unci banner

:: NEWS

Il XXXIV Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 esalta l’antica lingua degli Incas e i versi di uno svizzero-italiano

Il XXXIV Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 esalta l’antica lingua degli Incas e i versi di uno svizzero-italiano

Un progetto senza confini: il Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 va ex-aequo a una lirica composta nell’antica lingua “quechua” del popolo andino degli Incas e ad una poesia di...

Italia Nostra: tre rare protagoniste arricchiranno il patrimonio botanico della via marina

Italia Nostra: tre rare protagoniste arricchiranno il patrimonio botanico della via marina

L’Associazione Italia Nostra Sezione di Reggio Calabria, in collaborazione con il Comune di Reggio Calabria, Settore Ambiente, Servizio Agricoltura e verde pubblico, porta a compimento l’iniziativa avviata lo scorso mese...

Renè Bazin, il viaggiatore francese innamorato della Calabria

Renè Bazin, il viaggiatore francese innamorato della Calabria

Non solo i grandi viaggiatori inglesi ma anche la Francia protagonista della scoperta di una Calabria bella e da raccontare. E’ il caso di René Bazin, viaggiatore francese cui è...

La bellezza della storia di Reggio nei musei di Londra e non solo

La bellezza della storia di Reggio nei musei di Londra e non solo

Rinnovata sinergia tra l'Associazione Amici del Museo e l'Università della Terza Età che ieri ha incontrato amici e simpatizzanti nella sede di via Willermin per un tuffo tra “Le testimonianze...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAEcojazz, incanto ed eleganza di Gemma Natali e Resilienza Group e Kurt Rosenwinkel 4et

Ecojazz, incanto ed eleganza di Gemma Natali e Resilienza Group e Kurt Rosenwinkel 4et

Pubblicato in CULTURA Giovedì, 08 Agosto 2019 15:00

La passione per la musica che diventa passione per la vita e una vocazione compositiva romantica impreziosita da uno straordinario talento. Così incanto, eleganza e magia hanno raggiunto il pubblico presente al parco Ecolandia per ascoltare Gemma Natali (armonica cromatica), al suo primo concerto con il Resilienza Group, composto anche da Chiara Rinciari (chitarra), Giuseppe Manti (contrabbasso) e Pasquale Campolo (batteria), e il raffinato chitarrista statunitense Kurt Rosenwinkel accompagnato da Aaron Parks (piano), Eric Revis (contrabbasso), Jeff “Tain” Watts (batteria).

Intenso ed emozionante questo primo concerto serale del festival internazionale Ecojazz, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia, di scena anche quest'anno ad Ecolandia. "Ecojazz, con il suo fascino e la sua qualità, ed Ecolandia, con la sua missione di riscatto e crescita del territorio, si pongono anche quest'anno come essenza di un binomio fruttuoso capace di aggregare e generare positività", ha sottolineato il presidente del parco Ecolandia Tonino Perna.

Giunto alla 28^ edizione, Ecojazz proseguirà stasera alle ore 22 con le sonorità cubane racchiuse in Aguas (acqua), ultimo lavoro discografico del mitico pianista-compositore cubano Omar Sosa e della fine cantante e violinista Yilian Cañizares. Omar Sosa e Yilian Cañizares si esibiranno con il poliedrico percussionista venezuelano Gustavo Ovalles, appassionato studioso del folklore afrocubano. Si preannuncia un'altra serata ricca di ritmo ed emozioni sulla scia di quella appena vissuta con Gemma Natali e Kurt Rosenwinkel e con i valenti musicisti che li hanno accompagnati.

"Siamo cresciuti insieme nella musica e insieme ci siamo laureati in Jazz al conservatorio Cilea di Reggio Calabria. Gemma, grazie alla musica, è rinata". Così Luca Baldini Marra, musicista e cantautore reggino, oggi docente di pianoforte al conservatorio di Vicenza e amico fraterno di Gemma Natali, ha presentato con commozione la prima musicista della serata, accompagnata da Chiara Rinciari (chitarra), Giuseppe Manti (contrabbasso) e Pasquale Campolo (batteria). Un tempo talentuosa pianista, oggi appassionata suonatrice di armonica cromatica, da dieci anni Gemma Natali vive su una sedia a rotelle. L'incontro con il piccolo strumento le ha consentito di ritrovare la gioia di suonare. Grazie ad Ecojazz è tornata a calcare il palcoscenico della musica, emozionando il pubblico. "Misurandosi con nuove esperienze e imbarcandosi in nuove avventure, nasce la possibilità di essere felici perché - dice Gemma Natali - solo così ognuno trova la propria musicalità, ognuno plasma la propria vita secondo i desideri, ognuno esprime quello ha dentro. Ringrazio questi musicisti giovani e straordinari che mi accompagnano in questa avventura di rinascita e resilienza".

