unci banner

:: Evidenza

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Mercoledì 22 agosto il gran finale di Rumori Mediterranei, 38ma Edizione di Roccella Jazz Festival. L'ultima serata al Teatro al Castello di Roccella Jonica esalta...

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Sale a diecii il bilancio delle vittime della piena nelle Gole del Raganello. Tre le persone ancora disperse. Le operazioni di ricerca sono andate avanti...

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Si è spento oggi Mario Congiusta, da anni si batteva perchè venisse fatta piena luce sull'omicidio del figlio Gianluca. Il suo ricordo nelle parole di...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAIl Laboratorio Teatrale Rosarno 1976 chiude la rassegna "Sabato a teatro"

Il Laboratorio Teatrale Rosarno 1976 chiude la rassegna "Sabato a teatro"

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 16 Maggio 2018 12:43

Come negli anni precedenti anche quest’anno è stata la compagnia di casa, il Laboratorio Teatrale Rosarno 1976, a chiudere la XIII° edizione della Rassegna Teatrale SABATO a TEATRO. Lo ha fatto con una nuova commedia brillante e ricca di comicità “Il Mare in Montagna”, scritta da Michele Spataro, il quale ha curato anche la regia. ( da Evviva u Sindacu di Corrado C.) Il titolo sa già dell’inverosimile, come le promesse fatte dai politici prima di ogni tornata elettorale. Anche a Megliosenoncera, un paesino nelle montagne calabresi, si vota. La sfida è tra il sindaco uscente Silvio Pigliatutto e il suo avversario Matteo Cacarella.

Il primo, punta tutto su una politica fatta di favori, promesse, posti di lavoro, più “classica” a suo dire  Matteo Cacarella invece ha delle idee innovative, ma forse utopistiche...come quella di fare un porto e un mega porto nel loro paesino di montagna.
Pigliatutto, per portare avanti la campagna elettorale, viene aiutato da una moglie molto esuberante che non vuole mollare la sua posizione da “first lady” e prova a dare le giuste dritte al marito.
Si aggiungono due personaggi strampalati, il vicesindaco Ciccio e l’assessore Pietro che si impegnano a raccattare voti come meglio possono.
Il suo avversario, Matteo Cacarella, si fa aiutare invece dallo stravagante Franchino, uno studente universitario un po’ fuori corso. I due fanno un accordo con uno sceicco arabo che, seguito dal suo fedele segretario, illustrerà come realizzare il progetto del dott. Cacarella. I due candidati a sindaco, si scontrano in uno show televisivo condotto dall’avvenente giornalista Jenny Tacchino, la quale avrà il duro compito di tenere a bada le due fazioni politiche, ma soprattutto l’assessore Pietro Colaminni.
A questo quadretto già molto ricco di personaggi e gag, si aggiungono i ragazzini del paese che vengono ingaggiati dai rappresentati delle due liste per farsi aiutare nella campagna elettorale;
una segretaria con delle ambizioni un po’ strane e un marchese jettatore chiamato per prevedere l’esito delle elezioni.
Musiche azzeccatissime e ritmi serrati hanno infine contribuito a tenere alta l’attenzione del pubblico rosarnese che, per tutta la durata dello spettacolo ha continuato a ridere e ad applaudire gli attori sul palco.
Nel finale, il presidente della compagnia, Giuseppe Cannatà, ha voluto ringraziare la dirigente del Liceo Scientifico, la prof.ssa Maria Rosaria Russo per aver ospitato la rassegna e l’amministrazione comunale di Rosarno che ha concesso il patrocinio e si è impegnata a dare un contributo per la realizzazione della rassegna teatrale, mostrandosi sensibile a questo importante evento culturale.
In fine ci ha tenuto a ringraziare tutti i componenti della compagnia, partendo dai veterani Mimmo Cannizzaro, Pino Tramonti, Gianni Santoro, Sandro Fucà , Lorena Muzzupappa e Massimo Porretta, ritornato sul palco dopo qualche anno di pausa, perché con la loro esperienza infondono sicurezza e contribuiscono tenere legato il bel gruppo che si è creato.
Un gruppo composto anche dai giovanissimi Rebecca Labate, Domenico Bottiglieri, Michele Tagliafierro, Gregorio Collia, Achille Rosarno e Marilena Reitano, che spinti dalla passione per il teatro, si sono impegnati quotidianamente per il buon esito della rassegna teatrale e del nuovo spettacolo.
Ovviamente non poteva mancare un ringraziamento speciale al regista e direttore artistico Michele Spataro, che da oltre 40 anni rappresenta il cuore pulsante del Laboratorio Teatrale Rosarno 1976.

Rosarno lì
16/05/2018
Il presidente
Giuseppe Cannata’

Letto 104 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Rosarno, un 47enne arrestato per coltivazione di droga

    Mercoledì scorso, i Carabinieri della Tenenza di Rosarno assieme ai colleghi di Rizziconi e ai Cacciatori di Vibo Valentia, nell’ambito di un ampio servizio di controllo disposto dal Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro, finalizzato al contrasto del fenomeno della coltivazione illegale di canapa indiana nella Piana di Gioia Tauro, hanno arrestato in flagranza di reato, un uomo di 47 anni, perché resosi responsabile del reato di produzione e coltivazione di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato sorpreso mentre curava un appezzamento di terreno, situato nei pressi di un kiweto di sua proprietà in contrada Nespolaro di Rosarno, sul quale aveva coltivato oltre 3000 piante di canapa indiana della varietà olandese nana, dell’altezza media di circa 70 cm ed in pieno stato vegetativo.

  • Ndrangheta violenta e spregiudicata. Arresti dei Carabinieri nella Piana di Gioia Tauro

    È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Calabria, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia reggina, in esecuzione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 31 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, tentato omicidio, estorsione, porto e detenzione di armi, danneggiamento e altri reati.
    Disarticolate due pericolose cosche della ‘ndrangheta di Rosarno, entrambe dedite alle estorsioni e all’importazione di quintali di cocaina purissima dal Sudamerica e di hashish dalla Spagna e dal Marocco, destinate a varie piazze di spaccio in Lombardia, Piemonte e Sicilia.

  • Rosarno. I carabinieri arrestano un minore per rapina aggravata

    Reggio Calabria. Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati in genere, i militari della locale Tenenza Carabinieri e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gioia Tauro hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, T.A., di 16 anni, perché resosi responsabile di una rapina

  • Rosarno, 32enne arrestato dopo aggressione a turista svizzero

    Nella notte del 22 Giugno 2018, a Rosarno (RC), su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso nella giornata di ieri 21 giungo 2018 nei confronti di cittadino rosarnese, A. A., di 32 anni, poiché ritenuto responsabile dei reati di tentata rapina e tentato omicidio ai danni di un turista di nazionalità svizzera, di 54anni. I fatti che hanno portato al fermo di indiziato di delitto risalgono al pomeriggio di ieri 21 giugno quando i militari della Compagnia di Gioia Tauro, a seguito di una telefonata giunta all’utenza di pronto intervento 112, apprendevano che presso il Pronto Soccorso del locale Ospedale Civile era stato trasportato,

  • Rosarno: i carabinieri arrestano un pregiudicato 58enne

    Reggio Calabria.  Nel pomeriggio di sabato, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati in genere, i Carabinieri
    della Tenenza di Rosarno hanno arrestato in flagranza di reato, P.S., 58enne del posto, pregiudicato, perché resosi responsabile dei reati di detenzione e porto illegale di arma comune da

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.