • Anassilaos: avviare l'iter per il riconoscimento della Villa Comunale quale "Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico"

    La possibilità di avviare presso il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (MIBAC) la procedura per l’adozione di un provvedimento amministrativo di dichiarazione di “Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico” per la Villa Comunale di Reggio Calabria, per l’esattezza “Giardini Pubblici Umberto I” secondo l’antica denominazione, è quanto chiede al Sindaco Giuseppe Falcomatà l’Associazione Culturale Anassilaos attraverso il suo responsabile Giuseppe Diaco il quale evidenzia come nell’ambito della Città Metropolitana sia la Villa Comunale Carlo Ruggero di Cittanova che la Villa Giuseppe Mazzini di Palmi, entrambe realizzate dall'ingegnere di origine svizzera Heinrich Fehr nella seconda metà dell’Ottocento, vantano un simile riconoscimento.

  • Vicinanza dell'Anassilaos all'Arma dei Carabinieri

    L’Associazione Culturale Anassilaos, attraverso il suo Presidente Stefano Iorfida, si stringe intorno all’Arma dei Carabinieri, alla giovane moglie e ai familiari del Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega, vilmente assassinato nell’adempimento del proprio dovere, e ad essi esprime il proprio più sentito cordoglio e la partecipazione sentita al lutto dell’Arma che è, anche, il lutto dei cittadini onesti che riconoscono alle Forze dell’Ordine il ruolo fondamentale di presidio della nostra democrazia. All’Arma dunque e alle Forze dell’Ordine, a tutti gli uomini e le donne in divisa che per le strade delle nostre città e paesi, giorno dopo giorno, notte dopo notte, stagione dopo stagione, in condizioni spesso difficili, difendono, anche a rischio della propria vita, insieme al principio legalità, che è l’amalgama di una ben costituita società, anche e soprattutto la sicurezza e la nostra libertà di cittadini, gli amici e i soci di Anassilaos, esprimono la propria affettuosa vicinanza e la propria forte solidarietà.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.