unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAConclude il Locri Opera Festival “L’ammalato immaginario” diretto da Alessandro Tirotta

Conclude il Locri Opera Festival “L’ammalato immaginario” diretto da Alessandro Tirotta

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 14 Agosto 2019 10:56

Il 20 agosto, alle 21.00, il Comune di Locri, in sinergia con l’Associazione Traiectoriae, l’Orchestra e il Coro del Teatro Cilea di Reggio Calabria, propone, come ultima tappa del Locri Opera Festival, presso la Corte del Palazzo Comunale, “L’ammalato immaginario ovvero Erighetta e Don Chilone” di Leonardo Vinci. Il Maestro Concertatore sarà il M. Alessandro Tirotta mentre Sofia Lavinia Amisich firmerà la regia.
Aurora Tirotta interpreterà il ruolo di Erighetta e lo stesso Alessandro Tirotta sarà Don Chilone. Nel ruolo del Servitore ci sarà il mimo Alice Arena. A quest’opera seguirà “Ciaccona” in Sol minore di Tommaso Antonio Vitali eseguita dal violinista solista Pasquale Faucitano. Al cembalo siederà Loredana Pelle.

“Quando Domenico Gatto mi propose di mettere in scena degli intermezzi musicali per il “Locri Opera Festival”, ho subito pensato e proposto Leonardo Vinci. Da calabrese ritengo sia giusto rendere omaggio a uno dei capisaldi del settecento operistico italiano, un compositore che è stato modello e ispirazione per i grandi compositori succedutogli: da Pergolesi (suo allievo) a Rossini, per intenderci. Nato a Strongoli (allora provincia di Catanzaro, oggi Vibo Valentia) è stato un calabrese illustre, oggi paradossalmente sconosciuto ai molti, per cui è corretto restituirlo alla memoria storica e teatrale. Eseguiti all’interno dell’opera Ernelinda (Napoli, Teatro di San Bartolomeo, 1726) gli intermezzi “Erighetta e Don Chilone” noti anche come “L’Ammalato Immaginario” si ispirano senza dubbio all’opera omonima di Moliere, con le appropriate similitudine e divergenze volute da Antonio Salvi (librettista): Erighetta, che lamenta il suo stato vedovile, prende la decisione di sedurre il ricco scapolo don Chilone per farsi sposare. Approfittando dell’ipocondria di quest’ultimo gli manda in casa il medico Guarisci, che altro non è che Erighetta travestita che, alla fine di un lungo sproloquio saccente, gli prescrive la cura necessaria: sposarsi, e preferibilmente una vedova! Don Chilone, perplesso dalla proposta del medico e timoroso che il matrimonio possa peggiorare il suo stato, al ritorno di Erighetta le fa la sua proposta di sposarla con la promessa di lasciarle il pieno controllo della casa. Dopo un gioco di parti lei accetta, don Chilone si sente “che ingagliardisce e ritorna sano”, ma alle prime domande di Erighetta manifesta un dubbio pesante sulla testa! La donna rimane sempre un “osso duro” da digerire!! Una piccola opera che getta le basi per il percorso evolutivo che sfocerà nelle grandi opere buffe, con tempi briosi e un taglio scorrevole ma fedele alla prassi esecutiva del genere. Un grande appuntamento con l’opera lirica che appartiene alla nostra storia”, dichiara il M. Alessandro Tirotta.
Si ricorda che il “Locri Opera Festival” si inserisce all’interno del Calabriae Opera Musica Festival, la cui direzione artistica porta la firma di Domenico Gatto e Orlin Anastassov.
I biglietti, il cui costo è 15 e 20 euro, sono acquistabili a Locri presso l’agenzia di viaggi Persefone, il Bar Riviera e L’Angolo del Tabacco, e on line su Inprimafila all’url www.inprimafila.net

14 agosto 2019

Letto 118 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Turandot, l’incompiuta di Puccini, agli scavi archeologici di Locri

    Manca una settimana per il secondo titolo del Locri Opera Festival, frutto della sinergia tra Anna Rosa Sofia, Assessore alla Cultura del Comune di Locri, l’Associazione Traiectoriae, l’Orchestra e il Coro del Teatro Cilea di Reggio Calabria, la cui direzione artistica porta la firma di Domenico Gatto e Orlin Anastassov. Mentre oggi, 27 luglio, andrà in scena la seconda e ultima recita de “L’elisir d’amore” del duo Tirotta-Marzocchi, sabato 3 agosto, alle ore 21.00, verrà rappresentata, presso l’Area Archeologica Tempio di Marasà, “Turandot”, dramma lirico in tre atti su libretto di Giuseppe Adami, nella versione originale di Giacomo Puccini. Sarà Renato Bonajuto, regista di fama internazionale e Segretario artistico del Teatro Coccia di Novara, a firmarne la regia.

