unci banner

:: Evidenza

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Mercoledì 22 agosto il gran finale di Rumori Mediterranei, 38ma Edizione di Roccella Jazz Festival. L'ultima serata al Teatro al Castello di Roccella Jonica esalta...

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Sale a diecii il bilancio delle vittime della piena nelle Gole del Raganello. Tre le persone ancora disperse. Le operazioni di ricerca sono andate avanti...

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Si è spento oggi Mario Congiusta, da anni si batteva perchè venisse fatta piena luce sull'omicidio del figlio Gianluca. Il suo ricordo nelle parole di...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAAnassilaos: "Uno sguardo sull'area ellenofona"

Anassilaos: "Uno sguardo sull'area ellenofona"

Pubblicato in CULTURA Martedì, 13 Febbraio 2018 08:26

"Uno sguardo sull'area ellenofona" è il tema di un incontro promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, congiuntamente con il Comune di Reggio Calabria e la Biblioteca    Comunale “Pietro De Nava” che si terrà giovedì 15 febbraio alle ore 16,45 presso la Villetta De Nava della Biblioteca Comunale. La manifestazione promossa dal Sodalizio reggino nasce dalla necessità di fare il punto su una lingua antichissima che seppure tutelata dalla  Legge 15 Dicembre 1999, n. 482  recante “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” presenta non poche criticità al punto che l’ Atlante Mondiale delle Lingue in Pericolo dell’UNESCO  la  pone tra le lingue in pericolo.

Per una ricerca, ormai datata e risalente al 2001, gli ellenofoni calabresi sarebbero ormai meno di 500. La manifestazione di Anassilaos si inserisce nel ciclo di incontri che preparano la Festa della poesia d’Estate che si terrà  il prossimo agosto, aperta alle esperienze letterarie del Mediterraneo e di quelle che possiamo definire “lingue minoritarie”, tra le quali, a pieno titolo rientra il greco di Calabria. Bova, Bova Marina, Roghudi, Chorió di Roghudi, Roccaforte del Greco, Gallicianó, Condofuri e Amendolea sono i centri calabresi che hanno conservato e conservano tuttora  le tracce di una lingua che ha molti punti di contatto con il greco moderno.  L’origine di tale lingua è stata al centro di infinite discussioni. Secondo la teoria elaborata nella seconda metà dell’Ottocento dal glottologo Giuseppe Morosi (1844-1890) il greco di Calabria sorse nel periodo bizantino grazie soprattutto alle immigrazioni di genti di lingua greca avvenute soprattutto tra il IX e il XII secolo. Secondo Gerhard Rohlfs invece, il grande glottologo che per lunghi anni viaggiò instancabilmente nella Bovesia (1892-1986)  il greco di Calabria deriva direttamente dal greco parlato in Magna Grecia. All’incontro parteciperanno  il  Prof. Domenico Minuto, studioso tra i più significativi dell’area ellenofona, la Prof.ssa Francesca Neri, il Prof. Salvino Nucera, narratore e poeta in grecanico,  Valentino  Santagati, studioso  di musica popolare e la poetessa in lingua grecanica Francesca Tripodi.

Rc 13 febbraio 2018
 

Letto 80 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Anassilaos, giovedì 23 agosto incontro dedicato a San Gaetano Catanoso

    “San Gaetano Catanoso fu cultore ed apostolo del Volto Santo di Cristo. La Messa quotidiana e la frequente adorazione del Sacramento dell'altare furono l'anima del suo sacerdozio: con ardente ed instancabile carità pastorale egli si dedicò alla predicazione, alla catechesi, al ministero delle Confessioni, ai poveri, ai malati, alla cura delle vocazioni sacerdotali. Alle Suore Veroniche del Volto Santo, che egli fondò, trasmise lo spirito di carità, di umiltà e di sacrificio, che ha animato l'intera sua esistenza”.

  • Prossimo incontro dell'Anassilaos dedicato alla "Primavera di Praga"

    Nella notte tra il 20 e il 21 agosto del 1968 le truppe del Patto di Varsavia (Urss, Polonia, DDR, Ungheria e Bulgaria), con l’eccezione della Romania, intervenivano militarmente in Cecoslovaccha per porre  fine alla cosiddetta “Primavera di Praga”, quell’esperimento politico e sociale guidato dal premier Alexander Dubcek che si proponeva di realizzare un “comunismo dal volto umano”. A quell’evento, martedì 21 agosto presso il Chiostro di San Giorgio al Corso, con inizio alle ore 21,00, l’Associazione Culturale Anassilaos dedica un incontro di approfondimento con la partecipazione del Prof. Antonino Romeo.

  • Natale Zappala ospite al Chiostro con "Rhegina, storie di Hippys reggino"

    Nell’ambito degli incontri con l’Autore promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos congiuntamente con le case editrici reggine si terrà giovedì 16 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio l’incontro con Natale Zappalà autore di Rhegina/Storie di Hippys reggino, edito da Città del Sole, un  esperimento a metà strada fra la storia e la narrativa: raccontare il passato della città di Rhegion (Reggio Calabria) fingendo di aver ritrovato il primo libro dell’opera di uno scrittore reggino del V secolo a.C., Hyppis, realmente esistito, ricordato dagli autori antichi come il primo storiografo d’Occidente.

  • Anassilaos presenta: il fumetto nella evoluzione della società

    Nel 1938, ottanta anni fa,  veniva pubblicato negli Stati Uniti  “Superman” , il famoso personaggio dei fumetti creato da Jerry Siegel e Joe Shuster cinque anni prima, nel 1933. Si è trattato del  primo supereroe della storia dei fumetti che ancora oggi  appassiona  lettori in tutto il mondo. All’anniversario l’Associazione Culturale Anassilaos dedica un incontro, che si terrà martedì 14 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio al Corso,  sul tema “Il fumetto nella evoluzione della società 1938/2018”, conversazione di  Tito Tropea, studioso e appassionato di storia del fumetto nonché  Presidente di Anassilaos Giovani.

  • Anassilaos presenta: dalla “Battaglia del Solstizio” a “Vittorio Veneto”

    “Dall’inutile strage alla pace”. E’ questo il tema di una serie di incontri promossi dall’Associazione Anassilaos  e dedicati al centenario della fine della Grande Guerra (1918-2018). Si comincia con una conversazione del Dott. Luca Pellerone, giovanissimo studioso di storia sul tema “Dalla battaglia del solstizio a Vittorio Veneto” che analizza gli eventi bellici degli ultimi mesi di guerra. La battaglia del Solstizio (o seconda battaglia del Piave) e quella di Vittorio Veneto sono state due battaglie fondamentali e decisive non soltanto per le sorti del Primo conflitto mondiale, ma anche per le sorti dell’Italia.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.