unci banner

:: NEWS

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Sono 3332 le tessere sottoscritte dall’inizio della campagna abbonamenti 2019/20 “Questa vita la dedico a te”. ieri 21 agosto sottoscritti 50 abbonamenti. Terminata prelazione, non sarà più possibile usufruire dello...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Inizia tutto sul Set di “Calibro 9”, il nuovo film prodotto dalla Minerva Pictures per la regia di Toni D’Angelo, dove l’attore calabrese, Direttore della Scuola di Recitazione della Calabria,...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAConferenza dei professori Castrizio e Mollo per l’AICC “Ibico” di Reggio Calabria

Conferenza dei professori Castrizio e Mollo per l’AICC “Ibico” di Reggio Calabria

Pubblicato in CULTURA Sabato, 23 Marzo 2019 12:42

Il 27 marzo p.v. la delegazione “Ibico” dell’Associazione Italiana di Cultura Classica ospiterà la presentazione incrociata dei volumi “Note di iconografia magnogreca” di Daniele Castrizio e “Guida archeologica della Calabria antica” di Fabrizio Mollo.
Nell’ambito delle attività promosse dalla delegazione reggina “Ibico” dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC), mercoledì 27 marzo alle ore 17:00 avrà luogo, presso l’Aula Magna del Liceo Classico “Tommaso Campanella” di Reggio Calabria, la conferenza dal titolo “Itinerari archeologici ed iconografici nella Calabria antica. Autori a confronto”.

Prendendo le mosse dalla presentazione incrociata dei saggi “Note di iconografia magnogreca” di Daniele Castrizio e “Guida archeologica della Calabria antica” di Fabrizio Mollo, verranno illustrati dagli autori stessi i risultati delle loro più recenti ricerche condotte sul territorio calabrese.
« Le “Note di iconografia magnogreca” – spiega il Prof. Castrizio – nascono come una raccolta di ricerche, a volte già pubblicate, aggiornate dal punto di vista bibliografico e rivisitate alla luce dell’avanzamento degli studi. Per la maggior parte di esse, lo spunto è stato dato da una moneta o da una serie monetale, proprio per il ruolo particolare e perspicuo che ha rivestito la monetazione nel periodo antico, essendo essa l’unica fonte di propaganda dei Governi, ma in taluni casi l’incipit viene fornito da una statua, da un brano letterario antico o da una pittura su ceramica».
«Nella “Guida archeologica della Calabria antica” – afferma il Prof. Mollo – è tracciata la storia della presenza umana a partire dalle fasi pre e protostoriche, sino all’arrivo dei Greci ed al loro incontrarsi con gli Indigeni, gli Enotri, e poi in epoca ellenistica la discesa delle popolazioni italiche dei Lucani e dei Brettii ed infine la presenza dei Romani sino alla fase tardo-antica ed all’altomedioevo. Gli itinerari proposti, in tutto tredici, sono organizzati secondo una scansione che coniuga, per quanto possibile, l’unitarietà geografica e territoriale con lo sviluppo di insediamenti che tra loro presentano un’omogeneità culturale. Essi, inoltre, offrono una descrizione, puntuale e aggiornata, anche di tutte le aree visitabili, i parchi archeologici, i siti ed i principali monumenti, ma anche dei relativi Musei, con la descrizione delle collezioni e dei reperti di maggior pregio ed interesse».

«Il confronto tra due studiosi di così acuto spessore – dichiara il Presidente della delegazione “Ibico”, Alessandro Albanese – è volto da un lato a sostenere la sinergia tra studi di tipo iconografico, archeologico e storico-letterario in funzione di un costante approfondimento delle nostre conoscenze sul mondo antico, dall’altro a valorizzare la ricchezza delle testimonianze che la Calabria è in grado di offrire in tal senso»
Daniele Castrizio è professore ordinario di Numismatica presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina, dove ha l’incarico di docenza di Numismatica Greca e Romana e di Numismatica medievale nel curriculum triennale Archeologico di Lettere, e di Iconografia e Archeologia della Moneta nella Laurea Magistrale di Archeologia del Mediterraneo.
Dal gennaio 2005 è membro della Missione Archeologica di Antinoupolis/El Sheik Abada dell’Istituto Papirologico “G. Vitelli” di Firenze.
Dal 2015 è membro del Comitato Scientifico del Museo Archeologico di Reggio Calabria. Oltre a un centinaio di contributi specifici, ha pubblicato numerosi saggi, tra cui: Reggio ellenistica (1995); I Bronzi di Riace. Ipotesi ricostruttiva (2000); La monetazione mercenariale in Sicilia. Strategie economiche e territoriali tra Dionisio I e Timoleonte (2000), Guida alla statuaria reggina. Nuove ipotesi e interpretazioni (2011).

