unci banner

:: NEWS

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Un viaggio attraverso le immagini per conoscere e comprendere eventi che hanno segnato la vita della società italiana, nel corso del XX secolo e agli inizi del terzo millennio. È...

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAL'Anassilaos dedica una serie di incontri al genio di Leonardo da Vinci

L'Anassilaos dedica una serie di incontri al genio di Leonardo da Vinci

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 10 Aprile 2019 08:16

Il 2 maggio del 1519, cinquecento anni fa,  moriva ad Amboise, in Francia, Leonardo da Vinci. “Esso passò dalla presente vita alli 2 di Maggio con tutti li Ordini della Santa Madre Chiesa, e ben disposto” scrive l’allievo Francesco Melzi ai fratelli del Maestro. La leggenda, ripresa dal Vasari nella sua vita di Leonardo,  vuole che egli sia spirato tra le braccia del re  Francesco I, in realtà lontano da Amboise quel giorno, a dimostrazione dell’affetto che il sovrano ha sempre nutrito  nei confronti del Maestro considerato, al di là delle qualità artistiche, un saggio e un filosofo.

All’anniversario l’Associazione dedicherà una serie di incontri di approfondimento che avranno inizio giovedì 11 aprile alle ore 16,45 presso la Sala Giuffrè della Biblioteca “Pietro De Nava” con una conversazione introduttiva  sul tema “Leonardo da Vinci, biografia di un genio attraverso i documenti e le opere” dello stesso Presidente di Anassilaos, Stefano Iorfida. Faranno seguito, a cura di diversi relatori,  nei mesi successivi, approfondimenti sul Leonardo pittore (Prof.ssa Elvira Leuzzi Calveri), sul Leonardo architetto e ingegnere (a cura dell’Ing. Salvatore Scaramozzino) , sul Leonardo scrittore e poeta (a cura della Prof.ssa Francesca Neri). Una mostra storico-filatelica dedicata alla presenza di  Leonardo nei francobolli  italiani ed europei curata da Giuseppe Diaco, comprensiva anche dei valori bollati emessi il 2 maggio p.v. in occasione dell’anniversario dal nostro Paese, accompagnerà queste iniziative. Una cartolina dedicata al Maestro, realizzata dall’artista Alessandro Allegra,  accompagnerà le celebrazioni promosse dal Sodalizio reggino. Si comincia dunque dalla complessa biografia di Leonardo - ancora oggi al centro dell’attenzione mediatica per alcune opere attribuite al Maestro (Ritratto di Principessa, Salvator Mundi), di non unanime attribuzione, vendute, pensiamo al Salvator Mundi, per oltre 400 milioni di dollari - che proprio per le sue lacune e incertezze, per le difficoltà cronologiche di alcune opere di incerta autografia, non fosse altro per la presenza, intorno al maestro, di allievi che realizzavano dipinti copiando dai cartoni originali predisposti da Leonardo sui quali lo stesso Maestro interveniva, offre tuttora spazio elle più diverse interpretazioni. Il relatore si sforzerà, attraverso le testimonianze dello stesso Leonardo, dei documenti d’archivio che conservano contratti e lettere, e le biografie dedicate al maestro (Giorgio Vasari, Anonimo Gaddiano, Paolo Giovio) fino alle testimonianze del pittore e storico dell’arte Giovanni  Paolo Lomazzo  di ricostruire una biografia plausibile che possa comprendere anche la cronologia delle opere che varia di catalogo in catalogo così da costituire un vero e proprio puzzle difficile da ricomporre.          

Rc 10 aprile 2019

Letto 103 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Il CIS ricorda Leonardo da Vinci nel quinto centenario dalla morte

    Lunedì 20 maggio 2019, alle ore 16:45, presso la Biblioteca comunale “P. De Nava” di Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori, con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria e la collaborazione della Biblioteca “De Nava”, nell’ambito del Maggio dei libri 2019, campagna nazionale di promozione del libro giunta alla nona edizione e che punta a fare scoprire il valore della lettura quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile, ricorda Leonardo, pittore, scultore e architetto, nel quinto centenario dalla morte. Con il contributo di video proiezioni relazionerà la prof.ssa Francesca Paolino, prof. Associato di Storia dell’Architettura dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, componente del Comitato Scientifico del CIS. Leonardo da Vinci, uomo d’ingegno e talento universale del Rinascimento, si occupò di architettura, scultura, pittura, fu disegnatore, progettista, anatomista, musicista, scenografo e inventore. È considerato uno dei più grandi geni dell’umanità.

  • In Biblioteca l'Anassilaos presenta "Valeria e io" di Carlo Morabito

    Nuovo Incontro con l'Autore, promosso dall'Associazione Anassilaos e dalla Biblioteca "Pietro De Nava", nell'ambito del Maggio dei Libri 2019, con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria, che si è tenuto presso la Villetta De Nava - Sala Gioffrè - della Biblioteca Comunale. Al centro della manifestazione la raccolta poetica di Carlo Morabito "Valeria e io" scritta, composta e dedicata alla giovane figlia scomparsa tragicamente un anno fa. Un'opera di alto valore poetico ed insieme di intensa emozione. Così il dolore "privato" attraverso, e in virtù del potere della "Poesia", diviene il dolore corale e universale dell'Umanità dinanzi alla perdita irreparabile che ciascuno di noi ha provato nel corso della sua vita.

  • Allo Spazio Open il martedì dell'Anassilaos dedicato al Piano INA Casa

    Presso lo Spazio Open, l'Associazione Culturale Anassilaos, ha tenuto un incontro sul tema il piano INA-Casa: 1949-1963, che prese il via con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43, con cui il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l'occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città.

  • L'Anassilaos presenta la raccolta poetica di Carlo Morabito “Valeria e io”

    Il ricordo in versi di una persona cara scomparsa è comune nella tradizione letteraria dell’Occidente, dagli epigrammi del libro VII dell’Antologia Palatina a taluni epicedi della poesia latina fino ai nostri giorni - per fare soltanto qualche esempio conosciuto dai più - con Giosuè Carducci e il suo “Funere mersit acerbo” e “Pianto antico”, dedicati al figlioletto Dante, e con i versi (Giorno per giorno) che Ungaretti dedica al piccolo Antonietto, il figlio scomparso nel 1939. Parliamo di poesia e, in taluni casi, di grande poesia, perché il dolore lancinante per la scomparsa di un figlio non impedisce al poeta di creare versi e di comunicare questa sua dolorosa esperienza al lettore di qualunque tempo attraverso una struttura formale che è tutt’uno con il suo sentimento.

  • Associazione culturale Anassilaos, il piano INA-Casa: 1949-1963

    Con la legge 28 febbraio 1949 nr. 43 il Parlamento italiano approvava il progetto di legge Provvedimenti per incrementare l’occupazione operaia, agevolando la costruzione di case per lavoratori, con il quale si dava avvio a un piano per la realizzazione di alloggi economici, noto come piano INA-Casa. Il progetto sarebbe durato fino al 1963 e in quattordici anni avrebbe dato un volto nuovo alle nostre città. A settanta anni di distanza l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a tale importante iniziativa, che avrebbe segnato il dopoguerra, un incontro che si terrà martedì 14 maggio alle ore 17,30 presso lo Spazio Open con l’intervento di Claudio Sergi, responsabile Design Anassilaos.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.