  • “Turandot” agli scavi archeologici di Locri

    E mentre è pronto per andare in scena “L’elisir d’amore” (25 e 27 luglio) presso la Corte del Comune di Locri, continuano le prove per il secondo titolo del Locri Opera Festival. “Turandot”, dramma lirico in tre atti su libretto di Giuseppe Adami, nella versione originale di Giacomo Puccini, sarà presentata il 3 agosto alle 21.00 presso l’Area Archeologica Tempio di Marasà, e vanterà la regia di Renato Bonajuto, regista di fama internazionale e Segretario artistico del Teatro Coccia di Novara.
    Dirigerà l’Orchestra del Teatro Cilea il M. Manuela Ranno, già apprezzata in Calabria per “Il barbiere di Siviglia” (agosto 2018), “La traviata” (settembre 2019) e “L’arca di Noè” (aprile 2019).
    Sosterrà i solisti il Coro del Teatro Cilea, istruito dal M. Bruno Tirotta.

  • Cuneyt Unsal ne "L’elisir d’amore" a Locri

    Il 25 e il 27 luglio, alle ore 21.00, presso la Corte del Comune di Locri, andrà in scena “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti che apre il Locri Opera Festival, frutto della sinergia fra il Città di Locri, l’Associazione Traiectoriae, l’Orchestra e il Coro del Teatro Cilea di Reggio Calabria. Sul podio dell’Orchestra vi sarà il M. Alessandro Tirotta mentre la messinscena dell’opera è affidata a Franco Marzocchi, coadiuvato da Annunziato Gentiluomo.
    Tra i solisti, sostenuti dal Coro del Teatro Cilea, istruito dal M. Bruno Tirotta, vi sarà Cuneyt Unsal che vestirà i panni di Belcore. Lo abbiamo intervistato e di seguito è riportato quanto ci ha raccontato.

  • “L’elisir d’amore” di Donizetti apre il Locri Opera Festival

    Il Comune di Locri, in sinergia con l’Associazione Traiectoriae, l’Orchestra e il Coro del Teatro Cilea di Reggio Calabria, propone, come primo appuntamento del Locri Opera Festival, inserito all’interno del Calabriae Opera Musica Festival, “L’elisir d’amore”, melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani per le musiche di Gaetano Donizetti.
    È la storia di Nemorino, un sognante contadino, senza il becco di un quattrino, che si invaghisce della capricciosa proprietaria terriera Adina. Per conquistarla e sottrarla al sergente Belcore, si affiderà al dottor Dulcamara, un truffatore, che mette in piazza i propri portentosi preparati, raccontati nella celebre Udite, udite, o rustici, tra cui il famoso elisir d’amore della regina Isotta che avrebbe fatto innamorare chiunque. Si trattava però di una semplice bottiglia di bordeaux.

  • Il Locri Opera Festival dal 25 luglio al 20 agosto con tre opere liriche e artisti di grande rilievo

    Il Comune di Locri, in sinergia con l’Associazione Traiectoriae, l’Orchestra e il Coro del Teatro Cilea di Reggio Calabria, propone, dal 25 luglio al 20 agosto, il Locri Opera Festival, che si inserisce all’interno del Calabriae Opera Musica Festival, la cui direzione artistica porta la firma di Domenico Gatto e Orlin Anastassov.
    Tre le opere che saranno realizzate a Locri. Si inizierà con “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti presso la Corte del Palazzo Comunale con due recite, il 25 e il 27 luglio, alle ore 21.00. Seguirà un’unica rappresentazione di “Turandot” di Giacomo Puccini il 3 agosto alle 21.00 presso l’Area Archeologica Tempio di Marasà, mentre concluderà la rassegna “L’ammalato immaginario ovvero Erighetta e Don Chilone” di Leonardo Vinci il 20 agosto alle 21.00 presso la Corte del Palazzo Comunale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.