Fabrizio Mollo è Professore Associato ed insegna Topografia Antica e Archeologia delle Province Romane presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina. Autore di oltre 120 pubblicazioni nelle sedi editoriali più prestigiose. Già insignito di importanti riconoscimenti a livello nazionale, ha svolto attività di ricerca in Calabria, Sicilia, Puglia, Basilicata, a Malta, in Grecia, dove dal 2014 è componente della Missione Archeologica Italiana presso Skotoussa. Si occupa di Enotri, Lucani e Brettii, di cultura materiale dall’arcaismo all’età romana, di archeologia dell’alimentazione e della Dieta Mediterranea. Ha indagato i contesti di Petrosa di Scalea e di Tortora (l’antica Blanda, di cui è il Direttore Scientifico del Museo), di Serra Aiello-Campora S. Giovanni (Temesa), di Licata (Phinziade), del Medio Tirreno cosentino, realizzando il Museo dei Brettii e del Mare di Cetraro. È autore del volume Ai confini della Brettìa, Rubbettino, Soveria Mannelli 2003 e della Guida Archeologica della Calabria Antica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2018.
Facebook: Aicc Ibicorc

Rc 23 marzo 2019

Letto 162 volte

Articoli correlati (da tag)

  • "Le Statue Greche del Museo di Reggio Calabria", venerdì 14 giugno a Casa Incontriamoci Sempre

    Il Museo Archeologico di Reggio è divenuto negli ultimi anni una delle risorse non solo del Comune, ma anche dell’intera Città Metropolitana di Reggio. Al di là di sterili polemiche, improntate al classico e mai vinto campanilismo di piccolo cabotaggio, appare evidente che solo il rinnovato Museo può svolgere il ruolo di attrattore nei confronti del mondo intero, in forza della presenza di autentici capolavori contenuti al suo interno. È con questa consapevolezza che occorre che il Museo non sia solo identificato con i suoi Bronzi, che rappresentano pur sempre opere d’arte inestimabili, le due meraviglie archeologiche della nostra terra, capaci di convincere qualsiasi turista a recarsi in Calabria solo per vederli.

  • La presidenza del Consiglio Comunale, ricorda la figura del santo patrono con un evento dal titolo “In Onore di San Giorgio”

    La presidenza del Consiglio Comunale, ricorda la figura di San Giorgio con un interessante evento dal titolo “In Onore di San Giorgio”.
    Il Presidente del Consiglio, Demetrio Delfino, ha fortemente voluto nel giorno dedicato al Santo Patrono della Città di Reggio Calabria, mettere in evidenza San Giorgio, chiamando a rappresentarlo in musica il Cantastorie Fulvio Cama e tramite la narrazione il Prof. Daniele Castrizio che illustreranno la storia del Santo in maniera singolare e fin qui poco conosciuta.

  • AICC: martedì 16 aprile conferenza della Professoressa Maria Cannatà Fera (UNIME)

    Martedì 16 aprile, alle ore 17:00, nell’Aula Magna del Liceo Classico “Tommaso Campanella”, la delegazione locale “Ibico” dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC) ospiterà la conferenza della prof.ssa Maria Cannatà Fera dell’Università degli studi di Messina.
    La relazione avrà come oggetto l’Elena di Euripide: la prof.ssa Cannatà illustrerà nel dettaglio gli aspetti notevoli dell’opera da un punto di vista storico, letterario e filologico, soffermandosi in particolare sull’interpretazione e sul commento di alcuni passi scelti della tragedia, la cui lettura verrà curata da un gruppo di alunni del Campanella, accompagnati dalle musiche eseguite da Sara Cogliandro, giovane e promettente violinista, anche lei studentessa del prestigioso Liceo reggino. L’incontro si propone di introdurre alla messa in scena della tragedia euripidea, prevista in occasione dell’ormai prossimo 55° Festival del Teatro Greco di Siracusa.

  • A Calabria d'Autore, Daniele Castrizio ricostruisce il rapporto di Reggio e il Calopinace

    A Calabria d'Autore questa domenica gran pienone per l'incontro con il professor Daniele Castrizio dedicato alla storia del Calopinace. Uno spostamento che di fatto ha ridisegnato la città cambiandone non solo la fisionomia ma anche la storia. Un'occasione di dibattito e confronto ma soprattutto uno stimolo alla ricerca dei tesori del nostro passato

  • Cosa c'è nei fondali di Calamizzi? Se ne discute domani 7 aprile a Santa Caterina

    Previsto il pubblico delle grandi occasioni per l’appuntamento di domani alle 18.30, presso la Sala Museo “Il Ferroviere” della stazione FS di S Caterina. “Il mistero della foce antica del Calopinace” sarà l'argomento che il prof. Daniele Castrizio, storico e numismatico che rappresenta un'eccellenza importante per la nostra terra ed anche a livello nazionale, presenterà alla rassegna Calabria D’Autore. La ricchezza rappresentata dai beni archeologici presenti sul territorio, e la loro valorizzazione, può, con i giusti investimenti, rappresentare un vero e proprio, interessantissimo, volano di sviluppo per la nostra Regione, già all’attenzione mondiale per le sue bellezze paesaggistiche e naturali.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.