unci banner

:: Evidenza

Falcomatà: “Bene proroga bilanci, adesso aspettiamo misure a sostegno delle finanze locali”

Falcomatà: “Bene proroga bilanci, adesso aspettiamo misure a sostegno delle finanze locali”

“La proroga della scadenza per l’approvazione dei bilanci di previsione per i Comuni in piano di riequilibrio è una buona notizia e rappresenta un segno positivo della volontà politica di risolvere le criticità intervenute a...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Dal Falco pecchiaiolo alla Tortora selvatica, dalla Balia dal collare al Verzellino: 66 specie censite, alcune di grande valore conservazionistico, per creare una check-list degli uccelli nidificanti nel Parco dell’Aspromonte, integrare la banca dati a...

Torna in riva allo Stretto l'attore Gennaro Calabrese con un live tutto da ridere

Torna in riva allo Stretto l'attore Gennaro Calabrese con un live tutto da ridere

Torna in riva allo Stretto nella sua città natale, l'attore comico e volto e voce di Alice Tv e radio Kiss Kiss, Gennaro Calabrese con l'esilarante spettacolo "Gennaro Calabrese show". Un imitatore inimitabile, espressione di...

Si conclude domani 25 aprile la Fiera dei Librai Reggini “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa”

Si conclude domani 25 aprile la Fiera dei Librai Reggini “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa”

Si concluderà domani 25 aprile “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa” Fiera dei Librai Reggini, organizzata dal Comune di Reggio Calabria, il Circolo Anassilaos e la Parrocchia di San Giorgio al Corso, presso il...

Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Si è svolta presso l’Auditorium dell’Ordine dei Medici l’assemblea annuale degli iscritti con l’approvazione del conto consuntivo 2018 e del bilancio preventivo 2019 all’unanimità dei presenti. Il tavolo presidenziale, come di consueto, è stato composto...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: martedì 5 febbraio allo Spazio Open la "Questione Romana"

Anassilaos: martedì 5 febbraio allo Spazio Open la "Questione Romana"

Pubblicato in CULTURA Lunedì, 04 Febbraio 2019 08:15

L’ 11 novembre del 1929 con la firma dei Patti Lateranensi tra la Santa Sede e lo Stato Italiano (firmatari il Cardinale Pietro Gasparri, Segretario di Stato di Pio XI, e il Capo del Governo Benito Mussolini) si metteva fina alla “Questione Romana” apertasi all’indomani della breccia di Porta Pia. All’evento storico che celebra il suo 90° anniversario l’Associazione Culturale Anassilaos dedicherà un incontro che si terrà martedì 5 febbraio alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con la partecipazione del Prof. Antonino Romeo. Introdurrà l’intervento dello studioso il Dott. Luca Pellerone, Vice Presidente Anassilaos Giovani. I Patti, come è noto, si articolano in tre diversi documenti, un trattato, un concordato, una convenzione finanziaria.

Nel Trattato lo Stato Italiano e il Vaticano si riconoscono come stati sovrani (Art. 26 del Trattato “La Santa Sede …dichiara definitivamente ed irrevocabilmente composta e quindi eliminata la « questione romana » e riconosce il Regno d’Italia sotto la dinastia di Ca¬sa Savoia con Roma capitale dello Stato italiano”). All’art. 1° si dice, peraltro, che l’Italia “riconosce che la religione cattolica, apostolica e romana è la sola re-ligione dello Stato”. Il Concordato fissa le relazioni tra Stato e Chiesa, concedendo ad Essa privilegi in materia matrimoniale, giurisdizionale ed educativa. All’ Art. 34 si dice che “Lo Stato italiano , volendo ridonare all’istituto del matrimonio, che è base della fami¬glia, dignità conforme alle tradizioni cattoliche del suo popolo, riconosce al sacra¬mento del matrimonio, disciplinato dal diritto canonico, gli effetti civili” e all’ Art. 36 che “L’Italia considera fondamento e coronamento dell’istruzione pubblica l’insegnamento della dottrina cristiana secondo la forma ricevuta dalla tradizione cattolica. E perciò consente che l’insegnamento religioso ora impartito nelle scuole pubbliche elemen¬tari abbia un ulteriore sviluppo nelle scuole medie… Segue una Convenzione finanziaria. Con essa lo Stato versa al Vaticano un indennizzo per la conquista di Roma del 1870. “L’Italia (Art. 1 della Convenzione) si obbliga a versare, allo scambio delle ratifiche del Trattato, alla Santa Sede la somma di lire italiane 750.000.000 (settecento cinquanta milioni) ed a consegnare contemporaneamente alla medesima tanto Consolidato italiano 5% al portatore (col cupone scadente al 30 giugno p.v.) del valore nominale di lire italiane 1.000.000.000 (un miliardo)”. La “Santa Sede dichiara (Art. 2 della Convenzione) di accettare quanto sopra a definitiva sistemazione dei suoi rapporti finanziari con l’Italia in dipendenza degli avvenimenti del 1870”. Il raggiungimento di tale accordo, accolto in modo entusiastico in tutto il Paese, suscitò qualche riserva sia nel mondo cattolico (l’allora responsabile della Fuci Giovanbattista Montini, poi Paolo VI e Don Primo Mazzolari) che in quello laico. Benedetto Croce, nell’ intervento tenuto in Parlamento il 27 maggio 1929 al Senato si oppose ai Patti Lateranensi, che poi furono approvati, tramite appello nominale, con 317 voti favorevoli su 323 votanti e si beccò da Mussolini l’epiteto di “imboscato della storia”. Lo stesso Croce invero molti anni dopo giudicò negativamente l’inclusione dei Patti Lateranensi nell’ articolo 7 della Costituzione, frutto di un compromesso tra PCI e Democrazia cristiana, ma proprio questa inclusione, piaccia o meno, dimostra che i Patti Lateranensi - poi modificati nel 1984 per quanto riguardava il Concordato dal Cardinale Agostino Casaroli e dal Presidente Bettino Craxi - avevano un significato e una importanza che andava ben al di là delle contingenze storiche e del Fascismo.

