unci banner

:: NEWS

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAIn Biblioteca l'incontro dell'Anassilaos sulle "Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre 1908"

In Biblioteca l'incontro dell'Anassilaos sulle "Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre 1908"

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 23 Gennaio 2019 08:21

Si terrà giovedì 24 gennaio 2019 presso la Sala Villetta della Biblioteca De Nava promosso congiuntamente dall’Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, Calabria il quarto degli incontri dedicati al 110° anniversario del terremoto del 28 dicembre. Tema della manifestazione le “Ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre”, conversazione del Prof. Geologo Giuseppe Mandaglio, Università Mediterranea di Reggio Calabria. Introdurrà e condurrà la Dr.ssa Marilù Laface, Responsabile Anassilaos Beni Culturali.

Il terremoto del 28 dicembre 1908 fu il terremoto di più alta intensità mai verificatosi in tutto il territorio italiano e nel Mediterraneo centrale. Quella catastrofe distrusse Messina e Reggio e sconvolse tutto il territorio dello Stretto, particolarmente sulla sponda calabrese. Tuttavia fu proprio l’enormità delle distruzioni a costringere gli studiosi a rivedere i concetti di sismologia, geologia, urbanistica, sociologia, scienza e tecnica delle costruzioni. Quella catastrofe divenne polo di attrazione di numerosi apporti esterni; di solidarietà ma contemporaneamente anche di natura scientifica, tecnica, architettonica e culturale. La ricostruzione delle città nello stesso luogo della distruzione fu una sfida alle forze brute della natura e consentì nuove sperimentazioni costruttive che ben presto permisero l’esportazione extraregionale di esperienze e tipologie costruttive. La normativa antisismica emanata dal governo dell’epoca indirizzò la ricostruzione verso nuovi modelli, incidendo notevolmente sugli edifici e sugli scheletri rimasti, così come i nuovi piani regolatori mutarono abbondantemente la stessa struttura urbana delle città. La struttura urbana di Reggio Calabria, che già era stata abbondantemente modificata dall’ esperienza urbanistica maturata dopo il terremoto del 1783, fu ulteriormente e più radicalmente cambiata con la realizzazione della via Marina e analoghe ristrutturazioni subirono Messina e altri centri minori sulle due sponde dello Stretto. Ma ancora più profonde furono le innovazioni introdotte nel campo delle costruzioni sismiche che videro l’abbandono quasi totale delle tipologie architettoniche introdotte come risolutive dopo il terremoto del 1783. La ricostruzione delle città sugli stessi luoghi della catastrofe, e l’evidenza sperimentata dell’inefficienza dei sistemi costruttivi adottati in precedenza imponeva nuove sfide sia alle tecniche di costruzione antisismiche e sia alla ricerca sismologica e geologica.

Furono sperimentate scelte urbanistiche in cui l’altezza degli edifici veniva messa in relazione con la larghezza delle strade, e soluzioni costruttive diverse, tra le quali ebbe significative ricadute il telaio in cemento armato inserito nella scatola muraria che, con i successivi affinamenti introdotti dalle norme sismiche, è ormai diffusamente utilizzato ovunque. In campo geologico e sismologico, muovendo dalle incertezze dell’epoca sull’origine dei terremoti in generale e di quelli dello Stretto in particolare, le ricerche furono completamente riviste e progressivamente affinate fino a produrre risultati molto importanti sulla geologia strutturale e sulle faglie sismogenetiche dello Stretto, sull’energia liberata dal terremoto del 1908 e sull’energia massima che può essere liberata dalla riattivazione di una faglia sismogenetica analoga. Si è potuto stabilire che le due sponde dello Stretto di Messina costituiscono le pareti e il fondale marino il basamento, di un’unica struttura tettonica soggetta a movimenti di sollevamento prevalenti (Graben dello Stretto) generati da numerose faglie minori, individuate con attendibile precisione, e da una faglia cieca (blind fault) molto più estesa, che si sviluppa in profondità e della quale si conoscono gli effetti ma non la posizione esatta.
La quantità di energia che può essere liberata attraverso le faglie minori è bassa o moderata, mentre quella che si sprigiona dalla faglia principale è notevolmente più elevata. Alle prime infatti sono associati terremoti piuttosto frequenti ma di magnitudo generalmente modesta, mentre la faglia principale è responsabile dei terremoti più distruttivi, come quello che nel 1908 raggiunse una intensità tanto elevata che costrinse all’aggiornamento delle scale sismografiche dell’epoca. A tale proposito è opportuno evidenziare che le moderne re-interpretazioni - ottenute mediante numerose analisi sismologiche – attribuiscono a quel terremoto valori di magnitudo molto elevati (M = 7.1). Del resto è noto che la ricerca scientifica in campo sismologico è nata proprio con il terremoto del 1908, ed anche se i suoi risultati non sempre coincidono con le osservazioni e le ricerche di carattere geologico e tettonico-strutturale, sono indispensabili per individuare l’energia liberata dal terremoto e quindi per dare dimensioni geometriche e fisiche alla faglia sismogenetica. Altre importanti conoscenze derivarono dall’approfondimento delle analisi sulla natura geologica del sottosuolo rapportata alla qualità costruttiva e alla vetustà degli edifici. In quell’occasione si è potuto stabilire che gli effetti più dannosi furono subiti dagli edifici situati nelle zone alluvionali, oltre che per lo scarso addensamento e la saturazione idraulica dei terreni di fondazione, a causa della scadente qualità del patrimonio edilizio e dell’altezza degli edifici. Fu osservato infatti che molte delle costruzioni crollate erano state oggetto di sopra-elevazioni sproporzionate rispetto alle fondazioni, con murature troppo sottili in relazione all’altezza e spesso realizzati con ciottoli di fiume arrotondati e con malte scarse o di scarsa qualità. In definitiva si può dire che la ricerca scientifica e le soluzioni tecnologiche derivate dalla catastrofe sismica del 1908, anche se non hanno potuto eliminare la paura ancestrale nei confronti del terremoto, certamente hanno contribuito a rendere più sicure le abitazioni e a ridurre il numero dei danni e delle vittime.