Dopo il racconto in note intimo e coinvolgente di Gemma Natali con il Resilienza group, l'appuntamento con Ecojazz a Ecolandia ha riservato al pubblico un secondo set di eccezione: il concerto del polistrumentista, compositore e produttore originario di Philadelphia, insignito di numerosi riconoscimenti internazionali, Kurt Rosenwinkel e del suo straordinario quartetto.
"Dopo ventitre anni è tornato ad Ecojazz un grande artista. All'epoca era un promettente giovane musicista che già lasciava intravedere il talento e la finezza del suo tocco. In occasione di questo ritorno ci ha regalato ancora una volta una grande magia", così il direttore artistico di EcoJazz, Gianni Laganà ha commentato il concerto di Kurt Rosenwinkel e del suo straordinario quartetto composto anche da Aaron Parks (piano), Eric Revis (contrabbasso), Jeff “Tain” Watts (batteria).
"Siamo davvero contenti di essere qui in Calabria e a Reggio e siamo grati per averci invitato a suonare in questo festival. Vi sentiamo molto vicini. Grazie infinite", ha detto Kurt Rosenwinkel, impegnato con il suo quartetto nel tour al Sud con tappe a Bitonto, Catania e Palermo.

La grande musica Jazz, con la sua capacità di generare contaminazioni ed emozioni, ancora protagonista stasera ad Ecolandia con il flusso di note e improvvisazione di Aguas. Il lavoro discografico, nato dalla collaborazione tra il celebre pianista e compositore di origini cubane Omar Sosa (sette nomination al Grammy) e la fine cantante e violinista Yilian Cañizares, sarà al centro del concerto programmato per stasera alle ore 22 al parco Ecolandia. Omar Sosa e la conterranea Yilian Cañizares si esibiranno con il poliedrico percussionista venezuelano Gustavo Ovalles.
Un ritorno particolarmente gradito ad Ecojazz quello del mitico Omar Sosa. "Sono un cittadino del mondo che sempre rispetterà le proprie radici - ha dichiarato Omar Sosa - perché credo che la diversità sia un’evoluzione e un arricchimento personale. Sono molto contento di tornare in Calabria. Qui mi sento come a casa. L’album Aguas è la creazione di due musicisti cubani che condividono tradizioni, emozioni, nostalgia per la Madre Patria, Cuba. Di generazioni differenti, Io e Yilian abbiamo sentito il nostro richiamo per una musica contemplativa, piena di umanità e pace", ha spiegato ancora Omar Sosa. La contaminazione resta una parola chiave nell'ispirazione e nella produzione di Omar Sosa. "Adesso sto lavorando a vari progetti discografici: uno si chiama Badzimu, registrato in Sudafrica, basato sul tamburo tradizionale Venda e sulla musica della stessa regione, ed un altro, registrato nel tour in Africa Orientale nel 2009, valorizza il contrasto e al contempo l’incontro tra gli elementi della tradizione più pura di questi paesi, con fini innesti di Elettronica e Jazz, per dare un’essenza minimalista", ha concluso Omar Sosa.

Ecojazz proseguirà anche domani, venerdì 9 agosto alle ore 22 con il concerto davvero imperdibile sempre al parco di Ecolandia. Si esibiranno due giganti del Jazz mondiale, il trombettista Enrico Rava, insignito recentemente dell’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, e il pianista Danilo Rea, tra i più rappresentativi della scena jazzistica internazionale.

Sabato 10 agosto alle ore 19, sarà il tramonto sullo Stretto tra Reggio Calabria e Messina ad incontrare il Jazz. Sulla collina Contemplazione del parco Ecolandia, I Suoni dell’Urlo del Tramonto sul Mediterraneo saranno affidati al sublime suono del tabla del musicista di origine indiana Sanjay Kansa Banik e al talento della sua conterranea Troilee Dutta al sarod.

Finale di prestigio per questa 28^ edizione di EcoJazz che chiuderà in bellezza con il concerto fuori programma di Bungaro e Ornella Vanoni, al parco Ecolandia giovedì 29 agosto alle ore 21.