Rc 4 febbraio 2019

Letto 108 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open l'incontro Anassilaos dedicato alle monete e la storia

    Allo Spazio Open il martedì dell'Anassilaos ha visto protagonista il professor Benedetto Carroccio dell'Unical per un incontro dedicato alle monete e la storia dal titolo: "Quando gli Afghani fecero i Greci; i Greci credettero in Budda e i Normanni lodarono Maometto” 

  • Anassilaos: doppio incontro di carattere storico questa settimana

    Due incontri di carattere storico quelli che l’Associazione Culturale Anassilaos propone con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria per la Calabria. Il primo, sul tema “Monete e storia: quando gli Afghani fecero i Greci; i Greci credettero in Budda e i Normanni lodarono Maometto” si terrà martedì 16 aprile alle ore 17,30 presso lo Spazio Open relatore il Prof. Benedetto Carroccio dell’ Università della Calabria. Studioso di numismatica egli attirerà l’attenzione su alcuni tipi monetali realizzati nei territori dell’Asia Centrale raggiunti da Alessandro Magno durante la sua conquista e successivamente divenuti regni autonomi nei quali si realizzerà un felice sincretismo tra la cultura dell’antica Grecia e il buddhismo (Regno greco-battriano che raggiungeva l’attuale Afghanistan, il regno indo-greco, l’impero Kusana, il regno di Gandhara) per arrivare poi ai Normanni.

  • Allo Spazio Open, Daniela Orlando presenta "Notti mai abbastanza"

    Allo Spazio Open incontro con Daniela Orlando che ha presentato il suo ultimo libro "Notti mai abbastanza" edito da Città del Sole Edizioni

  • L'Anassilaos dedica una serie di incontri al genio di Leonardo da Vinci

    Il 2 maggio del 1519, cinquecento anni fa,  moriva ad Amboise, in Francia, Leonardo da Vinci. “Esso passò dalla presente vita alli 2 di Maggio con tutti li Ordini della Santa Madre Chiesa, e ben disposto” scrive l’allievo Francesco Melzi ai fratelli del Maestro. La leggenda, ripresa dal Vasari nella sua vita di Leonardo,  vuole che egli sia spirato tra le braccia del re  Francesco I, in realtà lontano da Amboise quel giorno, a dimostrazione dell’affetto che il sovrano ha sempre nutrito  nei confronti del Maestro considerato, al di là delle qualità artistiche, un saggio e un filosofo.

  • L'Anassilaos allo Spazio Open ripercorre la storia dei "fasci di combattimento"

    Nuovo appuntamento con la storia del Novecento presso lo Spazio Open, con la conversazione sul tema: I Fasci italiani di combattimento (1919-2019), tenuta dal prof Antonino Romeo, in cui si è cercato di fare chiarezza sulla differenza tra i Fasci di combattimento, movimento politico nato durante la pace seguita dalla fine del primo conflitto, e il fascismo che divenne regime dittatoriale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.