unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: omaggio a Paolo Villaggio, il Fantozzi che è in noi

Anassilaos: omaggio a Paolo Villaggio, il Fantozzi che è in noi

Pubblicato in CULTURA Domenica, 11 Agosto 2019 22:10

“Omaggio a Paolo Villaggio - sulle tracce del “Fantozzi” che è in tutti noi è il tema della conversazione promossa dall’Associazione Culturale Anassilaos che il Dott. Luca Pellerone, studioso e cultore di cinema nonché Presidente di Anassilaos Giovani, terrà martedì 13 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio al Corso. Nella letteratura come nel cinema vi sono personaggi la cui fama ha presto sopravanzato quella degli autori che li hanno creati. Tutti sanno chi è Sherlock Holmes o Tarzan o Frankstein o Dracula ma pochi conoscono Arthur Conan Doyle, il creatore dell’investigatore per eccellenza o Edgar Rice Burroughs, l’inventore del bambino selvaggio cresciuto nella giungla e allevato dalle scimmie o Mary Shelley, colei che inventò il primo horror della storia o Bram Stoker, lo scrittore irlandese che diede vita alla figura, in tutti i sensi immortale, del vampiro.

Questo anche il caso del ragioniere Ugo Fantozzi, il personaggio letterario creato da Paolo Villaggio, apparso nei due libri di grande successo “Fantozzi” e “Il secondo tragico libro di Fantozzi” (un milione di copie vendute), tradotti in più lingue, che valsero all’autore il prestigioso premio “Gogol” per la vicinanza ai temi e ai personaggi del grande scrittore russo. Dalla letteratura al cinema il passo fu rapido e nel 1975 e 1976 Fantozzi fu protagonista di una serie di film, i primi due girati da Luciano Salce, interpretati – caso unico – dallo stesso autore Villaggio, che hanno avuto un enorme successo di pubblico e nei quali sono anche emerse talune figure di contorno, così bene caratterizzate, da divenire anch’esse, al pari dell’impiegato Fantozzi, prototipi di quegli uomini e donne che appartengono anche al nostro vissuto quotidiano, dalla signorina Silvani, cinematograficamente e magistralmente interpretata da Anna Mazzamauro, al ragionier Filini, interpretato da Gigi Reder, alla Signora Pina, moglie di Fantozzi, remissiva e rassegnata, interpretata dapprima da Liù Bosisio e successivamente da Milena Vukotic. Sottotitolo dell’incontro- omaggio a Paolo Villaggio - è “il Fantozzi che è in tutti noi” ed infatti, a spiegare l’enorme successo, prima letterario e poi cinematografico, del personaggio giova ricordare che in molte delle situazioni vissute dal Ragioniere si rispecchia la vita dell’Italia di ieri e di oggi che diviene però prototipo – da qui il riferimento a Gogol – della esistenza vissuta da uomini e donne attraverso i secoli in un determinato contesto sociale. Una vita ricca di aspirazioni e frustrazioni; di sogni che non si realizzano e di desideri mancati; di impegno ma soprattutto disimpegno; di relazioni interne al proprio mondo lavorativo che occupa grandissima parte dell’esistenza, quasi una realtà a se stante nella quale allignano piccole cattiverie e ferocie, meschinità e bontà, al quale non si riesce a sfuggire neanche nei momenti di relativa libertà; di hobby vissuti coralmente (il calcio e i viaggi organizzati); di passioni segrete e di ripulse; di piccole ribellioni ad imposizioni culturali radical-chic (tutti ricordiamo la celebre frase di Fantozzi «Per me... La corazzata Kotiomkin... è una cagata pazzesca!»). “Il mondo – ha scritto lo stesso Villaggio - è fatto per la maggior parte da persone che nella vita hanno fallito. Grazie a Fantozzi ho fatto in modo che alcuni neppure si accorgessero di essere nullità. O al limite ho fatto sì che non si sentissero soli.”

Rc 11 agosto 2019

Letto 97 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open le "Lezioni (frontali) di storia" del professor Antonino Romeo

    Allo Spazio Open protagonista la Storia con le lezioni frontali del professor Antonino Romeo. Un percorso quello degli ultimi mesi in collaborazione con l’associazione culturale Anassilaos, che oggi diventa un libro vero e proprio edito da Città del Sole Edizioni.

  • Allo Spazio Open l'incontro dell'Anassilaos dedicato alla II Guerra Mondiale

    Allo Spazio Open incontro dell'associazione culturale Anassilaos dedicato agli 80 anni dalla Seconda Guerra Mondiale. Un tuffo nella storia e nei suoi retroscena politici e culturali

  • Anassilaos: prossimo incontro allo Spazio Open dedicato agli 80 anni dalla II Guerra Mondiale

    “Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra”. Il 24 agosto 1939, a pochi giorni dal precipizio, Pio XII, si rivolgeva con  un radiomessaggio ai governanti ed ai popoli; l’ appello cadde nel vuoto  e nel radiomessaggio  del 1° settembre 1943, a quattro anni dallo scoppio della guerra, lo stesso Pontefice notava amaramente “La Nostra voce giunse agli orecchi, ma non illuminò gli intelletti e non scese nei cuori. Lo spirito della violenza vinse sullo spirito della concordia e della intesa….” L’espressione, “Nulla è perduto con la pace.

  • Anassilaos: allo Spazio Open l'incontro dedicato al concerto di Woodstock

    Nuovo appuntamento organizzato dall'associazione culturale Anassilaos allo Spazio Open di via Filippini dedicato al 1969. Dopo lo sbarco sulla Luna questa volta al centro dell'incontro il concerto di Woodstock e i suoi retroscena

  • Il Maestro Pino Puntorieri chiude gli incontri al Chiostro 2019 dell'Anassilaos

    L’Associazione Culturale Anassilaos chiude al Chiostro di San Giorgio con un concerto che si terrà martedì 27 agosto alle ore 21,00 le iniziative estive promosse congiuntamente con la Parrocchia nel corso dell’estate. Tema del concerto, che vuole essere una sorta di saluto in musica alla buona stagione che a breve ci lascerà, è “Sogno di una notte di fine estate/ Viaggio nel mondo musicale  del Maestro Pino Puntorieri”  che vedrà  la  partecipazione di taluni importanti musicisti e cantanti, dal Maestro Fulvio Puccinelli al Maestro Serenella Corrado, dal maestro Marinella Rodà al Maestro Pierluigi Romeo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.