Reggio Calabria, 8 agosto 2019

Ufficio stampa EcoJazz
Anna Foti

Letto 258 volte

Articoli correlati (da tag)

  • EcoJazz, musica e bellezza ad Ecolandia con Bungaro 4et e Ornella Vanoni

    Porre accanto ad un paroliere dalla fine sensibilità e dalla innata raffinatezza, una grande artista, essenza di classe, stile, personalità ed eleganza, equivale a predisporre gli elementi per un'alchimia poetica e artistica unica. Così, sul palco di Ecolandia, è nato lo spettacolo magico e denso di emozioni, frutto dell'incontro sorprendente tra la cantante italiana con la carriera più lunga, Ornella Vanoni, e colui che viene definito il fine autore delle donne, Bungaro.

  • Ecojazz al tramonto con Sanjay Kansa Banik e Troilee Dutta. Ad Ecolandia il giudice Scopelliti ricordato dalla figlia Rosanna

    Un tramonto dai colori e dai suoni intensi che la musica ha reso particolarmente suggestivo. Dalla collina della Contemplazione al parco Ecolandia, come una preghiera toccante e profonda, si sono innalzate le note dell'antica musica indiana. Ospiti del festival Ecojazz, in occasione del consueto concerto al tramonto, Sanjay Kansa Banik al Tabla e Troilee Dutta al Sarod.
    Sanjay Kansa Banik, musicista indiano residente in Italia da circa 15 anni, autorevole componente dell’Orchestra di piazza Vittorio di Roma, ha dato voce al tabla, tamburo e principale strumento di accompagnamento della musica indiana. "Una musica millenaria che vanta 5000 anni di storia, di cui c'è traccia già dal 3000 A.C. sui Veda, complesso di testi sacri indiani", ha spiegato Sanjay Kansa Banik.

  • EcoJazz, intenso ed emozionante incontro in note tra Enrico Rava e Danilo Rea

    Uno sguardo d'intesa, un raffinato tocco sui tasti e un sapiente soffio di flicorno. Così l'incanto ha avuto inizio. Neppure una parola. Solo la musica. Il pubblico di Ecojazz ha assistito, mentre un silenzio pregno di coinvolgimento e trasporto avvolgeva il parco Ecolandia, all'emozionate e intenso incontro in note tra il trombettista Ernico Rava e il pianista Danilo Rea. Nessuno spartito, solo la complicità e l'amicizia tra due grandi maestri del Jazz mondiale che hanno regalato al pubblico un viaggio musicale e artistico intenso con brani, tra gli altri, di Lucio Battisti. Un viaggio culminato nell'esecuzione di SummerTime. E' la straordinaria capacità di improvvisazione a tessere la trama di questo raffinato racconto musicale che, non solo è il frutto di decenni di carriera strepitosa, di collaborazioni ed incontri professionali prestigiosi ed esperienze cosmopolite, ma che soprattutto proviene dall'anima dentro la quale la musica abita e dall'unicità di questo incontro, un dialogo senza bisogno di parole alcuno, tra due grandi maestri in costante ascolto reciproco.

  • Ecojazz, alchimie e magia con Omar Sosa Yilian Cañizares e Gustavo Ovalles

    Vitalità ed energia allo stato puro, ispirazione e improvvisazione autentiche: il flusso di onde di Aguas ha così raggiunto, cullandolo con malinconia e travolgendolo con vigore, il pubblico di Ecolandia in occasione del concerto del grande maestro Omar Sosa al pianoforte, della cantante e violinista Yilian Cañizares e del percussionista Gustavo Ovalles. Si conferma capace di sorprendere ancora una volta il festival Ecojazz, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia, giunto alla 28^edizione. "Questi strepitosi musicisti hanno creato una nuova grande magia e hanno saputo raggiungere la nostra anima con straordinaria capacità.

  • Il concerto dell'alba alla Rotondetta apre l'Ecojazz 2019 alla ricerca della Fata Morgana

    Come da tradizione, l'EcoJazz festival si apre anche in questa edizione 2019 con il concerto all'alba, questa volta ad esibirsi, ed a cercare di evocare la Fata Morgana, è stato Gabriele Mitelli, che con il suo Jazz ha guidato gli ascoltatori, verso il sorgere del sole.
    Decisamente un ritorno alle origini per il festival, che torna alla Rotondetta del Lungomare Falcomatà, il luogo che per primo ha ospitato l'EcoJazz, e da cui Giovanni Laganà, patron dell'evento, da sempre è andato a caccia della sfuggente Morgana.
    Il Jazz di Mitelli è pura improvvisazione, niente spartiti ne scalette, solo note in libertà contaminate con l'elettronica che fa da legante alle varie visioni oniriche, che scaturiscono dalla tromba del jazzista.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.