unci banner

:: Evidenza

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

Nella mattina odierna la Guardia Costiera di Reggio Calabria ha effettuato il simultaneo soccorso di due imbarcazioni a vela, colte da improvvise condizioni meteo marine...

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Il 20 agosto 2018.. il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURADa PietraKappa sabato incontro sugli Armeni in Calabria dal V al XII sec. d.C.

Da PietraKappa sabato incontro sugli Armeni in Calabria dal V al XII sec. d.C.

Pubblicato in CULTURA Martedì, 15 Maggio 2018 21:09

Continua la serie di incontri organizzati da PietraKappa, la Botteguccia del Conoscere, alla scoperta delle tante piccole-grandi storie che hanno caratterizzato, in migliaia di anni, il territorio della città metropolitana di Reggio Calabria. Sabato 19 aprile, alle ore 18:30, il prof. Sebastiano Stranges ci parlerà, con l’ausilio di immagini suggestive, degli armeni che sono arrivati in Calabria a partire già dal V sec. d.C., che sono stati commercianti, stratioti, soldati o nobili condottieri. Nel nono secolo con l’avanzata araba su Reggio Calabria; all'inizio del 901 Reggio fu conquistata dagli Arabi, capeggiati da Abû el'-Abbâs, che massacrarono gli abitanti e uccisero il vescovo.

Nella vallata di Bruzzano, si stanziarono così gli armeni e gli ebrei: dei primi abbiamo le testimonianze nella toponomastica, Rocca degli Armeni a Bruzzano, e nei manufatti religiosi come le chiese grotte, di Brancaleone Superiore e a Bruzzano Vecchia. Verso la fine del IX secolo e nel X, con il riaffermarsi della potenza bizantina in Italia, vediamo di nuovo con frequenza, sulla scena della vita politica della Penisola, battaglioni e capi armeni.
Oltre alla ricca archeologia lasciata dagli armeni, ritroviamo toponimi, cognomi e vocaboli. Così per Bruzzano il cui nome antico era Bursana , BUR (buyr in arm. profumo) e SA e NA, tradotto in armeno, diventa un posto pieno di profumi. Dal paese Bursana provengono anche i cognomi Borsomati e Burzumati.
Molti cognomi di Reggio e provincia sono armeni, un mondo tutto da scoprire quello degli armeni in Calabria.
Vi aspettiamo alla Botteguccia di PietraKappa, in via della Giudecca 40 di Reggio Calabria.

Rc 15 maggio 2018

Letto 120 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Da PietraKappa l'incontro con l’iconografo russo Sergej Tikhonov

    Venerdì 22 Giugno ha avuto luogo, presso la Botteguccia di PietraKappa, l'incontro con l'artista russo Sergej Tikhonov. Sergej, che da dieci anni vive a Reggio con la moglie Laura, è originario di Mosca, dove ha appreso dai maestri locali l'arte preziosa dell'icona bizantina. E proprio quest'arte che lega indissolubilmente fede e tecnica è stata svelata al folto ed interessato pubblico che ha ascoltato attentamente il racconto che Sergej ha fatto, partendo dalla tavola di legno fino ad arrivare al prodotto finito. Grazie a numerose diapositive e ad un linguaggio semplice, Sergej ha accompagnato l'uditorio in un mondo fatto di prodotti di origine naturale, lunghi tempi di lavorazione, passione e fede.

  • Da PietraKappa venerdì 22 giugno incontro con l’iconografo russo Sergej Tikhonov

    Care Amiche e cari Amici, il prossimo venerdì 22 giugno, alle ore 19:00, alla Botteguccia di PietraKappa incontro con l’iconografo russo, reggino di adozione, Sergej Tikhonov che ci illustrerà la tecnica di realizzazione delle icone sacre ortodosse.
    L’iconografo esegue il proprio lavoro attenendosi puntualmente alle prescrizioni della tradizione iconica, elaborata nel corso dei secoli e approvata dalla Chiesa. Nell’arte iconografica tutto è simbolico, niente è casuale. Anche la scelta dei colori stessi – rosso, azzurro, giallo, bianco e così via – non mira, come nella pittura laica, a costruire una dimensione realistica, ma a riuscire a sfiorare il trascendente.

  • Da PietraKappa l'incontro con Francesco Arillotta sulle attività economiche legate all'Aspromonte

    Come da programma, si è tenuta, alla Botteguccia di Pietrakappa di Roberto Arillotta, la prevista conversazione sull’Aspromonte, le sue ricchezze naturali e i suoi rapporti con il sistema economico di Reggio Calabria. Ne ha parlato Francesco Arillotta, il quale ha preso le mosse dalla capacità della città di riprendersi rapidamente dalle vessazioni e dalle distruzioni che, soprattutto da parte degli Arabi nel Medioevo e da parte dei Turchi nel ‘500, si sono ripetute con cadenze terribili. Il segreto, secondo Arillotta, stava appunto nell’Aspromonte, che, con i suoi boschi di legno pregiato, con i suoi frutti e con i suoi armenti, ha assicurato per secoli il pronto recupero economico della città martoriata.

  • Alla Botteguccia PietraKappa: "Aspromonte, la pece, la neve, la cambaria ricchezze di un antico territorio"

    Care Amiche e cari Amici, vi siete mai chiesti che cosa è la ‘cambaria’? Perché si parla di pece e di neve aspromontana? E in che senso l’Aspromonte è definito lo scrigno di Reggio Calabria? Chi ha la voglia di sentirsi chiarire tutti questi curiosi punti interrogativi, potrà togliersela partecipando all’incontro organizzato per venerdì 8 giugno, alle ore 19:00, alla Botteguccia di Pietrakappa, sita in via della Giudecca 40 di Reggio Calabria. Il tema è, appunto, ‘L’Aspromonte e le sue ricchezze’. Le risposte le darà Francesco Arillotta, il quale, con l’aiuto di una serie di belle immagini, parlerà di quale sia stato il ruolo della nostra montagna nella Storia economica e sociale della Città e del suo territorio.

  • Il MuseOsteria "Il Tipico Calabrese" di Cardeto protagonista alla Botteguccia PIetraKappa

    Mercoledì 30 Maggio, PietraKappa ha ospitato Marcello Manti, padre ed anima del MuseOsteria "Il Tipico Calabrese" di Cardeto. Con grande capacità affabulatoria, Marcello ha raccontato al pubblico presente la sua storia di emigrante di ritorno dalla Francia a Cardeto, dove ha voluto recuperare i resti della cultura contadina calabrese, in particolare quella della vallata del Sant'Agata, di antica tradizione grecanica.
    Marcello, oltre a raccogliere una vasta quantità di oggetti della tradizione pastorale e contadina, ha allargato gli orizzonti a tutte le forme dell'artigianato calabrese, salvando tracce di tradizioni ormai estinte da tutta la Calabria.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.