Rc 23 gennaio 2019


Letto 229 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

    Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e  in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova astronomia per conoscere l’Universo” di Gianfranco Bertone, allo studioso reggino sarà conferito il Premio Anassilaos 2019 “Pitagora” che inaugura così  la 31^ edizione della rassegna che si concluderà poi venerdì 8 novembre presso l’Auditorium Calipari del Consiglio Regionale. Nella lunga storia dei premi anassilaos numerosi sono stati i riconoscimenti conferiti a fisici, astrofisici e astronomi, tra i quali, solo per fare qualche nome, Margherita Hack e Paolo Maffei,  Patrizia Caraveo, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Lucia Votano, Direttore, fino al 2012, dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso e Dirigente di Ricerca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Nazionali di Frascati.

  • Anassilaos: omaggio a Paolo Villaggio, il Fantozzi che è in noi

    “Omaggio a Paolo Villaggio - sulle tracce del “Fantozzi” che è in tutti noi è il tema della conversazione promossa dall’Associazione Culturale Anassilaos che il Dott. Luca Pellerone, studioso e cultore di cinema nonché Presidente di Anassilaos Giovani, terrà martedì 13 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio al Corso. Nella letteratura come nel cinema vi sono personaggi la cui fama ha presto sopravanzato quella degli autori che li hanno creati. Tutti sanno chi è Sherlock Holmes o Tarzan o Frankstein o Dracula ma pochi conoscono Arthur Conan Doyle, il creatore dell’investigatore per eccellenza o Edgar Rice Burroughs, l’inventore del bambino selvaggio cresciuto nella giungla e allevato dalle scimmie o Mary Shelley, colei che inventò il primo horror della storia o Bram Stoker, lo scrittore irlandese che diede vita alla figura, in tutti i sensi immortale, del vampiro.

  • Anassilaos: avviare l'iter per il riconoscimento della Villa Comunale quale "Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico"

    La possibilità di avviare presso il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (MIBAC) la procedura per l’adozione di un provvedimento amministrativo di dichiarazione di “Monumento Nazionale d’interesse storico-naturalistico” per la Villa Comunale di Reggio Calabria, per l’esattezza “Giardini Pubblici Umberto I” secondo l’antica denominazione, è quanto chiede al Sindaco Giuseppe Falcomatà l’Associazione Culturale Anassilaos attraverso il suo responsabile Giuseppe Diaco il quale evidenzia come nell’ambito della Città Metropolitana sia la Villa Comunale Carlo Ruggero di Cittanova che la Villa Giuseppe Mazzini di Palmi, entrambe realizzate dall'ingegnere di origine svizzera Heinrich Fehr nella seconda metà dell’Ottocento, vantano un simile riconoscimento.

  • Vicinanza dell'Anassilaos all'Arma dei Carabinieri

    L’Associazione Culturale Anassilaos, attraverso il suo Presidente Stefano Iorfida, si stringe intorno all’Arma dei Carabinieri, alla giovane moglie e ai familiari del Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega, vilmente assassinato nell’adempimento del proprio dovere, e ad essi esprime il proprio più sentito cordoglio e la partecipazione sentita al lutto dell’Arma che è, anche, il lutto dei cittadini onesti che riconoscono alle Forze dell’Ordine il ruolo fondamentale di presidio della nostra democrazia. All’Arma dunque e alle Forze dell’Ordine, a tutti gli uomini e le donne in divisa che per le strade delle nostre città e paesi, giorno dopo giorno, notte dopo notte, stagione dopo stagione, in condizioni spesso difficili, difendono, anche a rischio della propria vita, insieme al principio legalità, che è l’amalgama di una ben costituita società, anche e soprattutto la sicurezza e la nostra libertà di cittadini, gli amici e i soci di Anassilaos, esprimono la propria affettuosa vicinanza e la propria forte solidarietà.

  • Allo Spazio Open la Luna celebrata dai poeti nell'incontro dell'Anassilaos

    Nell'anniversario del primo sbarco sulla Luna, allo Spazio Open le celebrazioni sono affidate ai poeti. Un momento di poesia e cultura organizzato dall'associazione Anassilaos a cura di Daniela Scuncia

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.